Disoccupati, cari Padoan e Poletti: c’è poco da far festa

di Gaetano Pedullà

Aumenta la disoccupazione e il Governo festeggia. Non è un paradosso, ma esattamente quello che è successo ieri, con tweet trionfalistici e lunghi articoli dei giornali amici, a partire da Repubblica ormai diventato epigono della Pravda. Il tasso di disoccupazione che a marzo era dell’1,4% ad aprile è salito all’1,7%. Nulla di cui preoccuparsi, secondo i ministri Padoan e Poletti, che hanno attribuito questo aumento di chi è senza lavoro ad una parallela diminuzione dei cosiddetti inattivi, cioè di coloro che un lavoro non ce l’hanno e fino a ieri neppure lo cercavano.

Ora è chiaro a tutti che il criterio di individuazione degli inattivi è tipicamente statistico, e un po’ come avviene con il famoso pollo di Trilussa questi disoccupati totalmente sfiduciati fanno gioco per dimostrare una realtà che non c’è. La circostanza che un po’ di disillusi si sarebbero messi a cercare lavoro non comprova infatti che in precedenza non si comportassero ugualmente, magari rinunciano a servirsi dei pressoché inutili centri per l’impiego, visto che una recente ricerca ha dimostrato come un giovane su tre trovi lavoro solo grazie a conoscenze familiari e raccomandazioni. Ci sono pure sempre 215 mila occupati in più rispetto a un anno fa, ha ribadito il Governo, ma si tratta di una goccia in un mare. Anzi, di una goccia nel deserto se si considera che in questo anno ci sono state le politiche espansive della Banca centrale europea, il petrolio ai minimi storici (che ha aiutato non poco le imprese) e soprattutto i forti incentivi alle assunzioni. Fattori interni e soprattutto esterni che avrebbero dovuto dare ben altro impulso all’occupazione. Impulsi che non ci sono stati, nonostante le buone intenzioni del Jobs Act, una riforma che ha pagato sin da subito il poco coraggio con cui è stata affrontata.

A questo va aggiunto però un punto debole che resta la vera zavorra del Paese: la mancanza di fiducia in una ripresa solida e duratura. È inutile fare lunghe analisi su quanto pesi aumentare o ridurre dello zero virgola niente un incentivo piuttosto che un altro. Alle imprese si può promettere la luna ma queste torneranno ad assumere e produrre solo se al loro fiuto tornerà a sentirsi l’odore di una ripartenza della domanda, soprattutto interna, e dei consumi. Diversamente si continuerà a spedirci tweet tanto assurdi quanto ipocriti, celebrando giusto qualche posto di lavoro in più in un Paese dove centinaia di migliaia di persone sono disperate, dove il Sud è abbandonato a un po’ di lavoro nero e allo sfruttamento perpetuo di chi ha bisogno di portare a casa giusto qualcosa per mangiare. Un disastro di fronte al quale certi tweet di Padoan e C. dovrebbero solo fare vergognare.

Commenti

  1. Saverio Schinzari

    Fanno le contorsioni questi circensi pur di dimostrare l’indimostrabile. Dovrebbero solo vergognarsi, ma hanno la faccia come il culo, scusate il termine.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Da Saviano uno spot alle cosche

Leonardo Sciascia, uno dei più grandi intellettuali italiani, mai accusato di aver saccheggiato lavori altrui per i suoi libri, aveva visto giusto: l’antimafia può essere una professione fruttuosa. Un concetto sicuramente chiarissimo a un altro brillante intellettuale come Roberto Saviano, da anni in prima linea contro le cosche, e ciò nonostante protagonista di attacchi durissimi…

Continua

La guerra tra imprese e Di Maio

Il ministro Di Maio e la Confindustria si menano come fabbri. Nulla di imprevedibile: tra le tante cose che i Cinque Stelle hanno promesso di smontare ci sono i privilegi di cui anche gli imprenditori hanno goduto per decenni. Naturale quindi la reazione di chi non vuole perdere i vantaggi acquisiti in faticose trattative con…

Continua

Alla politica servono certi barbari

Li chiamano populisti, rozzi, nuovi barbari. E in effetti M5S e Lega non sono il prototipo di quel politicamente coretto che piace agli establishment. Poi però alla prova della democrazia questi parvenu sono più rispettosi dei loro impeccabili predecessori, così affamati di poltrone da mettere voce in capitolo pure su quelle che sono prerogativa delle…

Continua

Tra i grandi del mondo non ci siamo

Trump e Putin si siedono a tavolino e decidono le sorti del mondo. Certo, il vertice di Helsinki non è Yalta, ma i due non soffrono di sensi di inferiorità rispetto a Napoleone e Carlo Magno, figuriamoci per Roosvelt e Stalin. Quello che ha dell’incredibile è però che possono farlo, spartendosi ciò che gli pare…

Continua

La retorica bugiarda del Paese che non cambia

Il Governo Conte non ha fatto ancora niente, siamo solo agli annunci, i fatti concreti non si vedono. La retorica delle opposizioni all’Esecutivo di M5S e Lega ci sta bombardando con queste parole d’ordine. Ma le cose stanno veramente così? Sfogliamo insieme questo giornale, e non c’è una sola pagina senza prove concrete di un…

Continua

Unione (alcolisti) Europea

L’Europa guidata da un ubriaco. Se qualcuno non avesse capito perché andiamo sempre a sbattere, si guardi le immagini del vertice di ieri tra i Paesi della Nato. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si è presentato talmente fuori controllo da non stare neppure in piedi. Una fotografia tragica per le condizioni di quest’uomo…

Continua

Una nuova lezione dalle urne

Non solo un Pd ai minimi storici e così tramortito da non riuscire a darsi una nuova leadership. Nell’eredità del renzismo c’è il tracollo della Sinistra a ogni latitudine della società italiana, come dimostra anche il tracollo al Csm di quelle che una volta si sarebbero chiamate toghe rosse. La stragrande vittoria di un magistrato…

Continua

Democrazia in deficit nelle banche

A sentire l’Abi, l’associazione delle banche di casa nostra, con l’avanzata del nazionalismo l’Italia può finire in bancarotta come l’Argentina. Certo, il mago Otelma sarebbe stato più capace di prevedere il crollo delle Popolari o del Monte dei Paschi, ma il campanello d’allarme suonato dai banchieri non va comunque sottovalutato, anche perché l’avvertimento segue a…

Continua

Il Colle parli dei soldi della Lega

Hanno parlato di migranti e Libia. Forse anche del caldo che fa. Ma di magistratura neppure un cen- no. Così ci dice il Viminale e il Quirinale non lo smentisce. Dunque perché non crederci anche se il partito di Salvini ha quel problemuccio dei 49 milioni di euro sequestrati per i finanziamenti pubblici spariti ai…

Continua

Una svolta per politici e giudici

Il sottosegretario alla Giustizia Morrone (Lega) ieri sera ha chiarito: quando si è augurato che la magistratura si liberi delle correnti, e soprattutto di quelle della Sinistra, non voleva dire quello che ha detto. Al ministro Bonafede la giustificazione è bastata e dunque tutto bene madama la marchesa! La luna di miele tra politica e…

Continua