Capitolo Inter-rotto. La Curva è più matura dello spaurito Maurito: “guardiamo avanti. Icardi non è più il nostro capitano. Ma ora pensiamo al bene della squadra”

dalla Redazione
Sport

Partita vinta dalla Curva dell’Inter per evidente superiorità contro Icardi. Perché, come diceva il saggio proverbio, “chi finisce capisce”. E così la gloriosa Curva neroazzurra, che in un comunicato pur ribadendo l’ormai netto disamore per Maurito Icardi, guarda oltre. Al bene della squadra.

“Icardi è un capitolo chiuso. Non ne vogliamo più parlare né sapere nulla. Non è il nostro capitano. Né ora, né mai. La Curva farà la Curva. Come ha sempre fatto. Già a partire dalla partita di Europa League di giovedì”. Un messaggio chiaro, dunque, dopo i giorni di fortissima polemica che hanno addirittura portato al ritiro dell’autobiografia del bomber dell’Inter.

Il comunicato, firmato dalla Curva Nord Milano 1969, conferma dunque la propria posizione di chiusura nei confronti di Mauro Icardi. “In molti non hanno voluto capire il motivo della nostra presa di posizione” spiegano i tifosi. “L’episodio della maglia regalata e da noi strappata ad un bambino -raccontato nel libro di Icardi- è frutto di fantasia. Un falso. Un’invenzione. Recepire questo concetto, nemmeno troppo difficile da verificare, avrebbe aiutato tutti. Icardi ha chiesto scusa per aver esagerato nei toni, non per i contenuti. Icardi continua a sostenere quindi, in maniera vigliacca, la tesi di un capo Ultras che si getta su un bambino. Non ritorneremo più su questo punto. Per noi, come per chiunque altro (speriamo), il capitano dell’Internazionale dovrebbe essere un Simbolo. Esperienza, Carisma, Umiltà, Serietà ed Intelligenza”. E poi a questo punto la sfilza di nomi: Picchi – Facchetti – Mazzola – Bergomi – Zanetti. Praticamente l’antitesi di Icardi. Il comunicato della società non può quindi trovare il nostro accordo. Lo capiamo. Nelle logiche, nelle motivazioni. Ma non possiamo accettarlo. Non siamo però noi a dover decidere. Ad ognuno il proprio ruolo. L’abbiamo sempre chiesto. Com’è giusto che sia. Anche se crediamo che una Società come l’Inter, esulando dal nostro pensiero, non dovrebbe permettere ad un individuo come Icardi di indossare la fascia da capitano. Non perché lo dice la Curva, semplicemente per Etica e Rispetto. La nostra storia, onestamente, meriterebbe qualcosa di meglio. Adesso però basta”, si legge ancora.

Perché già giovedì si tornerà in campo. “La Curva farà la Curva. Come ha sempre fatto. Già a partire dalla partita di Europa League di giovedi. Prepariamo la Voce, scaldiamo il Cuore. Le mani verso il cielo, l’Inter ha bisogno di noi”.