La festa fuori luogo sui conti

di Gaetano Pedullà

Chi si accontenta gode. Ma con i dati tirati fuori ieri dall’Istat si può godere solo a metà. Il 2017 si è chiuso con una crescita dell’1,5% e a gennaio scorso si sono creati 25mila posti in più. Debito e deficit pubblici scendono e per effetto del Pil positivo cala leggermente anche la pressione fiscale. Naturale che Gentiloni e Padoan festeggino, ma se grattiamo appena un po’ sotto la vernice ecco che il capolavoro si rivela una crosta. I nostri competitor europei hanno registrato l’anno scorso una crescita in qualche caso doppia rispetto a noi e comunque l’Italia sta in coda ai Paesi Ue, sotto la media generale. A gennaio è vero che risulta qualche posto in più, ma si tratta prevalentemente di contratti a termine e in ogni caso è tornato a salire il tasso di disoccupazione, poco sopra l’11%, cioè quasi doppio rispetto alla Germania. Possiamo consolarci con le tasse che scendono? Ma certamente no, visto che la riduzione del carico fiscale è microscopica e al netto del valore delle statistiche chi crea reddito in questo Paese paga molto di più rispetto a quanto avviene nel resto del nostro continente. Qui non si tratta di voler vedere il bicchiere pieno o vuoto, soprattutto a due giorni dal voto, ma guardando i numeri con oggettiva imparzialità non si capisce proprio cosa festeggino il premier, il suo ministro del Tesoro e soprattutto chi si ritiene senza poterlo dire pubblicamente il loro vero dante causa: Matteo Renzi. Le cose potevano andare peggio? Certo. Dovevano andare meglio? Sicuro.

Mentre è assolutamente vietata la pubblicazione dei sondaggi, c’è infatti sotto gli occhi di tutti un Exit Pil che il Governo però non ci legge come dovrebbe. Se il segno più davanti al Pil è certamente un dato positivo, quello che andrebbe detto è che a spingere la carretta non siamo stati noi ma l’Europa e i mercati. Con un effetto che sembra promuoverci, e invece ci punisce. La Banca centrale europea che ha tenuto i tassi al minimo storico e ha inondato il sistema finanziario di liquidità monetaria, ci ha fatto sicuramente risparmiare sugli interessi dovuti per il nostro imponente debito pubblico. Esattamente come noi, anche gli altri Paesi Ue però sono stati aiutati da questa strategia fortemente voluta da Draghi in un momento di incertezza sulla tenuta stessa della moneta comune, dopo la grande crisi del debito in Grecia. Un po’ tutti gli Stati si sono quindi tirati su le maniche e si sono dati da fare, con riforme e azioni che hanno spinto il loro Pil ben più in alto di quanto avvenuto in Italia. Il motivo di tutto questo è semplice: qui le riforme le abbiamo ampiamente annunciate, ma poi quando le abbiamo fatte ci siamo fermati ai titoli sontuosi – pensiamo a quanto suona bene Jobs Act – senza metterci dentro le trasformazioni radicali che la situazione d’emergenza imponeva. Così già oggi vediamo risalire la disoccupazione a gennaio, e quei pochi nuovi assunti che ci stanno sono quasi tutti a termine. Vabbè, si dirà che sono cresciuti gli altri e siamo cresciuti anche noi, in fin dei conti il ben comune è un grande gaudio. E invece è qui che casca l’asino. I nostri competitor che crescono si definiscono appunto competitor perché ci fanno concorrenza e in fin dei conti li dobbiamo affrontare quando c’è da stare sui mercati. Un tema, questo, che per un Paese tradizionalmente votato al manifatturiero è fondamentale. E non finisce qui.

Sin dall’inizio dell’attuale stagione di accomodamento monetario e di tregua nel rigore di Bruxelles sui conti pubblici, si era stabilito che questa eccezionale condizione di flessibilità non sarebbe durata in eterno. Dunque non solo ci siamo mossi poco quando addirittura non abbiamo frenato la crescita che ci veniva imposta dall’esterno, ma abbiamo pure buttato via tempo prezioso. Uno spreco di cui non ci rammaricheremo mai abbastanza quando i tassi ricominceranno a crescere e finirà il quantitative easing, cioè in ultima analisi il fiume di miliardi che la Banca centrale europea sta stampando da gennaio del 2015. Anni in cui dovevamo mettere ben altra legna in cascina. Tutti questi aspetti erano molto chiari ai mercati finanziari, che non a caso avevano guardato con favore l’emergere sulla scena politica italiana di un leader riformatore come Matteo Renzi. Quella promessa di riforme però si è rivelata velleitaria e adesso non è un caso che gli stessi mercati tifino invece per la stabilità delle Larghe intese. Il sistema perfetto per vederci pressoché immobili, incapaci di rialzare la testa ma capaci di fare giusto quello che sta più a cuore ai nostri creditori: pagargli gli interessi sul debito pubblico.

Gli ultimi dati forniti dall’Istat prima delle elezioni non ci dicono perciò nulla che meriti di essere festeggiato, come invece hanno fatto ieri a suon di Tweet e dichiarazioni alla stampa Gentiloni, Padoan e Renzi. Gli ultimi cinque anni di governo a trazione Pd hanno evitato scenari che potevano essere peggiori quanto è vero che al peggio non c’è fine, ma se guardiamo alle occasioni mancate, qui il bilancio non è affatto positivo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Governo dalla parte degli italiani

Tre settimane sono nulla per fare un bilancio, ma l’aria che tira sui primi passi del Governo è quella tipica della luna di miele. Chi aspetta al varco Di Maio e Salvini, obietta subito che questi due non hanno mai smesso di fare campagna elettorale. Dunque siamo ancora sul terreno delle promesse, mentre di fatti…

Continua

Un condono necessario per ripartire

Non ci sono molti modi per far ripartire l’Italia. E non illudiamoci che sarà l’Europa a toglierci dai guai, permettendoci politiche economiche espansive o nuove spese in deficit. Dunque tocca solo a noi rimboccarci le maniche per creare ricchezza e occupazione. Uno sforzo già sovrumano visto che non ci facciamo mancare niente in termini di…

Continua

Le priorità non possono attendere

Spararle grosse non è mai un bel gesto verso gli elettori, ma nelle campagne elettorali bisogna prima di tutto vincere e quindi passi che si abusi. D’altra parte, in Italia di promesse irrealizzabili ne abbiamo sentite sempre così tante da esserci affezionati a questo andazzo, a tal punto da berci qualunque amenità, come capì bene…

Continua

Finti razzisti e ipocriti certificati

Se i risultati dei vertici internazionali si misurassero dall’intensità di sorrisi e strette di mano, quello di ieri tra Conte e la Merkel sarebbe poca cosa rispetto ad altri faccia a faccia tra la stessa cancelliera e nostri premier come Monti, Renzi e Gentiloni, giusto per fermarci agli esempi più recenti. Tutti incontri chiusi con…

Continua

Un silenzio da Prima Repubblica

L a natura differente dei Cinque Stelle. Differente dai vecchi partiti maneggioni, da chi governa e dice una cosa mentre ne pensa un’altra, dalla politica che nasconde la verità, trattando i cittadini come sudditi. Ecco perché il Movimento è diventato rapidamente un gigante nei consensi, fino a conquistare il Governo del Paese. Ora è chiaro…

Continua

L’intrallazzo Capitale non perdona

Sarebbe bene leggerle le 288 pagine dell’ordinanza che chiude la partita sullo stadio della Roma. Nelle intercettazioni della Procura c’è un concentrato dell’intrallazzo Capitale. Palazzinari che pagano per pilotare politici e burocrazia, consulenti che si spartiscono mazzette, esponenti di partito perennemente col cappello in mano: un film già visto, dove l’unica novità è che stavolta…

Continua

Un cinico traballante all’Eliseo

Inutile perdere troppo tempo sulle parole rivolte dal presidente francese Macron all’Italia per la vicenda della nave Aquarius. Come vedete accanto lo chiamiamo Micron, e abbiamo detto tutto. Quello che ci interessa di più è capire come sia possibile che l’enfant prodige della nuova politica trasversale ai tradizionali partiti di destra e sinistra sia arrivato…

Continua

La finta solidarietà di Madrid

Perdevamo colpendo uniti ai tempi delle crociate, a maggior ragione perdiamo oggi facendo tutta Europa di testa propria. Nella penosa vicenda della nave Aquarius, un esercito di poveri africani armati solo di fame e disperazione ha sbaragliato gli opulenti Paesi al di qua del Mediterraneo, carichi di egoismi e protagonismi, arrivati a livelli di disumanità…

Continua

Buona la prima di Conte al G7. L’Italia torna a contare nel mondo

Qualche decina di acuti frequentatori dei social network, quasi tutti dichiaratamente grillini, ieri ci ha duramente criticato per aver rivelato che alcuni ministri hanno rapporti forti con gli Stati Uniti. L’argomento è stato scambiato per un velleitario tentativo di screditare il Governo, quando invece da una tale informazione si evince che il premier e la…

Continua

Un giusto segnale alle imprese

Ora che ne ha meno bisogno, chissà quando Beppe Grillo offrirà una delle sue pastiglie di Maalox a Vincenzo Boccia e tutto il blasonato stato maggiore della Confindustria. Aver visto il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio che promette mari e monti all’assemblea della Confcommercio, mentre alla stessa messa cantata degli industriali c’è andato…

Continua