Flavio Insinna e tutti noi fessi come lui

di Gaetano Pedullà

Ma come? Con il G7 che comincia, con le bombe all’ex premier in Grecia e le stragi di bambini buoni a Manchester e dei bambini altri nel Mediterraneo, vogliamo occuparci del signor Flavio Insinna e della brutta figura che ha fatto nei fuori onda trasmessi da Striscia la Notizia? Sì, ce ne occupiamo perché questa storia non è solo la parabola professionale di un signore che tutto sommato non farà morire nessuno sparendo dalla televisione. Insinna è stato un fesso, diciamolo subito. Chi lavora, specie sotto pressione, non è raro che usi linguaggi da caserma. Ma se lo si fa in uno studio televisivo ci si deve sentire intoccabili per non mettere in conto che quegli insulti possano essere registrati e utilizzati da qualcuno. Se poi si è fatto tanto per costruire l’immagine del “bravo presentatore” è chiaro che ha messo da solo la testa sul patibolo. Oggi però non c’è bisogno di stare in tv per essere controllati, spiati, sputtanati. Tutti potenzialmente ricattati da chi può procurarsi illegalmente – persino in qualche tribunale – intercettazioni telefoniche non autorizzate o altri atti riservati. Tutti Insinna, anche senza voler dare i pacchi a nessuno.

  • honhil

    Insinna è uguale uguale a tutta quella gentaglia che ancora ci si ostina a chiamare parlamentari. Ecco perché al G7 di Taormina non ci può essere accordo sui cosiddetti migranti, dato che nessuno li vuole. E poiché i modi per fermarli ci sono, agli altri capi di stato o di governo non resta che uscirsene con la classica battuta sfottente: “Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala…”. Così, lasciando perdere il chiacchiericcio della madre Chiesa, che tale è il suo inconcludente bla-bla dato che, nei fatti, in merito, non mette un dito neppure nella classica bacinella con l’acqua calda, adesso le pompose, distruttive, prime quattro cariche dello Stivale devono andarsene a casa: hanno causano abbastanza danni, per continuare a lasciarle nei loro paludati panni. Di comici, in questo momento, non ce n’è davvero bisogno in quei posti di grande responsabilità costituzionale. E c’è un solo modo, e uno soltanto, per dare una svolta risolutiva a questo caos: che l’esercito si decida finalmente di mettersi al servizio dell’Italia invece di fare il guardaspalle di chi con le parole e con i fatti ha tradito, e continua a tradire, l’Italia e gli italiani.

  • Saverio Schinzari

    Insinna ha deciso di suicidarsi, non se ne è reso conto. Peccato di onnipotenza. Peccato però che al patibolo non riusciamo mai a mandare nessun politico in quest’Italia cialtrona, ricca di clown, pagliacci legati a vario titolo da un unico cordone ombelicale: la sicurezza dell’impunità. Consip docet, fermata un’inchiesta affossata, caduta nel dimenticatoio, sono tutti liberi per rimuovere nuove altre cimici allorché c’è necessità. Questo Paese ormai da definire delle banane fa ridere tutto il mondo. A Taormina lo hanno detto chiaro e tondo a Gentiloni. I migranti sono cazzi vostri. Ed amen.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un deposito nucleare per la politica

Avere una tavola piena di cibi ben cotti e morire di fame perché non sappiamo che piatto scegliere. Siamo capaci anche di questo, soprattutto se il piatto scotta quanto scotta nell’opinione pubblica tutto ciò che si porta attaccato la parola nucleare. Qui il piatto sono le aree su cui far sorgere il deposito nazionale che…

Continua

Da Bruno Caccia alla Lucarelli, la tortura della giustizia lumaca

Neppure un animo incendiario come quello di Selvaggia Lucarelli ha retto alla tensione di una sentenza arrivata dopo sette anni. I giudici l’hanno assolta dal temibilissimo reato di aver sottratto da un computer le foto di una festa vip e l’imputata ha finito di scontare una tortura mediatica che comunque l’è costata più della pena…

Continua

La povertà e le riforme mancate

Non c’è niente da fare: i numeri dicono che in dieci anni in Italia i poveri sono triplicati. E i numeri sono argomenti troppo testardi per arrendersi alle giustificazioni di chi ci ha governato. Certo, abbiamo attraversato la crisi dello spread e quella delle banche, ma se siamo qui è chiaro che le nostre ricette…

Continua

Vitalizio, un privilegio che offende il buonsenso

Nel Paese degli azzeccagarbugli giuridici, del toglieteci tutto ma non i diritti acquisiti, dei politici diventati casta, i sacrifici vanno bene se però a farli è qualcun altro. Una regola che non poteva sfuggire al taglio dei vitalizi per i parlamentari, a parole consapevoli di aver goduto per decenni di un privilegio sfacciato, ma poi…

Continua

Marchionne premier, sì nella Repubblica delle banane modello Fiat

Criticare i colleghi non è bello, e se sono colleghi molto più bravi e autorevoli lo è ancora di più, ma La Notizia è un giornale sopra le righe e allora lasciatecelo dire che ieri i direttori di Libero e Il Tempo oltre a deluderci ci hanno rafforzato nella convinzione che il Centrodestra italiano è…

Continua

Gentiloni? Un Governo che scalda la sedia

Il ministero dell’Economia non ha ancora pigiato il tasto invio sull’ultimo bonifico da 5,4 miliardi al Monte dei Paschi e già arriva un altro costo per il Paese: la banca di Siena metterà sulla strada 5.500 dipendenti. Il ministro del Tesoro Padoan canta vittoria, e anche con qualche ragione, ma solo tra Toscana e Veneto…

Continua

Il riscatto del gaffeur Juncker

Se c’è al mondo un personaggio politico che non dovrebbe mai evocare il senso del ridicolo questo è Jean-Claude Juncker. Gaffeur professionista, non raro ad alzare il gomito, mise la faccia e il nome su un piano di 300 miliardi di euro per uscire dall’austerità. Abbiamo visto quanto poco è servito, ma per ora resiste…

Continua

Che banali gli odiatori di Rodotà

La morte di questo “marimbarza”, scritto così alla romana. C’è anche questo messaggio sulla pagina Facebook della Notizia, dove i lettori si sfogano e ne dicono di tutti i colori, anche su questo giornale. Lo spazio delle idee è sacro e ci prendiamo i nostri insulti, talvolta pure meritatamente. Lo sfregio a Stefano Rodotà però…

Continua

Trasporti, una vacanza travestita da sciopero

Ci fossero in Italia sindacati veri, capaci di stare dalla parte dei lavoratori ma anche dei cittadini, sarebbero questi i più incazzati per il Paese preso oggi in ostaggio. Quattro siglette di cui nessuno sa niente hanno deciso tutto insieme il blocco di treni, aerei, autobus e metropolitane. Ovviamente la gran parte dei lavoratori non…

Continua

Stipendi Rai, deroga disgustosa

A fare il direttore generale della Rai così come ha iniziato Mario Orfeo sono bravi tutti. La tv pubblica esempio del cambiamento renziano del Paese sta diventando invece l’emblema della rottamazione fallita. E ora c’è pure la prova che il manager arrivato dalla Leopolda, Antonio Campo Dall’Orto, non è stato silurato per la storia degli…

Continua