Disoccupati, cari Padoan e Poletti: c’è poco da far festa

di Gaetano Pedullà

Aumenta la disoccupazione e il Governo festeggia. Non è un paradosso, ma esattamente quello che è successo ieri, con tweet trionfalistici e lunghi articoli dei giornali amici, a partire da Repubblica ormai diventato epigono della Pravda. Il tasso di disoccupazione che a marzo era dell’1,4% ad aprile è salito all’1,7%. Nulla di cui preoccuparsi, secondo i ministri Padoan e Poletti, che hanno attribuito questo aumento di chi è senza lavoro ad una parallela diminuzione dei cosiddetti inattivi, cioè di coloro che un lavoro non ce l’hanno e fino a ieri neppure lo cercavano.

Ora è chiaro a tutti che il criterio di individuazione degli inattivi è tipicamente statistico, e un po’ come avviene con il famoso pollo di Trilussa questi disoccupati totalmente sfiduciati fanno gioco per dimostrare una realtà che non c’è. La circostanza che un po’ di disillusi si sarebbero messi a cercare lavoro non comprova infatti che in precedenza non si comportassero ugualmente, magari rinunciano a servirsi dei pressoché inutili centri per l’impiego, visto che una recente ricerca ha dimostrato come un giovane su tre trovi lavoro solo grazie a conoscenze familiari e raccomandazioni. Ci sono pure sempre 215 mila occupati in più rispetto a un anno fa, ha ribadito il Governo, ma si tratta di una goccia in un mare. Anzi, di una goccia nel deserto se si considera che in questo anno ci sono state le politiche espansive della Banca centrale europea, il petrolio ai minimi storici (che ha aiutato non poco le imprese) e soprattutto i forti incentivi alle assunzioni. Fattori interni e soprattutto esterni che avrebbero dovuto dare ben altro impulso all’occupazione. Impulsi che non ci sono stati, nonostante le buone intenzioni del Jobs Act, una riforma che ha pagato sin da subito il poco coraggio con cui è stata affrontata.

A questo va aggiunto però un punto debole che resta la vera zavorra del Paese: la mancanza di fiducia in una ripresa solida e duratura. È inutile fare lunghe analisi su quanto pesi aumentare o ridurre dello zero virgola niente un incentivo piuttosto che un altro. Alle imprese si può promettere la luna ma queste torneranno ad assumere e produrre solo se al loro fiuto tornerà a sentirsi l’odore di una ripartenza della domanda, soprattutto interna, e dei consumi. Diversamente si continuerà a spedirci tweet tanto assurdi quanto ipocriti, celebrando giusto qualche posto di lavoro in più in un Paese dove centinaia di migliaia di persone sono disperate, dove il Sud è abbandonato a un po’ di lavoro nero e allo sfruttamento perpetuo di chi ha bisogno di portare a casa giusto qualcosa per mangiare. Un disastro di fronte al quale certi tweet di Padoan e C. dovrebbero solo fare vergognare.

  • Saverio Schinzari

    Fanno le contorsioni questi circensi pur di dimostrare l’indimostrabile. Dovrebbero solo vergognarsi, ma hanno la faccia come il culo, scusate il termine.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Più rispetto per sperare nel Colle

L’apparente garbo istituzionale per cui Luigi Di Maio ha ritenuto di informare il Presidente della Repubblica sui nomi dei ministri di un ipotetico Governo M5S in realtà è l’ennesima prova di un imbarbarimento della politica arrivato alla guerriglia in piazza di questi giorni. Poiché non bisogna essere fini costituzionalisti per sapere che i ministri vanno…

Continua

Come si dice in arabo gratitudine?

Una grande riconoscenza comporta molta delicatezza, scriveva alla fine del Seicento Jean de La Bruyère, un moralista francese di cui il sindaco di Olbia Settimo Nizzi evidentemente non conosce gli aforismi. L’idea di intitolare una scuola elementare della sua città alla madre dell’Emiro del Qatar, Al Thani, sta facendo passare gli olbiesi per ingrati e…

Continua

Dopo l’inchiesta di Fanpage.it si accetti l’agente provocatore

Se la prima inchiesta giornalistica in Italia con un agente provocatore tira fuori l’immondizia che stiamo vedendo a Napoli, c’è da pensare che con lo stesso meccanismo consentito ai magistrati viene giù il mondo. Ammetterlo è triste quanto le immagini che inchiodano politici, amministratori pubblici e faccendieri ripresi dalle telecamere nascoste di Fanpage.it mentre si…

Continua

Un piano B alla Rai per Parisi

Nell’intervista di ieri al Corsera il candidato del Centrodestra Stefano Parisi non ha mostrato dubbi: l’avversario da battere per la presidenza della Regione Lazio è solo l’uscente Nicola Zingaretti; Pirozzi non si sa chi rappresenti e la Cinque Stelle Lombardi senza i voti degli elettori moderati non avrà il successo della Raggi. Ben per lui…

Continua

L’illusione dei candidati perfetti

Ma come li hanno scelti i candidati alle elezioni? Solo per la loro dabbenaggine i Cinque Stelle dovrebbero farsi qualche domanda in più su regole interne e capacità di selezionare una classe dirigente in grado di governare. Il caos delle Parlamentarie era apparso subito chiaro, ma da Di Maio in giù era stata promessa una…

Continua

L’Italia paga l’autobus ai tedeschi

La ricetta tedesca contro l’inquinamento può farci sentire idioti per non averci pensato prima: i mezzi pubblici gratis sono un bell’incentivo a mollare l’automobile. Ma risolvere certi problemi è facile quando il conto lo pagano altri. Serve una prova? I teutonici in appena trent’anni hanno fatto quello che l’Italia è ancora lontana dal realizzare dopo…

Continua

Se l’onestà diventa un autogol

Molti elettori (non solo Cinque Stelle) neppure sanno chi era Pietro Nenni, lo storico leader socialista che certificò in modo lapidario come facendo a gara per chi è più puro, è facile che salti fuori qualcuno ancora più puro che ti epura. Un rischio che il Movimento fondato da Grillo corre deliberatamente sin dalla nascita,…

Continua

Toghe sporche e depistaggi. Siamo una Repubblica fondata sull’intrigo

Nel nuovo terremoto giudiziario tra Roma e Messina, come nella vicenda Consip, non si capisce da che parte stanno anche i piani più alti dello Stato. Siamo diventati una Repubblica fondata sull’intrigo? A quanto pare sì. L’inchiesta che scoperchia un sistema di potere capace di pilotare affari per centinaia di milioni, provando persino ad aggiustare…

Continua

Wall Street ci sta avvisando

La ricreazione sta finendo. E la caduta secca di Wall Street, solo ieri andata giù di sei punti, ci avvisa che dobbiamo prepararci a tempi duri. Insieme alla crescita economica, gli Stati Uniti hanno visto salire gli stipendi e con questi anche i prezzi dei beni di consumo e l’inflazione. La conseguenza è che la…

Continua

L’Italia delle riforme impossibili

Fare le riforme in Italia non è difficile, come dice il ministro Franceschini. È impossibile. E chi dice il contrario mente sapendo di mentire, a meno di voler considerare riforme quei brodini annacquati che ci propinano da anni, spesso spacciati per grandi cene gourmet, come nel caso del Jobs Act, giusto per citare il fiore…

Continua