Informazione mai tanto in ostaggio

di Gaetano Pedullà

Queste sì che sono soddisfazioni. L’Italia guadagna 25 posizioni nella classifica più farlocca del pianeta: sulla libertà di stampa siamo passati dal 77 al 52esimo posto. Un balzo in avanti che già da solo la dice lunga su come è compilata questa graduatoria. E d’altra parte chi può battere i giornalisti sul terreno delle fake news? Quindi, l’anno scorso stavamo in stretta compagnia di Paesi asiatici e africani che non brillano certo per trasparenza e circolazione del pensiero. Quest’anno invece non siamo ancora ai livelli di Norvegia e Svezia, dove evidentemente vivono degli ingenui per cui i giornali restano il cane da guardia della democrazia, ma approdiamo su livelli più dignitosi grazie al fatto che un po’ di giornalisti, compreso chi ha realizzato l’inchiesta sui misteri in Vaticano, l’ha scampata al processo. Proprio così, avete letto bene: i cronisti non sono stati liberi di fare il loro lavoro, ma si sono salvati dopo essere finiti in tribunale, rischiando pene pesantissime e affrontando costi economici e di stress rilevantissimi. Quindi ci facesse il piacere chi ha festeggiato la classifica e si vada a nascondere con i geni di Reporter senza frontiere.

Reporter che ci avrebbero dato anche un voto migliore se non fosse per quel despota di Beppe Grillo che ciclicamente mette all’indice i singoli giornalisti ostili al suo Movimento. Sia chiaro: Grillo non fa una cosa buona prendendosela sul suo blog con i giornalisti che criticano i Cinque Stelle piuttosto che rispondendo sull’oggetto delle contestazioni stesse, ma tra un leader politico che esprime le sue opinioni e un sistema dove dilagano mille meccanismi di censura Beppe nostro è davvero l’ultimo dei problemi. Facciamo uno sforzo di onestà e accantoniamo per un attimo lo stile tutto italiano di dividerci in curve degli ultras, in eterni Montecchi e Capuleti, e tralasciando che ci piacciano o no i Cinque Stelle, osserviamo la realtà. La stragrande maggioranza dei giornali è di proprietà di editori impuri, cioè persone o imprese che di mestiere fanno altro (banche, costruzioni, sanità, ecc.) e usano la stampa come una clava per difendere i loro interessi principali. Molti giornali ricevono contributi pubblici e diversi sono organi ufficiali dei partiti politici. Se solo si esce dal seminato dei temi dettati quotidianamente dall’agenda della sacra Ansa (la principale agenzia di stampa, naturalmente molto “istituzionale”) e si pubblicano inchieste, ecco che il fuoco di sbarramento è fenomenale. La politica protesta, i potenti o i portatori degli interessi presi di mira insorgono (anche utilizzando i giornali o le tv di cui dispongono), le querele iniziano a volare e nei tribunali arrivano valanghe di nuovi processi da istruire. In un sistema che tutela il diritto di tutti all’onorabilità è sacrosanto per ogni cittadino potersi difendere da un reato come la diffamazione. Ma senza aprire un vaso di Pandora e limitandoci alla sola esperienza del quotidiano che state leggendo, arrivati al quinto anno di pubblicazione ne abbiamo viste davvero di tutti i colori.

Il vero bavaglio – Ci hanno querelato con argomentazioni che i giudici hanno riconosciuto infondate dalla Cgil a gruppi economici pubblici e privati. Cause o citazioni civili per centinaia di migliaia di euro, che in caso di accoglimento ci avrebbero fatto chiudere e mandare per strada i giornalisti. E non è finita qui, perché restano pendenti diversi altri processi, con questo giornale chiamato a risarcire incomprensibili danni da delinquenti riconosciuti tali con sentenze passate in giudicato, da grandi aziende pubbliche, persino da due delle tre giudici che condannarono Berlusconi per Ruby (signore mai citate per nome in un unico articolo sul caso e incuranti del fatto che quella sentenza fu successivamente riformata in Appello e annullata in Cassazione). Per non parlare delle continue minacce, almeno un paio al giorno, di avvocati e intermediari che pretendono la cancellazione degli articoli sgraditi sul sito online. In questo Vietnam, dove bisogna fare fronte a spese legali gravose ed è rara la generosità di avvocati che sposano sul serio la causa della libertà d’informazione, diamo conto perciò delle posizioni scalate nella classifica dei Reporter senza frontiere. Facendo il favore di mettere l’anima in pace a chi dovrebbe aiutare davvero i giornali ad essere liberi, e cioè quella politica che non affronta il problema, ben felice di tenere sotto scacco una stampa che è meglio se non rompe troppo le scatole.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua

Autostrade per l’Alitalia

I due dossier resteranno separati, e così si eviterà ogni conflitto d’interesse. Alitalia dove entrano i Benetton sarà una cosa e le Autostrade, dove gli stessi Benetton sono messi alla porta, saranno un’altra. Possiamo crederci? Se le cose andranno effettivamente così – come ha promesso ancora ieri Luigi Di Maio – lo vedremo molto presto,…

Continua

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua

Un altro passo falso su Salvini

Ieri sulle pagine social della Notizia c’è stato un boom di commenti e visualizzazioni su tre fatti che avevamo in prima pagina: lo stop della Cassazione ai vitalizi dei parlamentari, il sistematico linciaggio dei Cinque Stelle su giornali e trasmissioni tv, e infine le responsabilità di Nicola Zingaretti e non di Virginia Raggi sui rifiuti…

Continua

Putin non passa per caso. Il raccontino di un’Italia isolata dal resto del pianeta non regge più

Sarà capitato anche a voi di sentire degli acutissimi analisti politici e di amenità assortite secondo cui un signore di nome Vladimir Putin ha così poco da fare a Mosca da concedersi una vacanza a Roma per farsi fotografare col Papa, Mattarella e Conte. Solo così regge il raccontino di un’Italia isolata dal resto del…

Continua

Un premier tutt’altro che isolato

Attenti a leggere le nomine europee con gli occhiali della politica italiana. Era l’autunno del 2014 quando il governo dell’epoca guidato da Matteo Renzi cantava vittoria per la nomina di Pierre Moscovici commissario Ue agli affari economici. Questo signore a casa sua era stato una colomba quando c’era da lasciar correre sui vincoli di bilancio.…

Continua

Autostrade e Benetton, lo Stato torni a farsi rispettare

Autostrade per l’Italia aveva così tanti sospetti sulla sicurezza del ponte Morandi da aver chiesto già nel 2003 un preventivo per demolirlo. A rivelarlo è stata la stessa società che ieri ha fatto esplodere i piloni risparmiati dal crollo dell’anno scorso. Non bastassero i 43 morti, i feriti, la cicatrice lasciata su Genova e sull’immagine…

Continua

Uno Stato più forte dell’acciaio. L’Ilva e la minaccia di ArcelorMittal

La legge è uguale per tutti ma se hai l’immunità della legge te ne freghi. Neanche fossimo nel Medioevo, quando gli imperatori la concedevano ai vescovi per tenersi buono il Papa, nel 2015 il Governo Renzi regalò lo stesso privilegio alla multinazionale ArcelorMittal, come benefit per l’acquisto degli ultimi scampoli della fallimentare industria italiana dell’acciaio.…

Continua