Liberalizzare il lavoro per davvero

di Gaetano Pedullà

E poi ci si meraviglia che in Italia le imprese ci pensino cento volte prima di assumere un dipendente, anche se ne hanno bisogno e il Governo mette sul piatto tanti soldi come incentivo. Sentite cosa è accaduto alle Poste, dopo che un impiegato è stato condannato in primo grado per aver portato via dalla cassaforte 15mila euro. L’azienda ha atteso la decisione del giudice e subito dopo ha licenziato il lavoratore infedele. Il signore ha fatto ricorso e un giudice gli ha dato ragione, costringendo la società pubblica a riprendere il dipendente e pagargli pure gli stipendi dei mesi in cui non ha lavorato e le spese legali. Il motivo? Poste doveva licenziare subito il presunto ladro e non aspettare la sentenza. In punta di diritto l’esperto giuslavorista Pietro Ichino ci spiega in un intervento nelle pagine interne che l’appiglio giuridico c’è, ma l’applicazione della legge che fanno molto spesso i giudici del lavoro è fuori dal mondo. E siccome il caso di cui parliamo – per quanto estremo – non è isolato e fa scopa con mille altre situazioni di rottura nei rapporti tra un dipendente e la sua azienda, ecco spiegata la paura di molti imprenditori nel fare nuove assunzioni. Adesso si dirà che c’è il Jobs Act, che ci sono abusi dei datori di lavoro e che le tutele sono state attenuate. Vero, ma se poi va in onda uno spot come quello di cui abbiamo appena parlato, si torna tutti con i piedi per terra, alla realtà dei contenziosi del lavoro dove il dipendente ha sempre ragione. E quando raramente perde lo fa con le tasche piene.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Parigi si è svegliata. Meglio così

Molti lettori ieri ci hanno criticato, anche sulla pagina Facebook della Notizia, per aver comparato la manovra annunciata da Macron con quella in cottura qui in casa nostra. L’Eliseo può scalare 25 miliardi di tasse e dare un sostegno a chi è senza lavoro – cioè fare Flat tax e Reddito di cittadinanza – perché…

Continua

Flat tax e Reddito mon amour

Gli italiani lo fanno meglio, è lo slogan iconico che ci attribuisce in tutto il mondo doti immaginifiche anche sotto le lenzuola. A vedere come si danno da fare i francesi, c’è però da passargli lo scettro e fare silenzio. Qui, bravi come siamo in tutto, litighiamo da mesi sulla manovra economica. Governo contro opposizioni,…

Continua

Autostrade non ne fa una giusta

Come se non bastasse tutto quello che ha passato, a Genova si conta un’altra beffa. La società Autostrade per l’Italia sta offrendo un risarcimento per le vetture danneggiate dalla caduta del ponte. Nei moduli inviati agli interessati c’è una clausola in cui si dice che chi prende i soldi avrà preclusa ogni altra pretesa in…

Continua

La balena bianca di Salvini

Camminare con un piede in due scarpe e fare così più strada di tutti. Matteo Salvini è un gigante della politica, degnissimo della cerchia stretta di Fanfani e Andreotti. In quella che fu la Prima Repubblica, questi fenomeni riuscivano a tenere insieme padroni e sindacati, laici e baciapile: tutti perfettamente accomodati nel ventre molle della…

Continua

Una manovra a prova di divisioni

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola…

Continua

Merde Alors a Salvini. L’ultima moda in Europa è insultare l’Italia

Abituato com’è ad abitare sul Colle, il Presidente Mattarella vola alto e forse fatica a vedere cosa accade giù, in basso, dove prolificano i nazionalismi, e di certa Europa non si vuole più sentir parlare. L’integrazione – dice il Capo dello Stato – ci ha portato benefici, i sovranismi sono un pericolo e non è…

Continua

Fuoco di fila contro il Governo

Quando fu eletto commissario europeo agli Affari economici, anche con il voto dell’Italia, Pierre Moscovici era considerato una colomba, cioè un “amico” dei Paesi con qualche guaio nei conti pubblici. Poi è arrivato Macron e il ritorno di quell’asse franco-tedesco che ha saldato gli interessi di Parigi a quelli di Berlino, a discapito degli Stati…

Continua

L’inutile diplomazia dell’Onu

Chi gira ogni tanto per il mondo sa quanto è sottile la considerazione per il nostro Paese. L’Italia degli spaghetti, mafia e mandolino è uno stereotipo che ci hanno affibbiato per farci male. Sia chiaro, noi ci abbiamo messo del nostro e in parte ci meritiamo un certo dileggio. Ma l’immagine di una nazione è…

Continua

Ora rischia la fiducia nelle toghe

Tre dei quatto capi d’accusa ipotizzati per Matteo Salvini sono già caduti, l’ultimo impegnerà per mesi il tribunale dei ministri, altri magistrati e un mucchio di dipendenti pubblici, tutti a caccia di un reato che per moltissimi italiani è invece una medaglia sul petto del ministro. Tanto è vero, che la popolarità del leader della…

Continua

La Chiesa perdona, i giudici No

Come volevasi dimostrare, un bel gruppo dei migranti arrivati in Italia con la nave Diciotti non ha perso tempo a dileguarsi. I magistrati però non corrono rischi: invece di dedicarsi a questi signori possono continuare a cercare capi d’accusa contro Salvini, il ministro che ha tenuto questa gente più a lungo possibile sul mezzo della…

Continua