Codice rosso, passa alla Camera l’emendamento che allunga da 6 a 12 mesi i termini per denunciare una violenza. Spadoni (M5S): “Fondamentale dare più tempo alle donne per metabolizzare quello che è accaduto”

dalla Redazione
Politica

“Sono davvero soddisfatta che l’emendamento a mia prima firma sul Codice Rosso sia stato approvato; da oggi infatti una donna avrà ben 12 mesi di tempo per denunciare una violenza sessuale subita anziché 6. A mio avviso era di fatto fondamentale dare maggior tempo alle donne per poter comprendere, elaborare e denunciare le violenze subite”. Ha commentato la vicepresidente della Camera e deputata del M5S, Maria Edera Spadoni, a margine della votazione nell’Aula di Montecitorio.

“Spesso 6 mesi non sono sufficienti alle vittime di questi abusi per metabolizzare quello che è accaduto – ha aggiunto Spadoni – e trovare la forza di denunciare. Non è semplice farlo per molteplici motivi: a volte perché la donna fa fatica ad accettare di aver subito violenza, a volte perché le violenze non sono solo fisiche, ma anche psicologiche. Spesso inoltre per denunciare le vittime devono avere quella forza che nell’immediato può mancare”.

“E’ necessario dare un segnale chiaro alle donne – ha concluso la vicepresidente della Camera -: denunciate subito. Ma è necessario rendere giustizia anche a quelle donne che non sono riuscite, per tutta una serie di motivazioni che non possiamo né dobbiamo giudicare, a farlo immediatamente. Rendere giustizia, è quello che serve alle donne per sentirsi tutelate dallo Stato”.