Montesano sì. Lino Banfi no. La Sinistra non sa più ridere

di Gaetano Pedullà

Ci pensino meglio gli osservatori politici che ci raccontano da mesi di un M5S in caduta libera, cannibalizzato dalla Lega e abbandonato dagli ultrà del No Tap, No Tav, No Vax e compagnia cantando. Appena portati a casa responsabilmente la Manovra e, a cascata, il Reddito di cittadinanza, è bastato che il Movimento riprendesse a cavalcare i suoi temi per riconquistare subito la scena politica, costringendo persino Matteo Salvini a inseguire nella polemica con Emmanuel Macron sulle responsabilità francesi nell’instabilità dell’Africa.

Certo, su più di un passaggio il Governo a trazione grillina è stato goffo, ma la novità del cambiamento che si porta dietro nella visione del mondo, della società e dell’economia non si è minimamente esaurita. E anzi, con la geniale designazione di Lino Banfi all’Unesco ci sprovincializza e riafferma il predominio dell’uomo qualunque – cioè del popolo – sulle élite dei competenti che poi così competenti molto spesso non sono. Naturalmente ieri i soliti sapientoni, soprattutto di Sinistra, si sono divertiti nel fare battute e denigrare la scelta di un attore comico per un ruolo di cui peraltro neppure conoscevano l’esistenza, dimenticando che proprio un comico come Beppe Grillo ha mandato in pensione generazioni di politici, e per di più senza il vitalizio.

Un quadro che in Italia si fatica ad accettare, mentre nel mondo attori e personaggi molto popolari hanno coperto ruoli che vanno dalla Presidenza degli Stati Uniti alla guida della California. Ma se alla stessa Sinistra italiana mancasse la memoria e la benzina per andare così lontano, allora basterebbe ricordare quando a dare le carte era il Pci, e con quella bandiera si fecero eleggere attori come Enrico Montesano per occupare poltrone ben più importanti di un simbolico strapuntino all’Unesco.

La verità è che la Sinistra italiana ormai da troppo tempo ha scelto i salotti, dove ha altro da fare che essere se stessa, lasciando ai Cinque Stelle un’azione della quale il Pd è oggi orfano per mancanza di idee, di leadership e di coerente osservazione della realtà. Il Movimento però non ha minimamente una connotazione ideologica, e dunque può spaziare in ogni direzione del buon senso, permettendosi l’incomparabile lusso del bambino che dice al re quanto sia brutto continuare a mostrarsi nudo.

Così si spiega l’assenza di timore reverenziale verso poteri che per non rispondere dei loro abusi tendono a ridicolizzare chi pone domande scomode. Una lesa maestà che personaggi minimi come il presidente francese Macron ha affrontato richiamando l’ambasciatore italiano a Parigi, invece di prendere atto che la generosissima politica dell’Eliseo in Africa ha contribuito a produrre quella povertà dalla quale milioni di persone fuggono talmente disperati da lasciarci spesso la pelle naufragando in mare.

Questa forza del Movimento, insieme al consenso della Lega di Salvini, in un equilibrio tra aspettative del Nord e del Sud del Paese, tra chi ce l’ha fatta e oggi produce e chi non ce l’ha fatta ancora e chiede solo di entrare nel circuito produttivo, sono il collante che fa del Governo Conte l’Esecutivo con il maggiore consenso oggi in Europa. Una forza persino più forte dell’asse franco-tedesco retto da due leader deboli e a fine corsa.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I garantisti ostaggio dei complici

Adesso si aspetta pure le scuse Luca Lotti, il fedelissimo renziano che accusa persino il suo partito e quanti altri si illudevano sull’autonomia della magistratura. Registrato mentre confabulava con alcuni consiglieri del Csm per stabilire quali procuratori promuovere e quali trasferire, compreso quello destinato a Roma, determinante nel processo Consip in cui è imputato, Lotti…

Continua

Una cura per politica e toghe

Non facciamo le verginelle. Chi legge un giornale come La Notizia lo fa per essere informato senza quelle censure che la stampa mainstream si infligge da sola, senza dare a chi di dovere neppure il fastidio di nascondere la polvere sotto al tappeto. Dunque diciamolo chiaro: quello che sta emergendo sul Csm è uno di…

Continua

Alitalia fa autorete con Lotito

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa…

Continua

La partita di Conte sarà lunga

Il via libera degli euroburocrati alla procedura d’infrazione contro l’Italia per eccesso di debito è solo l’ultimo tecnicismo di un atto invece tutto politico, che può costarci molto e che il premier Conte adesso ha ampio mandato per trattare. Superate le asprezze della campagna elettorale, i leader di M5S e Lega hanno ritrovato il collante…

Continua

Attenzione ai veri barbari

L’hanno chiamata norma “Salva-Roma”, come se una città sopravvissuta per 2.700 anni a ogni flagello di Dio possa soccombere proprio adesso che a governarla ci stanno quei “barbari” dei 5 Stelle. Messo da parte lo slogan ad effetto, il sostegno finanziario approvato ieri in Parlamento darà una mano alla Capitale e a chi la frequenta,…

Continua

La fuga di Mediaset in Olanda pagata dagli italiani

L’operazione è giustificata da un riassetto societario delle tv in Italia e Spagna, ma il trasloco di Berlusconi in una nuova holding olandese svela almeno tre problemi rilevanti per il nostro Paese. Il primo è che il guaio della nostra economia non sono le delocalizzazioni nei mercati extracomunitari o negli Stati Ue di frontiera, dove…

Continua

Macron il sovranista camuffato

Doveva essere il matrimonio – d’interessi – più sontuoso dell’anno e invece siamo già al divorzio, ancor prima di cominciare, e con lo strascico di polemiche tipico di queste rotture. Fca, cioè la Fiat scappata all’estero e con in pancia Chrysler, non si fonderà con Renault, ufficialmente per decisione dei marchi giapponesi Nissan e Mitsubishi…

Continua

Vediamo chi pugnala il premier

Se guardi troppo a lungo l’abisso poi è l’abisso che guarda dentro di te, diceva Friedrich Nietzsche. Ed esattamente così, dopo una campagna elettorale europea quanto mai velenosa, il gelo nei rapporti personali e il rischio di un pericolosissimo salto nel vuoto, il premier Conte ha avvisato i due azionisti del Governo sulla mostruosità alla…

Continua

Quello che Visco non ci dice

L’Italia è sotto attacco della speculazione finanziaria. Non è una novità. Quando avevamo la liretta ci bastonavano tutti, con casi proverbiali come quello di George Soros, oggi paladino e finanziatore dei partiti europeisti. Nel 1992 questo signore distrusse la nostra moneta, trasferendo nel famoso “mercoledì nero” cifre astronomiche dalle nostre tasche alle sue. A colpirci…

Continua

Si rivede l’etica in politica

Luigi Di Maio, da ieri rafforzato dal plebiscito sulla piattaforma Rousseau, aveva commentato il tracollo alle europee dicendo che il Movimento 5 Stelle non perde mai, perché o vince o impara. Nei prossimi giorni vedremo dunque l’effetto della lezione impartita dalle urne, ma intanto registriamo che anche Salvini ha imparato, e accettando le dimissioni del…

Continua