Lo spread e i suoi complici. L’Ue ci minaccia sui conti pubblici

di Gaetano Pedullà

Come volevasi dimostrare, in poche ore i mercati hanno bruciato un fetta della Manovra economica per l’intero 2019. Una reazione prevedibile e niente affatto definitiva, visto che gli indici azionari vanno a gonfie vele in tutto il mondo e già lunedì prossimo non è improbabile un rimbalzo dei titoli ieri decisamente penalizzati. Più complicata resta invece la faccenda dello spread, una delle più grandi truffe planetarie di sempre, su cui pesa anche l’esaurimento del quantitative easing, cioè il piano di immissione di liquidità monetaria della Banca centrale europea, con annesso acquisto di massicci stock del nostro debito pubblico. Per effetto di questo indice il Paese e il governo gialloverde possono farsi molto male, visto che l’anno prossimo dovremo rifinanziare buoni del Tesoro in scadenza per circa 450 miliardi. E l’effetto perverso si riverserebbe anche sui mutui e il credito bancario per famiglie e imprese. Dunque Di Maio e Salvini hanno sbagliato tutto? Niente affatto. La Manovra in sé inserisce elementi positivi di cui il nostro Paese ha assolutamente bisogno. Il contrasto alla povertà, un po’ di sostegno a chi cerca lavoro, la riduzione delle tasse e lo stop a una folle guerra tra generazioni, grazie al ricambio tra anziani che possono andare in pensione e i giovani che prenderanno il loro posto, sono elementi di civiltà di cui ci siamo inutilmente privati per anni. Ma guardiamoci attorno e rispondiamo con onestà: dopo tanti sacrifici e politiche di austerità, cosa abbiamo ottenuto?

Stiamo meglio o peggio di prima? Dunque non c’era alternativa a una Manovra che in fin dei conti coniuga il cambiamento rispetto ai pannicelli caldi del passato con l’equilibrio sulla tenuta dei conti. Perché qui bisogna dirlo chiaro: solo un’opposizione sguaiata e priva di argomenti seri, sorretta da economisti servi del sistema, può affermare che aver scavallato i vincoli europei sul bilancio dall’1,6% di deficit rispetto al Pil al 2,4% (cioè di appena lo 0,8%) significa aver frantumato i trattati con i nostri impegni finanziari. Pur di fronte a tanta temperanza, gli euroburocrati gran sacerdoti del rigore nei conti pubblici non hanno perso tempo ad aprire le ostilità contro Roma. Favoriti da una stampa che ha favoleggiato su titaniche battaglie tra il ministro Tria e le forze politiche che gli avrebbero puntato una pistola alla tempia per farlo diventare responsabile delle nostre finanze, i gufi di Bruxelles hanno mandato segnali di guerra. Pierre Moscovici, il Commissario francese agli Affari economici dell’Unione europea, che a in Italia fa il falco e a Parigi la colomba, ha detto la sua utilizzando il più balordo degli esempi. Gli italiani – ha dichiarato – devono sapere che ogni euro destinato a fare nuovo debito è un euro sottratto ai servizi e alle autostrade. Sì, ha detto proprio così, ignorando che alle autostrade diamo da anni miliardi di euro, ma a metterseli in tasca sono i signori Benetton e gli altri azionisti della società che avrebbe dovuto impedire il crollo del ponte di Genova. Naturale la reazione delle forze politiche su cui poggia l’Esecutivo di Giuseppe Conte, seppure con un distinguo non banale. Mentre Salvini ha preso di petto Moscovici e tutti quelli della sua parrocchia, promettendo che il Governo andrà comunque avanti sulla strada tracciata, il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio per ora tiene bassi i toni, porgendo un ramoscello di ulivo a chi dovrà decidere in Europa se la Manovra italiana alla fine sarà approvata oppure no. Un apparente segno di timidezza che rivela l’intenzione di far crescere il Paese dentro un ragionevole percorso comune con un’Europa destinata a profondi cambiamenti. Chi oggi ci bombarda, molto probabilmente tra qualche mese sarà fuori da tutti i giochi, mandato a casa da un vento che spira forte in direzione dei partiti sovranisti e comunque ostili alle logiche di conservazione su cui è edificata anche l’attuale Commissione di Jean-Claude Juncker.

Meglio aiutarci da soli – A tutto questo va aggiunta un’accorta considerazione del premier Conte. Quando i mercati – ha detto – conosceranno i dettagli della Manovra, avranno meno preoccupazione. E in effetti questo è ciò che logicamente dovrebbe accadere, visto che i soldi recuperati con la maggiore flessibilità sul deficit serviranno a creare sviluppo e non nuovi sprechi. Qui ovviamente il condizionale è d’obbligo, perché i mercati si muovono sulle traiettorie della speculazione, e non c’è dubbio che oggi nel mondo c’è un sacco di gente seduta sul fiume in attesa di vedere il Governo di M5S e Lega annegare. Ma l’Italia non è mai stata troppo aiutata da partner Ue che oggi sono nostri accaniti competitor commerciali. Dunque o ci rialziamo da noi oppure non facciamoci troppe illusioni sul futuro. E per rialzarci dobbiamo far ripartire l’economia, a discapito delle ricette fallimentari che ci impongono da anni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La tv del cambiamento e l’orgoglio razzista. Poletti nega di aver scritto l’articolo, ma anche nella smentita qualcosa non torna

Prima di vomitare leggete le ultime righe. Razzista. Sì sono razzista. Razzista, razzista e ancora razzista. Per chi non l’avesse ancora capito sono razzista. Razzista. E questo è un articolo razzista scritto da un giornalista razzista di un giornale razzista espressione di un movimento razzista costituito da milioni e milioni di razzisti. Sono, siamo, siete…

Continua

Basta con gli annunci avventati. Sono un regalo a chi specula

Quando il ministro delle Finanze, Giovanni Tria, dice che le tensioni degli ultimi giorni sullo spread del nostro debito pubblico sono ingiustificate, implicitamente ammette che il Paese è sotto un massiccio attacco speculativo. Sui mercati, insomma, si sta giocando al ribasso sul Btp, pur offrendo quest’ultimo un rendimento del 2,75%, a fronte dei titoli equivalenti…

Continua

Dopo il voto sarà tutto un altro film

Come si cambia per non morire, come si cambia per ricominciare… ma ve la ricordate questa bella canzone di Fiorella Mannoia? Racconta uno dei miracoli dell’amore, e a sua insaputa anche la politica italiana di queste settimane. Per non soccombere nelle urne ormai a due passi, le forze politiche stanno alzando i toni e caricando…

Continua

Che bello ballare con la Lega. In Rai si sta pensando di dare un programma all’ex deputata De Girolamo

Nelle piccole cose spesso ci stanno le grandi. Un concetto – direte – che non vale per le leggi della fisica, ma che diventa indiscutibile se ci affacciamo alla finestra per sentire l’aria che tira nella politica italiana. La più grande cosa che abbiamo davanti è il cambiamento avviato dal primo Governo composto da forze…

Continua

Che silenzio sul voto per l’Europa. E’ l’occasione per chiudere l’epoca infelice dell’austerità e degli euroburocrati

Un albero che cade fa più rumore di un’intera foresta che cresce, ma se i partiti fanno tutti i taglialegna alla fine resta solo un frastuono che stordisce, bloccandoci su fantomatiche guerre ai negozi della cannabis o all’evergreen dei rigurgiti fascisti, questo giro persino dentro una fiera letteraria, mentre ci sfuggono del tutto quisquiglie come…

Continua

Le lenti per vedere la morale. Se tra i casi Raggi e Siri non notate differenze non servono gli occhiali ma una cura seria di etica pubblica

Dopo due anni passati da imputata, la sentenza del processo a Virginia Raggi rivela che lei era la vittima e non l’autrice di un raggiro ordito dai fratelli Raffaele e Renato Marra, cioè i funzionari del Campidoglio che riteneva più vicini. Questo è quello che sta scritto nelle motivazioni del giudice che l’ha assolta, e…

Continua

L’Ue al solito vede nero. E se resta il rigore ci fanno neri sul serio. La Commissione riduce il nostro Pil e prenota una nuova austerità

Solite ricette dall’Europa. Mentre prepara gli scatoloni per sloggiare, ieri la Commissione di Bruxelles è tornata a tagliare le stime sulla crescita (non solo italiana), noncurante degli infiniti errori del passato e – nel nostro caso – di non poterci dare lezioni, in quanto nessun Paese ha fatto crescere l’occupazione più di noi nel primo…

Continua

Ricompare l’etica in politica. Conte ha dimostrato di non agire da giudice ma da garante del cambiamento

Siccome non c’è più sordo di chi non vuol sentire, Matteo Salvini ha ignorato fino all’ultimo i saggi consigli degli alleati di Governo, e così ha finito per marcare una distanza abissale tra i Cinque Stelle che cacciano subito un loro indagato per corruzione e la Lega che invece deve farsi cacciare dal premier un…

Continua

Gli slogan della Lega castrano le imprese

Dalla castrazione alla castroneria il passo è breve, come si capisce leggendo la proposta di legge della Lega dove questa punizione di tipo farmacologico per gli stupratori è prevista solo su base volontaria e alternativa al carcere. Dunque parlarne non è neppure un deterrente. Eppure ieri Matteo Salvini non ci ha pensato un attimo a…

Continua

La politica che piace alle mafie. Il caso Siri è troppo per continuare a far finta di niente

Se non fossimo convinti che Matteo Salvini sia arcinemico dalla mafia non avremmo un attimo di indugio a chiederne con tutta la forza possibile l’uscita dal Governo, a costo di interrompere un’esperienza che in dieci mesi ha fatto più e meglio di intere legislature del passato. Ma con la mafia, cioè l’imposizione di un’anti-stato sullo…

Continua