Dj Fabo, la Consulta non decide. Cappato dovrà attendere il 24 settembre 2019. Le Camere nel frattempo dovranno colmare il vuoto normativo

dalla Redazione
Cronaca

“L’attuale assetto normativo concernente il fine vita lascia prive di adeguata tutela determinate situazioni costituzionalmente meritevoli di protezione e da bilanciare con altri beni costituzionalmente rilevanti”. E’ quanto rileva la Corte Costituzionale rinviando al 24 settembre 2019 il pronunciamento sulla costituzionalità del reato di aiuto al suicidio contestato all’esponente radicale, Marco Cappato, per la vicenda di Dj Fabo.

“Nella camera di consiglio di oggi – recita la nota della Consulta -, la Corte costituzionale ha rilevato che l’attuale assetto normativo concernente il fine vita lascia prive di adeguata tutela determinate situazioni costituzionalmente meritevoli di protezione e da bilanciare con altri beni costituzionalmente rilevanti. Per consentire in primo luogo al Parlamento di intervenire con un’appropriata disciplina, la Corte ha deciso di rinviare la trattazione della questione di costituzionalità dell’articolo 580 codice penale all’udienza del 24 settembre 2019. La relativa ordinanza sarà depositata a breve. Resta ovviamente sospeso il processo a quo”.