Milano, spunta la prima persona indagata per il Blue Whale. La ragazza ventenne è accusata di istigazione al suicidio

dalla Redazione
Cronaca

Dopo tanti fascicoli aperti c’è anche una persona indagata per il Blue Whale a Milano. Stiamo parlando del gioco sul web che prevede 50 prove che può spingere le vittime adolescenti fino al suicidio. La prima indagata è una venenne milanese iscritta nel registro degli indatati dopo le indagini della polizia postale. L’accusa è di istigazione al suicidio. Nel dettaglio avrebbe convinto, via Instagram, una ragazzina di 12 anni a procurarsi tagli e inviargli delle fotografie.

Sono ancora tanti i punti da chiarire nell’indagine appena cominciata che, però, ha già portato al sequestro di un notebook e del telefono dell’indagata. Nei prossimi giorni si dovrebbe provvedere all’accertamento tecnico per appuarre se quei messaggi siano stati inviati davvero dalla persona ora indagata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *