Ci mancava il reato di detenzione abusiva di carriola. I pm hanno tempo da perdere

di Gaetano Pedullà

Il reato ipotizzato dovrebbe essere quello di detenzione abusiva di carriola. Non è chiaro a quanto ammonti la pena prevista, a parte la gogna mediatica rafforzata dal fatto che l’indagato è il padre di un vicepresidente del Consiglio. La vicenda è microscopica e persino surreale in un Paese dove gli abusi edilizi hanno massacrato il territorio e le ecomafie si sono riempite le tasche infilando migliaia di tonnellate di rifiuti in buche aperte senza che nessuno si accorgesse di niente. Al centro c’è il piccolo imprenditore Antonio Di Maio, già sdegnosamente segnalato alle cronache per aver assunto un paio di lavoratori in nero, al quale hanno trovato una carriola e quattro calcinacci dentro un suo terreno di campagna.

Una situazione identica a quella di gran parte dei proprietari di piccoli giardini, ma che nel caso specifico ha fatto scattare l’apertura di un procedimento da parte della Procura di Nola per deposito incontrollato di rifiuti. Un atto probabilmente dovuto dopo l’accertamento della polizia municipale nell’appezzamento di terreno attiguo alla vecchia masseria della famiglia Di Maio nel Comune napoletano di Mariglianella. Una storia che si commenterebbe da sola se non fosse che per gli avversari politici dei Cinque Stelle è la prova provata della disonestà financo del suo leader, mentre per gli attivisti del Movimento si tratta dell’ennesimo riscontro di una guerra portata avanti con ogni mezzo contro il cambiamento politico e i suoi protagonisti.

In mezzo c’è un immenso problema del quale nessuno vuol farsi carico, e cioè l’insostenibilità dell’obbligo dell’azione penale, un principio a garanzia della giustizia uguale per tutti, ma che nelle attuali condizioni della nostra magistratura è solo un ulteriore fattore di negazione dei diritti per chi subisce i torti seri. Infatti, a furia di riempire le Procure con ogni genere di accuse, spesso pretestuose quando non temerarie, alla fine anche i processi importanti finiscono alle calende greche. Il massimo della giustizia, insomma, finisce per determinare il massimo dell’ingiustizia, perché nei processi per le questioni serie troppo spesso è intervenuta la prescrizione, salvando chi ha commesso gravi reati, grazie a un meccanismo che il Governo sta cercando adesso di mitigare, ovviamente in aperto contrasto con gli avvocati.

Ma torniamo alla vicenda della famiglia Di Maio, che nelle ultime settimane è stata gettata in pasto all’opinione pubblica come è giusto che sia nel caso dell’accertamento di gravi responsabilità. Nella storia di cui parliamo questi fatti gravi però non ci stanno, a meno di voler considerare la detenzione di una carriola come abuso, sia questo di carattere edilizio che ambientale. Quello che resta, anche grazie alla facile strumentalizzazione di un’inchiesta che i magistrati avranno dovuto aprire controvoglia, è il barbaro accostamento che si sta facendo sui social network e su qualche giornale palesemente schierato contro i Cinque Stelle, mettendo nello stesso calderone Di Maio padre e chi ha commesso giganteschi illeciti. Poco importa se poi c’è una siderale differenza tra vicende come quelle che coinvolgono la famiglia del vicepremier M5S e le angherie di chi ha avvelenato i terreni provocando fenomeni come la terra dei fuochi o l’impennata delle malattie scatenate dall’inquinamento. Un gioco banale, che prova a mettere sullo stesso crinale faccende minuscole e scandali veri, magari giocando sul fatto che sul piano delle responsabilità è pari e patta tra i papà di Renzi e Boschi e quello di Di Maio.

Nella grande confusione mediatica passa così il messaggio che la famiglia di Di Battista non paga i dipendenti alla stessa stregua di quegli imprenditori che girano in fuoriserie e nascondono i soldi all’estero, livellando fatti e atteggiamenti che nulla hanno a che vedere tra loro. Una caccia alle streghe che vede persino autorevolissimi giornali in prima fila, impegnatissimi a stringere le meningi per sfornare titoli come “Indagato Di Maio, svolta nelle indagini” rilanciato sulla rete web a sprezzo del ridicolo. D’altra parte il giornalismo è ormai sempre più una prosecuzione della contesa politica ma con altri mezzi. Un compito anche legittimo se però è dichiarato e alla luce del sole. Cosa che invece spesso non accade, e nella grande piazza di Internet fa il gioco di chi ha tutto da guadagnare nel confondere mele e pere, buoni e cattivi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Marco Polo aveva già capito tutto. L’hanno chiamata la Via della Seta, ma in realtà è una strada per lo sviluppo

Se avesse atteso di fare l’accordo con l’Europa, poi il permesso della Nato, il benestare degli americani e la concessione di Parigi e Berlino, il nostro Marco Polo sarebbe ancora a Venezia in attesa di partire per l’Oriente. Il grande esploratore di un’epoca in cui l’Italia era divisa in tanti stati ma voleva tracciare il…

Continua

Il vaccino contro il malaffare. L’espulsione di De Vito dal M5S ha mostrato una velocità olimpica nell’attivare gli anticorpi

Dopo sei anni dall’ingresso in Parlamento, nei Cinque Stelle è arrivato il primo arresto per corruzione. Un fatto gravissimo per il Movimento, ma anche per chi spergiura a sprezzo del ridicolo che adesso i 5S sono un partito come gli altri. A parte il fatto che è difficile tenere il conto di quanti indagati e…

Continua

In scena i soliti spot sui migranti. E intanto l’Ue ci bastona facendo saltare quattro banche italiane

I migranti salvati da una nave italiana in mezzo al Mediterraneo sono sbarcati ieri a Lampedusa, mentre via social il ministro Matteo Salvini continuava a farsi propaganda. “Arrestateli” ha chiesto il responsabile del Viminale, evidentemente dimenticando che se qualcuno ha commesso reati il suo ruolo gli consente ampiamente di disporne il fermo. Ovviamente per far…

Continua

Salvini e la bulimia elettorale. In caso di pericolo non c’è ragione che possa giustificare l’omissione di soccorso in mare

Finché si scherza, anche nel Governo, buon divertimento a chi ha voglia di giocare. Miliardi di qua per una impossibile estensione della Flat tax, allarmi di la su un accordo strepitoso con la Cina… nell’epoca della politica raccontata con i selfie tutto fa spettacolo. Nulla da meravigliarsi, quindi, delle sortite da perenne campagna elettorale del…

Continua

Una Sinistra nemica dei poveri. Il Pd quando era al Governo non mosse un dito, ora propone un salario minimo più alto rispetto al M5S

Le pensioni di cittadinanza erogate anche in contanti, per non complicare oltre la vita di quegli anziani che hanno difficoltà a utilizzare le card. C’è anche questo negli ultimi emendamenti presentati ieri al cosiddetto decretone, cioè la norma che dovrà tenere in equilibrio da una parte l’obiettivo finale di aiutare sul serio i poveri con…

Continua

L’equivoco delle élite al potere. Si ostinano a guardare il futuro con gli occhiali del passato

Illuminante intervento del consigliere direttivo della Banca centrale europea, Benoît Cœuré, ieri all’Università Bocconi. La stagnazione e il calo dei redditi – ha spiegato – sono il risultato di molti fattori, niente affatto collegati con l’appartenenza all’Unione europea o all’euro. Se però le forze sovraniste ed euroscettiche dovessero crescere – ha continuato – questo finirebbe…

Continua

Finiamola di fare male all’Italia. Il Reddito di cittadinanza è partito senza intoppi e nessuno ha assaltato gli uffici postali

Un’altra profezia di sventura che si affloscia come un soufflé. Chi aveva previsto l’assalto di milioni di sfaccendati agli uffici postali per accaparrarsi sin dal primo giorno il Reddito di cittadinanza ha sbagliato tutto. Esattamente come sbagliava chi giurava che questa misura non sarebbe mai partita, che non c’erano i soldi, che lo Stato non…

Continua

Le nozze impossibili tra M5S e Pd. I nostri lettori hanno le idee chiare: meglio una vita all’opposizione che un minuto con i dem

L’abbiamo fatto una volta e non lo faremo più. Visto che si parla tanto di nuovi scenari per la politica italiana, con il Pd derenzizzato possibile nuovo interlocutore forte dei 5 Stelle, ieri ci è sembrato utile sentire cosa ne pensano i nostri lettori, e tra questi in particolare gli elettori e i simpatizzanti del…

Continua

Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo…

Continua

Operazione Diffama i Cinque Stelle. Ecco come li stanno linciando

La grande operazione “Diffama i Cinque Stelle” va avanti da anni, ma dopo il voto in Abruzzo e Sardegna è scattata l’offensiva, con una raffica di storielle amplificate all’infinito e – vedi la coincidenza – finite tutte in prima pagina sui soliti giornaloni, come se i guai del Paese non offrissero ampia scelta tra i…

Continua