Capitale all’ultimo stadio, Di Maio: “Lanzalone si dimetta da Acea. Chi sbaglia paga”

“Luca Lanzalone è ancora presidente di Acea e deve dimettersi. Mi  aspetto nelle prossime ore questo gesto”, ha detto Di Maio intervenendo a  Rtl 102.5, sottolineando che “chi sbaglia deve pagare. Non c’è presunzione di innocenza per reati così importanti”.

Luca Lanzalone è da ieri agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta sulla costruzione del nuovo stadio della Roma. Di Maio ha aggiunto che tra i primi provvedimenti del Governo ci sarà  “il daspo per i corrotti e l’introduzione degli agenti sotto copertura per i reati di corruzione: chi viene preso con le mani nella marmellata non  può avvicinarsi alla pubblica amministrazione”. Il Movimento 5 Stelle, ha proseguito, “deve applicare a sé stesso quello che pretende dagli altri. Quando c’è qualcuno che sbaglia deve pagare”.

Delle indagini sullo stadio ha parlato anche il ministro delle  Infrastrutture Danilo Toninelli. “Non bastano le leggi migliori per  sradicare del tutto la corruzione negli appalti”, ha scritto su Twitter,  aggiungendo che “lavoriamo duramente a norme più semplici, chiare e  trasparenti come presupposto essenziale di un rilancio morale  della vita pubblica”.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *