Dalle Br in tv agli insulti a Biagi. Le vie del Terrore sono infinite

di Gaetano Pedullà

Se fare i figli delle vittime è un mestiere, girovagare da una tv all’altra rivendicando quella stagione è una vergogna. E talvolta – seppure camuffato dalla ricostruzione storica – anche un crimine che il nostro codice definisce apologia di reato. Sulla incomprensibile indulgenza verso questa riabilitazione postuma di assassini rimbecilliti da ideologie più imbecilli di loro, si è detto molto in questi giorni, ricorrendo i 40 anni dal rapimento di Aldo Moro. Questo giornale è stato tra i primi a porre il caso, con un editoriale del Direttore del Centro di Ricerca su Sicurezza e Terrorismo, Ranieri Razzante. Le trasmissioni previste sono andate però regolarmente in onda e l’indignazione generale di fronte alla faccia tosta dell’ex brigatista rossa Barbara Balzerani ha finito per dare persino più pubblicità alle ragioni di chi spinse il grilletto su uomini e donne che hanno sacrificato la loro vita allo Stato. I fatti d’altra parte sono lontani, e dopo tanto tempo i frutti velenosi apparsi all’inizio degli anni Settanta (ma con le radici piantate nel Sessantotto) possono sembrare meno letali. Un errore assoluto. Persino in questi anni di disimpegno, dove una cantante in voga tra i giovanissimi come Levante canta candidamente che in piazza si va al massimo per portarci a spasso il cane, far passare certi concetti deposita pericolose tossine in grado di scatenare nuove dolorose malattie. È il caso visto ieri a Modena, dove a 16 anni dalla morte del giuslavorista Marco Biagi sono apparse scritte inneggianti all’assassino.

Di scritte infamanti sui muri ne appaiono quasi ogni giorno. Se la madre degli imbecilli è sempre incinta, quella dei codardi grafomani sul cemento delle città deve depositare più larve delle zanzare. Anarchici (quasi sempre con le idee confuse), provocatori, disadattati e molto spesso poveri fancazzisti, ci deliziano con svastiche, falci e martello, minacce e volgarità. Quando il clima generale si fa però incandescente, più che sporcare i muri si sporcano le menti. E la nostra comunità torna in pericolo. Chi ha scritto sui viali dell’ateneo emiliano “1000 Biagi”, oppure il penoso “Marco Biagi non pedala più”, per non parlare “dell’onore a Marco Galesi” (uno degli assassini del professore) cerca l’emulazione, la rivolta a qualunque costo contro regole che non si ha la capacità democratica di far cambiare, semmai andassero cambiate. In quell’inchiostro infatti c’è lo stesso piombo usato il 19 marzo 2002 dalle Nuove Brigate Rosse in via Valdonica, a Bologna, il sangue di tutte le vittime degli anni di piombo, l’ipocrisia di chi condanna per facciata ma poi strizza l’occhio a certi ambienti. Perfetti modelli dell’incoerenza che in questo Paese serve a far carriera. Come si affronta tutto questo odio? Per prima cosa ascoltando, e per dignità cominciando da chi ha pagato il prezzo di un familiare ucciso.

SCORTA REVOCATA

Il figlio di Biagi, Lorenzo, in tal senso ieri è stato lapidario: “il monopolio della parola non lo vogliamo avere noi vittime, ma non lo dovrebbero avere di certo loro che sono solamente degli assassini e dovrebbero tacere e basta”. E ancora: “Essendo una persona molto credente, non provo odio nei confronti di nessuno e neanche nei confronti degli assassini di mio padre però ovviamente non li perdono neanche perché mio padre non l’ho più e questo rimarrà così per sempre”. Lorenzo Biagi è tornato  anche sul tema della mancata scorta, ricordando che il padre aveva una protezione fino a pochi mesi prima di essere ucciso, sino a novembre del 2001. Per cui non è senza senso che chi ha deciso di toglierla abbia sottovalutato il pericolo.

PERSEVERARE E’ DIABOLICO

A fronte di quella stagione di violenza politico-sindacale, che ha avuto proprio in Biagi una delle ultime vittime, dopo le voci dei parenti vanno sentite anche le istituzioni, la cultura, chi ha studiato quella lunga scia di sangue, senza escludere i protagonisti negativi che hanno parlato all’epoca con le P38 e oggi possono farlo ancora con le loro farneticazioni, la cui diffusione va garantita verso chiunque sia in grado di capirne il senso o perlomeno l’intenzione, e non certo diffuse su larga scala per inculcare alle menti più semplici (o più calde) chissà quale finta idea romantica di giusta rivoluzione contro il sistema sfruttatore. Quella miserabile nostalgia per la vita spezzata di un uomo apparsa ieri sui muri di Modena è un gioco che sappiamo dove porta. Ricascarci sarebbe diabolico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua

Uno Stato che spreca ancora

La libertà di stampa e il valore del giornalismo non sono in discussione. Concetti che noi della Notizia sosteniamo da sempre e che ieri abbiamo potuto ribadire sul Blog delle stelle, cosa per la quale ringraziamo il Movimento Cinque Stelle. Ma questa libertà serve a ben poco, come un conto vincolato in banca, se non…

Continua