Al voto con la crisi diplomatica. I risultati delle elezioni in Olanda sono un’incognita con il premier Rutte in rimonta

dalla Redazione
Senza categoria

Le elezioni in Olanda aprono un anno delicato per l’Europa. Con l’avanzata delle destre che preoccupa e soprattutto con la burrasca della crisi diplomatica. Ma i risultati, questa volta, potrebbero far tirare un sospiro di sollievo a Bruxelles: il premier Mark Rutte, stando almeno agli ultimi sondaggi, dovrebbe vincere, nonostante una pesante perdita di seggi alla Camera bassa. Il suo partito (VVD), i liberali, dovrebbe superare i 25 deputati, giusto qualcuno in più dell’estrema destra guidata (il Partito delle libertà, PVV) da Geert Wilders dato in aumento rispetto alle scorse alle elezioni, ma di meno in confronto a qualche settimana fa. Peraltro il leader islamofobo e anti-euro deve fare i conti con un problema: la difficoltà a trovare potenziali alleati.

La vera rivelazione delle elezioni in Olanda dovrebbe arrivare dall’area ecologista con il 30enne Jesse Klaver alla guida dei GroenLinks, i verdi di sinistra. Stando ai rilevamenti è candidato a diventare il terzo partito olandese, avvicinandosi ai 20 seggi: un boom rispetto agli attuali 4. Le stime, inoltre, prevedono una grande affluenza, forse superiore al 75% della tornata elettorale più recente. Chi invece guarda con preoccupazione alle urne sono i laburisti (PvdA) del vicepremier Lodewijk Asscher e del presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, che rischiano di perdere più di un terzo dei loro parlamentari. I sondaggi li attestano a non più di 12 deputati, 26 in meno in confronto a ora.