Disoccupati, cari Padoan e Poletti: c’è poco da far festa

di Gaetano Pedullà

Aumenta la disoccupazione e il Governo festeggia. Non è un paradosso, ma esattamente quello che è successo ieri, con tweet trionfalistici e lunghi articoli dei giornali amici, a partire da Repubblica ormai diventato epigono della Pravda. Il tasso di disoccupazione che a marzo era dell’1,4% ad aprile è salito all’1,7%. Nulla di cui preoccuparsi, secondo i ministri Padoan e Poletti, che hanno attribuito questo aumento di chi è senza lavoro ad una parallela diminuzione dei cosiddetti inattivi, cioè di coloro che un lavoro non ce l’hanno e fino a ieri neppure lo cercavano.

Ora è chiaro a tutti che il criterio di individuazione degli inattivi è tipicamente statistico, e un po’ come avviene con il famoso pollo di Trilussa questi disoccupati totalmente sfiduciati fanno gioco per dimostrare una realtà che non c’è. La circostanza che un po’ di disillusi si sarebbero messi a cercare lavoro non comprova infatti che in precedenza non si comportassero ugualmente, magari rinunciano a servirsi dei pressoché inutili centri per l’impiego, visto che una recente ricerca ha dimostrato come un giovane su tre trovi lavoro solo grazie a conoscenze familiari e raccomandazioni. Ci sono pure sempre 215 mila occupati in più rispetto a un anno fa, ha ribadito il Governo, ma si tratta di una goccia in un mare. Anzi, di una goccia nel deserto se si considera che in questo anno ci sono state le politiche espansive della Banca centrale europea, il petrolio ai minimi storici (che ha aiutato non poco le imprese) e soprattutto i forti incentivi alle assunzioni. Fattori interni e soprattutto esterni che avrebbero dovuto dare ben altro impulso all’occupazione. Impulsi che non ci sono stati, nonostante le buone intenzioni del Jobs Act, una riforma che ha pagato sin da subito il poco coraggio con cui è stata affrontata.

A questo va aggiunto però un punto debole che resta la vera zavorra del Paese: la mancanza di fiducia in una ripresa solida e duratura. È inutile fare lunghe analisi su quanto pesi aumentare o ridurre dello zero virgola niente un incentivo piuttosto che un altro. Alle imprese si può promettere la luna ma queste torneranno ad assumere e produrre solo se al loro fiuto tornerà a sentirsi l’odore di una ripartenza della domanda, soprattutto interna, e dei consumi. Diversamente si continuerà a spedirci tweet tanto assurdi quanto ipocriti, celebrando giusto qualche posto di lavoro in più in un Paese dove centinaia di migliaia di persone sono disperate, dove il Sud è abbandonato a un po’ di lavoro nero e allo sfruttamento perpetuo di chi ha bisogno di portare a casa giusto qualcosa per mangiare. Un disastro di fronte al quale certi tweet di Padoan e C. dovrebbero solo fare vergognare.

Commenti

  1. Saverio Schinzari

    Fanno le contorsioni questi circensi pur di dimostrare l’indimostrabile. Dovrebbero solo vergognarsi, ma hanno la faccia come il culo, scusate il termine.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Paese senza patrioti

In politica i colpi bassi sono la regola, ma quando c’è di mezzo un grave pericolo per il Paese tutti dovrebbero far quadrato, rinviando a un momento più opportuno le legittime divergenze di interessi e di opinione. Ricordiamo, solo per fare un esempio, come reagirono gli Usa agli attentati dell’11 settembre. Democratici e Repubblicani si…

Continua

Grandi opere, un’analisi tra lealtà e benefici

Nel Paese dove la burocrazia può metterci anni solo per spostare una pratica da un tavolo a un altro, in queste ore c’è chi protesta perché il Governo si è preso pochi mesi per decidere se proseguire o no alcune costosissime opere. Così è stato per il Tap, il gasdotto sottomarino che arriverà in Puglia,…

Continua

L’Europa e i conti senza cuore

Va bene: come ci hanno abbondantemente illustrato diversi giornali, il paragone tra i conti di Italia e Francia non regge, e dunque è giusto che Roma messa molto peggio di Parigi strozzi le famiglie e quel poco di economia che resiste, mentre Macron potrà fare il doppio del nostro deficit per non farsi cacciare dall’Eliseo…

Continua

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua