Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

di Gaetano Pedullà

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni la fuga.

Senza la dottrina Mitterand, con la quale i socialisti francesi diedero riparo ai latitanti politici arabi e di mezza Europa, un killer come l’ex appartenente ai Pac sarebbe oggi un detenuto di lungo corso delle nostre patrie galere. Riparato in Brasile, Battisti è stato poi protetto da un altro leader socialista, Lula da Silva, e da un sistema giudiziario volutamente garantista con un certo tipo di criminali.

Quella che si è realizzata ieri con l’arrivo a Roma di questo fuggiasco è perciò una vittoria della giustizia italiana ma anche la sconfitta di quell’assurdo principio per cui chi ha imbracciato le armi in nome di un ideale rivoluzionario – meglio se comunista – non ne deve rispondere. Uno scudo che ha contribuito ad allungare la stagione degli anni di piombo, e che ha goduto di una rete di connivenze in gran parte ancora nell’ombra.

Assistere e spostare tanti ricercati dalle polizie di mezzo mondo costa moltissimo, e solo sapere chi ha investito tanti quattrini per tenere in libertà un esercito di killer potrebbe aprire uno squarcio inquietante sulla storia dell’intero Occidente. Per questo il caso Battisti non è solo l’epilogo di una vicenda giudiziaria, ma il possibile inizio di un processo più largo a chi ha favorito l’impunità di decine di esecutori di omicidi politici, per motivi che molto difficilmente si può continuare a derubricare come umanitari o dell’affermazione di ideali.

I responsabili della latitanza di questi terroristi sono persino più responsabili di centinaia di morti, di fronte alle quali non hanno mai pagato nulla, ammantando anzi la copertura di questi latitanti come l’esempio virtuoso di una solidarietà politica apparentemente senza frontiere ma nella realtà senza ritegno.

L’ingresso in carcere di Battisti può essere dunque una cosa importantissima, perché da qui anche a Sinistra potrebbe partire una riconsiderazione di un’epoca in cui tanti hanno giocato sporco. Per far questo occorre però un’onestà intellettuale che si fa ancora fatica a vedere, assistendo a posizioni rigide di intellettuali e sedicenti padri nobili di un socialismo tradito e traditore, tuttora incapaci di ritirare pubblicamente gli appelli a una inconcedibile grazia a Battisti, senza che prima si siano svelati i nomi e gli interessi di chi l’ha aiutato per decenni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il presidente della Regione Campania De Luca ne ha fatta una giusta. Ha capito che l’autonomia farà bene anche al Sud

Di sicuro non ci si può sospettare di tifoseria per Vincenzo De Luca, ma ieri il presidente della Regione Campania ne ha fatta una giusta. Mentre Lega e 5S faticano ad accordarsi sulla maggiore autonomia da concedere a Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, il governatore ha spezzato la retorica del Sud che si mette di…

Continua

Una chance per il turismo. Salvare Alitalia vuol dire preservare un asset fondamentale per la principale vocazione del nostro Paese

Diciamolo subito: quando un’azienda non sta sistematicamente sul mercato occorre il coraggio di lasciarla cadere piuttosto che salvarla con un pozzo senza fondo di denari pubblici. Un principio che vale anche per una società storica e piena di dipendenti come Alitalia. Su questa compagnia, in particolare, lo Stato non può sentire sensi di colpa, visto…

Continua

Chi è co-responsabile del raffreddamento di parte del consenso d’opinione verso il M5S si guardi allo specchio

Chi leggerebbe un giallo sapendo dalla prima riga chi è l’assassino? Ecco, alla stessa maniera ieri abbiamo sentito lunghi dibattiti sempre con la stessa domanda: dopo il voto in Abruzzo il Governo di che morte muore? Curiosità sacrosanta se non fosse che la risposta all’enigma si conosce già, visto che Lega e 5 Stelle hanno…

Continua

La coerenza biforcuta del presidente francese. Sta facendo di tutto per cambiare nome da Macron a Micron

Il presidente francese sta facendo di tutto per cambiare nome da Macron a Micron. L’ultima trovata è il richiamo dell’ambasciatore a Roma per la lesa maestà di un colloquio tra 5 Stelle e Gilet gialli, per poi aggiungerci le accuse di un privato cittadino come Alessandro Di Battista sullo sfruttamento coloniale in Africa e le…

Continua

La dignità non fa rumore ma tre milioni di persone potranno mangiare, formarsi per un lavoro e sperare

È proprio vero: un albero che cade fa più rumore di una foresta che cresce. Dunque non meravigliamoci se i giornaloni oggi strillano a tutta pagine che il Reddito di cittadinanza andrà a meno persone del previsto, favorirà i furbi, scoraggerà il lavoro e tra un po’ ci farà pure cadere i capelli o accadere…

Continua

Il caso della nave Diciotti e il teatro dell’assurdo

Sembrava la tragedia del Governo e invece è una commedia degli equivoci. L’inattesa giravolta del ministro Matteo Salvini sulla disponibilità a farsi processare per il caso Diciotti ha colto i 5 Stelle di sorpresa. Il Movimento, accettando una reiterata richiesta del leader della Lega, aveva annunciato il sì alla richiesta di autorizzazione a procedere, peraltro…

Continua

I buonisti fanno felici le mafie

Mafia, droga e abusi sessuali al Cara di Mineo, cioè uno dei Centri per richiedenti asilo più grandi d’Europa. Cosa si pensava di non trovarci è un mistero, visto che il villaggio è da anni un suk, una voragine nella terra dentro la quale l’allora governo Berlusconi iniziò a calare nel 2011 migliaia di migranti,…

Continua

Sea Watch. Chi ha colpe è l’Europa

La Procura dei minori di Catania ha ragione: lasciare i ragazzi su una nave sbattuta da un mare in tempesta lede diritti umani e di legge garantiti dalla Costituzione. Quella che i magistrati sbagliano è però la rotta di un nuovo probabile procedimento giudiziario. Garantire la vita di queste persone è un preciso dovere dell’Europa,…

Continua

Se i giudici decidono per i 5 Stelle

Accipicchia quant’è bravo a prendere condanne il Movimento che ha in cima ai suoi valori l’onestà. Nel giorno in cui il tribunale dei ministri chiede di processare Salvini con la discutibile accusa di sequestro di persona per la vicenda della nave Diciotti, il tribunale di Roma sforna un’altra di quelle decisioni che lasciano a bocca…

Continua

Montesano sì. Lino Banfi no. La Sinistra non sa più ridere

Ci pensino meglio gli osservatori politici che ci raccontano da mesi di un M5S in caduta libera, cannibalizzato dalla Lega e abbandonato dagli ultrà del No Tap, No Tav, No Vax e compagnia cantando. Appena portati a casa responsabilmente la Manovra e, a cascata, il Reddito di cittadinanza, è bastato che il Movimento riprendesse a…

Continua