Flavio Insinna e tutti noi fessi come lui

di Gaetano Pedullà

Ma come? Con il G7 che comincia, con le bombe all’ex premier in Grecia e le stragi di bambini buoni a Manchester e dei bambini altri nel Mediterraneo, vogliamo occuparci del signor Flavio Insinna e della brutta figura che ha fatto nei fuori onda trasmessi da Striscia la Notizia? Sì, ce ne occupiamo perché questa storia non è solo la parabola professionale di un signore che tutto sommato non farà morire nessuno sparendo dalla televisione. Insinna è stato un fesso, diciamolo subito. Chi lavora, specie sotto pressione, non è raro che usi linguaggi da caserma. Ma se lo si fa in uno studio televisivo ci si deve sentire intoccabili per non mettere in conto che quegli insulti possano essere registrati e utilizzati da qualcuno. Se poi si è fatto tanto per costruire l’immagine del “bravo presentatore” è chiaro che ha messo da solo la testa sul patibolo. Oggi però non c’è bisogno di stare in tv per essere controllati, spiati, sputtanati. Tutti potenzialmente ricattati da chi può procurarsi illegalmente – persino in qualche tribunale – intercettazioni telefoniche non autorizzate o altri atti riservati. Tutti Insinna, anche senza voler dare i pacchi a nessuno.

Commenti

  1. honhil

    Insinna è uguale uguale a tutta quella gentaglia che ancora ci si ostina a chiamare parlamentari. Ecco perché al G7 di Taormina non ci può essere accordo sui cosiddetti migranti, dato che nessuno li vuole. E poiché i modi per fermarli ci sono, agli altri capi di stato o di governo non resta che uscirsene con la classica battuta sfottente: “Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala…”. Così, lasciando perdere il chiacchiericcio della madre Chiesa, che tale è il suo inconcludente bla-bla dato che, nei fatti, in merito, non mette un dito neppure nella classica bacinella con l’acqua calda, adesso le pompose, distruttive, prime quattro cariche dello Stivale devono andarsene a casa: hanno causano abbastanza danni, per continuare a lasciarle nei loro paludati panni. Di comici, in questo momento, non ce n’è davvero bisogno in quei posti di grande responsabilità costituzionale. E c’è un solo modo, e uno soltanto, per dare una svolta risolutiva a questo caos: che l’esercito si decida finalmente di mettersi al servizio dell’Italia invece di fare il guardaspalle di chi con le parole e con i fatti ha tradito, e continua a tradire, l’Italia e gli italiani.

  2. Saverio Schinzari

    Insinna ha deciso di suicidarsi, non se ne è reso conto. Peccato di onnipotenza. Peccato però che al patibolo non riusciamo mai a mandare nessun politico in quest’Italia cialtrona, ricca di clown, pagliacci legati a vario titolo da un unico cordone ombelicale: la sicurezza dell’impunità. Consip docet, fermata un’inchiesta affossata, caduta nel dimenticatoio, sono tutti liberi per rimuovere nuove altre cimici allorché c’è necessità. Questo Paese ormai da definire delle banane fa ridere tutto il mondo. A Taormina lo hanno detto chiaro e tondo a Gentiloni. I migranti sono cazzi vostri. Ed amen.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Due idee sul nostro futuro legate alla fortuna politica di M5S e Lega

Per essere incompetenti, nuovi barbari e buoni solo a litigare tra loro, Cinque Stelle e Lega sono stati piuttosto bravini a realizzare due riforme epocali come il Reddito di cittadinanza e Quota cento. In un Paese ingessato dalla mancanza di idee, di coraggio, di immaginazione del futuro, queste sono le due più importanti novità viste…

Continua

La stampa militante si è smarrita. Ormai pensa solo a mettere in cattiva luce l’Esecutivo

Una delle prime cose facili facili che si insegnano agli studenti di diritto è l’interpretazione autentica del legislatore. Per chi non ha calcato le aule delle Università, si tratta del parere che è possibile chiedere direttamente alla fonte della legge, cioè il Parlamento, nel caso in cui sorgano equivoci sul significato di una norma. Una…

Continua

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua

L’allarmante telefonata dalla Apple

Abbiate un po’ di pazienza e presto in qualche dibattito tv sentirete il tuttologo di turno che ci spiegherà come anche il crollo in Borsa della Apple è colpa di 5 Stelle e Lega, colpevoli di destabilizzare i mercati e creare incertezza in Europa e nel mondo con le loro spinte populiste e sovraniste. Purtroppo…

Continua

Dopo la carriola spunta il reato di monopattino

Dopo il famigerato reato di carriola contestato al padre di Luigi Di Maio adesso c’è chi invoca una pena per il monopattino. In questa Italia devastata da decenni di giganteschi abusi di potere, per non parlare di quelli edilizi e finanziari, nei giorni scorsi il settimanale Oggi ha fotografato Davide Casaleggio in giro per Milano…

Continua