Manager sulle macerie dei partiti

di Gaetano Pedullà

La politica è morta. E sulle sue macerie si fanno largo i manager che a Milano si sfideranno in grande abbondanza per conquistare Palazzo Marino. Certo, Centrodestra e Centrosinistra da oggi dovranno solo sciacquarsi la bocca prima di muovere la benché minima critica ai tecnocrati che governano la Commissione europea, esautorando di ogni potere tanto quel contenitore folkloristico e inconcludente del Parlamento di Strasburgo quanto i governi dei singoli Stati. Dallo strapotere dell’uomo solo al comando nel Pd però non si scappa e grazie a un percorso con handicap per i suoi avversari, il renziano Giuseppe Sala ha vinto le primarie e adesso deve solo decidere con che vantaggio vincere le elezioni per conquistare la poltrona di Giuliano Pisapia. A contendergli il successo ci sarà un altro manager, tirato fuori da un Centrodestra che al contrario del partito del premier è invece in palese crisi di leadership. Stefano Parisi non è infatti una seconda scelta, ma l’ultima delle carte con cui giocare sul serio la partita per il più importante Comune lombardo.

Una carta così debole che tutti, ma proprio tutti, gli addetti al lavori ieri si interrogavano su quale contropartita sia stata data dal Pd a Berlusconi per spianare di fatto la strada a Sala. A tentare di scombinare i giochi restano infatti solo i Cinque Stelle, che per essere sicuri di non vincere (e così puntare senza intoppi alle politiche del 2018) hanno candidato una perfetta sconosciuta. Ultimo incomodo, per concludere, ancora un manager, quel Corrado Passera proveniente dall’amatissimo mondo dell’alta finanza e delle banche. Un signore accreditato delle possibilità di vittoria dello zero virgola, che chissà per quale motivo è ogni notte nei sogni dell’ex datore di lavoro Carlo De Benedetti, bramoso di vederlo nella polvere manco fosse un clone del Cavaliere.

DOPO ARCORE NULLA –  I giochi dunque sono fatti, e per un Centrodestra in crisi anche di lucidità sono fatti nel peggiore dei modi. La boutade della candidatura di Rita dalla Chiesa a Roma è degna di una puntata di Scherzi a Parte. Con la diretta interessata che, poverina, per qualche ora ci aveva pure creduto. Così Berlusconi esce di scena nel peggiore dei modi, certificando di non aver lasciato nessuna eredità nel suo schieramento, mentre Salvini e la Meloni dimostrano di essere quello che sono, arruffapopolo buoni per i talk show, non certo leader di governo.
In questo modo chi se la gode come un matto è Renzi, che a Palazzo Chigi sta comodo come un pascià, un po’ grazie all’assicurazione sulla vita firmata da Verdini, e per il rimanente grazie alla semplice constatazione che a Matteo da Firenze non c’è alternativa. La storia milanese in questo senso è emblematica. Se a Torino c’era poco da fare contro l’uscente Piero Fassino, nella “rossa” Bologna è più facile che la spunti un Cinque Stelle piuttosto che la debole candidata leghista Lucia Borgonzoni. A Roma le urne sono una lotteria, anche per effetto del processo “Mafia Capitale” e a Napoli non sarà facile scalzare de Magistris o le truppe cammellate ricompattate da Bassolino. L’unica piazza dove il Centrodestra aveva qualche chance era perciò il capoluogo lombardo. Piazza dove il candidato capace di vincere, o quanto meno di competere sul serio, c’era. Eccome.

SCELTE DI RIPIEGO – Il signore in oggetto si chiama Paolo del Debbio e chi sostiene che sarebbe stato indisponibile di fronte a una richiesta secca di Berlusconi mente sapendo di mentire. Del Debbio è un di-pen-den-te del Cavaliere, ben maritato ai piani più alti dell’azienda e i suoi capricci per scappare alla candidatura si potevano superare in meno di un secondo. Il punto è che Berlusconi, Salvini e Meloni hanno talmente rinunciato a correre sul serio da non fare la benché minima forzatura sul giornalista, che adesso sogna di tornare utile alle prossime politiche. Chiusi come codardi nel bunker, mentre fuori ci si prepara alle macerie elettorali, i partiti di Centrodestra non hanno trovato di meglio che far correre Parisi. Un manager che adesso ha un buon motivo per giustificare la vendita (o la chiusura) della sua azienda televisiva non certo in buonissime acque. Comunque vada per lui sarà un successo. Proprio come per Sala, da ieri un uomo più sereno.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Informazione mai tanto in ostaggio

Queste sì che sono soddisfazioni. L’Italia guadagna 25 posizioni nella classifica più farlocca del pianeta: sulla libertà di stampa siamo passati dal 77 al 52esimo posto. Un balzo in avanti che già da solo la dice lunga su come è compilata questa graduatoria. E d’altra parte chi può battere i giornalisti sul terreno delle fake…

Continua

Battaglia oscurantista sulla salute

Non c’è niente di più oscurantista delle guerre di religione. Se Mao definiva le fedi l’oppio dei popoli, non serve un approccio particolarmente laico e ragionante per definire folli quei sedicenti martiri che si fanno esplodere in odiosi attentati o si fanno ammazzare dopo aver affidato ai loro kalashnikov la nuova semina di odio e…

Continua

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua