L’imbroglio per blindare le urne

di Gaetano Pedullà

Ci sono voluti più tempo e più mal di pancia del previsto – perché anche i nostri parlamentari hanno una coscienza – ma alla fine ieri sera alla Camera è arrivato il via libera in Commissione alla nuova legge elettorale. Il percorso della riforma, ormai nota come Rosatellum, dal nome del capogruppo dem Ettore Rosato, resta accidentato, ma molto probabilmente è con questa norma astrusa che andremo al voto in primavera.

Nelle pagine interne ospitiamo il pensiero di Mario Segni, il leader referendario che ha aperto la stagione del maggioritario e ha incrociato l’unica riforma elettorale che ha davvero funzionato dalla fine della cosiddetta Prima Repubblica: l’elezione diretta dei sindaci. Questo sistema, a differenza dei modelli cervellotici e illegittimi con i quali abbiamo eletto deputati e senatori, assegna chiaramente a noi cittadini la scelta dei nostri rappresentanti. Era difficile fare qualcosa di simile anche per il Parlamento? No che non lo era, e leader che ragionano da statisti e non da venditori di tappeti avrebbero dovuto cogliere l’occasione di una tale riforma per riavvicinare i cittadini alla politica, restituendo la responsabilità di una decisione che invece continua ad essere usurpata dalle segreterie di partito. Il risultato più visibile è che con gli attuali equilibri alla fine Renzi e Berlusconi si metteranno d’accordo e governeranno con Grillo all’opposizione.

Ma quello che ai nostri piccoli politici sfugge è che anche questo modo di prenderci in giro fa allontanare gli elettori e gonfia le vele di populismi e antipolitica.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Non è questa la Manovra che ci serve

Il premier Gentiloni aveva promesso che la nuova Legge di stabilità non avrebbe portato nuove tasse e così è stato. Bene, bravo, ma non chiediamo il bis. Non mettere nuove tasse su un Paese che cresce poco era il minimo sindacale. Un premio sarebbe stato toglierci qualcuna delle tante, troppe, imposte che abbiamo. Accontentiamoci allora…

Continua

Se il lavoro fa paura alla scuola

Se la voglia di studiare è poca, figuriamoci quanto desiderio c’è di lavorare. Meglio, molto meglio, prendere un po’ d’aria fresca portando in piazza la più insensata delle proteste, come hanno fatto venerdì centinaia di studenti in molte città italiane. Obiettivo delle manifestazioni era l’alternanza scuola lavoro, ossia il principale appiglio con una possibilità reale…

Continua

Politicanti travestiti da giudici

Niente trasforma il bene in male come l’abuso. A chi non piace – per capirci – la buona tavola, ma se mangiamo senza ritegno poi sappiamo l’effetto che fa. Per lo stesso principio un magistrato che parla ai cittadini, a partire dalle scuole, ma anche in tv e nei teatri, non è che encomiabile. Certo,…

Continua

Una batosta Milanese per Davigo

Marco Milanese è un ex ufficiale della Guardia di Finanza e deputato che la Procura di Napoli nel 2011 voleva arrestare per aver commesso i reati di associazione a delinquere, corruzione, favoreggiamento e rivelazione di segreti d’ufficio. Reati che secondo una sentenza appena emessa non c’erano. Sul suo caso all’epoca il Parlamento si spaccò e…

Continua

Finanziaria, un’occasione sprecata

La ricreazione in Europa sta finendo e tra pochissimo sarà più chiaro a tutti quanto costa non aver fatto sul serio i compiti a casa, cioè nel nostro caso le grandi riforme. Questione di ore, la Merkel tornerà pienamente in sella con un nuovo governo, e ci sarà chiesto conto di come abbiamo usato la…

Continua

Padoan non pensa in grande

La campagna elettorale irrompe nella legge di bilancio e le anime della Sinistra se ne vanno in ordine sparso. Il Pd fa il cireneo portandosi in spalla la croce di una finanziaria scialba, Pisapia si accontenta della promessa che non ci saranno mance elettorali e si allinea al Governo, i D’Alemiani di Mdp non votano…

Continua

L’illusione dei gusci identitari

Se l’Unione europea non fosse solo un’espressione geografica, molto peggio di come Metternich giudicava il pulviscolo dei nostri staterelli per buona parte dell’800, la lezione catalana l’avrebbe capita, eccome! Due milioni e mezzo di persone che vanno a votare a un referendum fuffa, fregandosene che è incostituzionale e sfidando i manganelli, non possono essere derubricati…

Continua

Una lezione che tutti conoscono

Non diamo per scontate le condanne dei professori arrestati o indagati nell’ultimo grande scandalo sull’università italiana. Gli interessati si difenderanno nel processo e La Notizia a differenza di altri giornali di denuncia non deroga sul principio che si è tutti innocenti fino a una sentenza in cui si dica il contrario. Il coperchio che hanno…

Continua

Com’è democratico lei! Beppe Grillo ha figli e figliastri

Sarà pure il papà di tutti, come ha detto ieri a Rimini, ma Beppe Grillo non c’è dubbio che ha figli e figliastri. Alcuni se li è mangiati, forse per sperimentare l’effetto che fa vomitarli, come gli piacerebbe fare con i giornalisti. Basti pensare al sindaco di Parma, Pizzarotti, cacciato dal Movimento per aver ricevuto…

Continua

Siamo ricchi, qui è pieno di immigrati

Toh guarda! Se l’economia va un po’ meglio è merito anche degli immigrati. La notizia, che manderà la lettura dei giornali di traverso a un esercito di piccoli Salvini, non è l’invenzione di qualche Organizzazione non governativa smaniosa di tornare a pesca di disperati in mezzo al Mediterraneo. A certificare che i migranti creano ricchezza…

Continua