C’è un Califfo anche a Berlino

di Gaetano Pedullà

Un piccolo slogan che però dice tutto sulla crisi greca l’ha coniato uno dei più brillanti giornalisti italiani, Paolo Panerai: quello che i tedeschi hanno spacciato per anni come rigorismo in realtà era egoismo. Così a un Paese che rappresenta appena il 2% del Pil europeo prima è stato negato quell’ombrello di solidarietà che era la premessa dell’Unione europea e monetaria. E poi si è costruito il percorso che adesso è arrivato al capolinea, concedendo – come elemosine – aiuti sempre insufficienti, dando qualche miliardo con una mano e riprendendosene molti di più con l’altra, attraverso la truffa autorizzata dello spread. Atene è stata costretta a finanziarsi pagando interessi criminali, con uno spread arrivato sopra o attorno ai mille punti base. Solo per non dimenticare il colpo di Stato realizzato contro l’Italia, ricordiamo che lo spread a 500 punti costrinse il Governo di Silvio Berlusconi – che piacesse o meno, democraticamente eletto – a farsi da parte per far posto a Mario Monti. I mercati (e le cancellerie europee congiurate) apprezzarono e lo spread calò subito dopo.

Ma come volevasi dimostrare gli italiani furono costretti a fare più sacrifici e il debito pubblico anzichè diminure è continuato ad aumentare fino ad oggi. Sarebbe bastato guardare a quei giorni, all’ipocrisia di una Comunità europea mai diventata qualcosa di diverso di una unione burocratica tra Paesi che restavano distinti e lontani gli uni dagli altri. Con l’Italia alla fine si trovò un accomodamento – a carissimo prezzo, compresa la rinuncia della nostra sovranità popolare – ma con la Grecia le cose sono andate diversamente. L’Italia è too big to fail (troppo grande per fallire), la Grecia no. Per questo gli euroburocrati di Bruxelles, la Germania che ha fatto da grande regista con i falchi del rigore guidati dal ministro delle Finanze di Berlino, Wolfang Schauble, e più di tutti quel killer che è il Fondo monetario internazionale. Un’istituzione che offre ai Paesi l’ombrello quando c’è il sole per poi toglierlo appena inizia a piovere. A pesare sul disastro Grecia è stata anche la Banca centrale europea. Non quella degli ultimi mesi, che con cinque anni di ritardo si è affiancata alla strategia della Federal Reserve, iniziando a immettere liquidità monetaria nel sistema. La Bce degli ultimi mesi ha anche alzato al massimo la liquidità d’emergenza alle banche greche. Ma al di là dell’intervento arrivato in ritardo – diciamo anche a tempo quasi scaduto – neppure adesso la Bce è riuscita a muoversi con la decisione necessaria. Nel board dell’istituto di Francoforte convivono infatti quegli stessi falchi tedeschi che con il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, hanno sempre frenato sulle scelte necessarie per salvare Atene. Così l’europa ha commissariato per anni la Grecia, imponendo su ogni decisione la supervisione della Troika (Commissione europea, Fmi e Bce). I governi ellenici sono stati costretti a seguire fallimentari politiche economiche recessive, che hanno avuto il merito di far immensamente peggiorare la situazione. Decine di persone si sono tolte la vita disperate, e il loro sangue resterà una macchia indelebile sulla coscienza dell’Unione europea. Il fallimento che oggi diciamo essere greco, in realtà è perciò il fallimento dell’Europa. E il successo di chi – col paravento dell’Unione – in realtà correva per far saltare il banco. Non è un segreto infatti che in Germania tantissimi vogliono tornare al Marco.

DOMANDE
Che ci fanno d’altronde con l’Euro una volta che questo è servito a stritolare ben bene mezzo continente? L’Italia in quasi due secoli non è riuscita a risolvere la questione meridionale, ma i tedeschi grazie all’Euro si sono risolti in cinque anni la loro riunificazione. E non che l’eredita dell’ex Ddr fosse meno pesante di quanto c’era e resta da fare nel nostro Mezzogiorno. Facile grazie ai tassi negativi con cui Berlino si è potuta finanziare, mentre il resto d’Europa pagava una tassa occulta – che cos’è se no lo spread? – ai mercati. Di fronte a tutto questo oggi ci troviamo con una serie di domande cruciali. Come influirà il default greco sui conti pubblici italiani, zavorrati da 2.200 miliardi di debito pubblico? Ci sarà un effetto contagio? Ma c’è un’altra domanda che si lega alla grande emergenza di questa stagione, il terrorismo islamico: è meglio aiutare la Grecia, esattamente come la Tunisia, cercando di sostenerla andandoci in vacanza, contribuendo ad alimentarne il turismo, o facciamo bene a stare alla larga, dandola vinta così ai terroristi monetari (proprio come a quelli islamici) che a colpi di spread (e kalashnikov) hanno combattuto per isolare il nemico? Se l’Europa dei burocrati e dei mercati non ha avuto solidarietà, noi che siamo l’Europa vera (e l’unica speranza che il sogno di De Gasperi, Adenauer, Monnet e Spinelli si realizzi sul serio) abbiamo la possibilità di rispondere diversamente, di non piegarci alle prevaricazioni. Da qualunque parte provengano, dai Califfi di Berlino come da quello che semina morte tra Irak, Siria e Libia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua

Un Governo più forte dei mercati

Peccato che alla lotteria del Governo non sia spuntato il bussolotto del prof. Sapelli, che nell’intervista al nostro giornale di oggi traccia un quadro lucidissimo sullo scenario economico che ci aspetta, partendo dal fatto che il Decreto dignità è solo la prima medicina di una cura ben più lunga e dolorosa. Indovinare la terapia però…

Continua

Riforme, non gettarle in caciara

Il Governo del cambiamento andrebbe ribattezzato del rimbecillimento se si sognasse di riformare il Paese senza dare una priorità alle cose necessarie. Un concetto chiaro a Di Maio e Salvini, che infatti nei primi due mesi da ministri hanno messo in cascina il Decreto dignità e il cambio di strategia sui migranti. Parallelamente però ci…

Continua

Sulla Rai è solo un teatrino

La coerenza si sa che in politica è merce rara. E per questo davvero pochi si stupirebbero se gli alleati di oggi diventassero i nemici di domani per poi tornare d’amore e d’accordo dopodomani. Lo strappo consumato nel Centrodestra per la presidenza della Rai non è dunque la bomba di cui parlano molti analisti politici,…

Continua

Siamo primi sul podio del ridicolo

Prima ancora di cominciare, abbiamo già vinto la medaglia olimpica del ridicolo. I giochi invernali del 2026 ci offrono la possibilità di metterci in mostra su una delle più belle vetrine internazionali e noi ci presentiamo non con una ma con tre città ospitanti, comunicando al mondo intero che non sappiamo neppure metterci d’accordo tra…

Continua

Tv pubblica ostaggio del Cavaliere

A meno che la notte non porti consiglio, stamattina Forza Italia affonderà in Commissione di vigilanza della Rai la designazione del giornalista Marcello Foa alla presidenza di Viale Mazzini. Così si rischia un precedente unico al mondo: il partito di un signore che controlla il maggior gruppo televisivo privato decide pure chi sta in sella…

Continua

Decolla la buona politica

La foto dei ministri Di Maio e Toninelli che scendono dall’aereo diventato simbolo degli sprechi del Governo Renzi resterà nella nostra memoria più di montagne di parole. Quell’Airbus è costato tra leasing e manutenzione 140 milioni, e considerando che non ha quasi mai volato è stato certamente un acquisto non all’altezza delle brillanti operazioni dell’allora…

Continua

Sul binario c’è la politica industriale

Diciamo la verità: a ridurre l’Italia come vediamo non è stato un popolo di incapaci e lavativi. Tiriamo la cinghia a causa dell’antica incapacità di produrre uno straccio di politica industriale. Il Paese è cresciuto spontaneamente, con lo Stato che foraggiava un po’ a destra e un po’ a sinistra la grande industria, indipendentemente dal…

Continua

Così rinasce l’orgoglio di un Paese

Sarà che i Parlamenti un giorno non serviranno a niente, come immagina visionariamente Casaleggio jr. Oppure che la tecno-ideologia non prevarrà, per i motivi che spiega brillantemente Ezio Mauro. Ma oggi la democrazia ha luoghi e rituali che sanno di vetusto, di lento e inefficace. Nell’epoca della comunicazione istantanea, seppure in un Paese come il…

Continua