L’Europa delle lingue biforcute

di Gaetano Pedullà

Che lingua biforcuta che hanno questi zombie della Commissione europea. Un attimo prima minacciano l’Italia perché la Manovra economica non è sufficientemente punitiva, un momento dopo chiedono a tutti di abbassare i toni delle polemiche susseguenti e appena la situazione si placa gettano nuova benzina sul fuoco accusando il nostro Governo di non mantenere la parola. Roba da matti, soprattutto se si pensa all’effetto di questa tarantella sui mercati. Certo, nel caso di Juncker potrebbe trattarsi dell’effetto di qualche bicchiere di troppo. Ma nella sostanza stiamo assistendo a una partita dove in ballo non sono tanto i conti pubblici di Roma, quanto le munizioni con cui si andrà in primavera allo scontro della vita, quando torneremo alle urne per eleggere il Parlamento di Strasburgo. A differenza di tutte le altre tornate – ed è per questo che l’appuntamento è delicatissimo – stavolta a sfidarsi non saranno tra loro le tradizionali famiglie politiche (socialisti, popolari, ecc.) che alla fine un accordano lo trovano sempre, ma invece il blocco di tutta la vecchia politica da una parte e il fronte populista e sovranista dall’altra. Una semplificazione mai vista, provocata dagli effetti distorti di una globalizzazione pensata male e gestita peggio, col risultato di aver spalancato la forbice tra pochi ricchissimi e molti poverissimi. Uno scenario che ha fatto alzare ovunque un forte vento del cambiamento, di cui i vecchi poteri sono terrorizzati. Per questo lo stress è alle stelle e non c’è dubbio che Juncker e il sistema che rappresenta venderanno cara la pelle.

Commenti

  1. honhil

    Intanto, a proposito di lingue biforcute, a «Riace, i migranti si impuntano “Non vogliamo andarcene via”». A dimostrazione che c’è qualcosa che non va. Finora l’esperimento Riace è stato presentato come un miracolo economico e insieme un modello d’integrazione. Una città del Sole fatta di sangue e carne, insomma. Tommaso Campanella l’aveva così immaginata e descritta: «Sorge nell’alta campagna un colle, sopra il quale sta la maggior parte della città; ma arrivano i suoi giri molto spazio fuor delle radici del monte … dentro vi sono tutte l’arti, e l’inventori loro, e li diversi modi, come s’usano in diverse regioni del mondo.» E pure Domenico Lucano l’aveva rappresentata suppergiù allo stesso modo. E il mondo intero ci aveva creduto e applaudito.Tanto che il plagio era rimasto rincantucciato sullo sfondo intimorito da quei tanti riconoscimenti planetari. Del resto, chi ci aveva provato a dire la sua, era stato malamente zittito e seduta stante etichettato come razzista. Ma questo era ieri. Oggi, invece, si scopre che la chiusura del rubinetto dei sussidi statali, ‘cancella l’economia locale’. E questo vuol dire una cosa soltanto: l’esperimento Riace era tutto a carico della collettività. Un peso, dunque. Nient’altro che un peso. Uno dei tanti espedienti, di cui è ricco il catalogo di questa invasione chiamata accoglienza, per restare attaccati alle mammelle statali.Eppure, l’ex presidente della Camera Boldrini e tutti gli altri della compagnia di giro hanno gridato allo scandalo soltanto perché quella procura ha messo il naso nel trogolo per separare il grano dal loglio. Esattamente come aveva fatto Minniti molto, ma molto tempo prima.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Grandi opere, un’analisi tra lealtà e benefici

Nel Paese dove la burocrazia può metterci anni solo per spostare una pratica da un tavolo a un altro, in queste ore c’è chi protesta perché il Governo si è preso pochi mesi per decidere se proseguire o no alcune costosissime opere. Così è stato per il Tap, il gasdotto sottomarino che arriverà in Puglia,…

Continua

L’Europa e i conti senza cuore

Va bene: come ci hanno abbondantemente illustrato diversi giornali, il paragone tra i conti di Italia e Francia non regge, e dunque è giusto che Roma messa molto peggio di Parigi strozzi le famiglie e quel poco di economia che resiste, mentre Macron potrà fare il doppio del nostro deficit per non farsi cacciare dall’Eliseo…

Continua

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua