Crescono aggressioni e rivolte nelle carceri. Il Dap invia una circolare a tutti gli istituti per tentare di porre un freno alla violenza. Solo a settembre 77 detenuti trasferiti per motivi di sicurezza

dalla Redazione
Cronaca

Saranno immediatamente trasferiti in altri istituti, anche lontani, per gravi motivi di sicurezza, i detenuti responsabili di aggressioni, anche solo tentate, agli agenti di Polizia penitenziaria, al personale sanitario, agli operatori o ad altri detenuti o che abbiano messo in atto qualsiasi evento a carattere violento o danneggiato beni dell’amministrazione. È quanto prevede una circolare del capo del Dipartimento dell’amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, inviata ai provveditori regionali e ai direttori degli istituti penitenziari per tentare di porre un argine all’impennata di aggressioni ed eventi critici degli ultimi mesi.

Il provvedimento arriva a pochi giorni dalla rivolta avvenuta nel casa circondariale di Sanremo dove 13 detenuti, trasferiti ieri in altri istituti penitenziari, hanno danneggiato gli arredi e lanciato di bombolette di olio appiccando il fuoco in diverse celle. Due agenti, in seguito agli scontri avvenuti nel carcere ligure, sono finiti in ospedale intossicati.

“Il provvedimento – scrive Basentini – dovrà essere adottato dai provveditori Regionali, che disporranno il trasferimento del detenuto presso altro istituto sito all’interno del territorio distrettuale”. Nei casi più gravi, il trasferimento avverrà invece in un altro distretto e sarà direttamente il Dap ad attivarsi, anche su impulso del capo del Dipartimento.

“Valorizzando l’applicazione di strumenti normativi già previsti dalla legge – fa sapere una nota del ministero della Giustizia – viene in tal modo automatizzato un meccanismo di reazione deterrente al sempre più frequente ripetersi di eventi critici e violenze. Da inizio anno sono infatti 485 le sole aggressioni al personale di Polizia Penitenziaria, contro un numero di 587 registrate nell’intero 2017”.

Solo nel mese di settembre sono stati 77, fra trasferimenti per motivi di sicurezza e assegnazioni a regime di sorveglianza particolare, i provvedimenti emessi nei confronti di detenuti violenti, compresi quelli protagonisti della rivolta di Sanremo. “A fronte di quasi novanta episodi di varia gravità – scrive ancora il ministero della Giustizia -, 56 sono stati i trasferimenti disposti dai provveditorati regionali fra istituti dello stesso ambito di competenza territoriale; degli altri 21 provvedimenti disposti dal Dap, 16 hanno riguardato il trasferimento in istituti extra-distretto e 5 l’attivazione, la proroga o l’applicazione del regime di sorveglianza particolare previsto dall’art. 14 bis dell’Ordinamento penitenziario”.