La guerra dei migranti per la casa

di Gaetano Pedullà

Scappano dalla guerra a casa loro e vengono a farla qua da noi per avere a sbafo un appartamento. Detta così – e il solito becerume populista che campa sull’odio per gli immigrati ieri sui social network ha detto ben di peggio – la rivolta di ieri a Roma è intollerabile. Le cose però non stanno esattamente così. Il centinaio di rifugiati africani che si è opposto allo sgombero ordinato dalla polizia ha eseguito alla lettera quello che qualcuno gli ha ordinato di fare. A meno di non voler credere alla favoletta che ci sia gente che parta dall’Etiopia per forzare e occupare uno stabile, è evidente che gli immigrati sono organizzati e portati fino alla guerriglia urbana da qualche soggetto che difficilmente fa tutto questo per niente. Cosa c’è dietro il business dell’accoglienza è emerso ampiamente nell’inchiesta Mafia Capitale, dove la mafia è stata tolta di mezzo dai giudici ma il metodo predatorio e criminale di chi anima gli opacissimi comitati per la casa è rimasto chiarissimo. Farabutti che non esistano a far agitare la piazza per creare allarme sociale e affittare alle istituzioni a peso d’oro gli alloggi che dicono loro. E l’affare rende di più se aumenta la gente che odia lo straniero.

Commenti

  1. honhil

    Lo Stivale e gli abitanti dello Stivale, nei problemi di ogni genere e grado affogano, ma la politica tutta e il governo non riescono a venire fuori dal ginepraio migranti. Per i quali migranti tutto è dovuto. Dalla casa al lavoro, dalla completa assistenza sanitaria, non conoscendo loto ticket di alcun genere, allo svago. Per non parlare delle pensioni che l’Inps, su la base di una semplice autocertificazione, subito eroga ai loro familiari a carico, se questi a loro volta autocertificano di essere inabili al lavoro o in età di pensione di vecchiaia. Agli italiani non abbienti invece non resta che fare statistica alimentando sempre di più la fascia di quelli che convivono con la miseria nera, mentre a quelli abbienti non resta che pagare le pesantissime tasse. Intanto, ci si conforta, non si sa per quanto tempo ancora, con le notizie che da Londra arrivano: una “bimba cristiana di 5 anni affidata a una famiglia islamica”. Esattissimamente, proprio così. E dire che Londra, nella coscienza collettiva, era sinonimo di Giustizia, finora. Evidentemente, la coscienza collettiva si sbagliava. Se questo affidamento è realmente accaduto (e purtroppo è accaduto), Londra è il pozzo della pazzia più degradante. Ed è, ineluttabilmente, l’effetto domino di quel sindaco musulmano e la presenza a Roma di un papa che sta svendendo il cristianesimo: non al migliore offerente, ma a chi ha la sola intenzione di rottamarlo. Oltre che la spiegazione più plausibile all’orrore che hanno commesso quei servizi sociali.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua

Uno Stato che spreca ancora

La libertà di stampa e il valore del giornalismo non sono in discussione. Concetti che noi della Notizia sosteniamo da sempre e che ieri abbiamo potuto ribadire sul Blog delle stelle, cosa per la quale ringraziamo il Movimento Cinque Stelle. Ma questa libertà serve a ben poco, come un conto vincolato in banca, se non…

Continua

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua