85 euro agli statali. Quattrini per tutti dalle urne

di Gaetano Pedullà

Miracoli del referendum. Da sette anni lo Stato non ha una lira per aumentare lo stipendio dei suoi dipendenti e ora – guarda caso a quattro giorni dal voto – spuntano 85 euro (di media) per tutti. A pensar male si fa peccato, ma il sapore elettorale dell’accordo raggiunto ieri con i sindacati è fortissimo, così come è fin troppo facile fare un parallelo con gli 80 euro di sgravi Irpef che fecero la fortuna del Pd alle ultime europee. Di gran lunga più inquietante è però il via libera dei confederali, a partire dalla Cgil schierata apertamente contro la riforma costituzionale. Di certo per la Camusso non sarà facile spiegare ai suoi iscritti chiamati a votare No al referendum perché si è fatto un regalo al Governo accettando 85 euro giudicati in passato insufficienti. L’aria che tira è quella degli accordi sottobanco e questo fa tutt’altro che bene alla chiarezza di una partita politica dove persino la Costituzione rischia di essere utilizzata come merce di scambio. Ben per gli statali, quindi, che vedranno finalmente qualche soldo. Ma per quest’intesa in zona Cesarini non c’è altro su cui gioire.

  • Saverio Schinzari

    Peggio di Achille Lauro !

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Con Matteo faremo ancora i conti

Dopo aver sbagliato tutto con il referendum, dal momento del disastro in poi Matteo Renzi non sta perdendo un colpo. Nell’ordine: le dimissioni subito dopo il verdetto, la commozione che ha fatto pentire tanti bonaccioni di avergli votato No, la segreteria del Pd tenuta stretta e la proroga del mandato come chiesto da Mattarella giusto…

Continua

Lapo Elkann, rispettare prima di giudicare

Lapo Elkann deve fare i conti con il peggiore dei nemici possibili: se stesso. L’uomo è di una intelligenza, anzi di una genialità, con cui può uscire dall’ennesimo polverone lindo come si conviene all’ingresso del prossimo party. Per questo l’ironia che ieri ha invaso internet e i giochi di parole con cui anche noi oggi…

Continua

La pericolosa dittatura dei mercati

Non avranno la scheda elettorale, ma il voto dei mercati finanziari è sempre più evidente e pericoloso per la nostra democrazia. Negli Stati Uniti, dove i presidenti possono cadere per un giochino erotico ma mai perché quattro banche si mettono d’accordo e fanno volare lo spread, la lezione è stata esemplare. Tutti i poteri finanziari…

Continua

Referendum e riforma Madia, le alte sfere dello Stato hanno votato

Per Matteo Renzi è la prova che il Paese è bloccato. Ma la bocciatura della riforma Madia sulla Pubblica amministrazione non è solo questo. Dietro c’è l’ultima barricata dell’alta dirigenza dello Stato – che nella Consulta ha il suo baluardo più alto – per resistere a una modifica della Costituzione letta come un salto nel…

Continua

I secondi fini dei mercati passati al No

L’agilità dei poteri forti nel cambiare cavallo l’abbiamo appena vista negli Usa. Basti pensare che le grandi istituzioni finanziarie, quattrocento giornali e tutte le syndication Tv tifavano per la Clinton contro appena nove quotidiani dalla parte di Trump. La corsa alla casa Bianca è finita come sappiamo e Wall Street anziché crollare ha segnato il…

Continua

Trappola a orologeria per Grillo

Quando ci sono di mezzo le istituzioni nulla è peggio del piegarle alle convenienze personali, trasformando lo scontro politico in un corto circuito tra pezzi dello Stato. I colpi bassi tra la Commissione antimafia guidata dalla Bindi e il governatore De Luca sono in questo senso da antologia. Esistesse al Quirinale un arbitro che fischia…

Continua

Le riforme già in mano ai giudici

Non c’è cosa peggiore del fare la politica in tribunale. Senza scomodare i capisaldi del pensiero liberale e l’ineludibilità della separazione dei poteri come garanzia di un sistema democratico, lo spettacolo che va in scena in questo Paese è da decenni lo stesso. Più la politica è debole più tenta di usare le toghe per…

Continua

Referendum, Financial Times & co., il ricatto dei potentoni

La batosta presa negli Stati Uniti non è bastata ai potentoni della finanza mondiale. Incuranti di portare sfiga (elettoralmente parlando) alle cause che appoggiano, stanno riprovando a orientare il referendum in Italia spingendo il Sì a più non posso. Le avvisaglie si erano viste già da mesi, con una sfilza di dichiarazioni di banchieri, industriali…

Continua

Mille giorni di Renzi e poco altro

Come al solito c’è chi vede il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto anche se dentro ci stanno appena poche gocce. Il Governo che ieri ha festeggiato i mille giorni ci si ubriacherebbe con queste stille composte da Jobs Act, 80 euro, un po’ di sgravi fiscali, la riforma costituzionale e poco altro, ma se…

Continua

Furbizie che umiliano lo Stato

Le previsioni su come finirà il referendum non sono buone per il Governo. Così com’è posta, la domanda sulla scheda elettorale dovrebbe garantire un plebiscito per il Sì. A chi non piacerebbe ridurre i nostri parlamentari o chiudere carrozzoni inutili come il Cnel? Eppure l’Italia virtuale, quella che vive sui social media ed è popolata…

Continua