L’intrallazzo Capitale non perdona

di Gaetano Pedullà

Sarebbe bene leggerle le 288 pagine dell’ordinanza che chiude la partita sullo stadio della Roma. Nelle intercettazioni della Procura c’è un concentrato dell’intrallazzo Capitale. Palazzinari che pagano per pilotare politici e burocrazia, consulenti che si spartiscono mazzette, esponenti di partito perennemente col cappello in mano: un film già visto, dove l’unica novità è che stavolta gli schizzi di fango arrivano pure ai 5 Stelle. Il presidente dell’Acea Lanzalone, finito agli arresti e di cui ieri il Campidoglio ha atteso invano le dimissioni, ha svolto attività professionali inconciliabili con il ruolo “politico” derivante dalla sua nomina decisa dalla Raggi. Più sfumata la posizione del capogruppo M5S al Comune, Paolo Ferrara, indagato per aver ottenuto gratuitamente dal costruttore Parnasi un progetto di riqualificazione del lungomare di Ostia: un’utilità non certo di carattere personale. Questo non assolve il Movimento da una certa dose di responsabilità, anche per aver prestato il fianco a un sistema che partendo dalle consulenze e dai favori arrivava presto alla corruzione, ma obbliga a scindere le posizioni, a meno di voler mischiare tutto sommariamente nel solito tritacarne giustizialista. Un epilogo che l’ala forcaiola dei 5 Stelle ha invocato in molti casi anche a sproposito, mentre questa vicenda dimostra come non mai l’esigenza di non fare di tutta l’erba un fascio, spedendo all’inferno insieme a pochi casi migliaia di persone che non rinuncerebbero per nulla al mondo alla loro promessa di onestà.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I traditori dell’Italia sotto attacco

Proviamo a immaginare cosa sarebbe successo l’11 settembre 2001 se dopo la tragedia delle torri gemelle la politica Usa si fosse messa a litigare sul fallimento della prevenzione, invece di fare quadrato contro il terrorismo. La lezione fu chiarissima: quando la nazione è minacciata, un Paese serio pensa solo all’interesse del suo popolo. Purtroppo qui in Italia c’è chi non ragiona così. La speculazione internazionale ci sta attaccando con…

Continua

Un muro Ue contro il futuro

Purtroppo non è Scherzi a parte, perché sentir dire alla Commissione europea che l’aumento del deficit italiano di appena lo 0,8% è una “deviazione grave e senza precedenti”, farebbe solo ridere se non ci fosse da piangere. Da sempre molti Stati membri superano ben più rotondamente questo e altri vincoli di bilancio, eppure adesso pare…

Continua

Colpi sleali contro il Governo

Come volevasi dimostrare, neppure il tempo di leggerla e la Commissione Ue ha fatto sapere che boccerà la Manovra italiana. Una fretta che la dice lunga su quanto il giudizio sia politico e non di merito su una legge di bilancio fin troppo equilibrata, vista l’emergenza sociale ed economica che vive il nostro Paese. Ovviamente…

Continua

Un vento nuovo sui mercati

La società cambia, la politica cambia e anche i mercati si accodano. Solo così può spiegarsi quello che è accaduto ieri, quando il presidente della Commissione europea ha sparato contro l’Italia un missile che in altri tempi avrebbe fatto sprofondare la Borsa tanto in basso da costringere gli operatori a scavare. Incuranti di un teatrino…

Continua

Si rafforza il filo tra 5S e Lega

Andare in guerra per fare la pace (fiscale). Sembra un paradosso, ma è esattamente quanto è successo ieri tra Cinque Stelle e Lega, ormai costrette a declinare in atti concreti gli impegni assunti solo genericamente nel contratto di Governo. Ne è venuto fuori un inevitabile confronto, che per quanto enfatizzato dalle indiscrezioni del solito manipolo…

Continua

L’Europa delle lingue biforcute

Che lingua biforcuta che hanno questi zombie della Commissione europea. Un attimo prima minacciano l’Italia perché la Manovra economica non è sufficientemente punitiva, un momento dopo chiedono a tutti di abbassare i toni delle polemiche susseguenti e appena la situazione si placa gettano nuova benzina sul fuoco accusando il nostro Governo di non mantenere la…

Continua

Autostrade. Il modello è criminale

Mentre cadono più ponti che foglie in autunno, la Procura di Avellino chiede decine di anni di carcere per il crollo di un viadotto sull’autostrada A16 Napoli-Canosa. Era il 2013 e in quella tragedia morirono 40 persone, solo tre meno di quante hanno perso la vita due mesi fa sul Morandi di Genova. Due disastri…

Continua

Ci minaccia la troika al completo

Sentivamo terribilmente la mancanza del terzo guardiano dell’austerità senza ritorno, quel Fondo monetario internazionale che per fondo deve intendere il baratro in cui ha gettato decine di Stati. Primus inter pares di Commissione Ue e Banca centrale europea nella famigerata troika – facciamo un torto se per capirci la paragoniamo a una Equitalia mondiale? –…

Continua

Ultimi colpi di una Ue in scadenza

Chi avesse ancora dubbi sulle vere cause del crollo dell’Italia sui mercati farebbe bene ad allungare lo sguardo fino alla Lettonia. Da questo Paese arriva il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, un signore che insieme al Commissario agli Affari economici Pierre Moscovici ha bocciato preventivamente la Manovra economica italiana, scatenando i guai di Borsa…

Continua

Bruxelles. Il golpe del potere

Neanche il tempo di leggerlo e già lo bocciano. Che fenomeni che sono questi tecnocrati di Bruxelles. Dombrovskis e Moscovici da giorni bombardano il nostro Governo per il Documento di economia e finanza che sfora di appena lo 0,8% i vincoli sul deficit. Dunque non c’è da stupirsi che ieri abbiano stroncato l’architrave della Manovra,…

Continua