L’Europa delle lingue biforcute

di Gaetano Pedullà

Che lingua biforcuta che hanno questi zombie della Commissione europea. Un attimo prima minacciano l’Italia perché la Manovra economica non è sufficientemente punitiva, un momento dopo chiedono a tutti di abbassare i toni delle polemiche susseguenti e appena la situazione si placa gettano nuova benzina sul fuoco accusando il nostro Governo di non mantenere la parola. Roba da matti, soprattutto se si pensa all’effetto di questa tarantella sui mercati. Certo, nel caso di Juncker potrebbe trattarsi dell’effetto di qualche bicchiere di troppo. Ma nella sostanza stiamo assistendo a una partita dove in ballo non sono tanto i conti pubblici di Roma, quanto le munizioni con cui si andrà in primavera allo scontro della vita, quando torneremo alle urne per eleggere il Parlamento di Strasburgo. A differenza di tutte le altre tornate – ed è per questo che l’appuntamento è delicatissimo – stavolta a sfidarsi non saranno tra loro le tradizionali famiglie politiche (socialisti, popolari, ecc.) che alla fine un accordano lo trovano sempre, ma invece il blocco di tutta la vecchia politica da una parte e il fronte populista e sovranista dall’altra. Una semplificazione mai vista, provocata dagli effetti distorti di una globalizzazione pensata male e gestita peggio, col risultato di aver spalancato la forbice tra pochi ricchissimi e molti poverissimi. Uno scenario che ha fatto alzare ovunque un forte vento del cambiamento, di cui i vecchi poteri sono terrorizzati. Per questo lo stress è alle stelle e non c’è dubbio che Juncker e il sistema che rappresenta venderanno cara la pelle.

Commenti

  1. honhil

    Intanto, a proposito di lingue biforcute, a «Riace, i migranti si impuntano “Non vogliamo andarcene via”». A dimostrazione che c’è qualcosa che non va. Finora l’esperimento Riace è stato presentato come un miracolo economico e insieme un modello d’integrazione. Una città del Sole fatta di sangue e carne, insomma. Tommaso Campanella l’aveva così immaginata e descritta: «Sorge nell’alta campagna un colle, sopra il quale sta la maggior parte della città; ma arrivano i suoi giri molto spazio fuor delle radici del monte … dentro vi sono tutte l’arti, e l’inventori loro, e li diversi modi, come s’usano in diverse regioni del mondo.» E pure Domenico Lucano l’aveva rappresentata suppergiù allo stesso modo. E il mondo intero ci aveva creduto e applaudito.Tanto che il plagio era rimasto rincantucciato sullo sfondo intimorito da quei tanti riconoscimenti planetari. Del resto, chi ci aveva provato a dire la sua, era stato malamente zittito e seduta stante etichettato come razzista. Ma questo era ieri. Oggi, invece, si scopre che la chiusura del rubinetto dei sussidi statali, ‘cancella l’economia locale’. E questo vuol dire una cosa soltanto: l’esperimento Riace era tutto a carico della collettività. Un peso, dunque. Nient’altro che un peso. Uno dei tanti espedienti, di cui è ricco il catalogo di questa invasione chiamata accoglienza, per restare attaccati alle mammelle statali.Eppure, l’ex presidente della Camera Boldrini e tutti gli altri della compagnia di giro hanno gridato allo scandalo soltanto perché quella procura ha messo il naso nel trogolo per separare il grano dal loglio. Esattamente come aveva fatto Minniti molto, ma molto tempo prima.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il presidente della Regione Campania De Luca ne ha fatta una giusta. Ha capito che l’autonomia farà bene anche al Sud

Di sicuro non ci si può sospettare di tifoseria per Vincenzo De Luca, ma ieri il presidente della Regione Campania ne ha fatta una giusta. Mentre Lega e 5S faticano ad accordarsi sulla maggiore autonomia da concedere a Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, il governatore ha spezzato la retorica del Sud che si mette di…

Continua

Una chance per il turismo. Salvare Alitalia vuol dire preservare un asset fondamentale per la principale vocazione del nostro Paese

Diciamolo subito: quando un’azienda non sta sistematicamente sul mercato occorre il coraggio di lasciarla cadere piuttosto che salvarla con un pozzo senza fondo di denari pubblici. Un principio che vale anche per una società storica e piena di dipendenti come Alitalia. Su questa compagnia, in particolare, lo Stato non può sentire sensi di colpa, visto…

Continua

Chi è co-responsabile del raffreddamento di parte del consenso d’opinione verso il M5S si guardi allo specchio

Chi leggerebbe un giallo sapendo dalla prima riga chi è l’assassino? Ecco, alla stessa maniera ieri abbiamo sentito lunghi dibattiti sempre con la stessa domanda: dopo il voto in Abruzzo il Governo di che morte muore? Curiosità sacrosanta se non fosse che la risposta all’enigma si conosce già, visto che Lega e 5 Stelle hanno…

Continua

La coerenza biforcuta del presidente francese. Sta facendo di tutto per cambiare nome da Macron a Micron

Il presidente francese sta facendo di tutto per cambiare nome da Macron a Micron. L’ultima trovata è il richiamo dell’ambasciatore a Roma per la lesa maestà di un colloquio tra 5 Stelle e Gilet gialli, per poi aggiungerci le accuse di un privato cittadino come Alessandro Di Battista sullo sfruttamento coloniale in Africa e le…

Continua

La dignità non fa rumore ma tre milioni di persone potranno mangiare, formarsi per un lavoro e sperare

È proprio vero: un albero che cade fa più rumore di una foresta che cresce. Dunque non meravigliamoci se i giornaloni oggi strillano a tutta pagine che il Reddito di cittadinanza andrà a meno persone del previsto, favorirà i furbi, scoraggerà il lavoro e tra un po’ ci farà pure cadere i capelli o accadere…

Continua

Il caso della nave Diciotti e il teatro dell’assurdo

Sembrava la tragedia del Governo e invece è una commedia degli equivoci. L’inattesa giravolta del ministro Matteo Salvini sulla disponibilità a farsi processare per il caso Diciotti ha colto i 5 Stelle di sorpresa. Il Movimento, accettando una reiterata richiesta del leader della Lega, aveva annunciato il sì alla richiesta di autorizzazione a procedere, peraltro…

Continua

I buonisti fanno felici le mafie

Mafia, droga e abusi sessuali al Cara di Mineo, cioè uno dei Centri per richiedenti asilo più grandi d’Europa. Cosa si pensava di non trovarci è un mistero, visto che il villaggio è da anni un suk, una voragine nella terra dentro la quale l’allora governo Berlusconi iniziò a calare nel 2011 migliaia di migranti,…

Continua

Sea Watch. Chi ha colpe è l’Europa

La Procura dei minori di Catania ha ragione: lasciare i ragazzi su una nave sbattuta da un mare in tempesta lede diritti umani e di legge garantiti dalla Costituzione. Quella che i magistrati sbagliano è però la rotta di un nuovo probabile procedimento giudiziario. Garantire la vita di queste persone è un preciso dovere dell’Europa,…

Continua

Se i giudici decidono per i 5 Stelle

Accipicchia quant’è bravo a prendere condanne il Movimento che ha in cima ai suoi valori l’onestà. Nel giorno in cui il tribunale dei ministri chiede di processare Salvini con la discutibile accusa di sequestro di persona per la vicenda della nave Diciotti, il tribunale di Roma sforna un’altra di quelle decisioni che lasciano a bocca…

Continua

Montesano sì. Lino Banfi no. La Sinistra non sa più ridere

Ci pensino meglio gli osservatori politici che ci raccontano da mesi di un M5S in caduta libera, cannibalizzato dalla Lega e abbandonato dagli ultrà del No Tap, No Tav, No Vax e compagnia cantando. Appena portati a casa responsabilmente la Manovra e, a cascata, il Reddito di cittadinanza, è bastato che il Movimento riprendesse a…

Continua