La Lorenzin corre solo se c’è il morto

di Gaetano Pedullà

Gli ospedali italiani sono una vergogna. E bisogna essere kamikaze del senso del ridicolo per dire il contrario. Nei pronto soccorso delle grandi città, soprattutto a Roma e al Sud, si fa prima a morire che a ricevere assistenza. Con i risparmi sulla sanità si è tagliato anche il più elementare spirito di umanità. Il problema però resta sempre sullo sfondo, pure sulla stampa, relegato alle cronache locali quando va bene. E dire che siamo di fronte a uno dei più grandi scandali italiani. Persone trattate come bestie proprio dove si aspettano di essere aiutate in un momento di massima fragilità, spesso anche emotiva oltre che fisica. Ospedali lazzaretti di cui non importa a nessuno, mentre la politica fa finta di niente e pensa ad altro. Tanto i medici frignano ma poi si guardano bene dal mettere Governo e Regioni con le spalle al muro. Così è evidente che all’accoglienza dei nosocomi servono più medici, più infermieri e tempi dignitosi per l’assistenza. Ma nulla si muove, nonostante siamo a ridosso dei picchi d’influenza. Aspettando il caso eclatante e le ispezioni del ministero. Sempre immediate quando però ormai c’è scappato il morto.

Commenti

  1. Saverio Schinzari

    Nulla si muove, a partire potremmo dire dai sindacati medici, la cui quasi totalità è in quei movimenti per far carriera e raccontare quattro frottole all’intervistatore televisivo di turno. E quando i buoi sono scappati dal recinto, poi c’è la Lorenzin che manda in gita scolastica i suoi inutili ispettori. Che avrebbero molto da ispezionare e da dire, come ugualmente i sindacati o i sindacalisti medici, squallide marionette in mano al burattinaio politico del momento, impotenti ad elaborare una strategia alternativa alla fallimentare politica sanitaria. Si sente solo parlare di razionalizzazioni, che in realtà sono chiusure vere e proprie di reparti o interi ospedali, con il vertiginoso aumento delle liste di attesa e personale sanitario costretto a lavorare alla carlona pressato dai tanti casi che attendono, e dai soloni ASL esperti nei tempi e metodi delle vecchie fabbriche degli anni sessanta. Cosa è infatti l’aumento continuo di decessi negli ospedali italiani, cara Lorenzin ? Sono figli di ritardi, inefficienze, mal practice politica che hanno imposto ad una classe medica di impotenti, ma anche legata a doppio filo agli interessi politici ai quali deve essere sovente molto grata, soluzioni delle tre carte. Le liste di attesa non possono risolversi con la farsesca apertura degli studi dei medici di famiglia 24 h / 24, signori FIMMG. Certo è molto bello e fico andare in televisione e raccontare qualche storiella da libro Cuore ai telespettatori. La realtà è ben diversa, e la sanità italiana paga soprattutto lo scotto di una classe medica inesistente nella sua totalità.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Lo spread della nostra dignità

La Manovra è a un passo dal via libera dell’Europa, il Parlamento ha varato definitivamente la legge anticorruzione, a Genova è tutto pronto per ricostruire il ponte. Dopo aver letto un giorno sì e l’altro pure che Cinque Stelle e Lega stavano per rompere e il Governo per cadere, qualcosa non torna. Persino ieri mattina,…

Continua

Un Paese senza patrioti

In politica i colpi bassi sono la regola, ma quando c’è di mezzo un grave pericolo per il Paese tutti dovrebbero far quadrato, rinviando a un momento più opportuno le legittime divergenze di interessi e di opinione. Ricordiamo, solo per fare un esempio, come reagirono gli Usa agli attentati dell’11 settembre. Democratici e Repubblicani si…

Continua

Grandi opere, un’analisi tra lealtà e benefici

Nel Paese dove la burocrazia può metterci anni solo per spostare una pratica da un tavolo a un altro, in queste ore c’è chi protesta perché il Governo si è preso pochi mesi per decidere se proseguire o no alcune costosissime opere. Così è stato per il Tap, il gasdotto sottomarino che arriverà in Puglia,…

Continua

L’Europa e i conti senza cuore

Va bene: come ci hanno abbondantemente illustrato diversi giornali, il paragone tra i conti di Italia e Francia non regge, e dunque è giusto che Roma messa molto peggio di Parigi strozzi le famiglie e quel poco di economia che resiste, mentre Macron potrà fare il doppio del nostro deficit per non farsi cacciare dall’Eliseo…

Continua

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua