La festa fuori luogo sui conti

di Gaetano Pedullà

Chi si accontenta gode. Ma con i dati tirati fuori ieri dall’Istat si può godere solo a metà. Il 2017 si è chiuso con una crescita dell’1,5% e a gennaio scorso si sono creati 25mila posti in più. Debito e deficit pubblici scendono e per effetto del Pil positivo cala leggermente anche la pressione fiscale. Naturale che Gentiloni e Padoan festeggino, ma se grattiamo appena un po’ sotto la vernice ecco che il capolavoro si rivela una crosta. I nostri competitor europei hanno registrato l’anno scorso una crescita in qualche caso doppia rispetto a noi e comunque l’Italia sta in coda ai Paesi Ue, sotto la media generale. A gennaio è vero che risulta qualche posto in più, ma si tratta prevalentemente di contratti a termine e in ogni caso è tornato a salire il tasso di disoccupazione, poco sopra l’11%, cioè quasi doppio rispetto alla Germania. Possiamo consolarci con le tasse che scendono? Ma certamente no, visto che la riduzione del carico fiscale è microscopica e al netto del valore delle statistiche chi crea reddito in questo Paese paga molto di più rispetto a quanto avviene nel resto del nostro continente. Qui non si tratta di voler vedere il bicchiere pieno o vuoto, soprattutto a due giorni dal voto, ma guardando i numeri con oggettiva imparzialità non si capisce proprio cosa festeggino il premier, il suo ministro del Tesoro e soprattutto chi si ritiene senza poterlo dire pubblicamente il loro vero dante causa: Matteo Renzi. Le cose potevano andare peggio? Certo. Dovevano andare meglio? Sicuro.

Mentre è assolutamente vietata la pubblicazione dei sondaggi, c’è infatti sotto gli occhi di tutti un Exit Pil che il Governo però non ci legge come dovrebbe. Se il segno più davanti al Pil è certamente un dato positivo, quello che andrebbe detto è che a spingere la carretta non siamo stati noi ma l’Europa e i mercati. Con un effetto che sembra promuoverci, e invece ci punisce. La Banca centrale europea che ha tenuto i tassi al minimo storico e ha inondato il sistema finanziario di liquidità monetaria, ci ha fatto sicuramente risparmiare sugli interessi dovuti per il nostro imponente debito pubblico. Esattamente come noi, anche gli altri Paesi Ue però sono stati aiutati da questa strategia fortemente voluta da Draghi in un momento di incertezza sulla tenuta stessa della moneta comune, dopo la grande crisi del debito in Grecia. Un po’ tutti gli Stati si sono quindi tirati su le maniche e si sono dati da fare, con riforme e azioni che hanno spinto il loro Pil ben più in alto di quanto avvenuto in Italia. Il motivo di tutto questo è semplice: qui le riforme le abbiamo ampiamente annunciate, ma poi quando le abbiamo fatte ci siamo fermati ai titoli sontuosi – pensiamo a quanto suona bene Jobs Act – senza metterci dentro le trasformazioni radicali che la situazione d’emergenza imponeva. Così già oggi vediamo risalire la disoccupazione a gennaio, e quei pochi nuovi assunti che ci stanno sono quasi tutti a termine. Vabbè, si dirà che sono cresciuti gli altri e siamo cresciuti anche noi, in fin dei conti il ben comune è un grande gaudio. E invece è qui che casca l’asino. I nostri competitor che crescono si definiscono appunto competitor perché ci fanno concorrenza e in fin dei conti li dobbiamo affrontare quando c’è da stare sui mercati. Un tema, questo, che per un Paese tradizionalmente votato al manifatturiero è fondamentale. E non finisce qui.

Sin dall’inizio dell’attuale stagione di accomodamento monetario e di tregua nel rigore di Bruxelles sui conti pubblici, si era stabilito che questa eccezionale condizione di flessibilità non sarebbe durata in eterno. Dunque non solo ci siamo mossi poco quando addirittura non abbiamo frenato la crescita che ci veniva imposta dall’esterno, ma abbiamo pure buttato via tempo prezioso. Uno spreco di cui non ci rammaricheremo mai abbastanza quando i tassi ricominceranno a crescere e finirà il quantitative easing, cioè in ultima analisi il fiume di miliardi che la Banca centrale europea sta stampando da gennaio del 2015. Anni in cui dovevamo mettere ben altra legna in cascina. Tutti questi aspetti erano molto chiari ai mercati finanziari, che non a caso avevano guardato con favore l’emergere sulla scena politica italiana di un leader riformatore come Matteo Renzi. Quella promessa di riforme però si è rivelata velleitaria e adesso non è un caso che gli stessi mercati tifino invece per la stabilità delle Larghe intese. Il sistema perfetto per vederci pressoché immobili, incapaci di rialzare la testa ma capaci di fare giusto quello che sta più a cuore ai nostri creditori: pagargli gli interessi sul debito pubblico.

Gli ultimi dati forniti dall’Istat prima delle elezioni non ci dicono perciò nulla che meriti di essere festeggiato, come invece hanno fatto ieri a suon di Tweet e dichiarazioni alla stampa Gentiloni, Padoan e Renzi. Gli ultimi cinque anni di governo a trazione Pd hanno evitato scenari che potevano essere peggiori quanto è vero che al peggio non c’è fine, ma se guardiamo alle occasioni mancate, qui il bilancio non è affatto positivo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una Sinistra nemica dei poveri. Il Pd quando era al Governo non mosse un dito, ora propone un salario minimo più alto rispetto al M5S

Le pensioni di cittadinanza erogate anche in contanti, per non complicare oltre la vita di quegli anziani che hanno difficoltà a utilizzare le card. C’è anche questo negli ultimi emendamenti presentati ieri al cosiddetto decretone, cioè la norma che dovrà tenere in equilibrio da una parte l’obiettivo finale di aiutare sul serio i poveri con…

Continua

L’equivoco delle élite al potere. Si ostinano a guardare il futuro con gli occhiali del passato

Illuminante intervento del consigliere direttivo della Banca centrale europea, Benoît Cœuré, ieri all’Università Bocconi. La stagnazione e il calo dei redditi – ha spiegato – sono il risultato di molti fattori, niente affatto collegati con l’appartenenza all’Unione europea o all’euro. Se però le forze sovraniste ed euroscettiche dovessero crescere – ha continuato – questo finirebbe…

Continua

Finiamola di fare male all’Italia. Il Reddito di cittadinanza è partito senza intoppi e nessuno ha assaltato gli uffici postali

Un’altra profezia di sventura che si affloscia come un soufflé. Chi aveva previsto l’assalto di milioni di sfaccendati agli uffici postali per accaparrarsi sin dal primo giorno il Reddito di cittadinanza ha sbagliato tutto. Esattamente come sbagliava chi giurava che questa misura non sarebbe mai partita, che non c’erano i soldi, che lo Stato non…

Continua

Le nozze impossibili tra M5S e Pd. I nostri lettori hanno le idee chiare: meglio una vita all’opposizione che un minuto con i dem

L’abbiamo fatto una volta e non lo faremo più. Visto che si parla tanto di nuovi scenari per la politica italiana, con il Pd derenzizzato possibile nuovo interlocutore forte dei 5 Stelle, ieri ci è sembrato utile sentire cosa ne pensano i nostri lettori, e tra questi in particolare gli elettori e i simpatizzanti del…

Continua

Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo…

Continua

Operazione Diffama i Cinque Stelle. Ecco come li stanno linciando

La grande operazione “Diffama i Cinque Stelle” va avanti da anni, ma dopo il voto in Abruzzo e Sardegna è scattata l’offensiva, con una raffica di storielle amplificate all’infinito e – vedi la coincidenza – finite tutte in prima pagina sui soliti giornaloni, come se i guai del Paese non offrissero ampia scelta tra i…

Continua

Tria ci svela chi è stato l’assassino. E non c’è da meravigliarsi se la verità è stata subito ritrattata

Il corpo del reato l’abbiamo visto tutti, chi è stato l’assassino lo immaginiamo, ma finora ci mancava il testimone. D’altronde raccontare di certi delitti non è facile. Il mandante fa paura e non c’è da meravigliarsi se la verità è stata subito ritrattata. Ieri così era impossibile non sobbalzare alle parole del ministro Giovanni Tria,…

Continua

I Cinque Stelle più in gioco di prima. Crescere non è solo una prova di maturità politica, ma una promessa di futuro

Se giochi a tennis non puoi farlo senza racchetta. E se ti manca l’attrezzo perdi prima ancora di scendere in campo, oppure ti accomodi tra il pubblico. Perciò tra i 5 Stelle non c’era scelta: ora che sono forza trainante del Governo dovevano darsi un’organizzazione con cui affrontare ad armi pari le sfide elettorali, e…

Continua

La Sardegna apre gli occhi ai Cinque Stelle. Per la stampa Palazzo Chigi è traballante ma non è vero affatto

Notizie dal Medioevo: alle 19 di ieri, cioè 12 ore dopo l’apertura delle urne, non sapevamo ancora il dato finale sulle elezioni in Sardegna. Ecco, basterebbe questo per fotografare il Paese che siamo, tanto affezionato alla matita copiativa quanto allergico al progresso. Perciò non possiamo stupirci se una forza politica con progetti dirompenti e l’esperienza…

Continua

Lo schiaffo dei migranti sbarcati dalla Diciotti. Ora vogliono essere risarciti dallo Stato. Ma è farina di ben altro sacco

Alzi la mano chi pensa davvero che l’idea di farsi risarcire dallo Stato sia venuta ai migranti della nave Diciotti. D’accordo che molti dei disperati in arrivo sulle nostre coste fanno parte della classe media di Paesi africani e asiatici poverissimi, tutti forniti di telefono cellulare e in grado di pagare agli scafisti cifre favolose…

Continua