Manager sulle macerie dei partiti

di Gaetano Pedullà

La politica è morta. E sulle sue macerie si fanno largo i manager che a Milano si sfideranno in grande abbondanza per conquistare Palazzo Marino. Certo, Centrodestra e Centrosinistra da oggi dovranno solo sciacquarsi la bocca prima di muovere la benché minima critica ai tecnocrati che governano la Commissione europea, esautorando di ogni potere tanto quel contenitore folkloristico e inconcludente del Parlamento di Strasburgo quanto i governi dei singoli Stati. Dallo strapotere dell’uomo solo al comando nel Pd però non si scappa e grazie a un percorso con handicap per i suoi avversari, il renziano Giuseppe Sala ha vinto le primarie e adesso deve solo decidere con che vantaggio vincere le elezioni per conquistare la poltrona di Giuliano Pisapia. A contendergli il successo ci sarà un altro manager, tirato fuori da un Centrodestra che al contrario del partito del premier è invece in palese crisi di leadership. Stefano Parisi non è infatti una seconda scelta, ma l’ultima delle carte con cui giocare sul serio la partita per il più importante Comune lombardo.

Una carta così debole che tutti, ma proprio tutti, gli addetti al lavori ieri si interrogavano su quale contropartita sia stata data dal Pd a Berlusconi per spianare di fatto la strada a Sala. A tentare di scombinare i giochi restano infatti solo i Cinque Stelle, che per essere sicuri di non vincere (e così puntare senza intoppi alle politiche del 2018) hanno candidato una perfetta sconosciuta. Ultimo incomodo, per concludere, ancora un manager, quel Corrado Passera proveniente dall’amatissimo mondo dell’alta finanza e delle banche. Un signore accreditato delle possibilità di vittoria dello zero virgola, che chissà per quale motivo è ogni notte nei sogni dell’ex datore di lavoro Carlo De Benedetti, bramoso di vederlo nella polvere manco fosse un clone del Cavaliere.

DOPO ARCORE NULLA –  I giochi dunque sono fatti, e per un Centrodestra in crisi anche di lucidità sono fatti nel peggiore dei modi. La boutade della candidatura di Rita dalla Chiesa a Roma è degna di una puntata di Scherzi a Parte. Con la diretta interessata che, poverina, per qualche ora ci aveva pure creduto. Così Berlusconi esce di scena nel peggiore dei modi, certificando di non aver lasciato nessuna eredità nel suo schieramento, mentre Salvini e la Meloni dimostrano di essere quello che sono, arruffapopolo buoni per i talk show, non certo leader di governo.
In questo modo chi se la gode come un matto è Renzi, che a Palazzo Chigi sta comodo come un pascià, un po’ grazie all’assicurazione sulla vita firmata da Verdini, e per il rimanente grazie alla semplice constatazione che a Matteo da Firenze non c’è alternativa. La storia milanese in questo senso è emblematica. Se a Torino c’era poco da fare contro l’uscente Piero Fassino, nella “rossa” Bologna è più facile che la spunti un Cinque Stelle piuttosto che la debole candidata leghista Lucia Borgonzoni. A Roma le urne sono una lotteria, anche per effetto del processo “Mafia Capitale” e a Napoli non sarà facile scalzare de Magistris o le truppe cammellate ricompattate da Bassolino. L’unica piazza dove il Centrodestra aveva qualche chance era perciò il capoluogo lombardo. Piazza dove il candidato capace di vincere, o quanto meno di competere sul serio, c’era. Eccome.

SCELTE DI RIPIEGO – Il signore in oggetto si chiama Paolo del Debbio e chi sostiene che sarebbe stato indisponibile di fronte a una richiesta secca di Berlusconi mente sapendo di mentire. Del Debbio è un di-pen-den-te del Cavaliere, ben maritato ai piani più alti dell’azienda e i suoi capricci per scappare alla candidatura si potevano superare in meno di un secondo. Il punto è che Berlusconi, Salvini e Meloni hanno talmente rinunciato a correre sul serio da non fare la benché minima forzatura sul giornalista, che adesso sogna di tornare utile alle prossime politiche. Chiusi come codardi nel bunker, mentre fuori ci si prepara alle macerie elettorali, i partiti di Centrodestra non hanno trovato di meglio che far correre Parisi. Un manager che adesso ha un buon motivo per giustificare la vendita (o la chiusura) della sua azienda televisiva non certo in buonissime acque. Comunque vada per lui sarà un successo. Proprio come per Sala, da ieri un uomo più sereno.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Liberalizzare il lavoro per davvero

E poi ci si meraviglia che in Italia le imprese ci pensino cento volte prima di assumere un dipendente, anche se ne hanno bisogno e il Governo mette sul piatto tanti soldi come incentivo. Sentite cosa è accaduto alle Poste, dopo che un impiegato è stato condannato in primo grado per aver portato via dalla…

Continua

Candidati senza programmi

Le sparate di Salvini, le finte primarie di Di Maio, il redivivo Berlusconi e il rimpianto di Renzi per il governo perduto. Persino la politica di queste settimane, in rampa di lancio per le prossime elezioni, emoziona come vedere una partita di calcio tra squadre di pipponi. Il motivo, che sfugge a leader troppo presi…

Continua

Candidati e ipocrisie a 5 stelle

Ci voleva la provocazione di Saviano per dare un’emozione alla scelta spintanea di Luigi Di Maio candidato premier dei Cinque Stelle. Ci fosse ancora qualche puro che non l’avesse capito, nel Movimento uno vale uno, nel senso di uno in una scala che però evidentemente sale fino a mille, dove in cima ci sono solo…

Continua

La Lega non derubi due volte

Senza soldi non si canta messa, figuriamoci se si fa politica. Matteo Salvini ha molto chiaro che il blocco dei fondi pubblici assegnati alla Lega azzoppa la sua corsa prima ancora dello start per le politiche. Il punto è che quei soldi sono in parte il frutto di un reato, benché certamente non commesso dall’attuale…

Continua

Non ci sono i leader di una volta

È incredibile come in un’epoca di grida e risse su tutto le parole più incendiarie possano essere pronunciate con la pacatezza di un signore come Graziano Delrio. Il suo partito, il Pd, aveva deciso di fare dello Ius Soli una bandiera. Renzi si è speso in lungo e largo per spiegare che riconoscere gli stessi…

Continua

Odiatori di professione sui migranti

Se io fossi… se io fossi un migrante che dall’Africa è arrivato in Europa per dare una speranza a una vita disperata, ringraziando il mare per ogni onda che non mi ha fatto naufragare… Se io fossi un bambino nero o giallo diventato uomo in una culla di bellezza come l’Italia… Se io fossi una…

Continua

I veri numeri sul lavoro sono negativi

Come darla vinta al diavolo e all’acqua santa. Gli ultimi dati dell’Istat sull’occupazione sono un capolavoro di diplomazia comunicativa. Le persone che non trovano un impiego aumentano, in controtendenza con l’Europa. Però se si conta chi ha un posto, ecco che saliamo ai livelli del 2008, prima della grande crisi. Chi fornisce questi numeri meriterebbe…

Continua

Sui migranti c’è un torneo dei cretini

Se un cretino si prende la scena dicendo la più stupida delle fesserie, in Italia non solo si corre tutti dietro alla fesseria, ma un attimo dopo ecco che arriva un cretino più grande che migliora la prestazione e apre il campionato di chi la spara più grossa. Il caso del momento è quello del…

Continua

Il Meeting e la fede così confusa

Non c’è più religione. E se a certificarlo è niente di meno che il Meeting di Comunione e Liberazione c’è da crederci. Riassumiamo per chi aveva di meglio da fare e si è perso le puntate precedenti. Alla passerella del movimento che ogni estate fa da barometro del potere nel nostro Paese è passato due…

Continua

La guerra dei migranti per la casa

Scappano dalla guerra a casa loro e vengono a farla qua da noi per avere a sbafo un appartamento. Detta così – e il solito becerume populista che campa sull’odio per gli immigrati ieri sui social network ha detto ben di peggio – la rivolta di ieri a Roma è intollerabile. Le cose però non…

Continua