La lobby del casello ha chiuso

di Gaetano Pedullà

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più grave dei miliardi di capitalizzazione che la società controllata dai Benetton ha perso in Borsa, abbandonata dai mercati che vedono sparire la cuccagna. Ma questo per il Gruppo controllato dalla famiglia Benetton non configura quella inadempienza “grave” per cui è possibile (e in un Paese normale doveroso) revocare la concessione firmata nel 2007 dal Governo dell’epoca guidato da Romano Prodi. Il punto è che però qui non c’è nessun processo sommario. Lo scandalo al sole della concessione firmata da una politica compiacente agli interessi privati è denunciato da anni, e da tantissime parti, compreso questo giornale che in quasi sei anni ha dedicato all’argomento moltissimi articoli, tutti facilmente rintracciabili sul sito della Notizia.

Contestazioni cadute nel vuoto per un’enorme (e ben pagata) rete lobbistica messa in campo dal colosso pilotato da Ponzano Veneto. Basti ricordare l’ultimo aumento delle tariffe autostradali accordato dal ministro dei trasporti Delrio, a fronte di costi definiti insostenibili dall’associazione dei concessionari, quando invece a fine 2017 gli utili superavano i due miliardi di euro. Soldi degli italiani con i quali Atlantia – la società che controlla Autostrade per l’Italia – ha pagato un miliardo per comprare una quota del tunnel sotto la Manica e poi si è lanciata nella conquista delle autostrade spagnole in mani al gruppo Abertis. Ci incazziamo, insomma, per i piccoli imprenditori che prendono i contributi pubblici e poi delocalizzano gli stabilimenti all’estero e qui abbiamo un colosso che delocalizza le tariffe regolate per legge. Mosse gestite con la stessa arroganza con cui a fronte di quanto è appena successo ieri Autostrade per l’Italia ha chiesto al Governo una penale di 20 miliardi nel caso di revoca della concessione. M5S e Lega hanno dovuto abbassare i toni perché ci sono di mezzo le Borse, ma un Governo che si definisce del cambiamento su questa vicenda perderebbe ogni credibilità se facesse marcia indietro. Per rispetto di tante vittime, insieme a quello di tutti gli italiani.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua