Nodo fatale tra politica e banche

di Gaetano Pedullà

Se avesse cambiato veramente mestiere, come sostiene Matteo Renzi, l’ex direttore di Corsera e Sole 24Ore Ferruccio De Bortoli avrebbe dimostrato un gran fiuto anche come addetto al marketing librario, oltre che come giornalista. L’episodio dell’allora ministro Maria Elena Boschi che intercede con l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, per fargli comprare la Banca Etruria in dissesto non ha riscontri e se lo stesso banchiere non spiegherà a dovere al Parlamento sarà solo l’esito di una probabile causa per diffamazione a dirci come sono andate le cose. Resta evidente che ministri e banchieri si sono sempre parlati e che il grande nodo delle banche in Italia sta altrettanto da sempre in un rapporto viziato con la politica. Dai tempi dello scandalo della Banca romana, ai grandi fallimenti del Banco di Napoli e del Banco di Sicilia scongiurati da quella che era una volta la Banca d’Italia, la politica più che governare il sistema ne è stata l’anima nera. Persino quando con lungimiranza Giuliano Amato fu tra i promotori della privatizzazione dei grandi istituti di credito pubblici, attraverso la costituzione delle Fondazioni bancarie.

Già da allora il controllo politico uscito dalla porta rientrò subito dalla finestra. La presidenza delle Fondazioni stesse è andata a politici rimasti in sella per decenni, con il caso di Giuseppe Guzzetti (ma non è il solo) da tempo ormai immemorabile alla guida di Cariplo. Il sistema delle piccole banche popolari, che ci ha permesso di reggere meglio alla grande crisi finanziaria di Lehman Brothers, ha d’altra parte segnato una dimensione minuscola e localistica del nostro sistema finanziario. Persino i grandi buchi accumulati con i prestiti concessi a piene mani a imprenditori poi saltati, hanno una chiara matrice politica e relazionale. Il piccolo artigiano poteva (e può ancora oggi) morire per ottenere un prestito mentre all’industriale amico degli amici una linea di credito non la negava nessuno, nonostante gli affari andassero male e quei soldi era chiaro che non sarebbero mai stati restituiti. Una gigantesca truffa dove a tutti faceva comodo tenere il ruolo previsto in commedia, come dimostrano i dati di una ricerca della Uil credito diffusa proprio ieri: nel periodo 2013-16, le cinque maggiori banche italiane (Unicredit, Mps, Banco popolare, Ubi e Carige) che hanno riportato perdite per 39,3 miliardi di euro complessivi, hanno erogato ai loro amministratori delegati e presidenti 50,2 milioni di retribuzione e 12,7 milioni come indennità di fine carica, per un totale di 62,9 milioni. Con questi prezzi per forza che nessuno ha mai disturbato il manovratore. E per forza che il giochetto piaccia ancora, soprattutto a chi è di turno (anche per interposta persona) a Palazzo Chigi.

SCANDALO AL SOLE
Che la Boschi abbia parlato o meno con Ghizzoni e che in questo possa raffigurarsi qualche reato, come un’indebita pressione per fare un’operazione che avrebbe sicuramente danneggiato gli azionisti di Unicredit, il vero scandalo è invece sotto gli occhi di tutti. La politica non molla un controllo che non deve avere sulle banche e la pistola fumante sta nelle ultime nomine al vertice delle partecipate pubbliche. L’amministratore di Poste, Francesco Caio, che si era opposto a comprare a un prezzo spropositato, con il risparmio degli italiani, la società di investimenti di Unicredit Pioneer, è stato cacciato mentre l’ex amministratore di Unicredit Alessandro Profumo, che aveva gestito proprio Pioneer è stato chiamato a fare l’Ad in Finmeccanica. Un segno di riconoscenza della politica, soprattutto in salsa toscana, arrivata nonostante il palese danno provocato al mercato con l’aumento di capitale realizzato sempre dallo stesso Profumo sul Monte Paschi. In quella circostanza il banchiere promise che i cinque miliardi raccolti dagli investitori avrebbero rilanciato l’istituto, mentre invece scomparirono in poche ore nel baratro dei debiti di Rocca Salimbeni. Per un ramo parallelo, cioè per non aver rappresentato correttamente l’impatto dei derivati Alexandia e Santorini sui bilanci di Mps dal 2011 al 2014, la Procura di Milano ha chiesto ora il rinvio a giudizio di Profumo e altri sette banchieri. Vedremo se il giudice manderà tutti a processo e solo dopo potremo dire se Profumo è colpevole di qualcosa (fino a una eventuale condanna certamente no) ma che il filo tra politica e banche sia un’invenzione di De Bortoli, per favore, fate un modesto regalo all’intelligenza degli italiani smettendo di far finta che non esista.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua

Autostrade per l’Alitalia

I due dossier resteranno separati, e così si eviterà ogni conflitto d’interesse. Alitalia dove entrano i Benetton sarà una cosa e le Autostrade, dove gli stessi Benetton sono messi alla porta, saranno un’altra. Possiamo crederci? Se le cose andranno effettivamente così – come ha promesso ancora ieri Luigi Di Maio – lo vedremo molto presto,…

Continua

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua

Un altro passo falso su Salvini

Ieri sulle pagine social della Notizia c’è stato un boom di commenti e visualizzazioni su tre fatti che avevamo in prima pagina: lo stop della Cassazione ai vitalizi dei parlamentari, il sistematico linciaggio dei Cinque Stelle su giornali e trasmissioni tv, e infine le responsabilità di Nicola Zingaretti e non di Virginia Raggi sui rifiuti…

Continua

Putin non passa per caso. Il raccontino di un’Italia isolata dal resto del pianeta non regge più

Sarà capitato anche a voi di sentire degli acutissimi analisti politici e di amenità assortite secondo cui un signore di nome Vladimir Putin ha così poco da fare a Mosca da concedersi una vacanza a Roma per farsi fotografare col Papa, Mattarella e Conte. Solo così regge il raccontino di un’Italia isolata dal resto del…

Continua

Un premier tutt’altro che isolato

Attenti a leggere le nomine europee con gli occhiali della politica italiana. Era l’autunno del 2014 quando il governo dell’epoca guidato da Matteo Renzi cantava vittoria per la nomina di Pierre Moscovici commissario Ue agli affari economici. Questo signore a casa sua era stato una colomba quando c’era da lasciar correre sui vincoli di bilancio.…

Continua

Autostrade e Benetton, lo Stato torni a farsi rispettare

Autostrade per l’Italia aveva così tanti sospetti sulla sicurezza del ponte Morandi da aver chiesto già nel 2003 un preventivo per demolirlo. A rivelarlo è stata la stessa società che ieri ha fatto esplodere i piloni risparmiati dal crollo dell’anno scorso. Non bastassero i 43 morti, i feriti, la cicatrice lasciata su Genova e sull’immagine…

Continua

Uno Stato più forte dell’acciaio. L’Ilva e la minaccia di ArcelorMittal

La legge è uguale per tutti ma se hai l’immunità della legge te ne freghi. Neanche fossimo nel Medioevo, quando gli imperatori la concedevano ai vescovi per tenersi buono il Papa, nel 2015 il Governo Renzi regalò lo stesso privilegio alla multinazionale ArcelorMittal, come benefit per l’acquisto degli ultimi scampoli della fallimentare industria italiana dell’acciaio.…

Continua