Così l’Ue non ci porta lontano

di Gaetano Pedullà

di Gaetano Pedullà

La risposta più chiara l’ha data il mercato: avesse creduto davvero che Juncker sbloccava 315 miliardi ieri le Borse quanto meno sarebbero schizzate. Non è accaduto invece nulla di tutto questo, e non solo perché il piano della Commissione si sta rivelando enormemente più modesto, fermandosi a sedici miliardi più altri cinque provenienti dalla Banca europea degli investimenti. Si punterà in sostanza sull’effetto leva, utilizzando queste somme per attivare un multiplo di risorse nazionali e private (fino a 15 volte nella fin troppo ottimistica previsione Ue). Il punto debole è dunque questo: l’eterna incertezza tra Stato e libero mercato. Il nostro ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, l’ha messa in termini di collaborazione virtuosa. Si mobilitano risorse pubbliche per rilanciare gli investimenti privati. Più esplicitamente, “di fronte al fallimento del mercato c’è bisogno di un’azione pubblica”. Un concetto che fa a pugni con l’evidenza dei fatti: la crisi che ha messo in ginocchio l’Europa è la crisi del debito pubblico, mica di quello dei privati, che semmai sono stati trascinati nel baratro da vari fattori. A trascinare sul baratro l’economia è stata infatti una insostenibile pressione fiscale, il blocco delle commesse pubbliche, il mancato pagamento delle forniture da parte delle pubbliche amministrazioni e il controllo politico sulla moneta, attraverso la soppressione dei trattati che obbligano la Bce a difendere l’Europa e non solo alcuni Paesi, senza in ogni caso restare inerte di fronte a un decadiemnto del quadro generale tale da farci cadere in deflazione. Tutte condizioni che dunque hanno fatto fallire il mercato non per colpa del mercato stesso, ma per un pubblico che ha sprecato e soprattutto ha dato dimostrazione di non saper spendere neppure le risorse disponibili.

RISORSE VIRTUALI
Naturale quindi avere più di qualche perplessità sulla capacità di utilizzare le risorse virtuali che questa Europa ci vuol far credere di possedere. Se l’annuncio è servito ai politici per riempirsi la bocca di slogan – del tipo: abbiamo lasciato alle spalle l’austerità – di fatto la Commissione ha usato esattamente uno di quei tecnicismi che solo ventiquattrore prima il Papa proprio a Strasburgo aveva chiesto con voce ferma di superare. E al dunque, non solo non avremo le risorse per uscire dalla crisi, ma si sta tornando a insinuare una cultura pubblicistica che ha perso ogni appuntamento con la storia.

BILANCI IN ROSSO
Se la situazione è drammatica e dunque nell’emergenza ha senso scorporare gli investimenti dal debito sovrano, non si può dimenticare che l’economia europea (e italiana in particolare) è morta di troppo Stato. I buchi di bilancio lasciati dai conglomerati industriali pubblici ce li porteremo dietro per decenni. Quando la ricetta sarebbe semplice – detassare gli investimenti privati, fornire garanzie burocratiche e certezza del diritto alle imprese – si ripercorrono strade antiche che hanno sempre dimostrato di non spuntare da nessuna parte. Lo Stato che paga, che controlla, che si fa carico di ogni spesa fuori luogo diventa così l’idea di fondo di un’Europa che arriva all’assurdo di condannare l’Italia ad assumere in una botta sola 250 mila insegnanti precari. La nostra scuola – il più grande stipendificio del Paese – zavorrata da un’altra infornata di personale che i conti pubblici non si possono permettere. Con idee così vecchie e confuse è difficile quindi essere ottimisti e se la Banca centrale – l’unico player che può ancora salvare le cose – non si toglie di dosso la camicia di forza germanocentrica e si mette a stampare bilioni, presto o tardi l’unica alternativa per non morire sarà quella di uscire dall’Eurozona. Una corsia verso la quale Juncker, Merkel & C. ci stanno portando giorno dopo giorno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Non dateci un leader di cartapesta

Ieri i click sul computer per i 5 Stelle, oggi e domani i banchetti della Lega. Il nuovo bon ton della democrazia impone che qualche decimale dei milioni di elettori dei partiti decidano per tutti. I cittadini si sentono più coinvolti e i leader più forti. In realtà i primi fanno solo da spettatori ai…

Continua

Dopo lo spread, il calo di Mps. E Padoan usa i mercati per affossare l’intesa tra Lega e M5S

I mercati continuano a dare segni di nervosismo e lo spread che ci fa pagare più interessi sul debito pubblico prosegue la sua corsa. Si tratta di una evidente ritorsione dei nostri creditori contro la nascita di un Governo Lega-Cinque Stelle che vuole ridiscutere su parte delle esposizioni finanziarie dello Stato. Un’ingerenza vergognosa sul nostro…

Continua

Un Paese ostaggio dei mercati

Opss… l’hanno fatto di nuovo. I grandi finanzieri che possono vendere i nostri titoli di Stato per miliardi hanno ricominciato a bastonarci con lo spread. Un film già visto nel 2011, quando i mercati proprio con questo espediente licenziarono l’ultimo Governo Berlusconi, consegnandoci attraverso il presidente Napolitano al salasso del successivo premier Mario Monti. In…

Continua

Bruxelles che ci umilia si suicida

Se c’erano perplessità sulla nascita di un governo tra le due forze politiche con più consenso oggi nel Paese, degli oscuri burocrati europei ci hanno tolto ogni dubbio. Chi ancora si illude che l’Unione sia una comunità tra Stati con gli stessi diritti prenda atto che a Bruxelles pensano tutta un’altra cosa. L’Italia non solo…

Continua

Una chance a M5S e Lega è doverosa

Diciamolo: la gente della strada vuole vedere all’opera Di Maio e Salvini. Non saranno i personaggi più raffinati e politicamente corretti che conosciamo ma proprio il loro populismo li ha fatti diventare un fedele specchio del Paese. Naturale che dal vecchio establishment politico ed economico sia partito il fuoco di sbarramento. Meno comprensibile è il…

Continua

Ora si può parlare di riforme

Paradossi della politica: ci volevano i Cinque Stelle per fare di Berlusconi uno statista a cui per la prima volta diranno grazie tutti. Accettando il passo indietro imposto da Di Maio, il Cavaliere permetterà la nascita dell’unico Governo possibile con le forze parlamentari che abbiamo. Un Esecutivo di impronta populista, sicuramente più in sintonia con…

Continua

Basta rischi sui servizi pubblici

L’autobus che brucia in pieno centro a Roma è l’immagine perfetta di come è ridotta la città. I servizi pubblici sono in una condizione di degrado mai vista. Chiariamo subito: la colpa di tutto questo non è solo del sindaco Raggi e della sua parte politica, che in quasi due anni portano a casa risultati…

Continua

La strada che riporta alle urne

Vediamo se tocca perdere una scommessa e pagare dazio per aver assicurato a destra e manca che i nostri neoeletti parlamentari col cavolo segheranno l’albero sul quale si sono appena seduti. Abituati come siamo a vedere lapidata la coerenza verso gli elettori con menate varie – tipo ce lo chiede l’Europa – non avevamo ben…

Continua

Vanno sentite le basi o è un golpe

Verrebbe da dire: “contento lui..”. La missione del presidente della Camera Roberto Fico conclusa a suo parere con esito positivo, di fatto non porta a casa niente, se non due partiti mai stati tanto divisi al loro interno. I Cinque Stelle, dove uno varrebbe uno, ma poi nei fatti contano due – Grillo e Casaleggio…

Continua

La coerenza o il potere, che derby nel Pd!

Quando non c’è amore più grande del potere pure la dignità può diventare un optional. Nel Pd ancora a trazione renziana, asserragliato da quasi due mesi sull’Aventino e finora graniticamente contrario a qualunque accordo con i Cinque Stelle, l’incarico dato dal Capo dello Stato a Fico mette il partito davanti a un bivio: accordarsi con…

Continua