Merde Alors a Salvini. L’ultima moda in Europa è insultare l’Italia

di Gaetano Pedullà

Abituato com’è ad abitare sul Colle, il Presidente Mattarella vola alto e forse fatica a vedere cosa accade giù, in basso, dove prolificano i nazionalismi, e di certa Europa non si vuole più sentir parlare. L’integrazione – dice il Capo dello Stato – ci ha portato benefici, i sovranismi sono un pericolo e non è una bella cosa stare a mercanteggiare sugli spiccioli del bilancio Ue. Premesso che gli spicci di cui parla sono una ventina di miliardi l’anno, l’inquilino del Quirinale deve essere ingannato dalla sua nobile vocazione europeista per non vedere quanto questa istituzione abbia tradito le aspettative dei cittadini dei Paesi membri. Ad eccezione della moneta, di integrazione se n’è vista ben poca. Non abbiamo in comune una politica estera, un esercito, le regole fiscali e una strategia economica, mentre a partire dal dramma dei migranti è evidente quanta poca solidarietà ci sia sull’accoglienza. Certo, non tutto è andato storto e quell’idea di Europa lasciata da De Gasperi, Monnet e Spinelli è ancora attuale e prodigiosa. Ma a parte il gigantismo della burocrazia di Bruxelles, troppo poco è stato realizzato e troppo alto è il prezzo che ancora adesso ci si chiede di pagare. I vincoli sul deficit e la costante pressione sulla spesa pubblica ci hanno costretto a tagli sanguinosi nei servizi essenziali, dalla sanità alla sicurezza. Gli italiani hanno espresso chiaramente l’indicazione di riforme come il reddito di cittadinanza e la Flat tax, e ogni giorno c’è qualcuno che si alza per dirci che non si può fare.

 

SEMPRE PEGGIO

Anzi, con l’avvicinarsi della manovra finanziaria, siamo arrivati direttamente agli insulti, con il Commissario agli Affari europei Moscovici che ha ridotto i nazionalismi dilaganti in tutta Europa alla comparsa di piccoli Mussolini. Per non parlare dell’ultima perla del ministro lussemburghese Asselborn, che ieri a Vienna ha platealmente offeso il nostro vicepremier Salvini. Gesti che poco si sposano con la ricerca di un destino comune, e al contrario svelano quanta ipocrisia ci sia nelle menti di chi in un contesto di parità tra gli Stati pensa invece di contare più degli altri. E l’Italia, in questo senso, pur con il ruolo di Paese fondatore dell’Unione europea, paga lo scotto di un debito pubblico terrificante, che ci pone in cima alla classifica degli osservati speciali. Un alibi perfetto per imporci da sempre le mortificanti politiche economiche che piacciono tanto ai mercati, ma di cui presto o tardi riceveremo il conto. Basti pensare che malgrado anni di grandissimi sacrifici, il debito dello Stato non ha mai smesso di crescere, e proprio in questi giorni ha raggiunto un nuovo impressionante record storico.

 

OGNUNO PER SE

A fronte di tutto questo l’Europa non ha fatto il suo dovere fino in fondo. Chi non ricorda infatti l’allora ministro del Tesoro Tremonti che chiedeva alla Merkel di difendere la tenuta stessa degli Stati minacciati dalla speculazione con gli Eurobond o comunque un sistema di tutela solidale? La risposta fu no e ancora oggi siamo un Paese a sovranità limitata sotto la minaccia (e il costo finanziario) dello Spread. Di tutto questo la gran parte dei cittadini ha solo una parziale consapevolezza, mentre invece anche per effetto della rete web in tutto il mondo la creazione del consenso passa dall’affermazione di slogan e iconici impegni elettorali. In Italia, Reddito di cittadinanza e Flat tax non sono perciò solo due promesse politiche, ma il certificato di esistenza in vita delle due forze parlamentari che le hanno proposte: Cinque Stelle e Lega. Il solo fatto che l’Europa, con i suoi vincoli di bilancio, minacci di rendere irrealizzabili queste riforme, trasforma l’Ue in un imperdonabile nemico. E aliena la fiducia da chi testimonia “idiosincrasia” per i nazionalismi, come ha fatto coerentemente con il suo pensiero di sempre il Presidente Mattarella. Un gesto che i domatori di algoritmi da cui passa la comunicazione 2.0 di questa epoca, non avrebbero consigliato, visto che nella massificazione (e banalizzazione) delle informazioni che arrivano al grande pubblico ci sono responsabilità immaginifiche, per cui a fronte delle offese di un leader estero a un nostro vicepremier (che ci piaccia o no) il Capo dello Stato replica a muso duro e rivendica prima di tutto la dignità nazionale. Un silenzio che questa Europa non merita.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I garantisti ostaggio dei complici

Adesso si aspetta pure le scuse Luca Lotti, il fedelissimo renziano che accusa persino il suo partito e quanti altri si illudevano sull’autonomia della magistratura. Registrato mentre confabulava con alcuni consiglieri del Csm per stabilire quali procuratori promuovere e quali trasferire, compreso quello destinato a Roma, determinante nel processo Consip in cui è imputato, Lotti…

Continua

Una cura per politica e toghe

Non facciamo le verginelle. Chi legge un giornale come La Notizia lo fa per essere informato senza quelle censure che la stampa mainstream si infligge da sola, senza dare a chi di dovere neppure il fastidio di nascondere la polvere sotto al tappeto. Dunque diciamolo chiaro: quello che sta emergendo sul Csm è uno di…

Continua

Alitalia fa autorete con Lotito

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa…

Continua

La partita di Conte sarà lunga

Il via libera degli euroburocrati alla procedura d’infrazione contro l’Italia per eccesso di debito è solo l’ultimo tecnicismo di un atto invece tutto politico, che può costarci molto e che il premier Conte adesso ha ampio mandato per trattare. Superate le asprezze della campagna elettorale, i leader di M5S e Lega hanno ritrovato il collante…

Continua

Attenzione ai veri barbari

L’hanno chiamata norma “Salva-Roma”, come se una città sopravvissuta per 2.700 anni a ogni flagello di Dio possa soccombere proprio adesso che a governarla ci stanno quei “barbari” dei 5 Stelle. Messo da parte lo slogan ad effetto, il sostegno finanziario approvato ieri in Parlamento darà una mano alla Capitale e a chi la frequenta,…

Continua

La fuga di Mediaset in Olanda pagata dagli italiani

L’operazione è giustificata da un riassetto societario delle tv in Italia e Spagna, ma il trasloco di Berlusconi in una nuova holding olandese svela almeno tre problemi rilevanti per il nostro Paese. Il primo è che il guaio della nostra economia non sono le delocalizzazioni nei mercati extracomunitari o negli Stati Ue di frontiera, dove…

Continua

Macron il sovranista camuffato

Doveva essere il matrimonio – d’interessi – più sontuoso dell’anno e invece siamo già al divorzio, ancor prima di cominciare, e con lo strascico di polemiche tipico di queste rotture. Fca, cioè la Fiat scappata all’estero e con in pancia Chrysler, non si fonderà con Renault, ufficialmente per decisione dei marchi giapponesi Nissan e Mitsubishi…

Continua

Vediamo chi pugnala il premier

Se guardi troppo a lungo l’abisso poi è l’abisso che guarda dentro di te, diceva Friedrich Nietzsche. Ed esattamente così, dopo una campagna elettorale europea quanto mai velenosa, il gelo nei rapporti personali e il rischio di un pericolosissimo salto nel vuoto, il premier Conte ha avvisato i due azionisti del Governo sulla mostruosità alla…

Continua

Quello che Visco non ci dice

L’Italia è sotto attacco della speculazione finanziaria. Non è una novità. Quando avevamo la liretta ci bastonavano tutti, con casi proverbiali come quello di George Soros, oggi paladino e finanziatore dei partiti europeisti. Nel 1992 questo signore distrusse la nostra moneta, trasferendo nel famoso “mercoledì nero” cifre astronomiche dalle nostre tasche alle sue. A colpirci…

Continua

Si rivede l’etica in politica

Luigi Di Maio, da ieri rafforzato dal plebiscito sulla piattaforma Rousseau, aveva commentato il tracollo alle europee dicendo che il Movimento 5 Stelle non perde mai, perché o vince o impara. Nei prossimi giorni vedremo dunque l’effetto della lezione impartita dalle urne, ma intanto registriamo che anche Salvini ha imparato, e accettando le dimissioni del…

Continua