Ci mancava il reato di detenzione abusiva di carriola. I pm hanno tempo da perdere

di Gaetano Pedullà

Il reato ipotizzato dovrebbe essere quello di detenzione abusiva di carriola. Non è chiaro a quanto ammonti la pena prevista, a parte la gogna mediatica rafforzata dal fatto che l’indagato è il padre di un vicepresidente del Consiglio. La vicenda è microscopica e persino surreale in un Paese dove gli abusi edilizi hanno massacrato il territorio e le ecomafie si sono riempite le tasche infilando migliaia di tonnellate di rifiuti in buche aperte senza che nessuno si accorgesse di niente. Al centro c’è il piccolo imprenditore Antonio Di Maio, già sdegnosamente segnalato alle cronache per aver assunto un paio di lavoratori in nero, al quale hanno trovato una carriola e quattro calcinacci dentro un suo terreno di campagna.

Una situazione identica a quella di gran parte dei proprietari di piccoli giardini, ma che nel caso specifico ha fatto scattare l’apertura di un procedimento da parte della Procura di Nola per deposito incontrollato di rifiuti. Un atto probabilmente dovuto dopo l’accertamento della polizia municipale nell’appezzamento di terreno attiguo alla vecchia masseria della famiglia Di Maio nel Comune napoletano di Mariglianella. Una storia che si commenterebbe da sola se non fosse che per gli avversari politici dei Cinque Stelle è la prova provata della disonestà financo del suo leader, mentre per gli attivisti del Movimento si tratta dell’ennesimo riscontro di una guerra portata avanti con ogni mezzo contro il cambiamento politico e i suoi protagonisti.

In mezzo c’è un immenso problema del quale nessuno vuol farsi carico, e cioè l’insostenibilità dell’obbligo dell’azione penale, un principio a garanzia della giustizia uguale per tutti, ma che nelle attuali condizioni della nostra magistratura è solo un ulteriore fattore di negazione dei diritti per chi subisce i torti seri. Infatti, a furia di riempire le Procure con ogni genere di accuse, spesso pretestuose quando non temerarie, alla fine anche i processi importanti finiscono alle calende greche. Il massimo della giustizia, insomma, finisce per determinare il massimo dell’ingiustizia, perché nei processi per le questioni serie troppo spesso è intervenuta la prescrizione, salvando chi ha commesso gravi reati, grazie a un meccanismo che il Governo sta cercando adesso di mitigare, ovviamente in aperto contrasto con gli avvocati.

Ma torniamo alla vicenda della famiglia Di Maio, che nelle ultime settimane è stata gettata in pasto all’opinione pubblica come è giusto che sia nel caso dell’accertamento di gravi responsabilità. Nella storia di cui parliamo questi fatti gravi però non ci stanno, a meno di voler considerare la detenzione di una carriola come abuso, sia questo di carattere edilizio che ambientale. Quello che resta, anche grazie alla facile strumentalizzazione di un’inchiesta che i magistrati avranno dovuto aprire controvoglia, è il barbaro accostamento che si sta facendo sui social network e su qualche giornale palesemente schierato contro i Cinque Stelle, mettendo nello stesso calderone Di Maio padre e chi ha commesso giganteschi illeciti. Poco importa se poi c’è una siderale differenza tra vicende come quelle che coinvolgono la famiglia del vicepremier M5S e le angherie di chi ha avvelenato i terreni provocando fenomeni come la terra dei fuochi o l’impennata delle malattie scatenate dall’inquinamento. Un gioco banale, che prova a mettere sullo stesso crinale faccende minuscole e scandali veri, magari giocando sul fatto che sul piano delle responsabilità è pari e patta tra i papà di Renzi e Boschi e quello di Di Maio.

Nella grande confusione mediatica passa così il messaggio che la famiglia di Di Battista non paga i dipendenti alla stessa stregua di quegli imprenditori che girano in fuoriserie e nascondono i soldi all’estero, livellando fatti e atteggiamenti che nulla hanno a che vedere tra loro. Una caccia alle streghe che vede persino autorevolissimi giornali in prima fila, impegnatissimi a stringere le meningi per sfornare titoli come “Indagato Di Maio, svolta nelle indagini” rilanciato sulla rete web a sprezzo del ridicolo. D’altra parte il giornalismo è ormai sempre più una prosecuzione della contesa politica ma con altri mezzi. Un compito anche legittimo se però è dichiarato e alla luce del sole. Cosa che invece spesso non accade, e nella grande piazza di Internet fa il gioco di chi ha tutto da guadagnare nel confondere mele e pere, buoni e cattivi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La musica stonata dell’Ocse

Non ne indovina una neanche per sbaglio, se dice qualcosa sull’Italia è solo per annunciare sventure, e non si ricorda la benché minima autocritica sull’austerità economica che ci canta su spartito del Fondo monetario e con la partecipazione di tutto il coro del rigore. Parliamo dell’Ocse, un’organizzazione con sede a Parigi e dalle cui fila…

Continua

I garantisti ostaggio dei complici

Adesso si aspetta pure le scuse Luca Lotti, il fedelissimo renziano che accusa persino il suo partito e quanti altri si illudevano sull’autonomia della magistratura. Registrato mentre confabulava con alcuni consiglieri del Csm per stabilire quali procuratori promuovere e quali trasferire, compreso quello destinato a Roma, determinante nel processo Consip in cui è imputato, Lotti…

Continua

Una cura per politica e toghe

Non facciamo le verginelle. Chi legge un giornale come La Notizia lo fa per essere informato senza quelle censure che la stampa mainstream si infligge da sola, senza dare a chi di dovere neppure il fastidio di nascondere la polvere sotto al tappeto. Dunque diciamolo chiaro: quello che sta emergendo sul Csm è uno di…

Continua

Alitalia fa autorete con Lotito

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa…

Continua

La partita di Conte sarà lunga

Il via libera degli euroburocrati alla procedura d’infrazione contro l’Italia per eccesso di debito è solo l’ultimo tecnicismo di un atto invece tutto politico, che può costarci molto e che il premier Conte adesso ha ampio mandato per trattare. Superate le asprezze della campagna elettorale, i leader di M5S e Lega hanno ritrovato il collante…

Continua

Attenzione ai veri barbari

L’hanno chiamata norma “Salva-Roma”, come se una città sopravvissuta per 2.700 anni a ogni flagello di Dio possa soccombere proprio adesso che a governarla ci stanno quei “barbari” dei 5 Stelle. Messo da parte lo slogan ad effetto, il sostegno finanziario approvato ieri in Parlamento darà una mano alla Capitale e a chi la frequenta,…

Continua

La fuga di Mediaset in Olanda pagata dagli italiani

L’operazione è giustificata da un riassetto societario delle tv in Italia e Spagna, ma il trasloco di Berlusconi in una nuova holding olandese svela almeno tre problemi rilevanti per il nostro Paese. Il primo è che il guaio della nostra economia non sono le delocalizzazioni nei mercati extracomunitari o negli Stati Ue di frontiera, dove…

Continua

Macron il sovranista camuffato

Doveva essere il matrimonio – d’interessi – più sontuoso dell’anno e invece siamo già al divorzio, ancor prima di cominciare, e con lo strascico di polemiche tipico di queste rotture. Fca, cioè la Fiat scappata all’estero e con in pancia Chrysler, non si fonderà con Renault, ufficialmente per decisione dei marchi giapponesi Nissan e Mitsubishi…

Continua

Vediamo chi pugnala il premier

Se guardi troppo a lungo l’abisso poi è l’abisso che guarda dentro di te, diceva Friedrich Nietzsche. Ed esattamente così, dopo una campagna elettorale europea quanto mai velenosa, il gelo nei rapporti personali e il rischio di un pericolosissimo salto nel vuoto, il premier Conte ha avvisato i due azionisti del Governo sulla mostruosità alla…

Continua

Quello che Visco non ci dice

L’Italia è sotto attacco della speculazione finanziaria. Non è una novità. Quando avevamo la liretta ci bastonavano tutti, con casi proverbiali come quello di George Soros, oggi paladino e finanziatore dei partiti europeisti. Nel 1992 questo signore distrusse la nostra moneta, trasferendo nel famoso “mercoledì nero” cifre astronomiche dalle nostre tasche alle sue. A colpirci…

Continua