La politica non può farcela. Roma va commissariata

di Gaetano Pedullà

Il Paese va a rotoli e da un pezzo gli italiani che vanno ancora alle urne premiano più le proteste che le proposte. Il caso Roma in questo senso è da accademia. Dopo quasi vent’anni filati di amministrazioni (ora rimpiante) a Sinistra, si è andati contro il sistema prima buttandosi a Destra con Alemanno, poi scappando per reazione verso la controparte Marino e infine rifiutando sia destri che sinistri con il plebiscito per la Raggi. Non è passato un anno e a sentire l’aria che tira – o in alternativa un sondaggio diffuso ieri da Repubblica – quasi metà degli elettori grillini oggi non darebbe più il consenso alla sindaca. Sui motivi i Cinque Stelle possono fare tutta la demagogia che vogliono, straparlare come al solito di complotti della stampa brutta e cattiva contro di loro, ma l’inconcludenza di quanto fatto finora è sotto gli occhi di tutti. Colpa delle macerie trovate dall’attuale amministrazione? In parte sì, ma Virginia e il Movimento non sono esenti da responsabilità, a partire dalla selezione di una Giunta già decimata, dai rapporti della sindaca con esponenti politici come il forzista Sammarco occultati goffamente. E non solo.

Ci sono infatti anche i numerosi collaboratori fuggiti sbattendo la porta, assessori che vanno e vengono, il capo della segreteria, Salvatore Romeo, al quale ha triplicato di fatto lo stipendio, che la fa beneficiaria di polizze per migliaia di euro, sino all’arresto per corruzione del capo del personale Raffaele Marra. Naturale che gli elettori andati ai seggi per marcare un solco netto con il passato siano turbati. Così come sono oggi basiti gli attivisti M5S convinti a dare il loro impegno da battaglie contro l’acqua pubblica e il dilagare del cemento.

Solo illusioni – Con la Raggi sindaco la società idroelettrica controllata dal Comune ha contribuito a privatizzare l’acqua pubblica allungandosi fino a Latina. Mentre sul cemento è arrivato il via libera allo stadio della Roma che tanto serve al costruttore Parnasi proprio in quell’area dove i Cinque Stelle da anni dicevano esserci serissimi pericoli. Delle due l’una: o qualcuno ha mentito prima, o sta mentendo adesso. Fatto sta che grazie alla sua sindaca pure Grillo è entrato a pieno titolo nel teatrino della politica più inconcludente. Un epilogo che al netto degli errori appena visti era però inevitabile. Amministrare una città come Roma senza nuove risorse pubbliche, con la zavorra del debito accumulato negli anni, con il gigantismo delle aziende municipali zeppe di personale poco produttivo, con una illegalità diffusa e un apparato comunale infiltrato da portatori di interessi non sempre confessabili, per non parlare della burocrazia asfissiante, è un’impresa che nessuna forza politica può realisticamente realizzare. Se non a costo di perdere ogni consenso. La politica – che comunque vive di consenso – non può vincere quindi questa partita. Con un po’ di demagogia e aumentando il debito, con il solito giochetto di alimentare le clientele e raschiando il fondo del barile al massimo i partiti possono tirare a campare, fare e disfare le fortune di eventuali singoli leader, ma i problemi profondi della città non li risolverà mai nessuno. Ora è chiaro che pensare a un commissariamento significa ammettere la resa della politica, ma a Roma le hanno tentate tutte e visti i risultati che altro di peggio può capitare?

Non solo Tronca – Commissariare la città non significa però metterla per poche settimane in mano a un prefetto. Questo film si è già visto, anche di recente con l’esperienza (positiva) di Paolo Tronca. Poche settimane tra un’amministrazione e l’altra fanno poco. Quello che serve è invece un periodo lungo in una condizione eccezionale, come è eccezionale la gravità dei problemi di una città dove in tanti continuano a nascondere la polvere sotto il tappeto. Incuranti che prima o poi ci sarà da pagare un conto.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Trasporti, una vacanza travestita da sciopero

Ci fossero in Italia sindacati veri, capaci di stare dalla parte dei lavoratori ma anche dei cittadini, sarebbero questi i più incazzati per il Paese preso oggi in ostaggio. Quattro siglette di cui nessuno sa niente hanno deciso tutto insieme il blocco di treni, aerei, autobus e metropolitane. Ovviamente la gran parte dei lavoratori non…

Continua

Stipendi Rai, deroga disgustosa

A fare il direttore generale della Rai così come ha iniziato Mario Orfeo sono bravi tutti. La tv pubblica esempio del cambiamento renziano del Paese sta diventando invece l’emblema della rottamazione fallita. E ora c’è pure la prova che il manager arrivato dalla Leopolda, Antonio Campo Dall’Orto, non è stato silurato per la storia degli…

Continua

A Berlusconi accuse senza fretta

Riina libero e Berlusconi mafioso. Mentre un manipolo di miracolati dai partiti affonda la legge elettorale per tenersi fino all’ultimo la poltrona in Parlamento, cosa nostra irrompe nel pantano della politica. Era già successo nel ’93, con la bomba di Capaci scoppiata nel bel mezzo di un’elezione del Capo dello Stato finita in stallo. Stavolta…

Continua

In panchina Grasso si scalda

È bastato un banale emendamento per far capire che non era aria. L’accordo dei leader sulla legge elettorale non poteva reggere. Generali senza esercito, Renzi e Berlusconi hanno truppe alle quali si chiedeva di suicidarsi approvando una riforma che lascia quasi tutti fuori dal prossimo Parlamento. Un futuro incerto che deve aver messo paura anche…

Continua

Stavolta Beppe non fa ridere

Beppe Grillo deve essersi ricordato il mestiere che faceva prima di scoprirsi statista ed è tornato a fare il comico. La gag sulla legge elettorale però non gli è riuscita benissimo. Certo, dall’accordo con Renzi e Berlusconi stava venendo fuori una tale schifezza che l’improvvisa marcia indietro ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla…

Continua

Una riforma elettorale repellente

Dire una cosa giusta per farne una sbagliata. Su cosa pensano gli italiani della legge elettorale Beppe Grillo ci ha preso in pieno: nessuno l’ha capita e a nessuno frega di capirne. Il distacco dalla politica è siderale e per riallacciare il filo con gli elettori si poteva solo restituirgli il diritto esclusivo di scegliere…

Continua

Riina libero ma solo se si pente

Dalla Direzione Antimafia a uno dei magistrati simbolo della lotta alle mafie, il procuratore Gratteri, sino a molti politici e alla sollevazione sui social network, è tutto un coro di No alla possibilità che il capo dei capi di cosa nostra, Totò Riina, sia scarcerato per andare a morire in casa sua. A 86 anni…

Continua

La merce più cara è l’incertezza

Se mai servisse un buon motivo per decidere cosa è meglio tra andare presto al voto o continuare a galleggiare appesi al governo Gentiloni, si può fare un salto a Madrid e guardarsi attorno. Anche la Spagna, come noi, ha sofferto per la crisi finanziaria contagiata all’Europa dagli americani dopo il crollo della Lehman Brothers.…

Continua

Flavio Insinna e tutti noi fessi come lui

Ma come? Con il G7 che comincia, con le bombe all’ex premier in Grecia e le stragi di bambini buoni a Manchester e dei bambini altri nel Mediterraneo, vogliamo occuparci del signor Flavio Insinna e della brutta figura che ha fatto nei fuori onda trasmessi da Striscia la Notizia? Sì, ce ne occupiamo perché questa…

Continua

Sciacalli e buonisti pari sono

L’Isis festeggia. Un altro tassello del mosaico d’odio che raffigura la guerra all’Occidente è andato vigliaccamente al suo posto. In Inghilterra l’orrore si è riversato sui giovanissimi, la generazione più aperta all’integrazione e allo scambio culturale tra i popoli. I ragazzi francesi (e di mezza Europa) al Bataclan di Parigi e i teenager del concerto…

Continua