Conte: “Domani il Def in Consiglio dei ministri”. In arrivo anche un fondo da 1,5 miliardi per i risparmiatori vittime delle crisi bancarie

dalla Redazione
Politica

“Si apre un’altra intensa settimana di lavoro, in cui prenderemo importanti decisioni. Stiamo definendo gli ultimi dettagli delle misure del Def, che approveremo domani in Consiglio dei Ministri, mentre siamo pronti a dare una risposta ai risparmiatori vittime delle crisi bancarie per i quali, ricordo, abbiamo previsto in Legge di Bilancio un fondo da 1,5 miliardi di euro”. E’ quanto ha annunciato sulla sua pagina Facebook il premier Giuseppe Conte.

“La nostra azione per far ripartire il Paese – ha aggiunto il presidente del Consiglio – è continua e costante. Anche attraverso la valorizzazione e lo sviluppo del territorio. Questa mattina a Chigi ho presieduto il Tavolo di insediamento del Contratto istituzionale di sviluppo dell’area di Foggia, il Cis Capitanata. Un’azione che, insieme al ministro Lezzi e a Invitalia, stiamo portando avanti da mesi con determinazione, di concerto con i ministri competenti, le Istituzioni e gli stakeholder locali, per dare quanto prima il via libera a progetti in quelle aree depresse del Sud d’Italia che scontano ancora oggi un significativo gap infrastrutturale e di sviluppo”.

“Contiamo – aggiunge Conte – che nel giro di poche settimane il Cipe riuscirà ad approvare i primi interventi per l’area di Foggia, all’insegna della loro strategicità, cantierabilità, compatibilità e sostenibilità. Nel frattempo proseguono le riunioni tecniche relative anche agli altri Contratti istituzionali di sviluppo che abbiamo avviato per il Molise, Basilicata e Cagliari, dove mi sono recato personalmente a febbraio, e per i quali a breve firmerò i rispettivi Decreti”.

“Il nostro territorio – ha detto ancora Conte – ha delle potenzialità enormi che vogliamo esaltare e sfruttare appieno. Così come il nostro tessuto produttivo, le nostre piccole e medie imprese. Ieri sono stato al Vinitaly, oggi pomeriggio a Milano all’inaugurazione del Museo del design italiano, domani al Salone del mobile, per testimoniare il pieno sostegno del governo al sistema produttivo e la piena disponibilità a promuovere le eccellenze italiane: il rilancio del nostro Paese passa dalla valorizzazione del Made in Italy che ci rende orgogliosi di fronte al mondo intero”.