Il Movimento e l’errore più grande

di Gaetano Pedullà

Perlomeno adesso dovrebbero stare zitti quei giornalisti e commentatori che descrivono i Cinque Stelle come una massa di pecoroni, dove a decidere è solo Casaleggio o qualche non meglio precisata entità astratta. Dovrebbero – e non scrivo dovranno – perché quando c’è da girare fango sul Movimento, un esercito di opinionisti in servizio permanente effettivo su giornali e tv non sente ragioni. E dire che il processo aperto sul capo politico Luigi Di Maio è la prova provata di quanto pesino con i loro giudizi sia i militanti attivi sui social che i gruppi parlamentari riuniti stasera, a quanto pare con molte cose da recriminare sulla linea seguita dal leader.

Sul banco degli imputati, però, non c’è solo chi si è assunto l’onere di gestire un contratto di governo insidioso con la Lega, ma la stessa ragion d’essere di una forza politica che secondo alcuni raffinatissimi strateghi deve cambiare il mondo senza sporcarsi le mani, protetta dalla facile retorica dell’opposizione e felice di guardare il pianeta che va avanti nella direzione sbagliata, come se si potesse scendere e gioire nel veder trasformare i grandi progetti in più grandi utopie.

Personalmente non credo che Di Maio abbia tradito lo spirito del Movimento e soprattutto meriti di pagare per le colpe anche di chi adesso lo accusa, mentre sono certo che a un soggetto politico che ha perso in un anno sei milioni di voti serve tutto tranne che un nuovo salasso, dividendosi ancora e minando la leadership. Il vicepremier può essere commissariato da una gestione collegiale o cedere qualcuno dei suoi incarichi, accumulati non per capriccio ma per equilibrarne il peso con Salvini?

Sicuramente sì, ma prendere una di queste decisioni adesso renderebbe lui o chi per lui ancora più debole proprio con l’alleato che ha tratto il massimo vantaggio dal contratto di governo, e sul quale si può invece recuperare consenso. Molti degli errori fatti, invece, sono già chiari e non è impossibile correggerli. A meno di scoprire che l’errore più grande e irreversibile è stato nella selezione di molti deputati e senatori tanto miopi quanto ingrati.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua

Un altro passo falso su Salvini

Ieri sulle pagine social della Notizia c’è stato un boom di commenti e visualizzazioni su tre fatti che avevamo in prima pagina: lo stop della Cassazione ai vitalizi dei parlamentari, il sistematico linciaggio dei Cinque Stelle su giornali e trasmissioni tv, e infine le responsabilità di Nicola Zingaretti e non di Virginia Raggi sui rifiuti…

Continua

Putin non passa per caso. Il raccontino di un’Italia isolata dal resto del pianeta non regge più

Sarà capitato anche a voi di sentire degli acutissimi analisti politici e di amenità assortite secondo cui un signore di nome Vladimir Putin ha così poco da fare a Mosca da concedersi una vacanza a Roma per farsi fotografare col Papa, Mattarella e Conte. Solo così regge il raccontino di un’Italia isolata dal resto del…

Continua

Un premier tutt’altro che isolato

Attenti a leggere le nomine europee con gli occhiali della politica italiana. Era l’autunno del 2014 quando il governo dell’epoca guidato da Matteo Renzi cantava vittoria per la nomina di Pierre Moscovici commissario Ue agli affari economici. Questo signore a casa sua era stato una colomba quando c’era da lasciar correre sui vincoli di bilancio.…

Continua

Autostrade e Benetton, lo Stato torni a farsi rispettare

Autostrade per l’Italia aveva così tanti sospetti sulla sicurezza del ponte Morandi da aver chiesto già nel 2003 un preventivo per demolirlo. A rivelarlo è stata la stessa società che ieri ha fatto esplodere i piloni risparmiati dal crollo dell’anno scorso. Non bastassero i 43 morti, i feriti, la cicatrice lasciata su Genova e sull’immagine…

Continua

Uno Stato più forte dell’acciaio. L’Ilva e la minaccia di ArcelorMittal

La legge è uguale per tutti ma se hai l’immunità della legge te ne freghi. Neanche fossimo nel Medioevo, quando gli imperatori la concedevano ai vescovi per tenersi buono il Papa, nel 2015 il Governo Renzi regalò lo stesso privilegio alla multinazionale ArcelorMittal, come benefit per l’acquisto degli ultimi scampoli della fallimentare industria italiana dell’acciaio.…

Continua

Il saggio No della Capitale alle Olimpiadi

Qualche lettore ci ha scritto che La Notizia è ondivaga quanto Salvini che nel 2014 tweettava contro la candidatura alle Olimpiadi in Italia e ora invece festeggia l’aggiudicazione dei Giochi a Milano e Cortina. Motivo della critica sono gli articoli che pubblicammo nel 2016 contro la sindaca Raggi, nei giorni in cui da sola si…

Continua

Olimpiadi, rischiamo la solita mangiatoia

Milano e Cortina si sono aggiudicati i Giochi del 2026, adesso vediamo se la nuova specialità olimpica diventerà il salto del Trojan. Nel progetto ufficiale è già messo in conto tanto di quel cemento da non lasciare dubbi sulla festa che hanno fatto ieri affaristi e faccendieri. Altro che il Carro di Carnevale della delegazione…

Continua