Dopo la carriola spunta il reato di monopattino

di Gaetano Pedullà

Dopo il famigerato reato di carriola contestato al padre di Luigi Di Maio adesso c’è chi invoca una pena per il monopattino. In questa Italia devastata da decenni di giganteschi abusi di potere, per non parlare di quelli edilizi e finanziari, nei giorni scorsi il settimanale Oggi ha fotografato Davide Casaleggio in giro per Milano su un monopattino elettrico. Un mezzo ecologico, ma che ha subito suggerito a qualcuno di invocare una condanna per direttissima al Casaleggio medesimo, colpevole di aver infranto una mezza dozzina di articoli del Codice della Strada. L’incauto utilizzatore finale del monopattino rischierebbe 1.162 euro di multa più sequestro con confisca del mezzo.

Ovviamente siamo andati a leggerci gli articoli in questione, dove si fa riferimento ai ciclomotori senza targa, cioè cosa ben diversa dal mezzo di trasporto scelto dal figlio del guru che ha contribuito a far nascere il Movimento Cinque Stelle. Ma c’è poco da formalizzarsi per chi vaneggia una nuova deriva manettara, questa volta a parti invertite, con i paladini dell’onestà M5S – e mentre ci siamo anche la Lega di Salvini – sullo stesso piano degli altri partiti della Prima e Seconda Repubblica.

D’altra parte, in appena sei mesi di Governo Luigi Di Maio è stato coinvolto nella vicenda di alcuni dipendenti del padre assunti per un periodo senza contratto, poi è arrivata l’ipotesi di scempio edilizio per la carriola e quattro calcinacci trovati fuori posto in un piccolo terreno di campagna.

Passano pochi giorni e la gogna passa ad Alessandro Di Battista, socio con il padre di una piccola impresa di famiglia che fatica a pagare gli stipendi ai tre dipendenti, uno dei quali è la sorella. Sotto tiro è finito pure Salvini, per il quale è stata avanzata niente di meno che l’accusa di sequestro di persona dopo il braccio di ferro con gli altri Paesi europei che giravano la testa dall’altro lato di fronte alla necessità di far sbarcare da qualche parte i naufraghi salvati dalla nave Diciotti.

Il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio – magistrato che ha collaborato con Falcone e Borsellino, indagando poi da Dell’Utri agli assassini di don Pino Puglisi – questa volta ha messo nel suo radar il vicepremier e ministro dell’Interno, immaginando una violazione del codice penale che non poteva reggere in alcun modo ed è finita archiviata.

Trascorre qualche settimana e dal sequestro si passa addirittura al favoreggiamento nei confronti della mafia nigeriana. A creare il caso era stato il procuratore – ancora per poche ore prima di andare in pensione – Armando Spataro, secondo cui un tweet pubblicato all’alba dal capo del Viminale per complimentarsi con le forze di polizia per un’operazione contro le gang avrebbe fatto scappare i ricercati. Una tesi ampiamente contestabile, sia per la genericità del Tweet che per la facile osservazione di quanto sia improbabile che i mafiosi nigeriani stiano a guardare il profilo social del ministro già dall’alba. Ciò nonostante Spataro ha conquistato le prime pagine dei giornali, esattamente come Di Maio e Di Battista per le vicende dei padri e adesso Casaleggio.

Sia chiaro, sul padre di Matteo Renzi alcuni giornali ci hanno campato per anni, per quanto anche qui il ruolo del genitore dell’ex premier è stato irrilevante, almeno a giudizio del giudice che ne ha archiviato la posizione su una bancarotta a Genova e poi dei pm che hanno fatto lo stesso nella ben più grave vicenda Consip. Questo inseguire la soluzione giudiziaria per veder soccombere una parte politica è però inquietante, e denota la rinuncia a confrontarsi sul terreno della politica per incamminarsi sulla finta scorciatoia dei tribunali.

A costo di arrivare a parlare di violazione del Codice della strada per l’utilizzo invece sano e originale di un monopattino, strumento desueto di locomozione nonostante ci abbia fatto tanto divertire quando eravamo bambini, e in città piccole sia l’ideale per non prendere l’automobile. Ovviamente a patto di non cadere nelle buche mentali di tanti odiatori di professione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Marco Polo aveva già capito tutto. L’hanno chiamata la Via della Seta, ma in realtà è una strada per lo sviluppo

Se avesse atteso di fare l’accordo con l’Europa, poi il permesso della Nato, il benestare degli americani e la concessione di Parigi e Berlino, il nostro Marco Polo sarebbe ancora a Venezia in attesa di partire per l’Oriente. Il grande esploratore di un’epoca in cui l’Italia era divisa in tanti stati ma voleva tracciare il…

Continua

Il vaccino contro il malaffare. L’espulsione di De Vito dal M5S ha mostrato una velocità olimpica nell’attivare gli anticorpi

Dopo sei anni dall’ingresso in Parlamento, nei Cinque Stelle è arrivato il primo arresto per corruzione. Un fatto gravissimo per il Movimento, ma anche per chi spergiura a sprezzo del ridicolo che adesso i 5S sono un partito come gli altri. A parte il fatto che è difficile tenere il conto di quanti indagati e…

Continua

In scena i soliti spot sui migranti. E intanto l’Ue ci bastona facendo saltare quattro banche italiane

I migranti salvati da una nave italiana in mezzo al Mediterraneo sono sbarcati ieri a Lampedusa, mentre via social il ministro Matteo Salvini continuava a farsi propaganda. “Arrestateli” ha chiesto il responsabile del Viminale, evidentemente dimenticando che se qualcuno ha commesso reati il suo ruolo gli consente ampiamente di disporne il fermo. Ovviamente per far…

Continua

Salvini e la bulimia elettorale. In caso di pericolo non c’è ragione che possa giustificare l’omissione di soccorso in mare

Finché si scherza, anche nel Governo, buon divertimento a chi ha voglia di giocare. Miliardi di qua per una impossibile estensione della Flat tax, allarmi di la su un accordo strepitoso con la Cina… nell’epoca della politica raccontata con i selfie tutto fa spettacolo. Nulla da meravigliarsi, quindi, delle sortite da perenne campagna elettorale del…

Continua

Una Sinistra nemica dei poveri. Il Pd quando era al Governo non mosse un dito, ora propone un salario minimo più alto rispetto al M5S

Le pensioni di cittadinanza erogate anche in contanti, per non complicare oltre la vita di quegli anziani che hanno difficoltà a utilizzare le card. C’è anche questo negli ultimi emendamenti presentati ieri al cosiddetto decretone, cioè la norma che dovrà tenere in equilibrio da una parte l’obiettivo finale di aiutare sul serio i poveri con…

Continua

L’equivoco delle élite al potere. Si ostinano a guardare il futuro con gli occhiali del passato

Illuminante intervento del consigliere direttivo della Banca centrale europea, Benoît Cœuré, ieri all’Università Bocconi. La stagnazione e il calo dei redditi – ha spiegato – sono il risultato di molti fattori, niente affatto collegati con l’appartenenza all’Unione europea o all’euro. Se però le forze sovraniste ed euroscettiche dovessero crescere – ha continuato – questo finirebbe…

Continua

Finiamola di fare male all’Italia. Il Reddito di cittadinanza è partito senza intoppi e nessuno ha assaltato gli uffici postali

Un’altra profezia di sventura che si affloscia come un soufflé. Chi aveva previsto l’assalto di milioni di sfaccendati agli uffici postali per accaparrarsi sin dal primo giorno il Reddito di cittadinanza ha sbagliato tutto. Esattamente come sbagliava chi giurava che questa misura non sarebbe mai partita, che non c’erano i soldi, che lo Stato non…

Continua

Le nozze impossibili tra M5S e Pd. I nostri lettori hanno le idee chiare: meglio una vita all’opposizione che un minuto con i dem

L’abbiamo fatto una volta e non lo faremo più. Visto che si parla tanto di nuovi scenari per la politica italiana, con il Pd derenzizzato possibile nuovo interlocutore forte dei 5 Stelle, ieri ci è sembrato utile sentire cosa ne pensano i nostri lettori, e tra questi in particolare gli elettori e i simpatizzanti del…

Continua

Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo…

Continua

Operazione Diffama i Cinque Stelle. Ecco come li stanno linciando

La grande operazione “Diffama i Cinque Stelle” va avanti da anni, ma dopo il voto in Abruzzo e Sardegna è scattata l’offensiva, con una raffica di storielle amplificate all’infinito e – vedi la coincidenza – finite tutte in prima pagina sui soliti giornaloni, come se i guai del Paese non offrissero ampia scelta tra i…

Continua