Flavio Insinna e tutti noi fessi come lui

di Gaetano Pedullà

Ma come? Con il G7 che comincia, con le bombe all’ex premier in Grecia e le stragi di bambini buoni a Manchester e dei bambini altri nel Mediterraneo, vogliamo occuparci del signor Flavio Insinna e della brutta figura che ha fatto nei fuori onda trasmessi da Striscia la Notizia? Sì, ce ne occupiamo perché questa storia non è solo la parabola professionale di un signore che tutto sommato non farà morire nessuno sparendo dalla televisione. Insinna è stato un fesso, diciamolo subito. Chi lavora, specie sotto pressione, non è raro che usi linguaggi da caserma. Ma se lo si fa in uno studio televisivo ci si deve sentire intoccabili per non mettere in conto che quegli insulti possano essere registrati e utilizzati da qualcuno. Se poi si è fatto tanto per costruire l’immagine del “bravo presentatore” è chiaro che ha messo da solo la testa sul patibolo. Oggi però non c’è bisogno di stare in tv per essere controllati, spiati, sputtanati. Tutti potenzialmente ricattati da chi può procurarsi illegalmente – persino in qualche tribunale – intercettazioni telefoniche non autorizzate o altri atti riservati. Tutti Insinna, anche senza voler dare i pacchi a nessuno.

  • honhil

    Insinna è uguale uguale a tutta quella gentaglia che ancora ci si ostina a chiamare parlamentari. Ecco perché al G7 di Taormina non ci può essere accordo sui cosiddetti migranti, dato che nessuno li vuole. E poiché i modi per fermarli ci sono, agli altri capi di stato o di governo non resta che uscirsene con la classica battuta sfottente: “Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala…”. Così, lasciando perdere il chiacchiericcio della madre Chiesa, che tale è il suo inconcludente bla-bla dato che, nei fatti, in merito, non mette un dito neppure nella classica bacinella con l’acqua calda, adesso le pompose, distruttive, prime quattro cariche dello Stivale devono andarsene a casa: hanno causano abbastanza danni, per continuare a lasciarle nei loro paludati panni. Di comici, in questo momento, non ce n’è davvero bisogno in quei posti di grande responsabilità costituzionale. E c’è un solo modo, e uno soltanto, per dare una svolta risolutiva a questo caos: che l’esercito si decida finalmente di mettersi al servizio dell’Italia invece di fare il guardaspalle di chi con le parole e con i fatti ha tradito, e continua a tradire, l’Italia e gli italiani.

  • Saverio Schinzari

    Insinna ha deciso di suicidarsi, non se ne è reso conto. Peccato di onnipotenza. Peccato però che al patibolo non riusciamo mai a mandare nessun politico in quest’Italia cialtrona, ricca di clown, pagliacci legati a vario titolo da un unico cordone ombelicale: la sicurezza dell’impunità. Consip docet, fermata un’inchiesta affossata, caduta nel dimenticatoio, sono tutti liberi per rimuovere nuove altre cimici allorché c’è necessità. Questo Paese ormai da definire delle banane fa ridere tutto il mondo. A Taormina lo hanno detto chiaro e tondo a Gentiloni. I migranti sono cazzi vostri. Ed amen.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Più rispetto per sperare nel Colle

L’apparente garbo istituzionale per cui Luigi Di Maio ha ritenuto di informare il Presidente della Repubblica sui nomi dei ministri di un ipotetico Governo M5S in realtà è l’ennesima prova di un imbarbarimento della politica arrivato alla guerriglia in piazza di questi giorni. Poiché non bisogna essere fini costituzionalisti per sapere che i ministri vanno…

Continua

Come si dice in arabo gratitudine?

Una grande riconoscenza comporta molta delicatezza, scriveva alla fine del Seicento Jean de La Bruyère, un moralista francese di cui il sindaco di Olbia Settimo Nizzi evidentemente non conosce gli aforismi. L’idea di intitolare una scuola elementare della sua città alla madre dell’Emiro del Qatar, Al Thani, sta facendo passare gli olbiesi per ingrati e…

Continua

Dopo l’inchiesta di Fanpage.it si accetti l’agente provocatore

Se la prima inchiesta giornalistica in Italia con un agente provocatore tira fuori l’immondizia che stiamo vedendo a Napoli, c’è da pensare che con lo stesso meccanismo consentito ai magistrati viene giù il mondo. Ammetterlo è triste quanto le immagini che inchiodano politici, amministratori pubblici e faccendieri ripresi dalle telecamere nascoste di Fanpage.it mentre si…

Continua

Un piano B alla Rai per Parisi

Nell’intervista di ieri al Corsera il candidato del Centrodestra Stefano Parisi non ha mostrato dubbi: l’avversario da battere per la presidenza della Regione Lazio è solo l’uscente Nicola Zingaretti; Pirozzi non si sa chi rappresenti e la Cinque Stelle Lombardi senza i voti degli elettori moderati non avrà il successo della Raggi. Ben per lui…

Continua

L’illusione dei candidati perfetti

Ma come li hanno scelti i candidati alle elezioni? Solo per la loro dabbenaggine i Cinque Stelle dovrebbero farsi qualche domanda in più su regole interne e capacità di selezionare una classe dirigente in grado di governare. Il caos delle Parlamentarie era apparso subito chiaro, ma da Di Maio in giù era stata promessa una…

Continua

L’Italia paga l’autobus ai tedeschi

La ricetta tedesca contro l’inquinamento può farci sentire idioti per non averci pensato prima: i mezzi pubblici gratis sono un bell’incentivo a mollare l’automobile. Ma risolvere certi problemi è facile quando il conto lo pagano altri. Serve una prova? I teutonici in appena trent’anni hanno fatto quello che l’Italia è ancora lontana dal realizzare dopo…

Continua

Se l’onestà diventa un autogol

Molti elettori (non solo Cinque Stelle) neppure sanno chi era Pietro Nenni, lo storico leader socialista che certificò in modo lapidario come facendo a gara per chi è più puro, è facile che salti fuori qualcuno ancora più puro che ti epura. Un rischio che il Movimento fondato da Grillo corre deliberatamente sin dalla nascita,…

Continua

Toghe sporche e depistaggi. Siamo una Repubblica fondata sull’intrigo

Nel nuovo terremoto giudiziario tra Roma e Messina, come nella vicenda Consip, non si capisce da che parte stanno anche i piani più alti dello Stato. Siamo diventati una Repubblica fondata sull’intrigo? A quanto pare sì. L’inchiesta che scoperchia un sistema di potere capace di pilotare affari per centinaia di milioni, provando persino ad aggiustare…

Continua

Wall Street ci sta avvisando

La ricreazione sta finendo. E la caduta secca di Wall Street, solo ieri andata giù di sei punti, ci avvisa che dobbiamo prepararci a tempi duri. Insieme alla crescita economica, gli Stati Uniti hanno visto salire gli stipendi e con questi anche i prezzi dei beni di consumo e l’inflazione. La conseguenza è che la…

Continua

L’Italia delle riforme impossibili

Fare le riforme in Italia non è difficile, come dice il ministro Franceschini. È impossibile. E chi dice il contrario mente sapendo di mentire, a meno di voler considerare riforme quei brodini annacquati che ci propinano da anni, spesso spacciati per grandi cene gourmet, come nel caso del Jobs Act, giusto per citare il fiore…

Continua