Ancora terrore a Londra. Un furgone travolge la folla davanti a una moschea: un morto e otto feriti. Arrestato l’attentatore: “Gridava contro islamici”

dalla Redazione
Mondo
Londra

Ancora terrore a Londra. Un furgone è piombato tra la folla nell’area di Finsbury Park a Londra. La notizia è stata data per prima dalla radio Lbc e ha trovato conferma in un comunicato della polizia che indica in Seven Sisters road la zona dell’allarme e riferisce di un arresto effettuato. Sono nove, secondo le autorità, le persone travolte. E all’alba la polizia ha confermato che una persona è morta sul luogo dell’attentato.

Le persone investite sono state trasportate in tre diversi ospedali dalle ambulanze arrivate sul posto e l’intera area è stata isolata dalle forze dell’ordine. L’uomo che era alla guida del furgone è stato arrestato. Ha 48 anni. Testimoni riferiscono di averlo sentito gridare frasi di odio contro i musulmani.

Il primo ministro britannico Theresa May ha dichiarato che la Polizia sta trattando l’incidente a Finsbury Park, nel nord di Londra, “come un potenziale attacco terroristico”. Piu’ tardi, ha aggiunto, si terrà una riunione di emergenza. “Tutti i miei pensieri – ha detto ancora May secondo quanto riportato dal Guardian – sono con le vittime, con le loro famiglie e con i servizi di emergenza presenti sulla scena dell’incidente”.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha condannato il “terribile attacco terroristico contro persone innocenti”, dopo che nella notte un furgone ha investito i fedeli musulmani della moschea di Finnsbury Park con un morto e 8 feriti. Su Facebook il primo cittadino della capitale britannica ha aggiunto che i suoi “pensieri e le preghiere vanno a tutti i colpiti”. Khan, anche lui musulmano, si è congratulato con i servizi di emergenza, “che hanno risposto rapidamente e lavorato per tutta la notte”.