La guerra dei migranti per la casa

di Gaetano Pedullà

Scappano dalla guerra a casa loro e vengono a farla qua da noi per avere a sbafo un appartamento. Detta così – e il solito becerume populista che campa sull’odio per gli immigrati ieri sui social network ha detto ben di peggio – la rivolta di ieri a Roma è intollerabile. Le cose però non stanno esattamente così. Il centinaio di rifugiati africani che si è opposto allo sgombero ordinato dalla polizia ha eseguito alla lettera quello che qualcuno gli ha ordinato di fare. A meno di non voler credere alla favoletta che ci sia gente che parta dall’Etiopia per forzare e occupare uno stabile, è evidente che gli immigrati sono organizzati e portati fino alla guerriglia urbana da qualche soggetto che difficilmente fa tutto questo per niente. Cosa c’è dietro il business dell’accoglienza è emerso ampiamente nell’inchiesta Mafia Capitale, dove la mafia è stata tolta di mezzo dai giudici ma il metodo predatorio e criminale di chi anima gli opacissimi comitati per la casa è rimasto chiarissimo. Farabutti che non esistano a far agitare la piazza per creare allarme sociale e affittare alle istituzioni a peso d’oro gli alloggi che dicono loro. E l’affare rende di più se aumenta la gente che odia lo straniero.

  • honhil

    Lo Stivale e gli abitanti dello Stivale, nei problemi di ogni genere e grado affogano, ma la politica tutta e il governo non riescono a venire fuori dal ginepraio migranti. Per i quali migranti tutto è dovuto. Dalla casa al lavoro, dalla completa assistenza sanitaria, non conoscendo loto ticket di alcun genere, allo svago. Per non parlare delle pensioni che l’Inps, su la base di una semplice autocertificazione, subito eroga ai loro familiari a carico, se questi a loro volta autocertificano di essere inabili al lavoro o in età di pensione di vecchiaia. Agli italiani non abbienti invece non resta che fare statistica alimentando sempre di più la fascia di quelli che convivono con la miseria nera, mentre a quelli abbienti non resta che pagare le pesantissime tasse. Intanto, ci si conforta, non si sa per quanto tempo ancora, con le notizie che da Londra arrivano: una “bimba cristiana di 5 anni affidata a una famiglia islamica”. Esattissimamente, proprio così. E dire che Londra, nella coscienza collettiva, era sinonimo di Giustizia, finora. Evidentemente, la coscienza collettiva si sbagliava. Se questo affidamento è realmente accaduto (e purtroppo è accaduto), Londra è il pozzo della pazzia più degradante. Ed è, ineluttabilmente, l’effetto domino di quel sindaco musulmano e la presenza a Roma di un papa che sta svendendo il cristianesimo: non al migliore offerente, ma a chi ha la sola intenzione di rottamarlo. Oltre che la spiegazione più plausibile all’orrore che hanno commesso quei servizi sociali.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Candidati senza programmi

Le sparate di Salvini, le finte primarie di Di Maio, il redivivo Berlusconi e il rimpianto di Renzi per il governo perduto. Persino la politica di queste settimane, in rampa di lancio per le prossime elezioni, emoziona come vedere una partita di calcio tra squadre di pipponi. Il motivo, che sfugge a leader troppo presi…

Continua

Candidati e ipocrisie a 5 stelle

Ci voleva la provocazione di Saviano per dare un’emozione alla scelta spintanea di Luigi Di Maio candidato premier dei Cinque Stelle. Ci fosse ancora qualche puro che non l’avesse capito, nel Movimento uno vale uno, nel senso di uno in una scala che però evidentemente sale fino a mille, dove in cima ci sono solo…

Continua

La Lega non derubi due volte

Senza soldi non si canta messa, figuriamoci se si fa politica. Matteo Salvini ha molto chiaro che il blocco dei fondi pubblici assegnati alla Lega azzoppa la sua corsa prima ancora dello start per le politiche. Il punto è che quei soldi sono in parte il frutto di un reato, benché certamente non commesso dall’attuale…

Continua

Non ci sono i leader di una volta

È incredibile come in un’epoca di grida e risse su tutto le parole più incendiarie possano essere pronunciate con la pacatezza di un signore come Graziano Delrio. Il suo partito, il Pd, aveva deciso di fare dello Ius Soli una bandiera. Renzi si è speso in lungo e largo per spiegare che riconoscere gli stessi…

Continua

Odiatori di professione sui migranti

Se io fossi… se io fossi un migrante che dall’Africa è arrivato in Europa per dare una speranza a una vita disperata, ringraziando il mare per ogni onda che non mi ha fatto naufragare… Se io fossi un bambino nero o giallo diventato uomo in una culla di bellezza come l’Italia… Se io fossi una…

Continua

I veri numeri sul lavoro sono negativi

Come darla vinta al diavolo e all’acqua santa. Gli ultimi dati dell’Istat sull’occupazione sono un capolavoro di diplomazia comunicativa. Le persone che non trovano un impiego aumentano, in controtendenza con l’Europa. Però se si conta chi ha un posto, ecco che saliamo ai livelli del 2008, prima della grande crisi. Chi fornisce questi numeri meriterebbe…

Continua

Sui migranti c’è un torneo dei cretini

Se un cretino si prende la scena dicendo la più stupida delle fesserie, in Italia non solo si corre tutti dietro alla fesseria, ma un attimo dopo ecco che arriva un cretino più grande che migliora la prestazione e apre il campionato di chi la spara più grossa. Il caso del momento è quello del…

Continua

Il Meeting e la fede così confusa

Non c’è più religione. E se a certificarlo è niente di meno che il Meeting di Comunione e Liberazione c’è da crederci. Riassumiamo per chi aveva di meglio da fare e si è perso le puntate precedenti. Alla passerella del movimento che ogni estate fa da barometro del potere nel nostro Paese è passato due…

Continua

Imprenditori suicidi. Al rogo chi crea lavoro

Visto che non lo fa il Sole 24 Ore lo facciamo più modestamente noi della Notizia. Vogliamo dire una verità che farà storcere il naso a tante anime belle, tanto certe che tutte le Ong abbiano solo fini umanitari, quanto sicure che gli imprenditori in questo Paese sono sempre corruttori o evasori fiscale? Per un…

Continua

Le mezze verità di Napolitano su Gheddafi

Le persone di una certa età si sa che possono avere inconvenienti con la memoria. Non deve fare eccezione Giorgio Napolitano, ex Presidente della Repubblica che ieri disinvoltamente si è tolto di dosso ogni responsabilità per l’intervento militare italiano contro Gheddafi nel 2011. Formalmente non ha detto falsità e non c’è dubbio che Berlusconi si…

Continua