Informazione mai tanto in ostaggio

di Gaetano Pedullà

Queste sì che sono soddisfazioni. L’Italia guadagna 25 posizioni nella classifica più farlocca del pianeta: sulla libertà di stampa siamo passati dal 77 al 52esimo posto. Un balzo in avanti che già da solo la dice lunga su come è compilata questa graduatoria. E d’altra parte chi può battere i giornalisti sul terreno delle fake news? Quindi, l’anno scorso stavamo in stretta compagnia di Paesi asiatici e africani che non brillano certo per trasparenza e circolazione del pensiero. Quest’anno invece non siamo ancora ai livelli di Norvegia e Svezia, dove evidentemente vivono degli ingenui per cui i giornali restano il cane da guardia della democrazia, ma approdiamo su livelli più dignitosi grazie al fatto che un po’ di giornalisti, compreso chi ha realizzato l’inchiesta sui misteri in Vaticano, l’ha scampata al processo. Proprio così, avete letto bene: i cronisti non sono stati liberi di fare il loro lavoro, ma si sono salvati dopo essere finiti in tribunale, rischiando pene pesantissime e affrontando costi economici e di stress rilevantissimi. Quindi ci facesse il piacere chi ha festeggiato la classifica e si vada a nascondere con i geni di Reporter senza frontiere.

Reporter che ci avrebbero dato anche un voto migliore se non fosse per quel despota di Beppe Grillo che ciclicamente mette all’indice i singoli giornalisti ostili al suo Movimento. Sia chiaro: Grillo non fa una cosa buona prendendosela sul suo blog con i giornalisti che criticano i Cinque Stelle piuttosto che rispondendo sull’oggetto delle contestazioni stesse, ma tra un leader politico che esprime le sue opinioni e un sistema dove dilagano mille meccanismi di censura Beppe nostro è davvero l’ultimo dei problemi. Facciamo uno sforzo di onestà e accantoniamo per un attimo lo stile tutto italiano di dividerci in curve degli ultras, in eterni Montecchi e Capuleti, e tralasciando che ci piacciano o no i Cinque Stelle, osserviamo la realtà. La stragrande maggioranza dei giornali è di proprietà di editori impuri, cioè persone o imprese che di mestiere fanno altro (banche, costruzioni, sanità, ecc.) e usano la stampa come una clava per difendere i loro interessi principali. Molti giornali ricevono contributi pubblici e diversi sono organi ufficiali dei partiti politici. Se solo si esce dal seminato dei temi dettati quotidianamente dall’agenda della sacra Ansa (la principale agenzia di stampa, naturalmente molto “istituzionale”) e si pubblicano inchieste, ecco che il fuoco di sbarramento è fenomenale. La politica protesta, i potenti o i portatori degli interessi presi di mira insorgono (anche utilizzando i giornali o le tv di cui dispongono), le querele iniziano a volare e nei tribunali arrivano valanghe di nuovi processi da istruire. In un sistema che tutela il diritto di tutti all’onorabilità è sacrosanto per ogni cittadino potersi difendere da un reato come la diffamazione. Ma senza aprire un vaso di Pandora e limitandoci alla sola esperienza del quotidiano che state leggendo, arrivati al quinto anno di pubblicazione ne abbiamo viste davvero di tutti i colori.

Il vero bavaglio – Ci hanno querelato con argomentazioni che i giudici hanno riconosciuto infondate dalla Cgil a gruppi economici pubblici e privati. Cause o citazioni civili per centinaia di migliaia di euro, che in caso di accoglimento ci avrebbero fatto chiudere e mandare per strada i giornalisti. E non è finita qui, perché restano pendenti diversi altri processi, con questo giornale chiamato a risarcire incomprensibili danni da delinquenti riconosciuti tali con sentenze passate in giudicato, da grandi aziende pubbliche, persino da due delle tre giudici che condannarono Berlusconi per Ruby (signore mai citate per nome in un unico articolo sul caso e incuranti del fatto che quella sentenza fu successivamente riformata in Appello e annullata in Cassazione). Per non parlare delle continue minacce, almeno un paio al giorno, di avvocati e intermediari che pretendono la cancellazione degli articoli sgraditi sul sito online. In questo Vietnam, dove bisogna fare fronte a spese legali gravose ed è rara la generosità di avvocati che sposano sul serio la causa della libertà d’informazione, diamo conto perciò delle posizioni scalate nella classifica dei Reporter senza frontiere. Facendo il favore di mettere l’anima in pace a chi dovrebbe aiutare davvero i giornali ad essere liberi, e cioè quella politica che non affronta il problema, ben felice di tenere sotto scacco una stampa che è meglio se non rompe troppo le scatole.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un deposito nucleare per la politica

Avere una tavola piena di cibi ben cotti e morire di fame perché non sappiamo che piatto scegliere. Siamo capaci anche di questo, soprattutto se il piatto scotta quanto scotta nell’opinione pubblica tutto ciò che si porta attaccato la parola nucleare. Qui il piatto sono le aree su cui far sorgere il deposito nazionale che…

Continua

Da Bruno Caccia alla Lucarelli, la tortura della giustizia lumaca

Neppure un animo incendiario come quello di Selvaggia Lucarelli ha retto alla tensione di una sentenza arrivata dopo sette anni. I giudici l’hanno assolta dal temibilissimo reato di aver sottratto da un computer le foto di una festa vip e l’imputata ha finito di scontare una tortura mediatica che comunque l’è costata più della pena…

Continua

La povertà e le riforme mancate

Non c’è niente da fare: i numeri dicono che in dieci anni in Italia i poveri sono triplicati. E i numeri sono argomenti troppo testardi per arrendersi alle giustificazioni di chi ci ha governato. Certo, abbiamo attraversato la crisi dello spread e quella delle banche, ma se siamo qui è chiaro che le nostre ricette…

Continua

Vitalizio, un privilegio che offende il buonsenso

Nel Paese degli azzeccagarbugli giuridici, del toglieteci tutto ma non i diritti acquisiti, dei politici diventati casta, i sacrifici vanno bene se però a farli è qualcun altro. Una regola che non poteva sfuggire al taglio dei vitalizi per i parlamentari, a parole consapevoli di aver goduto per decenni di un privilegio sfacciato, ma poi…

Continua

Marchionne premier, sì nella Repubblica delle banane modello Fiat

Criticare i colleghi non è bello, e se sono colleghi molto più bravi e autorevoli lo è ancora di più, ma La Notizia è un giornale sopra le righe e allora lasciatecelo dire che ieri i direttori di Libero e Il Tempo oltre a deluderci ci hanno rafforzato nella convinzione che il Centrodestra italiano è…

Continua

Gentiloni? Un Governo che scalda la sedia

Il ministero dell’Economia non ha ancora pigiato il tasto invio sull’ultimo bonifico da 5,4 miliardi al Monte dei Paschi e già arriva un altro costo per il Paese: la banca di Siena metterà sulla strada 5.500 dipendenti. Il ministro del Tesoro Padoan canta vittoria, e anche con qualche ragione, ma solo tra Toscana e Veneto…

Continua

Il riscatto del gaffeur Juncker

Se c’è al mondo un personaggio politico che non dovrebbe mai evocare il senso del ridicolo questo è Jean-Claude Juncker. Gaffeur professionista, non raro ad alzare il gomito, mise la faccia e il nome su un piano di 300 miliardi di euro per uscire dall’austerità. Abbiamo visto quanto poco è servito, ma per ora resiste…

Continua

Che banali gli odiatori di Rodotà

La morte di questo “marimbarza”, scritto così alla romana. C’è anche questo messaggio sulla pagina Facebook della Notizia, dove i lettori si sfogano e ne dicono di tutti i colori, anche su questo giornale. Lo spazio delle idee è sacro e ci prendiamo i nostri insulti, talvolta pure meritatamente. Lo sfregio a Stefano Rodotà però…

Continua

Trasporti, una vacanza travestita da sciopero

Ci fossero in Italia sindacati veri, capaci di stare dalla parte dei lavoratori ma anche dei cittadini, sarebbero questi i più incazzati per il Paese preso oggi in ostaggio. Quattro siglette di cui nessuno sa niente hanno deciso tutto insieme il blocco di treni, aerei, autobus e metropolitane. Ovviamente la gran parte dei lavoratori non…

Continua

Stipendi Rai, deroga disgustosa

A fare il direttore generale della Rai così come ha iniziato Mario Orfeo sono bravi tutti. La tv pubblica esempio del cambiamento renziano del Paese sta diventando invece l’emblema della rottamazione fallita. E ora c’è pure la prova che il manager arrivato dalla Leopolda, Antonio Campo Dall’Orto, non è stato silurato per la storia degli…

Continua