La brutta lezione di Telecom. L’economia italiana è illiberale

di Gaetano Pedullà

Comunque la si guardi, la battaglia in corso su Telecom dimostra che le regole del mercato economico in Italia funzionano poco, possono essere estese o ritirate come il mantice di una fisarmonica, e alla fine quello che conta non è il merito delle imprese ma le scelte della politica. Non siamo ai tempi del fallimentare dirigismo sovietico sulla produzione ma andiamoci piano nel sostenere con un anglosassone che il nostro sistema è liberale, a meno di non voler suscitare una sonora risata. Purtroppo questo Paese è l’erede di quel modello Cuccia – lo storico banchiere di Mediobanca – secondo cui a Londra o New York le azioni si contano mentre qui si pesano, a testimonianza che un euro di chi è “unto dal Signore” vale più dello stesso euro in tasca al signor Rossi di turno. Dai tempi delle grandi spartizioni finanziarie e industriali pilotate da via Filodrammatici sempre ai soliti noti (Agnelli, Pirelli, ecc.) è passata molta acqua sotto ai ponti, e oggi abbiamo norme e Authority che vigilano sui mercati, assicurando in teoria uguali opportunità per tutti. Poi però si apre la partita Telecom e torniamo indietro di decenni. Prima di continuare qui va fatta una premessa. I francesi di Vivendi, che sono diventati azionisti di riferimento dell’ex monopolista dei telefoni dopo complessi scambi di titoli su uno scacchiere internazionale, sin dal primo momento non si sono comportati benissimo. Per un lungo periodo hanno negato di controllare il gruppo delle Tlc, senza che però nessuno in quella fase contestasse nulla.

Era l’epoca in cui il dominus del colosso d’Oltralpe Vincent Bollorè andava d’amore e d’accordo con il maggiore player privato italiano del settore, Silvio Berlusconi. Tanto d’accordo che dal Parlamento alle Autorità indipendenti di vigilanza non si mosse una paglia, a dimostrazione che all’occorrenza la fisarmonica delle regole può restare muta. Poi è scoppiata la guerra. Vivendi pensava di fare un affare comprando la pay-tv di Mediaset, ma dopo aver firmato il contratto si è accorta di aver pagato troppo e ha cercato di fare marcia indietro. Ne è nato uno scontro legale che Bollorè ha immaginato di aggirare scalando la stessa Mediaset. A questo punto dal Governo alle Autorità sul mercato tutti si sono accorti che con il suo 23,9% Vivendi era il padrone di fatto di Telecom, e salendo nell’azionariato di Mediaset (con la quale aveva invece serenamente scambiato una partecipazione ai tempi dell’acquisto di Premium) adesso presentava una concentrazione eccessiva nelle tlc italiane. Parallelamente, i governi Renzi e Gentiloni decidevano a tavolino le operazioni industriali sulla nuova rete internet veloce, estromettendo la Telecom a guida francese per regalare questo ricco business all’Enel (controllata da manager renziani) e alle Fondazioni bancarie attraverso la Cassa depositi e prestiti.

PAGA PANTALONE

C’era da risarcire gli enti guidati dal grande manovratore Giuseppe Guzzetti per il sacrificio (inutile e dispendioso) fatto con l’investimento nei Fondi Atlante con cui si è messa una pezza al disastro di alcuni istituti bancari. Perciò al tavolo del Risiko finanziario si è inventata una società ad hoc, la Open Fiber, dove l’uomo delle Fondazioni Franco Bassanini non fa solo il presidente, ma in senso letterale il bello e il cattivo tempo, arrivando a far saltare persino l’amministratore delegato. E pazienza se a fare telecomunicazioni sarà l’Enel, che si occupa di energia, e non Telecom. Il merito, come detto, in Italia non conta niente se c’è di mezzo la politica. Non lamentiamoci dunque se dai servizi pubblici in giù le cose qui costano il doppio e funzionano la metà. Ma torniamo alla battaglia su Telecom e alla lezione che ci insegna.

Il controllo dei francesi sul gruppo non è così saldo come poteva sembrare e il Fondo americano Elliott, che guarda caso ha già incrociato Berlusconi nella cessione del Milan, sale fino a sfiorare il 10% di Telecom e con alcune prevedibili convergenze di altri grandi investitori può togliere a Vivendi la scelta dei manager. Un esito che da ieri è quasi scontato visto l’imprevedibile ingresso in Telecom della Cassa Depositi con una quota fino al 5%. Nella disinformazione generale, insomma, siamo tornati in qualche misura a nazionalizzare l’erede della Sip.  Non stupiamoci se chi ci guarda dalla City o da Wall Street scuote le spalle e ride.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una Sinistra nemica dei poveri. Il Pd quando era al Governo non mosse un dito, ora propone un salario minimo più alto rispetto al M5S

Le pensioni di cittadinanza erogate anche in contanti, per non complicare oltre la vita di quegli anziani che hanno difficoltà a utilizzare le card. C’è anche questo negli ultimi emendamenti presentati ieri al cosiddetto decretone, cioè la norma che dovrà tenere in equilibrio da una parte l’obiettivo finale di aiutare sul serio i poveri con…

Continua

L’equivoco delle élite al potere. Si ostinano a guardare il futuro con gli occhiali del passato

Illuminante intervento del consigliere direttivo della Banca centrale europea, Benoît Cœuré, ieri all’Università Bocconi. La stagnazione e il calo dei redditi – ha spiegato – sono il risultato di molti fattori, niente affatto collegati con l’appartenenza all’Unione europea o all’euro. Se però le forze sovraniste ed euroscettiche dovessero crescere – ha continuato – questo finirebbe…

Continua

Finiamola di fare male all’Italia. Il Reddito di cittadinanza è partito senza intoppi e nessuno ha assaltato gli uffici postali

Un’altra profezia di sventura che si affloscia come un soufflé. Chi aveva previsto l’assalto di milioni di sfaccendati agli uffici postali per accaparrarsi sin dal primo giorno il Reddito di cittadinanza ha sbagliato tutto. Esattamente come sbagliava chi giurava che questa misura non sarebbe mai partita, che non c’erano i soldi, che lo Stato non…

Continua

Le nozze impossibili tra M5S e Pd. I nostri lettori hanno le idee chiare: meglio una vita all’opposizione che un minuto con i dem

L’abbiamo fatto una volta e non lo faremo più. Visto che si parla tanto di nuovi scenari per la politica italiana, con il Pd derenzizzato possibile nuovo interlocutore forte dei 5 Stelle, ieri ci è sembrato utile sentire cosa ne pensano i nostri lettori, e tra questi in particolare gli elettori e i simpatizzanti del…

Continua

Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo…

Continua

Operazione Diffama i Cinque Stelle. Ecco come li stanno linciando

La grande operazione “Diffama i Cinque Stelle” va avanti da anni, ma dopo il voto in Abruzzo e Sardegna è scattata l’offensiva, con una raffica di storielle amplificate all’infinito e – vedi la coincidenza – finite tutte in prima pagina sui soliti giornaloni, come se i guai del Paese non offrissero ampia scelta tra i…

Continua

Tria ci svela chi è stato l’assassino. E non c’è da meravigliarsi se la verità è stata subito ritrattata

Il corpo del reato l’abbiamo visto tutti, chi è stato l’assassino lo immaginiamo, ma finora ci mancava il testimone. D’altronde raccontare di certi delitti non è facile. Il mandante fa paura e non c’è da meravigliarsi se la verità è stata subito ritrattata. Ieri così era impossibile non sobbalzare alle parole del ministro Giovanni Tria,…

Continua

I Cinque Stelle più in gioco di prima. Crescere non è solo una prova di maturità politica, ma una promessa di futuro

Se giochi a tennis non puoi farlo senza racchetta. E se ti manca l’attrezzo perdi prima ancora di scendere in campo, oppure ti accomodi tra il pubblico. Perciò tra i 5 Stelle non c’era scelta: ora che sono forza trainante del Governo dovevano darsi un’organizzazione con cui affrontare ad armi pari le sfide elettorali, e…

Continua

La Sardegna apre gli occhi ai Cinque Stelle. Per la stampa Palazzo Chigi è traballante ma non è vero affatto

Notizie dal Medioevo: alle 19 di ieri, cioè 12 ore dopo l’apertura delle urne, non sapevamo ancora il dato finale sulle elezioni in Sardegna. Ecco, basterebbe questo per fotografare il Paese che siamo, tanto affezionato alla matita copiativa quanto allergico al progresso. Perciò non possiamo stupirci se una forza politica con progetti dirompenti e l’esperienza…

Continua

Lo schiaffo dei migranti sbarcati dalla Diciotti. Ora vogliono essere risarciti dallo Stato. Ma è farina di ben altro sacco

Alzi la mano chi pensa davvero che l’idea di farsi risarcire dallo Stato sia venuta ai migranti della nave Diciotti. D’accordo che molti dei disperati in arrivo sulle nostre coste fanno parte della classe media di Paesi africani e asiatici poverissimi, tutti forniti di telefono cellulare e in grado di pagare agli scafisti cifre favolose…

Continua