C’è un Califfo anche a Berlino

di Gaetano Pedullà

Un piccolo slogan che però dice tutto sulla crisi greca l’ha coniato uno dei più brillanti giornalisti italiani, Paolo Panerai: quello che i tedeschi hanno spacciato per anni come rigorismo in realtà era egoismo. Così a un Paese che rappresenta appena il 2% del Pil europeo prima è stato negato quell’ombrello di solidarietà che era la premessa dell’Unione europea e monetaria. E poi si è costruito il percorso che adesso è arrivato al capolinea, concedendo – come elemosine – aiuti sempre insufficienti, dando qualche miliardo con una mano e riprendendosene molti di più con l’altra, attraverso la truffa autorizzata dello spread. Atene è stata costretta a finanziarsi pagando interessi criminali, con uno spread arrivato sopra o attorno ai mille punti base. Solo per non dimenticare il colpo di Stato realizzato contro l’Italia, ricordiamo che lo spread a 500 punti costrinse il Governo di Silvio Berlusconi – che piacesse o meno, democraticamente eletto – a farsi da parte per far posto a Mario Monti. I mercati (e le cancellerie europee congiurate) apprezzarono e lo spread calò subito dopo.

Ma come volevasi dimostrare gli italiani furono costretti a fare più sacrifici e il debito pubblico anzichè diminure è continuato ad aumentare fino ad oggi. Sarebbe bastato guardare a quei giorni, all’ipocrisia di una Comunità europea mai diventata qualcosa di diverso di una unione burocratica tra Paesi che restavano distinti e lontani gli uni dagli altri. Con l’Italia alla fine si trovò un accomodamento – a carissimo prezzo, compresa la rinuncia della nostra sovranità popolare – ma con la Grecia le cose sono andate diversamente. L’Italia è too big to fail (troppo grande per fallire), la Grecia no. Per questo gli euroburocrati di Bruxelles, la Germania che ha fatto da grande regista con i falchi del rigore guidati dal ministro delle Finanze di Berlino, Wolfang Schauble, e più di tutti quel killer che è il Fondo monetario internazionale. Un’istituzione che offre ai Paesi l’ombrello quando c’è il sole per poi toglierlo appena inizia a piovere. A pesare sul disastro Grecia è stata anche la Banca centrale europea. Non quella degli ultimi mesi, che con cinque anni di ritardo si è affiancata alla strategia della Federal Reserve, iniziando a immettere liquidità monetaria nel sistema. La Bce degli ultimi mesi ha anche alzato al massimo la liquidità d’emergenza alle banche greche. Ma al di là dell’intervento arrivato in ritardo – diciamo anche a tempo quasi scaduto – neppure adesso la Bce è riuscita a muoversi con la decisione necessaria. Nel board dell’istituto di Francoforte convivono infatti quegli stessi falchi tedeschi che con il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, hanno sempre frenato sulle scelte necessarie per salvare Atene. Così l’europa ha commissariato per anni la Grecia, imponendo su ogni decisione la supervisione della Troika (Commissione europea, Fmi e Bce). I governi ellenici sono stati costretti a seguire fallimentari politiche economiche recessive, che hanno avuto il merito di far immensamente peggiorare la situazione. Decine di persone si sono tolte la vita disperate, e il loro sangue resterà una macchia indelebile sulla coscienza dell’Unione europea. Il fallimento che oggi diciamo essere greco, in realtà è perciò il fallimento dell’Europa. E il successo di chi – col paravento dell’Unione – in realtà correva per far saltare il banco. Non è un segreto infatti che in Germania tantissimi vogliono tornare al Marco.

DOMANDE
Che ci fanno d’altronde con l’Euro una volta che questo è servito a stritolare ben bene mezzo continente? L’Italia in quasi due secoli non è riuscita a risolvere la questione meridionale, ma i tedeschi grazie all’Euro si sono risolti in cinque anni la loro riunificazione. E non che l’eredita dell’ex Ddr fosse meno pesante di quanto c’era e resta da fare nel nostro Mezzogiorno. Facile grazie ai tassi negativi con cui Berlino si è potuta finanziare, mentre il resto d’Europa pagava una tassa occulta – che cos’è se no lo spread? – ai mercati. Di fronte a tutto questo oggi ci troviamo con una serie di domande cruciali. Come influirà il default greco sui conti pubblici italiani, zavorrati da 2.200 miliardi di debito pubblico? Ci sarà un effetto contagio? Ma c’è un’altra domanda che si lega alla grande emergenza di questa stagione, il terrorismo islamico: è meglio aiutare la Grecia, esattamente come la Tunisia, cercando di sostenerla andandoci in vacanza, contribuendo ad alimentarne il turismo, o facciamo bene a stare alla larga, dandola vinta così ai terroristi monetari (proprio come a quelli islamici) che a colpi di spread (e kalashnikov) hanno combattuto per isolare il nemico? Se l’Europa dei burocrati e dei mercati non ha avuto solidarietà, noi che siamo l’Europa vera (e l’unica speranza che il sogno di De Gasperi, Adenauer, Monnet e Spinelli si realizzi sul serio) abbiamo la possibilità di rispondere diversamente, di non piegarci alle prevaricazioni. Da qualunque parte provengano, dai Califfi di Berlino come da quello che semina morte tra Irak, Siria e Libia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua

Autostrade per l’Alitalia

I due dossier resteranno separati, e così si eviterà ogni conflitto d’interesse. Alitalia dove entrano i Benetton sarà una cosa e le Autostrade, dove gli stessi Benetton sono messi alla porta, saranno un’altra. Possiamo crederci? Se le cose andranno effettivamente così – come ha promesso ancora ieri Luigi Di Maio – lo vedremo molto presto,…

Continua

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua

Un altro passo falso su Salvini

Ieri sulle pagine social della Notizia c’è stato un boom di commenti e visualizzazioni su tre fatti che avevamo in prima pagina: lo stop della Cassazione ai vitalizi dei parlamentari, il sistematico linciaggio dei Cinque Stelle su giornali e trasmissioni tv, e infine le responsabilità di Nicola Zingaretti e non di Virginia Raggi sui rifiuti…

Continua

Putin non passa per caso. Il raccontino di un’Italia isolata dal resto del pianeta non regge più

Sarà capitato anche a voi di sentire degli acutissimi analisti politici e di amenità assortite secondo cui un signore di nome Vladimir Putin ha così poco da fare a Mosca da concedersi una vacanza a Roma per farsi fotografare col Papa, Mattarella e Conte. Solo così regge il raccontino di un’Italia isolata dal resto del…

Continua

Un premier tutt’altro che isolato

Attenti a leggere le nomine europee con gli occhiali della politica italiana. Era l’autunno del 2014 quando il governo dell’epoca guidato da Matteo Renzi cantava vittoria per la nomina di Pierre Moscovici commissario Ue agli affari economici. Questo signore a casa sua era stato una colomba quando c’era da lasciar correre sui vincoli di bilancio.…

Continua

Autostrade e Benetton, lo Stato torni a farsi rispettare

Autostrade per l’Italia aveva così tanti sospetti sulla sicurezza del ponte Morandi da aver chiesto già nel 2003 un preventivo per demolirlo. A rivelarlo è stata la stessa società che ieri ha fatto esplodere i piloni risparmiati dal crollo dell’anno scorso. Non bastassero i 43 morti, i feriti, la cicatrice lasciata su Genova e sull’immagine…

Continua

Uno Stato più forte dell’acciaio. L’Ilva e la minaccia di ArcelorMittal

La legge è uguale per tutti ma se hai l’immunità della legge te ne freghi. Neanche fossimo nel Medioevo, quando gli imperatori la concedevano ai vescovi per tenersi buono il Papa, nel 2015 il Governo Renzi regalò lo stesso privilegio alla multinazionale ArcelorMittal, come benefit per l’acquisto degli ultimi scampoli della fallimentare industria italiana dell’acciaio.…

Continua