L’ultima renzata. Un Governo fotocopia che ignora il No al referendum

di Gaetano Pedullà

Nato debole per durare il meno possibile. Di tutti gli schiaffi dati al Paese da Renzi questo è il più vergognoso. L’ex premier che tiene in pugno quell’ameba di partito che è diventato il Pd, grazie a un patto di potere con le correnti di Franceschini, dei Giovani Turchi e di Orlando/Martina, ha un unico obiettivo, costi quel che costi: andare a votare prima possibile. Avessimo una legge elettorale e non un pasticcio su cui la Corte Costituzionale non deciderà prima del 24 gennaio, staremmo già montando i seggi. Senza legge elettorale però il presidente Mattarella non scioglierà mai le Camere (ben felici di non farsi sciogliere) e quindi in un modo o nell’altro bisogna che un Governo stia in piedi qualche altro mese. Come garantire che una volta ottenuta la fiducia questo Esecutivo non ci prenda gusto e magari dopo aver fatto con calma la legge elettorale non arrivi all’autunno, per far scattare l’atteso vitalizio a una folla di peones, e poi magari persino alla fine delle legislatura, a febbraio 2018? Per Renzi non c’era che una garanzia: indicare un premier debole e costringerlo a presentare un esecutivo fragilissimo.

Tanto debole che conta poco se oggi otterrà o meno la fiducia al Senato. Lo schiaffo ai verdiniani, che avrebbero blindato Gentiloni a Palazzo Madama in cambio del ministero della impalpabile Lorenzin, è la prova di quanta spregiudicatezza e opportunismo politico ci sia in quest’ultima renzata. Con una non maggioranza come quella su cui può contare il povero Gentiloni ogni giorno ci sarà da ballare. E al momento opportuno basterà un nulla per mandare tutti a casa e aprire la via delle urne, facendo pure credere agli italiani che solo Renzi può garantire al Paese un Esecutivo – simpatico o antipatico che sia – capace di governare mille giorni. Tutti gli altri tentativi sono da Prima Repubblica, limitati nel tempo e inguardabili nelle piroette quotidiane per sopravvivere che inevitabilmente vedremo dai prossimi giorni. Per centrare cinicamente questo obiettivo Renzi non si è fatto scrupolo di dare alla pancia degli italiani un nuovo fortissimo argomento per scappare elettoralmente tra le braccia di Grillo.

PREMIER TELEGUIDATO

La squadra di Gentiloni è stata imposta – perché è impensabile che il neo premier si sia voluto deliberatamente suicidare –  in una tale continuità con quella di Renzi da suonare come un immenso pernacchio ai venti milioni di italiani che votando No hanno chiesto chiaramente anche discontinuità nel Governo del Paese. Una richiesta evidentissima, che solo chi mente sapendo di mentire può negare. L’effetto di tutto ciò è stata però un’ennesima menzogna. Renzi che aveva promesso di lasciare la politica se perdeva sulle sue riforme, ha fatto formalmente un passo indietro ma sostanzialmente due avanti. Ha ignorato le prerogative del Capo dello Stato facendosi le sue consultazioni parallele a quelle del Quirinale, ha scelto il suo successore imponendogli una situazione degna del più consumato equilibrista, prende pure in giro chi gli chiede conto sostenendo di aver onorato l’impegno a farsi da parte, e invece dopo il suo disastro ci obbliga ad avere un Esecutivo più debole di quello che si sarebbe potuto certamente costituire solo cedendo un po’ di rappresentanza a chi ci voleva stare.

FORTINO DEL POTERE

L’effetto finale è l’immagine di un Palazzo che si blinda sempre di più nei suoi giochi di potere, incurante di ogni indicazione dei cittadini. Perché se è assolutamente vero che la Costituzione assegna al Parlamento (e non agli elettori) il compito di dare la fiducia a un Governo è anche vero che sarebbe bastato pochissimo per far capire che la politica sa ascoltare. E sa prendere atto che un ministro della Funzione pubblica (Madia) che si fa bocciare la sua riforma deve andare a casa a studiare. Che se un ministro firma una legge che si chiama Jobs Act (Poletti) e il lavoro aumenta dello zero virgola niente deve andare a lavorare (almeno lui) da un’altra parte. Che un ministro che produce una riforma costituzionale talmente pasticciata da essere bocciata da un referendum (Boschi) non viene per premio promossa sottosegretario alla Presidenza. Che se il Paese ha un Presidente del Consiglio questo non può essere platealmente commissariato a tal punto da dover imbarcare Luca Lotti travestito da ministro dello sport, quando tutti sanno che il suo sport preferito è palleggiare con i dossier di Servizi segreti e aziende di Stato. Sfidando ogni senso del ridicolo Renzi ha imposto tutto questo, senza peraltro metterci la faccia. Lasciando a Gentiloni l’onere di galleggiare quanto potrà (e così di sicuro potrà pochissimo) mentre i problemi restano tutti, a cominciare dalle imposizioni europee che adesso inevitabilmente adesso inizieranno a irrigidirsi sui conti pubblici.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua