Bignardi ora rischia la chiusura. Anche la seconda puntata delle Invasioni fa flop. Real Time conquista il canale n. 9 del telecomando

E dopo i talk crollano anche le interviste in tv. Daria Bignardi ha toccato il fondo. La sua seconda puntata è stata vista soltanto da 582.000 spettatori (2,55% di share). Nonostante la presenza di Renzi anche la prima andò male. Eppure negli ultimi anni il format delle Invasioni Barbariche funzionava a meraviglia. E invece ora siamo al flop. Pure i talk negli anni scorsi andavano bene e adesso sono crollati. La crisi economica ha cambiato il telespettatore. Ma non ha modificato la tv che ha continuato ad andare avanti sempre con gli stessi format. Con il risultato che i programmi sono diventati tutti simili e la gente si è stancata di mangiare sempre la stessa minestra. Dopo talk e interviste, continuando così, toccherà pure ai talent. La Carrà già scricchiola. Forte Forte Forte sembra la brutta copia di X Factor e di The Voice. La sconfitta della Bignardi ora rischia di trasformarsi in beffa. Il patron Urbano Cairo si agita quando lo share è sotto il 3%. C’è un precedente di chiusura anticipata. È quello di Linea Gialla con Salvo Sottile che fu spedito ai box dopo poche puntate. Il giornalista e conduttore è tornato alla cronaca nera, pubblicando con Mondadori il thriller Cruel. Protagonista del romanzo un inviato di un settimanale che si mette sulle tracce di un assassino. Sembra quasi una storia autobiografica dell’autore.

VOLA VESPA
Chi invece non conosce battute di arresto è Bruno Vespa. In seconda serata però. Nella sua giusta collocazione. Perché in prime time fa cilecca pure lui. Anche la seconda puntata della fiction L’angelo di Sarajevo ha fatto da traino a Porta a Porta che ha portato a casa una media di 1.097.000 spettatori per uno share del 12,91%. Da notare che l’intervista di Vespa al papà della ragazza uccisa nel lago di Anguillara è stata molto toccante. La dignità e la lucidità hanno trionfato sugli isterismi e la tv del dolore che si vedono da altre parti.

DISCOVERY, CHE COLPACCIO
Discovery Italia ha di fatto ottenuto il controllo del canale 9 del telecomando, acquisendo Deejay Tv dal Gruppo L’Espresso per 17 milioni di euro. E ora ne vedremo delle belle perché fanno parte di Discovery reti che sul digitale terrestre si sono distinti per ascolti più che buoni. A cominciare da Real Time, destinato a diventare il canale numero 9 del telecomando. Già nella posizione 31 ha fatto registrare ottimi ascolti, figuriamoci quando sarà a ridosso delle sette generaliste. Ma restando nella scuderia Discovery, occhio anche a DMax che sta crescendo molto bene.

CADUTA LIBERA
Dopo Milly Carlucci un altro infortunio negli studi. Durante le riprese di The Voice Roby Facchinetti dei Pooh è caduto accidentalmente nei pressi di una pedana. L’artista è stato soccorso in codice giallo all’ospedale Niguarda. A dare la notizia dell’incidente, il  figlio Francesco: «Papà è caduto dal palco durante le prove di The Voice – ha scritto su facebook -Fortunatamente, essendo un bergamasco testa dura, non si è fatto nulla. Diciamo che ha voluto iniziare col botto». La nuova edizione del talent musicale di Raidue comincerà il 25 febbraio.