Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

di Gaetano Pedullà

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti poco esigibili, a ripulire i bilanci e a tagliare il credito alla clientela (i banchieri direbbero “a migliorare la qualità del credito”, ma di tagli si tratta!) le banche sono forti come non lo sono più nemmeno gli Stati dell’Unione, con i loro debiti sovrani chi più chi meno stratosferici. Tutto questo ha avuto un prezzo mostruoso, in termini di risorse drenate dagli azionisti a scapito di altri investimenti, per non parlare del sacrificio delle finanze pubbliche quando sono intervenute (vedi il Monte dei Paschi di Siena) e dei tanti risparmiatori che hanno perso i loro investimenti in azioni e obbligazioni poi rivelatesi spazzatura. Il credit crunch ha fatto saltare migliaia di aziende e reso la vita durissima a quasi tutto il sistema economico, lasciando moltissima gente per strada. Per assurdo sono state le stesse regole europee stabilite con i diversi accordi di Basilea a mettere in pericolo l’Euro e di conseguenza l’intera Unione europea, salvata per i capelli da un intervento tardivo ma comunque alla fine efficace della Banca centrale di Mario Draghi.Solo il quantitative easing, cioè l’immissione di montagne di liquidità monetaria nel circuito finanziario, ha permesso di salvare baracca e burattini, anche se stampare centinaia di miliardi di euro non è bastato a far ripartire ovunque le imprese e l’occupazione. L’Italia, la Grecia, la Spagna, il Portogallo si sono giusto tirate fuori dalle secche, ma la Germania e in buona parte la Francia, con i Paesi del nord Europa, hanno corso moltissimo, aumentando la loro competitività nei confronti di un Paese concorrente nel settore manifatturiero, come è il nostro. Non è dunque tutto oro quello che luccica ma, ripetiamo, se la Bce nel 2015 non avesse iniziato a comprare i titoli di Stato che sul mercato non si vendevano, oggi ci sarebbe tutto un altro scenario dell’Europa.

Arrivati dove siamo, possiamo rallegrarci per la robustezza delle banche, a partire dalle quattro italiane messe sotto la lente dagli stress test – Banca Intesa San Paolo, Unicredit, Ubi e BancoBpm – ma non dobbiamo perdere di vista che il sistema del credito è funzionale alla crescita economica e non il fine di quest’ultima. Insomma, rimesse in piedi le banche adesso vanno rimesse in piedi le imprese e il mercato del lavoro che sono stati svenati e oltremodo indeboliti. Mentre gli istituti di credito hanno indici di solvibilità ormai elevatissimi, la gran parte delle aziende italiane non reggerebbe neppure all’odore di un ipotetico stress test.

Malgrado l’attribuzione di un rating – ma anche le banche prima della crisi del 2010 ce l’avevano – il sistema imprenditoriale e industriale è oltremodo sottocapitalizzato. Per questo è convinzione di alcuni economisti, disallineati dal pensiero mainstream, che sia un errore sottostare a una precisa imposizione dei falchi del rigore monetario (principalmente tedeschi) mettendo fine a dicembre al quantitative easing. Gli americani, che la crisi finanziaria l’hanno creata col default della banca Lehman Brothers e poi esportata anche in Europa, hanno stampato con la loro Federal Reserve una quantità di dollari enormemente più grande di quanto ha fatto la Bce. E questo ha permesso di salvare le banche, ma anche le imprese, far ripartire l’economia, raggiungere la piena occupazione. Perché qui in Europa invece questa forma di sostegno deve fermarsi una volta esaurita la sola missione di salvare le banche, lasciando al proprio destino tutto il resto? Gli Stati messi con le spalle al muro dal loro debito pubblico e da vincoli di bilancio inumani se pensiamo ai tagli alla sanità, alla sicurezza, all’umanità che comportano, potrebbero pure rispettarli questi limiti se parallelamente l’economia crescese su livelli che in Italia sembrano fantascienza ma in realtà sono la normale routine dalla Cina agli Usa, dalla Germania alla Spagna, giusto per fare un esempio proprio a due passi da noi. Per prolungare o riprogrammare una immissione di liquidità monetaria serve ovviamente un accordo internazionale e più di tutto la politica. Quella politica che nelle attuali istituzioni europee ha pensato appunto alle banche e non ai loro clienti, per non parlare dei milioni di cittadini che in una banca non hanno nemmeno modo di entrare. Una politica che anche per questo motivo va radicalmnte cambiata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Salvini e la politica che torna con la lingua biforcuta

Il Governo M5S – Lega, nella sua imprevedibile casualità, sta fornendo una grande occasione di cambiamento per il Paese. In appena dieci mesi ha varato misure di equità sociale e generazionale senza precedenti, come il Reddito di cittadinanza e Quota cento, ha bloccato i vitalizi dei politici, imposto leggi come la spazzacorrotti – rivoluzionaria in…

Continua

La vicenda Siri. Le sparate di Salvini. Gli attacchi alla Raggi. Ora vi dico se il Governo dura o no

Curiosa metamorfosi ieri per Matteo Salvini, effetto evidente dei nuovi venti in arrivo dalle Procure. Il ministro che vuole mettere i prefetti al posto dei sindaci incapaci – a suo dire – di agire con forza contro il degrado delle città, se l’è presa ancora una volta con la sindaca Virginia Raggi, registrata illegalmente in…

Continua

La pubblicità è l’anima della Lega. La febbre da elezioni sta spingendo Salvini a spararla ogni giorno più grossa

Dopo essersi preso l’esercito, con una direttiva sui migranti che non compete al Viminale, Matteo Salvini fa sue anche le città, affidando ai prefetti il contrasto al degrado che è compito dei sindaci. Ci manca solo che commissari gli arbitri per far vincere il suo Milan, e magari mentre ci siamo il Parlamento e il…

Continua

I proclami e le circolari di Salvini sono solo arnesi di una propaganda che serve ad acchiappare consensi

D’accordo che ormai c’è la nuova legge sulla legittima difesa – a proposito, a settimane dall’approvazione non c’è traccia del Far West immaginato dalle opposizioni – ma sparare sull’esercito non è una grande idea, soprattutto se a farlo è il ministro dell’Interno, titolare di competenze ben distinte da quelle della Difesa. Matteo Salvini però a…

Continua

Parigi gioca col fuoco. La crisi libica sta diventando una guerra

Il rogo di Notre Dame rende più faticoso ma ugualmente necessario tornare su un altro incendio francese che rischia di far danni infinitamente maggiori. In Libia, il proseguire delle ostilità tra due eserciti pressoché disarmati – come sono quelli del generale Haftar e delle milizie fedeli ad al-Sarraj – sta diventando una vera guerra, con…

Continua

Che silenzio sul Paese che riparte. L’Istat segnala una nuova crescita della produzione industriale a febbraio ma non ce lo dicono

Ci sono notizie che su certi giornali non ce la fanno proprio a resistere, e nelle edizioni online crollano quasi subito in coda ad altre cento, mentre sui quotidiani di carta si parcheggiano in poche righe in fondo alle pagine interne, quando non sono stravolte per essere spiegate esattamente al contrario. Così ieri c’è stato…

Continua

Gli scontrini non pagati da Marino. Bene l’assoluzione ma quell’accusa fu l’alibi per far saltare un sindaco definito “marziano” anche dal suo partito

L’assoluzione di Ignazio Marino in Cassazione con la formula “il fatto non sussiste” è una notizia sicuramente buona per il professore, ma del tutto ininfluente per il politico ex sindaco di Roma. Contrariamente a quanto ancora adesso si racconta, il primo cittadino non perse la poltrona per le spese con la carta di credito del…

Continua

Pd, partito delle balle. I dem dimenticano che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in

Per il Pd quello gialloverde è il Governo delle balle, perché tra breve risarcirà migliaia ma non tutti i truffati delle banche. Con un’incredibile faccia tosta, si fa finta di dimenticare che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in e nessuno disse niente, ci fecero saltare da…

Continua

Il Grande fratello delle toghe. I magistrati si cancelleranno dai social network? E’ molto improbabile

L’ex ministro e sindaco di Roma Francesco Rutelli pare che abbia provato a dissuadere la figlia a non partecipare alla prossima edizione del Grande Fratello usando argomenti più espliciti di quelli con cui il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sconsigliato i social network ai magistrati. Stare sulla rete e in genere sui media –…

Continua

Le “manine” nei ministeri e i sospetti sul ministro Tria. Conte è circondato da una danza macabra e affollatissima

Con tutta la ciccia che c’è nel decreto Crescita approvato ieri dal Consiglio dei ministri, oggi dovremmo festeggiare un grande passo avanti per il Paese. E invece la formula del via libera “salvo intese” e ancor di più il rinvio dei rimborsi per i truffati delle banche accendono il primo vero allarme sul Governo. Il…

Continua