Camere senza vista sulle élite

di Gaetano Pedullà

I Cinque Stelle hanno dovuto cambiare pelle per aprire le liste ai candidati nella cosiddetta società civile e al mondo delle professioni. Uno sforzo che porterà in Parlamento un po’ di competenza oltre alla fedeltà assoluta imposta dai capibastone di tutti gli altri partiti. Perché diciamola tutta: la selezione della classe politica alla quale abbiamo appena assistito è il più grande spot di sempre al leccaculismo italico. Alla faccia della rottamazione promessa da Renzi, nelle fila del Pd non c’è un solo giovane in corsa con qualche possibilità, mentre i notabili si sono tutelati con paracadute e trasferte da un angolo all’altro del Paese. Nel Centrodestra la musica non cambia e soprattutto in Forza Italia è stridente la rarità di grandi docenti universitari e tecnici, lasciati in panchina per far posto alla grande cerchia di Arcore. Senza i Frattini, Masi, Valducci, Catricalà, giusto per citarne alcuni, sarà interessante vedere chi farà decollare le commissioni parlamentari o i ministeri economici semmai la coalizione del Cavaliere andrà al governo del Paese. Il passo indietro fatto dai leader delle associazioni d’impresa e grandi manager – un tempo pazientemente in fila per entrare a far parte della casta di deputati e senatori che precedentemente in silenzio magari disprezzavano – fa pensare a una perdita di stima delle élite verso le nostre Camere, dove entra chi bacia meglio la pantofola giusta. E se il segnale che arriva dalle massime istituzioni è questa non meravigliamoci nel vedere la deriva in cui andiamo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Si rafforza il filo tra 5S e Lega

Andare in guerra per fare la pace (fiscale). Sembra un paradosso, ma è esattamente quanto è successo ieri tra Cinque Stelle e Lega, ormai costrette a declinare in atti concreti gli impegni assunti solo genericamente nel contratto di Governo. Ne è venuto fuori un inevitabile confronto, che per quanto enfatizzato dalle indiscrezioni del solito manipolo…

Continua

L’Europa delle lingue biforcute

Che lingua biforcuta che hanno questi zombie della Commissione europea. Un attimo prima minacciano l’Italia perché la Manovra economica non è sufficientemente punitiva, un momento dopo chiedono a tutti di abbassare i toni delle polemiche susseguenti e appena la situazione si placa gettano nuova benzina sul fuoco accusando il nostro Governo di non mantenere la…

Continua

Autostrade. Il modello è criminale

Mentre cadono più ponti che foglie in autunno, la Procura di Avellino chiede decine di anni di carcere per il crollo di un viadotto sull’autostrada A16 Napoli-Canosa. Era il 2013 e in quella tragedia morirono 40 persone, solo tre meno di quante hanno perso la vita due mesi fa sul Morandi di Genova. Due disastri…

Continua

Ci minaccia la troika al completo

Sentivamo terribilmente la mancanza del terzo guardiano dell’austerità senza ritorno, quel Fondo monetario internazionale che per fondo deve intendere il baratro in cui ha gettato decine di Stati. Primus inter pares di Commissione Ue e Banca centrale europea nella famigerata troika – facciamo un torto se per capirci la paragoniamo a una Equitalia mondiale? –…

Continua

Ultimi colpi di una Ue in scadenza

Chi avesse ancora dubbi sulle vere cause del crollo dell’Italia sui mercati farebbe bene ad allungare lo sguardo fino alla Lettonia. Da questo Paese arriva il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, un signore che insieme al Commissario agli Affari economici Pierre Moscovici ha bocciato preventivamente la Manovra economica italiana, scatenando i guai di Borsa…

Continua

Bruxelles. Il golpe del potere

Neanche il tempo di leggerlo e già lo bocciano. Che fenomeni che sono questi tecnocrati di Bruxelles. Dombrovskis e Moscovici da giorni bombardano il nostro Governo per il Documento di economia e finanza che sfora di appena lo 0,8% i vincoli sul deficit. Dunque non c’è da stupirsi che ieri abbiano stroncato l’architrave della Manovra,…

Continua

Questa Ue ci bombarda per salvarsi

Formidabile il nostro ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che prende carta e pena e scrive lettere a Bruxelles per assicurare che l’Italia crescerà più di quanto prevedono Lor signori, e Roma non ha nessuna intenzione di mollare l’Europa. Troppo preso a far quadrare conti che non risulteranno mai se si utilizza solo la calcolatrice dei mercati,…

Continua

Una lezione da Traini e Riace

Giornate difficili sia per i razzisti che per gli ultrà dell’accoglienza. I primi hanno visto cadere una loro bandiera, quel Luca Traini che aveva vendicato la morte della povera Pamela, a Macerata, sparando a degli uomini a caso, solo perché erano di colore. Condannato a dodici anni, Traini ha chiesto scusa in tribunale e rinnegato…

Continua

Un ministro dell’Economia debole non serve

Bisogna avere la testa di coccio, come dicono a Roma, per credere davvero che lo scostamento di meno di un punto sul deficit sia inconciliabile con il risanamento del Paese e gli obiettivi belli fissati dall’Europa. L’Italia in una situazione di grande disagio sociale ha chiesto una deroga più che ragionevole a un establishment che…

Continua

Lo spread e i suoi complici. L’Ue ci minaccia sui conti pubblici

Come volevasi dimostrare, in poche ore i mercati hanno bruciato un fetta della Manovra economica per l’intero 2019. Una reazione prevedibile e niente affatto definitiva, visto che gli indici azionari vanno a gonfie vele in tutto il mondo e già lunedì prossimo non è improbabile un rimbalzo dei titoli ieri decisamente penalizzati. Più complicata resta…

Continua