Dopo la carriola spunta il reato di monopattino

di Gaetano Pedullà

Dopo il famigerato reato di carriola contestato al padre di Luigi Di Maio adesso c’è chi invoca una pena per il monopattino. In questa Italia devastata da decenni di giganteschi abusi di potere, per non parlare di quelli edilizi e finanziari, nei giorni scorsi il settimanale Oggi ha fotografato Davide Casaleggio in giro per Milano su un monopattino elettrico. Un mezzo ecologico, ma che ha subito suggerito a qualcuno di invocare una condanna per direttissima al Casaleggio medesimo, colpevole di aver infranto una mezza dozzina di articoli del Codice della Strada. L’incauto utilizzatore finale del monopattino rischierebbe 1.162 euro di multa più sequestro con confisca del mezzo.

Ovviamente siamo andati a leggerci gli articoli in questione, dove si fa riferimento ai ciclomotori senza targa, cioè cosa ben diversa dal mezzo di trasporto scelto dal figlio del guru che ha contribuito a far nascere il Movimento Cinque Stelle. Ma c’è poco da formalizzarsi per chi vaneggia una nuova deriva manettara, questa volta a parti invertite, con i paladini dell’onestà M5S – e mentre ci siamo anche la Lega di Salvini – sullo stesso piano degli altri partiti della Prima e Seconda Repubblica.

D’altra parte, in appena sei mesi di Governo Luigi Di Maio è stato coinvolto nella vicenda di alcuni dipendenti del padre assunti per un periodo senza contratto, poi è arrivata l’ipotesi di scempio edilizio per la carriola e quattro calcinacci trovati fuori posto in un piccolo terreno di campagna.

Passano pochi giorni e la gogna passa ad Alessandro Di Battista, socio con il padre di una piccola impresa di famiglia che fatica a pagare gli stipendi ai tre dipendenti, uno dei quali è la sorella. Sotto tiro è finito pure Salvini, per il quale è stata avanzata niente di meno che l’accusa di sequestro di persona dopo il braccio di ferro con gli altri Paesi europei che giravano la testa dall’altro lato di fronte alla necessità di far sbarcare da qualche parte i naufraghi salvati dalla nave Diciotti.

Il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio – magistrato che ha collaborato con Falcone e Borsellino, indagando poi da Dell’Utri agli assassini di don Pino Puglisi – questa volta ha messo nel suo radar il vicepremier e ministro dell’Interno, immaginando una violazione del codice penale che non poteva reggere in alcun modo ed è finita archiviata.

Trascorre qualche settimana e dal sequestro si passa addirittura al favoreggiamento nei confronti della mafia nigeriana. A creare il caso era stato il procuratore – ancora per poche ore prima di andare in pensione – Armando Spataro, secondo cui un tweet pubblicato all’alba dal capo del Viminale per complimentarsi con le forze di polizia per un’operazione contro le gang avrebbe fatto scappare i ricercati. Una tesi ampiamente contestabile, sia per la genericità del Tweet che per la facile osservazione di quanto sia improbabile che i mafiosi nigeriani stiano a guardare il profilo social del ministro già dall’alba. Ciò nonostante Spataro ha conquistato le prime pagine dei giornali, esattamente come Di Maio e Di Battista per le vicende dei padri e adesso Casaleggio.

Sia chiaro, sul padre di Matteo Renzi alcuni giornali ci hanno campato per anni, per quanto anche qui il ruolo del genitore dell’ex premier è stato irrilevante, almeno a giudizio del giudice che ne ha archiviato la posizione su una bancarotta a Genova e poi dei pm che hanno fatto lo stesso nella ben più grave vicenda Consip. Questo inseguire la soluzione giudiziaria per veder soccombere una parte politica è però inquietante, e denota la rinuncia a confrontarsi sul terreno della politica per incamminarsi sulla finta scorciatoia dei tribunali.

A costo di arrivare a parlare di violazione del Codice della strada per l’utilizzo invece sano e originale di un monopattino, strumento desueto di locomozione nonostante ci abbia fatto tanto divertire quando eravamo bambini, e in città piccole sia l’ideale per non prendere l’automobile. Ovviamente a patto di non cadere nelle buche mentali di tanti odiatori di professione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La stampa militante si è smarrita. Ormai pensa solo a mettere in cattiva luce l’Esecutivo

Una delle prime cose facili facili che si insegnano agli studenti di diritto è l’interpretazione autentica del legislatore. Per chi non ha calcato le aule delle Università, si tratta del parere che è possibile chiedere direttamente alla fonte della legge, cioè il Parlamento, nel caso in cui sorgano equivoci sul significato di una norma. Una…

Continua

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua

L’allarmante telefonata dalla Apple

Abbiate un po’ di pazienza e presto in qualche dibattito tv sentirete il tuttologo di turno che ci spiegherà come anche il crollo in Borsa della Apple è colpa di 5 Stelle e Lega, colpevoli di destabilizzare i mercati e creare incertezza in Europa e nel mondo con le loro spinte populiste e sovraniste. Purtroppo…

Continua

Un augurio concreto dalla Notizia

La Notizia, come sanno bene i nostri lettori, non esce la domenica e il lunedì, e pertanto questo è per noi l’ultimo numero del 2018. Non vi mando di traverso gli avanzi del panettone con l’ennesimo papello di considerazioni e di bilanci, ma se dovessi definire l’anno che finisce con un’unica parola direi che è…

Continua

La Manovra per quanto virtuosa può fare poco. Ora più che mai servono nuove regole europee

Quello della Manovra non è stato un percorso facile e il lavoro più difficile comincerà dal giorno dopo l’approvazione definitiva, che presumibilmente arriverà alla Camera venerdì prossimo. Il parto è stato difficoltoso non perché la formulazione finale – che oggi leggeremo nel maxiemendamento del Governo – sia stata scritta a Bruxelles, ma perché una volta…

Continua