La politica non può farcela. Roma va commissariata

di Gaetano Pedullà

Il Paese va a rotoli e da un pezzo gli italiani che vanno ancora alle urne premiano più le proteste che le proposte. Il caso Roma in questo senso è da accademia. Dopo quasi vent’anni filati di amministrazioni (ora rimpiante) a Sinistra, si è andati contro il sistema prima buttandosi a Destra con Alemanno, poi scappando per reazione verso la controparte Marino e infine rifiutando sia destri che sinistri con il plebiscito per la Raggi. Non è passato un anno e a sentire l’aria che tira – o in alternativa un sondaggio diffuso ieri da Repubblica – quasi metà degli elettori grillini oggi non darebbe più il consenso alla sindaca. Sui motivi i Cinque Stelle possono fare tutta la demagogia che vogliono, straparlare come al solito di complotti della stampa brutta e cattiva contro di loro, ma l’inconcludenza di quanto fatto finora è sotto gli occhi di tutti. Colpa delle macerie trovate dall’attuale amministrazione? In parte sì, ma Virginia e il Movimento non sono esenti da responsabilità, a partire dalla selezione di una Giunta già decimata, dai rapporti della sindaca con esponenti politici come il forzista Sammarco occultati goffamente. E non solo.

Ci sono infatti anche i numerosi collaboratori fuggiti sbattendo la porta, assessori che vanno e vengono, il capo della segreteria, Salvatore Romeo, al quale ha triplicato di fatto lo stipendio, che la fa beneficiaria di polizze per migliaia di euro, sino all’arresto per corruzione del capo del personale Raffaele Marra. Naturale che gli elettori andati ai seggi per marcare un solco netto con il passato siano turbati. Così come sono oggi basiti gli attivisti M5S convinti a dare il loro impegno da battaglie contro l’acqua pubblica e il dilagare del cemento.

Solo illusioni – Con la Raggi sindaco la società idroelettrica controllata dal Comune ha contribuito a privatizzare l’acqua pubblica allungandosi fino a Latina. Mentre sul cemento è arrivato il via libera allo stadio della Roma che tanto serve al costruttore Parnasi proprio in quell’area dove i Cinque Stelle da anni dicevano esserci serissimi pericoli. Delle due l’una: o qualcuno ha mentito prima, o sta mentendo adesso. Fatto sta che grazie alla sua sindaca pure Grillo è entrato a pieno titolo nel teatrino della politica più inconcludente. Un epilogo che al netto degli errori appena visti era però inevitabile. Amministrare una città come Roma senza nuove risorse pubbliche, con la zavorra del debito accumulato negli anni, con il gigantismo delle aziende municipali zeppe di personale poco produttivo, con una illegalità diffusa e un apparato comunale infiltrato da portatori di interessi non sempre confessabili, per non parlare della burocrazia asfissiante, è un’impresa che nessuna forza politica può realisticamente realizzare. Se non a costo di perdere ogni consenso. La politica – che comunque vive di consenso – non può vincere quindi questa partita. Con un po’ di demagogia e aumentando il debito, con il solito giochetto di alimentare le clientele e raschiando il fondo del barile al massimo i partiti possono tirare a campare, fare e disfare le fortune di eventuali singoli leader, ma i problemi profondi della città non li risolverà mai nessuno. Ora è chiaro che pensare a un commissariamento significa ammettere la resa della politica, ma a Roma le hanno tentate tutte e visti i risultati che altro di peggio può capitare?

Non solo Tronca – Commissariare la città non significa però metterla per poche settimane in mano a un prefetto. Questo film si è già visto, anche di recente con l’esperienza (positiva) di Paolo Tronca. Poche settimane tra un’amministrazione e l’altra fanno poco. Quello che serve è invece un periodo lungo in una condizione eccezionale, come è eccezionale la gravità dei problemi di una città dove in tanti continuano a nascondere la polvere sotto il tappeto. Incuranti che prima o poi ci sarà da pagare un conto.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua