Il solito film di politica e inchieste. La lezione dimenticata di Tangentopoli

di Gaetano Pedullà

Nove anni di reclusione a Verdini, le accuse di corruzione e di favoreggiamento che toccano il padre dell’ex premier Renzi, il ministro Lotti, manager pubblici e persino il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri. I giornali, compresa Repubblica al rimorchio del Fatto quotidiano di Travaglio e della Verità di Belpietro, che fanno a gara per rilanciare come oro colato le tesi dell’accusa nell’inchiesta sugli appalti della Consip, la centrale acquisti della pubblica amministrazione. Il Paese sembra tornato agli anni di Tangentopoli e del malaffare diffuso a ogni livello. Un problema che c’è di sicuro, ma che mai come in questo momento è utilizzato per regolare attraverso la scorciatoia giudiziaria una partita tutta politica. Si tratta di un film che in Italia abbiamo già visto, e che ha lasciato macerie. Basti pensare a cosa è stato dopo la stagione di Mani pulite, con l’immobilismo di politica e uffici pubblici intimoriti dalla magistratura. E l’economia andata a ramengo. Nonostante questo lo scenario è sempre lo stesso. E se non si vuole stare nel coro di chi porta il cervello all’ammasso, occorre guardare più da vicino i fatti di questi giorni.

Guardare da vicino i fatti di questi giorni significa però prendere atto del fil rouge che li unisce ma anche delle profonde differenze tra vicende distanti e delle forzature che in questo clima giustizialista vengono fuori da tutte le parti. Se appare chiaro che la condanna di Verdini, ampiamente attesa, non può essere considerata un attacco di chicchessia (a cominciare dalla magistratura) contro Renzi, le sorti del leader di Ala pesano ugualmente sul destino politico dell’ex segretario Pd. Matteo lo chiamò con se per sostenere il suo governo in deficit di voti al Senato. E di questo da oggi gli avversari dell’ex premier gli chiederanno il conto nel lungo dibattito precongressuale del Pd. Cosa diversa è l’inchiesta sugli appalti Consip, dove la tesi dell’accusa è che papà Tiziano avrebbe preso i soldi dell’imprenditore Alfredo Romeo per far pilotare in suo favore i ricchi appalti della centrale acquisti della pubblica amministrazione. Su questo capitolo da tempo i giornali sono ricchi di anticipazioni sulle indagini in corso, tanto che l’arresto di Romeo si può definire annunciato. L’inchiesta, con il suo clamore, sembra avere già in tasca la sentenza del processo che verrà e tutti gli indagati sono come di consueto condannati senza alcuna possibilità di difendersi. Un’aberrazione se  si considera che oltre all’indecenza dei regolamenti di conti della politica attraverso la magistratura (amplificato dai cantori delle lodi ai pm sulla stampa) gli elementi oggettivi raccolti fino ad ora non sono affatto così determinanti da comprovare la corruzione e il coinvolgimento di tutti gli indagati in quello che è stato definito il sistema Romeo. Sia chiaro: questo giornale ha raccontato in modo molto critico molte delle scelte di Renzi premier e del giro di potere di cui si è circondato. Cosa diversa è però avvalorare queste critiche prendendo per buone – giusto per una convenienza che non dovrebbe appartenere al buon giornalismo – le tesi dei magistrati che accusano da Romeo a Tiziano Renzi e quindi lo stesso ex premier. A meno di voler portare il cervello all’ammasso e comprimere ogni minima attività di critica, non si può sostenere che ad oggi sia stata trovata alcuna pistola fumante che certifichi la bontà dell’inchiesta. Al contrario i pezzini ricostruiti non dicono nulla e sostenerne il significato che attribuiscono i pm sarà cosa ardua in un processo. Ciò nonostante su molti giornali non ci sono dubbi. I magistrati arrivano dalle parti di Renzi e allora tutto va bene. Il caso si ingrossa e tanti saluti a quel minimo di garantismo che in Italia abbiamo gettato alle ortiche. La Notizia, che da quattro anni sforna inchieste a raffica non ci sta a mettersi in questo coro e ieri, unico tra i grandi giornali, è uscito con un titolo in prima pagina che accosta la vicenda Consip alle inchieste che hanno fatto fuori per via giudiziaria Craxi e Berlusconi. Per questo titolo abbiamo ricevuto qualche critica. La voglia di veder condannato chi è responsabile di corruzione è tanta e noi siamo i primi ad averla. Ma una cosa è la corruzione, un’altra e condannare qualcuno solo perchè fa comodo.

  • Saverio Schinzari

    L’Italia è piena di difensori di ufficio. Sordi, ciechi, e che avallano di conseguenza lo status quo. Infatti Tangentopoli non ha insegnato nulla a tutti costoro, si ruba, si continua a rubare peggio di prima. Il rottamatore ufficiale italiano, imposto dai poteri forti internazionali e da re Giorgio, ha finito per rottamare se stesso, e basta. Credo che l’epoca del nazareno volge al termine, soprattutto dopo la condanna a nove anni di Verdini, nella speranza che tra un appello e la Cassazione non vada in prescrizione, e l’Italia è stufa della solita solfa dei finti garantisti che a parole ” hanno sempre la ( solita ) fiducia nella Magistratura “, senza che nulla si muova e tutti rimangano al loro posto. Un manager importante della Consip, nominato dall’ex premier ed ascoltato in Procura, getta fango accusatorio su altri personaggi vicini all’ex- premier e nominati dallo stesso, senza che tutto ciò desti meraviglia ed anzi lo si lascia al suo posto, come peraltro gli altri starring della vicenda. E’ straordinario caro direttore che l’unica preoccupazione di alcuni giornali sia solo quella del manifestare fiducia nella magistratura, senza che alcuno, al di là del fatto processuale non si ponga alcuna domanda sull’onore delle persone, sull’etica degli stessi, e sull’opportunità di un sottosegretario di fare ” un passo di lato “, per dirla alla Cuperlo, per dare l’ultimo barlume di dignità alla politica ed al suo stesso partito. Sordi e ciechi purtroppo continuano a dettar legge !

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Trasporti, una vacanza travestita da sciopero

Ci fossero in Italia sindacati veri, capaci di stare dalla parte dei lavoratori ma anche dei cittadini, sarebbero questi i più incazzati per il Paese preso oggi in ostaggio. Quattro siglette di cui nessuno sa niente hanno deciso tutto insieme il blocco di treni, aerei, autobus e metropolitane. Ovviamente la gran parte dei lavoratori non…

Continua

Stipendi Rai, deroga disgustosa

A fare il direttore generale della Rai così come ha iniziato Mario Orfeo sono bravi tutti. La tv pubblica esempio del cambiamento renziano del Paese sta diventando invece l’emblema della rottamazione fallita. E ora c’è pure la prova che il manager arrivato dalla Leopolda, Antonio Campo Dall’Orto, non è stato silurato per la storia degli…

Continua

A Berlusconi accuse senza fretta

Riina libero e Berlusconi mafioso. Mentre un manipolo di miracolati dai partiti affonda la legge elettorale per tenersi fino all’ultimo la poltrona in Parlamento, cosa nostra irrompe nel pantano della politica. Era già successo nel ’93, con la bomba di Capaci scoppiata nel bel mezzo di un’elezione del Capo dello Stato finita in stallo. Stavolta…

Continua

In panchina Grasso si scalda

È bastato un banale emendamento per far capire che non era aria. L’accordo dei leader sulla legge elettorale non poteva reggere. Generali senza esercito, Renzi e Berlusconi hanno truppe alle quali si chiedeva di suicidarsi approvando una riforma che lascia quasi tutti fuori dal prossimo Parlamento. Un futuro incerto che deve aver messo paura anche…

Continua

Stavolta Beppe non fa ridere

Beppe Grillo deve essersi ricordato il mestiere che faceva prima di scoprirsi statista ed è tornato a fare il comico. La gag sulla legge elettorale però non gli è riuscita benissimo. Certo, dall’accordo con Renzi e Berlusconi stava venendo fuori una tale schifezza che l’improvvisa marcia indietro ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla…

Continua

Una riforma elettorale repellente

Dire una cosa giusta per farne una sbagliata. Su cosa pensano gli italiani della legge elettorale Beppe Grillo ci ha preso in pieno: nessuno l’ha capita e a nessuno frega di capirne. Il distacco dalla politica è siderale e per riallacciare il filo con gli elettori si poteva solo restituirgli il diritto esclusivo di scegliere…

Continua

Riina libero ma solo se si pente

Dalla Direzione Antimafia a uno dei magistrati simbolo della lotta alle mafie, il procuratore Gratteri, sino a molti politici e alla sollevazione sui social network, è tutto un coro di No alla possibilità che il capo dei capi di cosa nostra, Totò Riina, sia scarcerato per andare a morire in casa sua. A 86 anni…

Continua

La merce più cara è l’incertezza

Se mai servisse un buon motivo per decidere cosa è meglio tra andare presto al voto o continuare a galleggiare appesi al governo Gentiloni, si può fare un salto a Madrid e guardarsi attorno. Anche la Spagna, come noi, ha sofferto per la crisi finanziaria contagiata all’Europa dagli americani dopo il crollo della Lehman Brothers.…

Continua

Flavio Insinna e tutti noi fessi come lui

Ma come? Con il G7 che comincia, con le bombe all’ex premier in Grecia e le stragi di bambini buoni a Manchester e dei bambini altri nel Mediterraneo, vogliamo occuparci del signor Flavio Insinna e della brutta figura che ha fatto nei fuori onda trasmessi da Striscia la Notizia? Sì, ce ne occupiamo perché questa…

Continua

Sciacalli e buonisti pari sono

L’Isis festeggia. Un altro tassello del mosaico d’odio che raffigura la guerra all’Occidente è andato vigliaccamente al suo posto. In Inghilterra l’orrore si è riversato sui giovanissimi, la generazione più aperta all’integrazione e allo scambio culturale tra i popoli. I ragazzi francesi (e di mezza Europa) al Bataclan di Parigi e i teenager del concerto…

Continua