La lobby del casello ha chiuso

di Gaetano Pedullà

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più grave dei miliardi di capitalizzazione che la società controllata dai Benetton ha perso in Borsa, abbandonata dai mercati che vedono sparire la cuccagna. Ma questo per il Gruppo controllato dalla famiglia Benetton non configura quella inadempienza “grave” per cui è possibile (e in un Paese normale doveroso) revocare la concessione firmata nel 2007 dal Governo dell’epoca guidato da Romano Prodi. Il punto è che però qui non c’è nessun processo sommario. Lo scandalo al sole della concessione firmata da una politica compiacente agli interessi privati è denunciato da anni, e da tantissime parti, compreso questo giornale che in quasi sei anni ha dedicato all’argomento moltissimi articoli, tutti facilmente rintracciabili sul sito della Notizia.

Contestazioni cadute nel vuoto per un’enorme (e ben pagata) rete lobbistica messa in campo dal colosso pilotato da Ponzano Veneto. Basti ricordare l’ultimo aumento delle tariffe autostradali accordato dal ministro dei trasporti Delrio, a fronte di costi definiti insostenibili dall’associazione dei concessionari, quando invece a fine 2017 gli utili superavano i due miliardi di euro. Soldi degli italiani con i quali Atlantia – la società che controlla Autostrade per l’Italia – ha pagato un miliardo per comprare una quota del tunnel sotto la Manica e poi si è lanciata nella conquista delle autostrade spagnole in mani al gruppo Abertis. Ci incazziamo, insomma, per i piccoli imprenditori che prendono i contributi pubblici e poi delocalizzano gli stabilimenti all’estero e qui abbiamo un colosso che delocalizza le tariffe regolate per legge. Mosse gestite con la stessa arroganza con cui a fronte di quanto è appena successo ieri Autostrade per l’Italia ha chiesto al Governo una penale di 20 miliardi nel caso di revoca della concessione. M5S e Lega hanno dovuto abbassare i toni perché ci sono di mezzo le Borse, ma un Governo che si definisce del cambiamento su questa vicenda perderebbe ogni credibilità se facesse marcia indietro. Per rispetto di tante vittime, insieme a quello di tutti gli italiani.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Olimpiadi, rischiamo la solita mangiatoia

Milano e Cortina si sono aggiudicati i Giochi del 2026, adesso vediamo se la nuova specialità olimpica diventerà il salto del Trojan. Nel progetto ufficiale è già messo in conto tanto di quel cemento da non lasciare dubbi sulla festa che hanno fatto ieri affaristi e faccendieri. Altro che il Carro di Carnevale della delegazione…

Continua

Sui migranti è tempo della fase 2

Una nave madre zeppa di migranti che scarica poco per volta il suo carico sui barchini diretti in porto a Lampedusa. La già corposa antologia delle furbate escogitate dai trafficanti di uomini si arricchisce di un nuovo capitolo, confermandoci che voler fermare da soli l’invasione è come pretendere di togliere l’acqua del mare con un…

Continua

Si sgonfiano i successi della Lega

Vatti a fidare dell’amico americano! Neanche il tempo di disfare la valigia con cui è tornato dagli States, che ecco arrivare a Matteo Salvini il ringraziamento di Trump: l’Italia è declassata nella lista dei Paesi che contrastano il traffico di esseri umani. Ma come: la grande battaglia della Lega vista dalla Casa Bianca è solo…

Continua

La musica stonata dell’Ocse

Non ne indovina una neanche per sbaglio, se dice qualcosa sull’Italia è solo per annunciare sventure, e non si ricorda la benché minima autocritica sull’austerità economica che ci canta su spartito del Fondo monetario e con la partecipazione di tutto il coro del rigore. Parliamo dell’Ocse, un’organizzazione con sede a Parigi e dalle cui fila…

Continua

I garantisti ostaggio dei complici

Adesso si aspetta pure le scuse Luca Lotti, il fedelissimo renziano che accusa persino il suo partito e quanti altri si illudevano sull’autonomia della magistratura. Registrato mentre confabulava con alcuni consiglieri del Csm per stabilire quali procuratori promuovere e quali trasferire, compreso quello destinato a Roma, determinante nel processo Consip in cui è imputato, Lotti…

Continua

Una cura per politica e toghe

Non facciamo le verginelle. Chi legge un giornale come La Notizia lo fa per essere informato senza quelle censure che la stampa mainstream si infligge da sola, senza dare a chi di dovere neppure il fastidio di nascondere la polvere sotto al tappeto. Dunque diciamolo chiaro: quello che sta emergendo sul Csm è uno di…

Continua

Alitalia fa autorete con Lotito

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa…

Continua

La partita di Conte sarà lunga

Il via libera degli euroburocrati alla procedura d’infrazione contro l’Italia per eccesso di debito è solo l’ultimo tecnicismo di un atto invece tutto politico, che può costarci molto e che il premier Conte adesso ha ampio mandato per trattare. Superate le asprezze della campagna elettorale, i leader di M5S e Lega hanno ritrovato il collante…

Continua

Attenzione ai veri barbari

L’hanno chiamata norma “Salva-Roma”, come se una città sopravvissuta per 2.700 anni a ogni flagello di Dio possa soccombere proprio adesso che a governarla ci stanno quei “barbari” dei 5 Stelle. Messo da parte lo slogan ad effetto, il sostegno finanziario approvato ieri in Parlamento darà una mano alla Capitale e a chi la frequenta,…

Continua

La fuga di Mediaset in Olanda pagata dagli italiani

L’operazione è giustificata da un riassetto societario delle tv in Italia e Spagna, ma il trasloco di Berlusconi in una nuova holding olandese svela almeno tre problemi rilevanti per il nostro Paese. Il primo è che il guaio della nostra economia non sono le delocalizzazioni nei mercati extracomunitari o negli Stati Ue di frontiera, dove…

Continua