Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

di Gaetano Pedullà

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni la fuga.

Senza la dottrina Mitterand, con la quale i socialisti francesi diedero riparo ai latitanti politici arabi e di mezza Europa, un killer come l’ex appartenente ai Pac sarebbe oggi un detenuto di lungo corso delle nostre patrie galere. Riparato in Brasile, Battisti è stato poi protetto da un altro leader socialista, Lula da Silva, e da un sistema giudiziario volutamente garantista con un certo tipo di criminali.

Quella che si è realizzata ieri con l’arrivo a Roma di questo fuggiasco è perciò una vittoria della giustizia italiana ma anche la sconfitta di quell’assurdo principio per cui chi ha imbracciato le armi in nome di un ideale rivoluzionario – meglio se comunista – non ne deve rispondere. Uno scudo che ha contribuito ad allungare la stagione degli anni di piombo, e che ha goduto di una rete di connivenze in gran parte ancora nell’ombra.

Assistere e spostare tanti ricercati dalle polizie di mezzo mondo costa moltissimo, e solo sapere chi ha investito tanti quattrini per tenere in libertà un esercito di killer potrebbe aprire uno squarcio inquietante sulla storia dell’intero Occidente. Per questo il caso Battisti non è solo l’epilogo di una vicenda giudiziaria, ma il possibile inizio di un processo più largo a chi ha favorito l’impunità di decine di esecutori di omicidi politici, per motivi che molto difficilmente si può continuare a derubricare come umanitari o dell’affermazione di ideali.

I responsabili della latitanza di questi terroristi sono persino più responsabili di centinaia di morti, di fronte alle quali non hanno mai pagato nulla, ammantando anzi la copertura di questi latitanti come l’esempio virtuoso di una solidarietà politica apparentemente senza frontiere ma nella realtà senza ritegno.

L’ingresso in carcere di Battisti può essere dunque una cosa importantissima, perché da qui anche a Sinistra potrebbe partire una riconsiderazione di un’epoca in cui tanti hanno giocato sporco. Per far questo occorre però un’onestà intellettuale che si fa ancora fatica a vedere, assistendo a posizioni rigide di intellettuali e sedicenti padri nobili di un socialismo tradito e traditore, tuttora incapaci di ritirare pubblicamente gli appelli a una inconcedibile grazia a Battisti, senza che prima si siano svelati i nomi e gli interessi di chi l’ha aiutato per decenni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade?

Che altro deve accadere per restituire agli italiani le concessioni regalate ai signori delle autostrade? È caduto il ponte di Genova, c’è stata la strage di Acqualonga (40 morti ad Avellino), cavalcavia crollati, manutenzioni approssimative e carreggiate non riasfaltate… chilometri di motivi per dire basta a quello che è uno scandalo al sole, tanto invisibile…

Continua

Tassi fermi. La nuova Europa parte male

Dialogare con l’Unione europea “perché senza di questa non c’è futuro”. Facile a dirsi per il Presidente Sergio Mattarella, che ieri si è espresso così alla tradizionale cerimonia del ventaglio, ma se non era per la trattativa del premier Giuseppe Conte e il voto “sulla fiducia” dato dai Cinque Stelle alla presidente della Commissione Ue,…

Continua

Amore con amor si paga. A Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio

Il massimo risultato col minimo sforzo. A Matteo Salvini è riuscito un altro dei suoi giochi di prestigio, tipo avere 49 milioni di debiti e non sentirli, oppure essere chiamato da un tribunale a rispondere del caso Diciotti e non andare perché i Cinque Stelle gli tolgono il disturbo, votandogli l’immunità. Il numero di ieri…

Continua

Cinque stelle e Pd, un’operazione Frankenstein

È da anni sul podio dei giornalisti che stimo, ma sull’avvicinamento tra Cinque Stelle e Pd sono in totale disaccordo con Marco Travaglio. L’ultimo dei motivi è proprio quello che il direttore del Fatto porta come prova della sua “giusta” intuizione: la giravolta dei giornaloni dell’establishment, improvvisamente folgorati sull’utilità di un dialogo tra Di Maio…

Continua

L’utopia dei Cinque Stelle al governo con il Pd

Può darsi che Di Maio e Salvini oggi si incontrino e mandino avanti il Governo, oppure no. Può anche darsi che dallo scandalo Siri, o dal Russia-gate, escano fuori le prove provate dei soliti vizi di affaristi e politici, oppure tutti i personaggi coinvolti risultino immacolati come gigli di campo. Allo stesso modo, può essere…

Continua

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua

Autostrade per l’Alitalia

I due dossier resteranno separati, e così si eviterà ogni conflitto d’interesse. Alitalia dove entrano i Benetton sarà una cosa e le Autostrade, dove gli stessi Benetton sono messi alla porta, saranno un’altra. Possiamo crederci? Se le cose andranno effettivamente così – come ha promesso ancora ieri Luigi Di Maio – lo vedremo molto presto,…

Continua

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua