Il solito film di politica e inchieste. La lezione dimenticata di Tangentopoli

di Gaetano Pedullà

Nove anni di reclusione a Verdini, le accuse di corruzione e di favoreggiamento che toccano il padre dell’ex premier Renzi, il ministro Lotti, manager pubblici e persino il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri. I giornali, compresa Repubblica al rimorchio del Fatto quotidiano di Travaglio e della Verità di Belpietro, che fanno a gara per rilanciare come oro colato le tesi dell’accusa nell’inchiesta sugli appalti della Consip, la centrale acquisti della pubblica amministrazione. Il Paese sembra tornato agli anni di Tangentopoli e del malaffare diffuso a ogni livello. Un problema che c’è di sicuro, ma che mai come in questo momento è utilizzato per regolare attraverso la scorciatoia giudiziaria una partita tutta politica. Si tratta di un film che in Italia abbiamo già visto, e che ha lasciato macerie. Basti pensare a cosa è stato dopo la stagione di Mani pulite, con l’immobilismo di politica e uffici pubblici intimoriti dalla magistratura. E l’economia andata a ramengo. Nonostante questo lo scenario è sempre lo stesso. E se non si vuole stare nel coro di chi porta il cervello all’ammasso, occorre guardare più da vicino i fatti di questi giorni.

Guardare da vicino i fatti di questi giorni significa però prendere atto del fil rouge che li unisce ma anche delle profonde differenze tra vicende distanti e delle forzature che in questo clima giustizialista vengono fuori da tutte le parti. Se appare chiaro che la condanna di Verdini, ampiamente attesa, non può essere considerata un attacco di chicchessia (a cominciare dalla magistratura) contro Renzi, le sorti del leader di Ala pesano ugualmente sul destino politico dell’ex segretario Pd. Matteo lo chiamò con se per sostenere il suo governo in deficit di voti al Senato. E di questo da oggi gli avversari dell’ex premier gli chiederanno il conto nel lungo dibattito precongressuale del Pd. Cosa diversa è l’inchiesta sugli appalti Consip, dove la tesi dell’accusa è che papà Tiziano avrebbe preso i soldi dell’imprenditore Alfredo Romeo per far pilotare in suo favore i ricchi appalti della centrale acquisti della pubblica amministrazione. Su questo capitolo da tempo i giornali sono ricchi di anticipazioni sulle indagini in corso, tanto che l’arresto di Romeo si può definire annunciato. L’inchiesta, con il suo clamore, sembra avere già in tasca la sentenza del processo che verrà e tutti gli indagati sono come di consueto condannati senza alcuna possibilità di difendersi. Un’aberrazione se  si considera che oltre all’indecenza dei regolamenti di conti della politica attraverso la magistratura (amplificato dai cantori delle lodi ai pm sulla stampa) gli elementi oggettivi raccolti fino ad ora non sono affatto così determinanti da comprovare la corruzione e il coinvolgimento di tutti gli indagati in quello che è stato definito il sistema Romeo. Sia chiaro: questo giornale ha raccontato in modo molto critico molte delle scelte di Renzi premier e del giro di potere di cui si è circondato. Cosa diversa è però avvalorare queste critiche prendendo per buone – giusto per una convenienza che non dovrebbe appartenere al buon giornalismo – le tesi dei magistrati che accusano da Romeo a Tiziano Renzi e quindi lo stesso ex premier. A meno di voler portare il cervello all’ammasso e comprimere ogni minima attività di critica, non si può sostenere che ad oggi sia stata trovata alcuna pistola fumante che certifichi la bontà dell’inchiesta. Al contrario i pezzini ricostruiti non dicono nulla e sostenerne il significato che attribuiscono i pm sarà cosa ardua in un processo. Ciò nonostante su molti giornali non ci sono dubbi. I magistrati arrivano dalle parti di Renzi e allora tutto va bene. Il caso si ingrossa e tanti saluti a quel minimo di garantismo che in Italia abbiamo gettato alle ortiche. La Notizia, che da quattro anni sforna inchieste a raffica non ci sta a mettersi in questo coro e ieri, unico tra i grandi giornali, è uscito con un titolo in prima pagina che accosta la vicenda Consip alle inchieste che hanno fatto fuori per via giudiziaria Craxi e Berlusconi. Per questo titolo abbiamo ricevuto qualche critica. La voglia di veder condannato chi è responsabile di corruzione è tanta e noi siamo i primi ad averla. Ma una cosa è la corruzione, un’altra e condannare qualcuno solo perchè fa comodo.

Commenti

  1. Saverio Schinzari

    L’Italia è piena di difensori di ufficio. Sordi, ciechi, e che avallano di conseguenza lo status quo. Infatti Tangentopoli non ha insegnato nulla a tutti costoro, si ruba, si continua a rubare peggio di prima. Il rottamatore ufficiale italiano, imposto dai poteri forti internazionali e da re Giorgio, ha finito per rottamare se stesso, e basta. Credo che l’epoca del nazareno volge al termine, soprattutto dopo la condanna a nove anni di Verdini, nella speranza che tra un appello e la Cassazione non vada in prescrizione, e l’Italia è stufa della solita solfa dei finti garantisti che a parole ” hanno sempre la ( solita ) fiducia nella Magistratura “, senza che nulla si muova e tutti rimangano al loro posto. Un manager importante della Consip, nominato dall’ex premier ed ascoltato in Procura, getta fango accusatorio su altri personaggi vicini all’ex- premier e nominati dallo stesso, senza che tutto ciò desti meraviglia ed anzi lo si lascia al suo posto, come peraltro gli altri starring della vicenda. E’ straordinario caro direttore che l’unica preoccupazione di alcuni giornali sia solo quella del manifestare fiducia nella magistratura, senza che alcuno, al di là del fatto processuale non si ponga alcuna domanda sull’onore delle persone, sull’etica degli stessi, e sull’opportunità di un sottosegretario di fare ” un passo di lato “, per dirla alla Cuperlo, per dare l’ultimo barlume di dignità alla politica ed al suo stesso partito. Sordi e ciechi purtroppo continuano a dettar legge !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua

Uno Stato che spreca ancora

La libertà di stampa e il valore del giornalismo non sono in discussione. Concetti che noi della Notizia sosteniamo da sempre e che ieri abbiamo potuto ribadire sul Blog delle stelle, cosa per la quale ringraziamo il Movimento Cinque Stelle. Ma questa libertà serve a ben poco, come un conto vincolato in banca, se non…

Continua

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua