Amore con amor si paga. A Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio

di Gaetano Pedullà

Il massimo risultato col minimo sforzo. A Matteo Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio, tipo avere 49 milioni di debiti e non sentirli, oppure essere chiamato da un tribunale a rispondere del caso Diciotti e non andare perché i Cinque Stelle gli tolgono il disturbo, votandogli l’immunità. Il numero di ieri però è il migliore di sempre. Semplicemente disertando il Senato, dove il premier Conte l’ha dovuto giustificare manco fosse uno scolaretto, il Capitano ha ottenuto nell’ordine: 1) non spiegare a che titolo il suo collaboratore Savoini ha trattato fondi per la Lega con emissari russi; 2) per bilanciare la pressione mediatica sul Carroccio il Presidente del Consiglio ha dovuto cedere sul Tav; 3) la svolta sulla nuova tratta ferroviaria Torino-Lione ha messo nella peste i contrarissimi M5S; 4) in un impeto di frustrazione Di Maio ha chiesto ai suoi di uscire dall’Aula di Palazzo Madama proprio mentre parlava il capo del Governo, facendo naturalmente incavolare pure quest’ultimo.

Un bilancio politico strepitoso, insomma, per chi dovrebbe chiarire accuse gravissime rispetto all’autonomia del nostro Paese da Mosca e invece non solo snobba il Parlamento ma per di più riesce ad incassarci sopra. Per il Movimento, dunque, resta evidente che governare per realizzare i punti del programma è prioritario, ma se ci si riesce senza farsi ammazzare lungo il cammino è meglio. A questo Esecutivo d’altra parte non c’è alternativa, e anche per questo sarebbe ora che amore con amor si paghi. Senza ricadere nell’errore delle polemiche costate care nella campagna elettorale delle Europee, ai Cinque Stelle basterà riprendere a lavorare sulle loro cose, lasciando il lader leghista a fare propaganda delle sue solite cose, e aspettando pazienti. Con la passione che ha per mettersi nei guai ci metterà poco a combinarne un’altra delle sue. E poi vediamo cosa avrà da ridire se sarà… occhio per occhio. Tanto ormai è chiaro che questo Governo sopravvive quasi a tutto, e invece di allarmarsi (per modo di dire) su inesistenti alleanze tra 5S e Pd presto Salvini dovrà preoccuparsi di scegliere se dare una fregatura ai suoi governatori o al Sud. E lì sì che si ride.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Gli elettori l’ostacolo più difficile

Beati loro che non vedono ostacoli insormontabili. Uscendo ieri pomeriggio dal primo incontro tra capigruppo di 5S e Pd (questi ultimi entrambi renziani “commissariati” dall’inserimento di Orlando), è apparso chiaro che le basi per un’intesa di Governo c’è tutta. Poi in serata si sono visti a cena direttamente Di Maio e Zingaretti, e a quanto…

Continua

La pazienza di Mattarella ha un limite

Dove andasse a parare il Presidente Mattarella si era intuito ieri pomeriggio ascoltando Salvini al termine del suo turno di consultazioni. I Cinque Stelle e il Pd hanno seriamente la possibilità di fare un Governo, e al netto di chi gioca ad avvelenare i pozzi, per riuscirci hanno bisogno essenzialmente di tempo. Il leader della…

Continua

Un premier popolare. Ecco le tante buone ragioni per riproporre Conte

La novità più rilevante nel secondo giorno della crisi di Governo è arrivata dal Pd. Tutti d’accordo in direzione, il segretario Zingaretti ha il mandato per provare a formare una nuova maggioranza con i Cinque Stelle sulla base di cinque ampi punti programmatici. Un aspetto che sommato al manifesto presentato al Senato dal premier uscente…

Continua

Una sfida per il bene del Paese

Morto il re, lunga vita al re! Nel discorso con cui ieri Giuseppe Conte ha seppellito il Governo gialloverde ci sono due capitoli perfettamente distinti. Il primo è l’elenco impietoso dei colpi bassi subiti soprattutto negli ultimi mesi da Salvini, con una critica sulla sua interpretazione del ruolo istituzionale e l’evocazione delle piazze che non…

Continua

Va fermata la guerra delle piazze

Lo chiamano il Governo della paura, e così Salvini e i suoi andranno a presentarlo nelle piazze se mai nascerà un Esecutivo tra Cinque Stelle e Pd, dopo l’iter che parte questo pomeriggio con le comunicazioni del premier Conte al Senato e il probabile immediato passaggio al Quirinale per rimettere il mandato. La paura sarebbe…

Continua

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade?

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade? È caduto il ponte di Genova, c’è stata la strage di Acqualonga (40 morti ad Avellino), cavalcavia crollati, manutenzioni approssimative e carreggiate non riasfaltate… chilometri di motivi per dire basta a quello che è uno scandalo al sole, tanto invisibile…

Continua

Tassi fermi. La nuova Europa parte male

Dialogare con l’Unione europea “perché senza di questa non c’è futuro”. Facile a dirsi per il Presidente Sergio Mattarella, che ieri si è espresso così alla tradizionale cerimonia del ventaglio, ma se non era per la trattativa del premier Giuseppe Conte e il voto “sulla fiducia” dato dai Cinque Stelle alla presidente della Commissione Ue,…

Continua

Cinque stelle e Pd, un’operazione Frankenstein

È da anni sul podio dei giornalisti che stimo, ma sull’avvicinamento tra Cinque Stelle e Pd sono in totale disaccordo con Marco Travaglio. L’ultimo dei motivi è proprio quello che il direttore del Fatto porta come prova della sua “giusta” intuizione: la giravolta dei giornaloni dell’establishment, improvvisamente folgorati sull’utilità di un dialogo tra Di Maio…

Continua

L’utopia dei Cinque Stelle al governo con il Pd

Può darsi che Di Maio e Salvini oggi si incontrino e mandino avanti il Governo, oppure no. Può anche darsi che dallo scandalo Siri, o dal Russia-gate, escano fuori le prove provate dei soliti vizi di affaristi e politici, oppure tutti i personaggi coinvolti risultino immacolati come gigli di campo. Allo stesso modo, può essere…

Continua

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua