Così l’Ue non ci porta lontano

di Gaetano Pedullà

di Gaetano Pedullà

La risposta più chiara l’ha data il mercato: avesse creduto davvero che Juncker sbloccava 315 miliardi ieri le Borse quanto meno sarebbero schizzate. Non è accaduto invece nulla di tutto questo, e non solo perché il piano della Commissione si sta rivelando enormemente più modesto, fermandosi a sedici miliardi più altri cinque provenienti dalla Banca europea degli investimenti. Si punterà in sostanza sull’effetto leva, utilizzando queste somme per attivare un multiplo di risorse nazionali e private (fino a 15 volte nella fin troppo ottimistica previsione Ue). Il punto debole è dunque questo: l’eterna incertezza tra Stato e libero mercato. Il nostro ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, l’ha messa in termini di collaborazione virtuosa. Si mobilitano risorse pubbliche per rilanciare gli investimenti privati. Più esplicitamente, “di fronte al fallimento del mercato c’è bisogno di un’azione pubblica”. Un concetto che fa a pugni con l’evidenza dei fatti: la crisi che ha messo in ginocchio l’Europa è la crisi del debito pubblico, mica di quello dei privati, che semmai sono stati trascinati nel baratro da vari fattori. A trascinare sul baratro l’economia è stata infatti una insostenibile pressione fiscale, il blocco delle commesse pubbliche, il mancato pagamento delle forniture da parte delle pubbliche amministrazioni e il controllo politico sulla moneta, attraverso la soppressione dei trattati che obbligano la Bce a difendere l’Europa e non solo alcuni Paesi, senza in ogni caso restare inerte di fronte a un decadiemnto del quadro generale tale da farci cadere in deflazione. Tutte condizioni che dunque hanno fatto fallire il mercato non per colpa del mercato stesso, ma per un pubblico che ha sprecato e soprattutto ha dato dimostrazione di non saper spendere neppure le risorse disponibili.

RISORSE VIRTUALI
Naturale quindi avere più di qualche perplessità sulla capacità di utilizzare le risorse virtuali che questa Europa ci vuol far credere di possedere. Se l’annuncio è servito ai politici per riempirsi la bocca di slogan – del tipo: abbiamo lasciato alle spalle l’austerità – di fatto la Commissione ha usato esattamente uno di quei tecnicismi che solo ventiquattrore prima il Papa proprio a Strasburgo aveva chiesto con voce ferma di superare. E al dunque, non solo non avremo le risorse per uscire dalla crisi, ma si sta tornando a insinuare una cultura pubblicistica che ha perso ogni appuntamento con la storia.

BILANCI IN ROSSO
Se la situazione è drammatica e dunque nell’emergenza ha senso scorporare gli investimenti dal debito sovrano, non si può dimenticare che l’economia europea (e italiana in particolare) è morta di troppo Stato. I buchi di bilancio lasciati dai conglomerati industriali pubblici ce li porteremo dietro per decenni. Quando la ricetta sarebbe semplice – detassare gli investimenti privati, fornire garanzie burocratiche e certezza del diritto alle imprese – si ripercorrono strade antiche che hanno sempre dimostrato di non spuntare da nessuna parte. Lo Stato che paga, che controlla, che si fa carico di ogni spesa fuori luogo diventa così l’idea di fondo di un’Europa che arriva all’assurdo di condannare l’Italia ad assumere in una botta sola 250 mila insegnanti precari. La nostra scuola – il più grande stipendificio del Paese – zavorrata da un’altra infornata di personale che i conti pubblici non si possono permettere. Con idee così vecchie e confuse è difficile quindi essere ottimisti e se la Banca centrale – l’unico player che può ancora salvare le cose – non si toglie di dosso la camicia di forza germanocentrica e si mette a stampare bilioni, presto o tardi l’unica alternativa per non morire sarà quella di uscire dall’Eurozona. Una corsia verso la quale Juncker, Merkel & C. ci stanno portando giorno dopo giorno.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un’infinita ipocrisia sulle banche

Maria Elena Boschi non si può dimettere. Non può farlo perché toglierebbe il giochino preferito ai suoi nemici, ma soprattutto perché arrendersi significherebbe ammettere di aver favorito la sua famiglia nel crollo di Banca Etruria, mentre da quanto emerso finora non c’è la pistola fumante e nemmeno una pallottola che provi tale accusa. Non ha…

Continua

Gentiloni e gli auguri migliori

Ci sono compleanni in cui c’è poco da festeggiare. Ma per il primo anno di Governo Gentiloni non è stato possibile trovare un solo fatto qualificante del suo Esecutivo, se non l’essere sopravvissuto. Lasciamo perdere gli effetti speciali a cui ci aveva abituato Renzi, roba come il Jobs Act, che solo a parlarne ci sentivamo…

Continua

Non giocare col fuoco palestinese

Il conto da pagare è arrivato subito, e solo il dilettantismo del fanatico di turno ha evitato l’ennesima strage. La bomba esplosa ieri a New York poteva fare infatti ben altri danni, aggiungendo altro sangue a quello versato nello scorso fine settimana in Cisgiordania, con due morti e centinaia di feriti per la sollevazione palestinese…

Continua

Il lettone di Putin per Grillo

Ora che sappiamo dal vice di Obama che la Russia aiutava elettoralmente la Lega e i Cinque Stelle abbiamo più chiaro perché i democratici sono stati accompagnati fuori dalla Casa Bianca. Per noi ingenui lettori delle cose internazionali, il monarca assoluto di Mosca, Vladimir Putin, regalava lettoni per nottate eleganti a Berlusconi e non a…

Continua

Intolleranza e nuovi fascismi: la Democrazia non è infrangibile

Diciamo la verità: il capo della polizia Franco Gabrielli che definisce il blitz di Forza nuova a Repubblica più grave della bomba esplosa davanti alla caserma dei carabinieri a San Giovanni ci ha ricordato quei filmetti anni ’80 con Lino Banfi sulla mitologica rivalità tra le nostre forze dell’ordine. I due episodi di questi giorni…

Continua

La mafia non è il cacao meravigliao

Diciamo subito che questa storia più che odorare di caffè puzza di bufala. La figlia di Totò Riina, che non ha ancora finito di piangere il padre e si mette a commercializzare un marchio di caffè con il nome del poco illustre genitore è la classica boutade da buontemponi della rete. Che si tratti però…

Continua

Sul credito più politica che verità

Quando parte l’onda giustizialista non importa se si è guardie o ladri, e nemmeno magistrati. La folla mandò in croce Gesù Cristo, figuriamoci se si prende pena per chi è immaginato come un potente, capace di difendersi da se, quando non di mandare al rogo i suoi nemici. E invece la gogna messa al procuratore…

Continua

Più del Pil cresce il rancore

La forbice che si allarga tra ricchi e poveri taglia ogni argomento di chi gioisce per la minuscola ripresa economica. Sarà pur vero che il prodotto interno è aumentato dell’uno e cocci per cento, ma come nella media di Trilussa sul pollo mangiato a testa da ciascuno, c’è chi ha fatto indigestione e chi non…

Continua

Perseguitare il Cavaliere ne fa un eroe

I processi a Berlusconi non finiscono mai. Che lo riteniate un santo o il male assoluto, non si sfugge dal fatto che un Paese civile non può tenere quattro tribunali e altrettante Procure impegnate otto anni per gli affari di letto di un signore che oggi di anni ne ha 81. Un caso giudiziario che…

Continua

Sul fine vita pure il Pd è indecoroso

Figuriamoci se a un giornale come La Notizia non piaccia da morire il politicamente scorretto, ma quella di Matteo Salvini sul fine vita è una delle battute più infelici pronunciate da un leader di partito negli ultimi anni. Spiegandoci che preferisce occuparsi di vivi e non di morti, il segretario della Lega abdica per manifesta…

Continua