85 euro agli statali. Quattrini per tutti dalle urne

di Gaetano Pedullà

Miracoli del referendum. Da sette anni lo Stato non ha una lira per aumentare lo stipendio dei suoi dipendenti e ora – guarda caso a quattro giorni dal voto – spuntano 85 euro (di media) per tutti. A pensar male si fa peccato, ma il sapore elettorale dell’accordo raggiunto ieri con i sindacati è fortissimo, così come è fin troppo facile fare un parallelo con gli 80 euro di sgravi Irpef che fecero la fortuna del Pd alle ultime europee. Di gran lunga più inquietante è però il via libera dei confederali, a partire dalla Cgil schierata apertamente contro la riforma costituzionale. Di certo per la Camusso non sarà facile spiegare ai suoi iscritti chiamati a votare No al referendum perché si è fatto un regalo al Governo accettando 85 euro giudicati in passato insufficienti. L’aria che tira è quella degli accordi sottobanco e questo fa tutt’altro che bene alla chiarezza di una partita politica dove persino la Costituzione rischia di essere utilizzata come merce di scambio. Ben per gli statali, quindi, che vedranno finalmente qualche soldo. Ma per quest’intesa in zona Cesarini non c’è altro su cui gioire.

  • Saverio Schinzari

    Peggio di Achille Lauro !

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Turismo, una miniera che l’Italia non sfrutta

A chi capita di frequentare i salotti all’estero viene chiesto spesso qual è il nostro modello industriale. Si vuol sapere, in sostanza, su cosa punta l’Italia per tornare a crescere su livelli decenti, mica quelle percentuali da prefisso telefonico che ci condannano all’ultimo vagone sul treno già di per se lento dell’Europa. Una domanda perfida,…

Continua

Da ora il Pd non sarà più lo stesso

L’ultimo dei grandi partiti politici sopravvissuto sotto falso nome al Novecento sta per implodere. Un crollo dall’interno, visto che all’esterno il Pd – erede della tradizione storica del Pci – è ancora la principale forza politica e azionista di riferimento del Governo. Il renzismo, che ha usato l’alibi della modernizzazione per imporre il suo modello…

Continua

Lo stipendio per tutti è un’illusione

Renzi si è afflosciato e ormai anche i suoi fedelissimi hanno perso la speranza di andare presto alle urne. La Consulta pretende un sistema elettorale che garantisca maggioranze omogenee tra Camera e Senato. Fare la legge però è una parola, e con i signori parlamentari che possono farsi levare tutto ma non il vitalizio c’è…

Continua

La Raggi è una sindaca che non sa decidere

Ci prenderemo un posto nella lista dei giornalisti indegni, ma sulla vicenda Raggi bisogna essere proprio lobotomizzati per far finta di niente. L’assessore Berdini che definisce inadeguata la sindaca è appena una goccia nell’oceano di brutte figure, inchieste, inefficienze e verità nascoste che segnano irrevocabilmente l’amministrazione romana dei Cinque Stelle. Grillo ha deciso di difendere…

Continua

Minacciare la stampa. La passione dei Cinque Stelle

Per dirla con lo stile di Virginia Raggi, i Cinque Stelle dovrebbero fare pace col cervello. Da anni bombardano i giornali e i giornalisti con accuse di malafede. Quando va bene ignorano tutto il sistema dell’informazione, sostenendo in estrema sintesi di poterne fare a meno. Grillo e i suoi hanno dalla loro parte la verità…

Continua

Caro Euro, il prezzo non è giusto

Non ha torto Mario Draghi quando dice che l’Euro tiene unita l’Europa in tempi di chiusure nazionali. Il punto è se questo stare insieme non stia diventando una prigione. E la moneta una catena. L’Euro, che il numero uno della Bce giura essere una scelta irreversibile, non ha garantito allo stesso modo tutti i Paesi che…

Continua

La sindaca Raggi non vale il Movimento

Virginia Raggi non ci pensa affatto a dare le dimissioni. Facendo parte di un Movimento fondato da un ex comico evidentemente non si cura di sconfinare nel ridicolo. Le polizze vita intestate a sua insaputa resteranno però nella storia della politica italiana, quanto la casa di Scajola al Colosseo. Hanno voglia di agitarsi e di…

Continua

Le dimissioni della Raggi, un epilogo inevitabile

Chissà che risate si sta facendo Ignazio Marino, il sindaco cacciato dal Campidoglio per qualche strisciata di troppo della carta di credito del Comune oltre che per il degrado in cui sprofondava Roma. Virginia Raggi, che gli è subentrata, oltre allo stesso identico degrado della città, a quanto pare era la beneficiaria di un’assicurazione sulla…

Continua

Caso Moretti, Finmeccanica non diventi una barzelletta

Mauro Moretti ha dimostrato di essere un abile manager. Alla guida di Ferrovie e Finmeccanica ha risanato e chiuso buoni bilanci. Come tutti i capo azienda ossessionati dai risultati, ha tagliato i servizi meno remunerativi – e i pendolari che viaggiano in treno sanno di che si parla – e la spesa per manutenzioni e…

Continua

Legge elettorale, un errore avere timore delle urne

La Consulta boccia l’Italicum ma mette il Paese nelle condizioni di tornare presto alle urne. Nella situazione attuale è la migliore cosa possibile, ed è indifendibile la trincea alzata da D’Alema e tutti gli altri destinati a restare fuori dal Parlamento. Per i loro interessi di bottega preferirebbero lasciare l’Italia nella situazione in cui si…

Continua