Manager sulle macerie dei partiti

di Gaetano Pedullà

La politica è morta. E sulle sue macerie si fanno largo i manager che a Milano si sfideranno in grande abbondanza per conquistare Palazzo Marino. Certo, Centrodestra e Centrosinistra da oggi dovranno solo sciacquarsi la bocca prima di muovere la benché minima critica ai tecnocrati che governano la Commissione europea, esautorando di ogni potere tanto quel contenitore folkloristico e inconcludente del Parlamento di Strasburgo quanto i governi dei singoli Stati. Dallo strapotere dell’uomo solo al comando nel Pd però non si scappa e grazie a un percorso con handicap per i suoi avversari, il renziano Giuseppe Sala ha vinto le primarie e adesso deve solo decidere con che vantaggio vincere le elezioni per conquistare la poltrona di Giuliano Pisapia. A contendergli il successo ci sarà un altro manager, tirato fuori da un Centrodestra che al contrario del partito del premier è invece in palese crisi di leadership. Stefano Parisi non è infatti una seconda scelta, ma l’ultima delle carte con cui giocare sul serio la partita per il più importante Comune lombardo.

Una carta così debole che tutti, ma proprio tutti, gli addetti al lavori ieri si interrogavano su quale contropartita sia stata data dal Pd a Berlusconi per spianare di fatto la strada a Sala. A tentare di scombinare i giochi restano infatti solo i Cinque Stelle, che per essere sicuri di non vincere (e così puntare senza intoppi alle politiche del 2018) hanno candidato una perfetta sconosciuta. Ultimo incomodo, per concludere, ancora un manager, quel Corrado Passera proveniente dall’amatissimo mondo dell’alta finanza e delle banche. Un signore accreditato delle possibilità di vittoria dello zero virgola, che chissà per quale motivo è ogni notte nei sogni dell’ex datore di lavoro Carlo De Benedetti, bramoso di vederlo nella polvere manco fosse un clone del Cavaliere.

DOPO ARCORE NULLA –  I giochi dunque sono fatti, e per un Centrodestra in crisi anche di lucidità sono fatti nel peggiore dei modi. La boutade della candidatura di Rita dalla Chiesa a Roma è degna di una puntata di Scherzi a Parte. Con la diretta interessata che, poverina, per qualche ora ci aveva pure creduto. Così Berlusconi esce di scena nel peggiore dei modi, certificando di non aver lasciato nessuna eredità nel suo schieramento, mentre Salvini e la Meloni dimostrano di essere quello che sono, arruffapopolo buoni per i talk show, non certo leader di governo.
In questo modo chi se la gode come un matto è Renzi, che a Palazzo Chigi sta comodo come un pascià, un po’ grazie all’assicurazione sulla vita firmata da Verdini, e per il rimanente grazie alla semplice constatazione che a Matteo da Firenze non c’è alternativa. La storia milanese in questo senso è emblematica. Se a Torino c’era poco da fare contro l’uscente Piero Fassino, nella “rossa” Bologna è più facile che la spunti un Cinque Stelle piuttosto che la debole candidata leghista Lucia Borgonzoni. A Roma le urne sono una lotteria, anche per effetto del processo “Mafia Capitale” e a Napoli non sarà facile scalzare de Magistris o le truppe cammellate ricompattate da Bassolino. L’unica piazza dove il Centrodestra aveva qualche chance era perciò il capoluogo lombardo. Piazza dove il candidato capace di vincere, o quanto meno di competere sul serio, c’era. Eccome.

SCELTE DI RIPIEGO – Il signore in oggetto si chiama Paolo del Debbio e chi sostiene che sarebbe stato indisponibile di fronte a una richiesta secca di Berlusconi mente sapendo di mentire. Del Debbio è un di-pen-den-te del Cavaliere, ben maritato ai piani più alti dell’azienda e i suoi capricci per scappare alla candidatura si potevano superare in meno di un secondo. Il punto è che Berlusconi, Salvini e Meloni hanno talmente rinunciato a correre sul serio da non fare la benché minima forzatura sul giornalista, che adesso sogna di tornare utile alle prossime politiche. Chiusi come codardi nel bunker, mentre fuori ci si prepara alle macerie elettorali, i partiti di Centrodestra non hanno trovato di meglio che far correre Parisi. Un manager che adesso ha un buon motivo per giustificare la vendita (o la chiusura) della sua azienda televisiva non certo in buonissime acque. Comunque vada per lui sarà un successo. Proprio come per Sala, da ieri un uomo più sereno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La posta in gioco nelle urne è l’Europa, la sicurezza e il destino, anche economico, di un intero continente

Serviva la vigliaccheria di una bomba in centro a Lione per svegliarci dalla noia di una bruttissima campagna elettorale fatta tutta guardando l’ombelico di casa nostra, mentre la posta in gioco nelle urne di domani è l’Europa, la sicurezza e il destino, anche economico, di un intero continente. Di Maio e Salvini lunedì faranno i…

Continua

E’ ora di fare i nostri interessi

Cinque sono impresentabili con la patente dell’Antimafia. Trentasette i candidati civetta, cioè quelli che voti qualcuno e al Parlamento europeo ci va un altro. Ventidue i condannati e indagati. Di motivi per pensarci bene su chi mandare a Bruxelles ce ne sono tanti, a cominciare dal fatto che l’Europa è sempre più determinante per le…

Continua

L’alibi dell’abuso d’ufficio

Un bel patto con la maggioranza e l’opposizione, come nei tempi andati, quando le imprese spartivano a tutti e il soldo girava, con buona pace se finiva nelle tasche di corrotti e delinquenti. L’ultima idea lanciata dal presidente della Confindustria, Vincenzo Boccia, sa molto d’antico, e sorprende che non susciti inquietudine almeno in quella parte…

Continua

Al governo c’è chi fa e chi disfa

Con due passi indietro sulle multe a chi soccorre gli immigrati in mare e sul Tav intrufolato tra le infrastrutture prioritarie del Paese, Salvini fa un salto avanti e adesso pretende di portare a casa il decreto sicurezza bis e una bella spinta allo sbloccantieri. Con il passo indietro del ministro Tria sul miliardo di…

Continua

Giorgetti cerca l’alibi in Conte per colpire tre obiettivi

Giancarlo Giorgetti non è persona che lancia siluri a caso, e nella dichiarazione di sfiducia sul Presidente del Consiglio ha colpito tre obiettivi. Il primo è consolidare la strategia della Lega, per cui se le elezioni europee andranno molto sopra le attese (o molto sotto) si cercheranno tutti i pretesti possibili per far saltare il…

Continua

La tv del cambiamento e l’orgoglio razzista. Poletti nega di aver scritto l’articolo, ma anche nella smentita qualcosa non torna

Prima di vomitare leggete le ultime righe. Razzista. Sì sono razzista. Razzista, razzista e ancora razzista. Per chi non l’avesse ancora capito sono razzista. Razzista. E questo è un articolo razzista scritto da un giornalista razzista di un giornale razzista espressione di un movimento razzista costituito da milioni e milioni di razzisti. Sono, siamo, siete…

Continua

Basta con gli annunci avventati. Sono un regalo a chi specula

Quando il ministro delle Finanze, Giovanni Tria, dice che le tensioni degli ultimi giorni sullo spread del nostro debito pubblico sono ingiustificate, implicitamente ammette che il Paese è sotto un massiccio attacco speculativo. Sui mercati, insomma, si sta giocando al ribasso sul Btp, pur offrendo quest’ultimo un rendimento del 2,75%, a fronte dei titoli equivalenti…

Continua

Dopo il voto sarà tutto un altro film

Come si cambia per non morire, come si cambia per ricominciare… ma ve la ricordate questa bella canzone di Fiorella Mannoia? Racconta uno dei miracoli dell’amore, e a sua insaputa anche la politica italiana di queste settimane. Per non soccombere nelle urne ormai a due passi, le forze politiche stanno alzando i toni e caricando…

Continua

Che bello ballare con la Lega. In Rai si sta pensando di dare un programma all’ex deputata De Girolamo

Nelle piccole cose spesso ci stanno le grandi. Un concetto – direte – che non vale per le leggi della fisica, ma che diventa indiscutibile se ci affacciamo alla finestra per sentire l’aria che tira nella politica italiana. La più grande cosa che abbiamo davanti è il cambiamento avviato dal primo Governo composto da forze…

Continua

Che silenzio sul voto per l’Europa. E’ l’occasione per chiudere l’epoca infelice dell’austerità e degli euroburocrati

Un albero che cade fa più rumore di un’intera foresta che cresce, ma se i partiti fanno tutti i taglialegna alla fine resta solo un frastuono che stordisce, bloccandoci su fantomatiche guerre ai negozi della cannabis o all’evergreen dei rigurgiti fascisti, questo giro persino dentro una fiera letteraria, mentre ci sfuggono del tutto quisquiglie come…

Continua