Il Grande fratello delle toghe. I magistrati si cancelleranno dai social network? E’ molto improbabile

di Gaetano Pedullà

L’ex ministro e sindaco di Roma Francesco Rutelli pare che abbia provato a dissuadere la figlia a non partecipare alla prossima edizione del Grande Fratello usando argomenti più espliciti di quelli con cui il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sconsigliato i social network ai magistrati.

Stare sulla rete e in genere sui media – ha detto ieri il Capo dello Stato – può offuscare la credibilità e la terzietà dei giudici. Risultati? Così come la nuova concorrente del programma Mediaset ha dato il due di picche al padre, anche per le toghe è molto improbabile che si cancellino tutte da Facebook e da domani comincino a parlare solo con le sentenze.

Per quanto autorevoli e forti della loro saggezza, gli argini a una spettacolarizzazione della vita (e di tutto quello che facciamo, che mangiamo, che godiamo, che decidiamo) sembrano destinati a cedere, esattamente come un Salvini qualunque di fronte alla milionesima richiesta di un selfie. Oggi nelle pagine interne di questo giornale riveliamo che tra i regali più richiesti dai giovani ci sono i ritocchini estetici per comparire meglio nelle foto di Instagram da condividere, alimentando l’illusione di essere tutti influencer, anche se a mettere il like sono solo mamma e papà.

Il punto non è dunque alzare inutili barriere rispetto a un richiamo irresistibile, quasi una certificazione di esistenza in vita che spetta solo a chi sta nella grande piazza virtuale, consumatrice voracissima di tutto ciò che trasgredisce e che ci indigna, da Fabrizio Corona agli abusi del potere. Meglio allora seguire un’altra strada: educarci tutti all’uso dei social e della vita che non è sempre uguale tra palco e realtà, insegnando l’alfabeto di questa nuova scrittura come a noi e ai nostri avi è stato fatto a scuola con le lettere.

Uno sforzo che i colossi della rete non si sognano di fare, anche per non perdere il giochino con cui fanno affari d’oro, ma che dovrebbe esigere la politica, se esiste qualcosa che possa definirsi tale, al di là delle beghe di cortile o dei talk show, guarda caso pure questi in tv e rilanciati dalla rete.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I finti benefattori di ArcelorMittal

Saltassero fuori le prove di quanto sospetta la Procura di Milano, potremo fregiarci della magra consolazione di essere stati tra i pochi a non genufletterci ai diktat degli indiani di ArcelorMittal. Da quasi tutta la politica fino ai grandi giornali, si è addebitata ai 5 Stelle la responsabilità di aver fatto fuggire un benefattore disposto…

Continua

Il miracolo dei conti della Raggi

Tra falsi scandali (il premier Giuseppe Conte che butta miliardi nel Fondo europeo Salvastati, ma non è stato firmato niente) e vergogne vere (l’ex ministra Elisabetta Trenta che non lascia l’alloggio di servizio) ai più è sfuggita una notizia davvero clamorosa. A Roma, paradigma nazionale dello sperpero della politica, della connivenza tra criminalità e colletti…

Continua

Ci mancava il partito di Calenda. L’ex ministro ringrazia così il Pd che sei mesi fa lo fece diventare europarlamentare

Per chi ne sentiva la mancanza, tra breve arriverà un nuovo partito di cui al momento sappiamo tre cose: lo guiderà l’ex ministro ex montezemoliano ex renziano ex piddino Carlo Calenda; non è ancora nato e ha già provato a impossessarsi abusivamente delle sardine in piazza a Bologna contro Salvini; e infine – come unica…

Continua

Tocca a noi resistere ai soprusi. Ma la condanna dei Carabinieri per il pestaggio di Cucchi prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso

È malato grave, ma anche il nostro sistema ha i suoi anticorpi. La condanna di due carabinieri per la morte di Stefano Cucchi, sicuramente non rimasto vittima di un raffreddore, è la prova che neppure lo Stato è superiore alle leggi e a se stesso. Per questo i principi base dal nostro diritto, a partire…

Continua

Che fine hanno fatto i 6 miliardi del Mose? Una parte è stata sprecata e l’altra direttamente rubata

Il governatore Luca Zaia è furente perché non ha idea di dove siano i sei miliardi spesi per il Mose. Forse è andato in Regione quanto Matteo Salvini al Viminale per non sapere che una parte di quei soldi è stata sprecata e l’altra direttamente rubata. Di tutto questo ovviamente non è solo colpa della…

Continua

Un avvocato di troppo per ArcelorMittal. Conte continua a spingere per ripristinare un inutile e illegale scudo penale

Chissà per quale motivo il premier Giuseppe Conte e un bel pezzo della maggioranza si stanno logorando sull’inutile e illegale scudo penale inventato per dare l’Ilva agli ex pretendenti di ArcelorMittal. Questi signori hanno già abbandonato l’affare, e anche gli osservatori più ingenui hanno capito che la revoca dell’immunità è la foglia di fico usata…

Continua

L’Italia ha bisogno di riforme profonde, ma ci si può fidare di Giorgetti?

Sediamoci attorno a un tavolo “per cambiare tutti insieme quattro-cinque cose e dare un governo decente al Paese”. A proporlo è stato ieri il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, e non è esattamente quello che diceva ad agosto scorso, quando invece spingeva Salvini a staccare la spina del Governo gialloverde per prendersi i pieni…

Continua

I partiti investano solo in Btp. L’uso speculativo dei finanziamenti dovrebbe essere vietato

Il tesoriere della Lega, Giulio Centemero (nella foto), un signore che rischia il processo per finanziamento illecito ai partiti nello scandalo sullo stadio della Roma, ha negato ogni legame tra l’investimento di 300mila euro in bond dell’ArcelorMittal e la vicenda Ilva. Sebbene ieri Repubblica ha ricostruito una serie di collegamenti tra la maggiore delle nostre…

Continua

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Bruxelles non ha capito la lezione

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Per qualche ora, giusto il tempo di far capire l’aria che tira, i titoli del nostro debito pubblico sono diventati più rischiosi di quelli della Grecia. Un regalo, l’ultimo di una lunga serie della Commissione europea, o se vogliamo di quello che resta del vecchio governo…

Continua

La lezione dei libri incendiati. Chi strizza l’occhio alla violenza non faccia finta di non sapere

Guai a dire che dietro la Destra che monta nel Paese c’è puzza di fascismo. Salvini ci fa sopra una grassa risata e strizzando l’occhio a Casapound ne nega l’evidenza. Ieri però a Roma hanno bruciato una libreria, e chi conosce giusto i rudimenti storici di quanto avveniva in Europa meno di cento anni fa…

Continua