Il solito film di politica e inchieste. La lezione dimenticata di Tangentopoli

di Gaetano Pedullà

Nove anni di reclusione a Verdini, le accuse di corruzione e di favoreggiamento che toccano il padre dell’ex premier Renzi, il ministro Lotti, manager pubblici e persino il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri. I giornali, compresa Repubblica al rimorchio del Fatto quotidiano di Travaglio e della Verità di Belpietro, che fanno a gara per rilanciare come oro colato le tesi dell’accusa nell’inchiesta sugli appalti della Consip, la centrale acquisti della pubblica amministrazione. Il Paese sembra tornato agli anni di Tangentopoli e del malaffare diffuso a ogni livello. Un problema che c’è di sicuro, ma che mai come in questo momento è utilizzato per regolare attraverso la scorciatoia giudiziaria una partita tutta politica. Si tratta di un film che in Italia abbiamo già visto, e che ha lasciato macerie. Basti pensare a cosa è stato dopo la stagione di Mani pulite, con l’immobilismo di politica e uffici pubblici intimoriti dalla magistratura. E l’economia andata a ramengo. Nonostante questo lo scenario è sempre lo stesso. E se non si vuole stare nel coro di chi porta il cervello all’ammasso, occorre guardare più da vicino i fatti di questi giorni.

Guardare da vicino i fatti di questi giorni significa però prendere atto del fil rouge che li unisce ma anche delle profonde differenze tra vicende distanti e delle forzature che in questo clima giustizialista vengono fuori da tutte le parti. Se appare chiaro che la condanna di Verdini, ampiamente attesa, non può essere considerata un attacco di chicchessia (a cominciare dalla magistratura) contro Renzi, le sorti del leader di Ala pesano ugualmente sul destino politico dell’ex segretario Pd. Matteo lo chiamò con se per sostenere il suo governo in deficit di voti al Senato. E di questo da oggi gli avversari dell’ex premier gli chiederanno il conto nel lungo dibattito precongressuale del Pd. Cosa diversa è l’inchiesta sugli appalti Consip, dove la tesi dell’accusa è che papà Tiziano avrebbe preso i soldi dell’imprenditore Alfredo Romeo per far pilotare in suo favore i ricchi appalti della centrale acquisti della pubblica amministrazione. Su questo capitolo da tempo i giornali sono ricchi di anticipazioni sulle indagini in corso, tanto che l’arresto di Romeo si può definire annunciato. L’inchiesta, con il suo clamore, sembra avere già in tasca la sentenza del processo che verrà e tutti gli indagati sono come di consueto condannati senza alcuna possibilità di difendersi. Un’aberrazione se  si considera che oltre all’indecenza dei regolamenti di conti della politica attraverso la magistratura (amplificato dai cantori delle lodi ai pm sulla stampa) gli elementi oggettivi raccolti fino ad ora non sono affatto così determinanti da comprovare la corruzione e il coinvolgimento di tutti gli indagati in quello che è stato definito il sistema Romeo. Sia chiaro: questo giornale ha raccontato in modo molto critico molte delle scelte di Renzi premier e del giro di potere di cui si è circondato. Cosa diversa è però avvalorare queste critiche prendendo per buone – giusto per una convenienza che non dovrebbe appartenere al buon giornalismo – le tesi dei magistrati che accusano da Romeo a Tiziano Renzi e quindi lo stesso ex premier. A meno di voler portare il cervello all’ammasso e comprimere ogni minima attività di critica, non si può sostenere che ad oggi sia stata trovata alcuna pistola fumante che certifichi la bontà dell’inchiesta. Al contrario i pezzini ricostruiti non dicono nulla e sostenerne il significato che attribuiscono i pm sarà cosa ardua in un processo. Ciò nonostante su molti giornali non ci sono dubbi. I magistrati arrivano dalle parti di Renzi e allora tutto va bene. Il caso si ingrossa e tanti saluti a quel minimo di garantismo che in Italia abbiamo gettato alle ortiche. La Notizia, che da quattro anni sforna inchieste a raffica non ci sta a mettersi in questo coro e ieri, unico tra i grandi giornali, è uscito con un titolo in prima pagina che accosta la vicenda Consip alle inchieste che hanno fatto fuori per via giudiziaria Craxi e Berlusconi. Per questo titolo abbiamo ricevuto qualche critica. La voglia di veder condannato chi è responsabile di corruzione è tanta e noi siamo i primi ad averla. Ma una cosa è la corruzione, un’altra e condannare qualcuno solo perchè fa comodo.

  • Saverio Schinzari

    L’Italia è piena di difensori di ufficio. Sordi, ciechi, e che avallano di conseguenza lo status quo. Infatti Tangentopoli non ha insegnato nulla a tutti costoro, si ruba, si continua a rubare peggio di prima. Il rottamatore ufficiale italiano, imposto dai poteri forti internazionali e da re Giorgio, ha finito per rottamare se stesso, e basta. Credo che l’epoca del nazareno volge al termine, soprattutto dopo la condanna a nove anni di Verdini, nella speranza che tra un appello e la Cassazione non vada in prescrizione, e l’Italia è stufa della solita solfa dei finti garantisti che a parole ” hanno sempre la ( solita ) fiducia nella Magistratura “, senza che nulla si muova e tutti rimangano al loro posto. Un manager importante della Consip, nominato dall’ex premier ed ascoltato in Procura, getta fango accusatorio su altri personaggi vicini all’ex- premier e nominati dallo stesso, senza che tutto ciò desti meraviglia ed anzi lo si lascia al suo posto, come peraltro gli altri starring della vicenda. E’ straordinario caro direttore che l’unica preoccupazione di alcuni giornali sia solo quella del manifestare fiducia nella magistratura, senza che alcuno, al di là del fatto processuale non si ponga alcuna domanda sull’onore delle persone, sull’etica degli stessi, e sull’opportunità di un sottosegretario di fare ” un passo di lato “, per dirla alla Cuperlo, per dare l’ultimo barlume di dignità alla politica ed al suo stesso partito. Sordi e ciechi purtroppo continuano a dettar legge !

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Imprenditori suicidi. Al rogo chi crea lavoro

Visto che non lo fa il Sole 24 Ore lo facciamo più modestamente noi della Notizia. Vogliamo dire una verità che farà storcere il naso a tante anime belle, tanto certe che tutte le Ong abbiano solo fini umanitari, quanto sicure che gli imprenditori in questo Paese sono sempre corruttori o evasori fiscale? Per un…

Continua

Le mezze verità di Napolitano su Gheddafi

Le persone di una certa età si sa che possono avere inconvenienti con la memoria. Non deve fare eccezione Giorgio Napolitano, ex Presidente della Repubblica che ieri disinvoltamente si è tolto di dosso ogni responsabilità per l’intervento militare italiano contro Gheddafi nel 2011. Formalmente non ha detto falsità e non c’è dubbio che Berlusconi si…

Continua

Caso Fincantieri, se Bruxelles alimenta la barbarie

Occhio per occhio… secoli di cultura industriale, di deontologia in economia, di diplomazia e regole europee andate in fumo in pochi giorni per una prepotenza del governo francese alla quale doveva essere la Commissione europea prima di chiunque altro a rispondere, impedendo la nazionalizzazione dei cantieri navali di Saint-Nazaire conquistati secondo le regole del mercato…

Continua

Roma governata dal caos

Nell’editoriale di ieri spiegavamo che il disastro di trasporti, degrado e disorganizzazione in cui versa Roma è frutto del passato ma anche del dilettantismo con cui la Capitale è amministrata dai Cinque Stelle. Ci sbagliavamo. Quello che sta accadendo in Campidoglio non ha nulla a che fare con il dilettantismo perché si tratta di professionismo…

Continua

Amministrazione Raggi: Roma nel degrado più totale. Paghiamo per i dilettanti allo sbaraglio

Quello che si è visto ieri per le strade di Roma supera il limite della decenza. E spiega perché in questa città l’Isis non ha fatto attentati: a rendere la vita un incubo per i cittadini ci pensano già gli amministratori. E ci riescono benissimo. Ieri era ampiamente prevista la chiusura di un pezzo del…

Continua

Una politica allergica alle cure forti

I problemi di Roma vengono da lontano, la siccità non è certo colpa dei Cinque Stelle e in un anno neppure la migliore amministrazione al mondo poteva fare i miracoli. Qui però i guai aumentano e alle responsabilità più antiche se ne sommano di nuove. L’amministratore dell’Atac andato via dopo poche settimane era stato scelto…

Continua

L’autonomia delle toghe e la lezione di Melillo

Se il magistrato Giovanni Melillo non avesse il curriculum che ha, non l’avrebbe scampata al fuoco di sbarramento contro la promozione arrivata ieri alla guida della Procura di Napoli. Con tutti i guai del Paese la vicenda può sembrare una questione minore ma non lo è per niente. Quella che va in scena da mesi…

Continua

Ci mancava lo spot della casta

Botte da orbi per esibire la paternità di una presa in giro. Con la legislatura ormai vicina al “game over” la Camera ce l’ha fatta ad approvare la legge che taglia i vitalizi dei parlamentari. Un privilegio immorale fatto fuori con una norma incostituzionale, che quasi certamente in questo Parlamento non diventerà definitiva. I Cinque…

Continua

Un deposito nucleare per la politica

Avere una tavola piena di cibi ben cotti e morire di fame perché non sappiamo che piatto scegliere. Siamo capaci anche di questo, soprattutto se il piatto scotta quanto scotta nell’opinione pubblica tutto ciò che si porta attaccato la parola nucleare. Qui il piatto sono le aree su cui far sorgere il deposito nazionale che…

Continua

Da Bruno Caccia alla Lucarelli, la tortura della giustizia lumaca

Neppure un animo incendiario come quello di Selvaggia Lucarelli ha retto alla tensione di una sentenza arrivata dopo sette anni. I giudici l’hanno assolta dal temibilissimo reato di aver sottratto da un computer le foto di una festa vip e l’imputata ha finito di scontare una tortura mediatica che comunque l’è costata più della pena…

Continua