De Benedetti, l’autogol delle toghe

di Gaetano Pedullà

Se l’Italia è il Paese dei furbi che conosciamo parte della colpa è di una Giustizia che si fa fatica a comprendere, oltre che sentire giusta. E come credere davvero che la Legge sia uguale per tutti quando sentiamo da una parte il pm Di Matteo risalire agli Assiri e ai Babilonesi pur di incastrare Berlusconi, a corollario della presunta trattiva tra Stato e mafia, mentre altri magistrati con in mano la limpida intercettazione di De Benedetti che fa quattrini utilizzando informazioni privilegiate è istantaneamente perdonata? Per chi non fa partigianerie pro o contro il Cavaliere (ma anche pro o contro i magistrati, e quelli di Palermo che indagano su Arcore ancora di più), è impossibile non sentire nei tribunali due pesi e due misure. Con situazioni che finiscono per diventare grottesche – per quanto tecnicamente dovute – come la decisione della Procura di Roma di indagare su chi ha fatto arrivare ai giornali la conversazione del presidente onorario di Repubblica e Stampa col suo broker, coperta dal segreto istruttorio. Si guarda insomma al dito per non vedere la luna, con l’aggravante di accomunare ben altre e più mirate fughe di notizie che hanno coinvolto i comandi di Carabinieri, Guardia di Finanza e il magistrato Woodcock (sul quale è stata chiesta l’archiviazione) e persino i Servizi segreti, facendo sorprendentemente comparire nel cataclisma della Popolare di Vicenza informazioni sulle spese dei nostri apparati di sicurezza che odorano tanto di regolamento di conti tra 007 a un giro d’isolato dal cambio dei vertici.

Fuggano pure come gli pare, ma da direttore di un quotidiano che non fa certo giornalismo d’agenzia – e dunque fatica molto nel cercare prima di altri le informazioni, prendendosi a raffica pressioni e querele – non ho dubbi sull’obbligo di pubblicare sempre le notizie, a patto però di non diventare la clava con cui qualche interessato (soprattutto all’anonimato) vuol bastonare un suo nemico. La trasparenza è d’altra parte la maggiore forma di rispetto verso i lettori, e questo non perché lo dica prima di tutti il Codice deontologico della professione, ma perchè a pagina uno dell’eredità che ci ha lasciato un grande maestro come Indro Montanelli c’è scritto che i giornalisti hanno un solo vero editore: il lettore. Purtroppo però non viviamo nel migliore dei mondi possibili, e le carte riservate ormai girano come aquiloni, anche se volendo alcune misure di protezione ci sono. In una conversazione personale con il Procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri su un’intervista a Giovanni Minoli, su Radio 24, mi è stato spiegato limpidamente come certe fughe di notizie durante inchieste delicate possano avere dietro soltanto due manine: o quella del pm o quella dell’autorità di polizia giudiziaria che lavora per il pm stesso. Se le carte appaiono all’improvviso sui giornali e a farle uscire è stato il magistrato, la cosa finisce lì. Se invece è stata l’autorità di polizia giudiziaria (possono essere Carabinieri, Fiamme gialle, ecc.) allora un qualunque pm in disaccordo revocherebbe subito il mandato, scegliendo altri e più “abbottonati” collaboratori. Quante volte abbiamo visto di questi comportamenti? Non c’è bisogno di fare fatica inutile sforzando la memoria se non viene in mente nessun caso.

Nella vicenda della telefonata tra De Benedetti e il suo broker – circostanza che al di là dei possibili aspetti penali (c’è una richiesta di archiviazione ancora non concessa) fa fare all’ex editore di Repubblica certamente una non meravigliosa figura – c’è poi la consegna delle carte secretate al Parlamento, alla Commissione bicamerale d’inchiesta sulle banche guidata da Pier Ferdinando Casini. Tutti i componenti della Commissione – 20 deputati e 20 senatori – avevano il fascicolo inviato correttamente dal Procuratore Pignatone dopo l’audizione dell’allora presidente Consob, Giuseppe Vegas. Oh trovalo chi ha passato i documenti ai giornalisti! La Giustizia dunque farà il suo corso aprendo il milionesimo fascicolo che resterà a carico di ignoti, così però facendo scendere più in basso, nella montagna di incartamenti, le altre fughe di notizie decisamente più facili da accertare. I furbi che si prendono gioco delle regole di questo Paese e dei tribunali, segnano un altro punto a loro favore.

Commenti

  1. honhil

    Se la spacconata debenedettiana non è una fake news, e non lo è, essendo stato già ampiamente accertato che erano membri del governo in carica a tessere la trama del pleid che avrebbe riparato le spalle di Carlo De Benedetti dalle intemperie improvvise che si scatenano in Borsa, che aspettano le procure competenti ad aprire la relativa pratica, in ottemperanza all’obbligatorietà dell’azione penale? Dato che, indubitabilmente, dietro a quel comportamento anomalo, c’è più di un reato. A meno che le procure non sposino la tesi che i ministri di un governo in carica abbiano, tra le loro tantissime incombenze, anche l’obbligo istituzionale di fare da tutor alla tessera n.1 del Pd. Ma se così è, alfine di tranquillizzare tutti quegli italiani distratti che questo passaggio parlamentare si sono persi, ne diano adeguata informazione. Tuttavia, in questo gioco delle tre carte molto amato dalle toghe, è sconcertante che il Presidente dello Stato si limiti soltanto a fare il gatto soriano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Governo dalla parte degli italiani

Tre settimane sono nulla per fare un bilancio, ma l’aria che tira sui primi passi del Governo è quella tipica della luna di miele. Chi aspetta al varco Di Maio e Salvini, obietta subito che questi due non hanno mai smesso di fare campagna elettorale. Dunque siamo ancora sul terreno delle promesse, mentre di fatti…

Continua

Un condono necessario per ripartire

Non ci sono molti modi per far ripartire l’Italia. E non illudiamoci che sarà l’Europa a toglierci dai guai, permettendoci politiche economiche espansive o nuove spese in deficit. Dunque tocca solo a noi rimboccarci le maniche per creare ricchezza e occupazione. Uno sforzo già sovrumano visto che non ci facciamo mancare niente in termini di…

Continua

Le priorità non possono attendere

Spararle grosse non è mai un bel gesto verso gli elettori, ma nelle campagne elettorali bisogna prima di tutto vincere e quindi passi che si abusi. D’altra parte, in Italia di promesse irrealizzabili ne abbiamo sentite sempre così tante da esserci affezionati a questo andazzo, a tal punto da berci qualunque amenità, come capì bene…

Continua

Finti razzisti e ipocriti certificati

Se i risultati dei vertici internazionali si misurassero dall’intensità di sorrisi e strette di mano, quello di ieri tra Conte e la Merkel sarebbe poca cosa rispetto ad altri faccia a faccia tra la stessa cancelliera e nostri premier come Monti, Renzi e Gentiloni, giusto per fermarci agli esempi più recenti. Tutti incontri chiusi con…

Continua

Un silenzio da Prima Repubblica

L a natura differente dei Cinque Stelle. Differente dai vecchi partiti maneggioni, da chi governa e dice una cosa mentre ne pensa un’altra, dalla politica che nasconde la verità, trattando i cittadini come sudditi. Ecco perché il Movimento è diventato rapidamente un gigante nei consensi, fino a conquistare il Governo del Paese. Ora è chiaro…

Continua

L’intrallazzo Capitale non perdona

Sarebbe bene leggerle le 288 pagine dell’ordinanza che chiude la partita sullo stadio della Roma. Nelle intercettazioni della Procura c’è un concentrato dell’intrallazzo Capitale. Palazzinari che pagano per pilotare politici e burocrazia, consulenti che si spartiscono mazzette, esponenti di partito perennemente col cappello in mano: un film già visto, dove l’unica novità è che stavolta…

Continua

Un cinico traballante all’Eliseo

Inutile perdere troppo tempo sulle parole rivolte dal presidente francese Macron all’Italia per la vicenda della nave Aquarius. Come vedete accanto lo chiamiamo Micron, e abbiamo detto tutto. Quello che ci interessa di più è capire come sia possibile che l’enfant prodige della nuova politica trasversale ai tradizionali partiti di destra e sinistra sia arrivato…

Continua

La finta solidarietà di Madrid

Perdevamo colpendo uniti ai tempi delle crociate, a maggior ragione perdiamo oggi facendo tutta Europa di testa propria. Nella penosa vicenda della nave Aquarius, un esercito di poveri africani armati solo di fame e disperazione ha sbaragliato gli opulenti Paesi al di qua del Mediterraneo, carichi di egoismi e protagonismi, arrivati a livelli di disumanità…

Continua

Buona la prima di Conte al G7. L’Italia torna a contare nel mondo

Qualche decina di acuti frequentatori dei social network, quasi tutti dichiaratamente grillini, ieri ci ha duramente criticato per aver rivelato che alcuni ministri hanno rapporti forti con gli Stati Uniti. L’argomento è stato scambiato per un velleitario tentativo di screditare il Governo, quando invece da una tale informazione si evince che il premier e la…

Continua

Un giusto segnale alle imprese

Ora che ne ha meno bisogno, chissà quando Beppe Grillo offrirà una delle sue pastiglie di Maalox a Vincenzo Boccia e tutto il blasonato stato maggiore della Confindustria. Aver visto il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio che promette mari e monti all’assemblea della Confcommercio, mentre alla stessa messa cantata degli industriali c’è andato…

Continua