Nodo fatale tra politica e banche

di Gaetano Pedullà

Se avesse cambiato veramente mestiere, come sostiene Matteo Renzi, l’ex direttore di Corsera e Sole 24Ore Ferruccio De Bortoli avrebbe dimostrato un gran fiuto anche come addetto al marketing librario, oltre che come giornalista. L’episodio dell’allora ministro Maria Elena Boschi che intercede con l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, per fargli comprare la Banca Etruria in dissesto non ha riscontri e se lo stesso banchiere non spiegherà a dovere al Parlamento sarà solo l’esito di una probabile causa per diffamazione a dirci come sono andate le cose. Resta evidente che ministri e banchieri si sono sempre parlati e che il grande nodo delle banche in Italia sta altrettanto da sempre in un rapporto viziato con la politica. Dai tempi dello scandalo della Banca romana, ai grandi fallimenti del Banco di Napoli e del Banco di Sicilia scongiurati da quella che era una volta la Banca d’Italia, la politica più che governare il sistema ne è stata l’anima nera. Persino quando con lungimiranza Giuliano Amato fu tra i promotori della privatizzazione dei grandi istituti di credito pubblici, attraverso la costituzione delle Fondazioni bancarie.

Già da allora il controllo politico uscito dalla porta rientrò subito dalla finestra. La presidenza delle Fondazioni stesse è andata a politici rimasti in sella per decenni, con il caso di Giuseppe Guzzetti (ma non è il solo) da tempo ormai immemorabile alla guida di Cariplo. Il sistema delle piccole banche popolari, che ci ha permesso di reggere meglio alla grande crisi finanziaria di Lehman Brothers, ha d’altra parte segnato una dimensione minuscola e localistica del nostro sistema finanziario. Persino i grandi buchi accumulati con i prestiti concessi a piene mani a imprenditori poi saltati, hanno una chiara matrice politica e relazionale. Il piccolo artigiano poteva (e può ancora oggi) morire per ottenere un prestito mentre all’industriale amico degli amici una linea di credito non la negava nessuno, nonostante gli affari andassero male e quei soldi era chiaro che non sarebbero mai stati restituiti. Una gigantesca truffa dove a tutti faceva comodo tenere il ruolo previsto in commedia, come dimostrano i dati di una ricerca della Uil credito diffusa proprio ieri: nel periodo 2013-16, le cinque maggiori banche italiane (Unicredit, Mps, Banco popolare, Ubi e Carige) che hanno riportato perdite per 39,3 miliardi di euro complessivi, hanno erogato ai loro amministratori delegati e presidenti 50,2 milioni di retribuzione e 12,7 milioni come indennità di fine carica, per un totale di 62,9 milioni. Con questi prezzi per forza che nessuno ha mai disturbato il manovratore. E per forza che il giochetto piaccia ancora, soprattutto a chi è di turno (anche per interposta persona) a Palazzo Chigi.

SCANDALO AL SOLE
Che la Boschi abbia parlato o meno con Ghizzoni e che in questo possa raffigurarsi qualche reato, come un’indebita pressione per fare un’operazione che avrebbe sicuramente danneggiato gli azionisti di Unicredit, il vero scandalo è invece sotto gli occhi di tutti. La politica non molla un controllo che non deve avere sulle banche e la pistola fumante sta nelle ultime nomine al vertice delle partecipate pubbliche. L’amministratore di Poste, Francesco Caio, che si era opposto a comprare a un prezzo spropositato, con il risparmio degli italiani, la società di investimenti di Unicredit Pioneer, è stato cacciato mentre l’ex amministratore di Unicredit Alessandro Profumo, che aveva gestito proprio Pioneer è stato chiamato a fare l’Ad in Finmeccanica. Un segno di riconoscenza della politica, soprattutto in salsa toscana, arrivata nonostante il palese danno provocato al mercato con l’aumento di capitale realizzato sempre dallo stesso Profumo sul Monte Paschi. In quella circostanza il banchiere promise che i cinque miliardi raccolti dagli investitori avrebbero rilanciato l’istituto, mentre invece scomparirono in poche ore nel baratro dei debiti di Rocca Salimbeni. Per un ramo parallelo, cioè per non aver rappresentato correttamente l’impatto dei derivati Alexandia e Santorini sui bilanci di Mps dal 2011 al 2014, la Procura di Milano ha chiesto ora il rinvio a giudizio di Profumo e altri sette banchieri. Vedremo se il giudice manderà tutti a processo e solo dopo potremo dire se Profumo è colpevole di qualcosa (fino a una eventuale condanna certamente no) ma che il filo tra politica e banche sia un’invenzione di De Bortoli, per favore, fate un modesto regalo all’intelligenza degli italiani smettendo di far finta che non esista.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Dopo Riina sarà tutta un’altra mafia

Nemmeno la Chiesa porge l’altra guancia a Totò Riina, boss che i vescovi ritengono indegno del funerale pubblico e di una pietà che la mafia non ha mai avuto per nessuno. Quest’uomo che non ha mai rinnegato il suo passato, che è morto da padrino, che si porta all’altro mondo i segreti più inconfessabili del…

Continua

Ora basta pagare per le banche

Questa storia degli italiani che pagano per i disastri delle banche deve finire. Ai risparmiatori cornuti per aver rimesso un sacco di soldi negli istituti tecnicamente falliti, vanno sommati i contribuenti mazziati, con le cui tasse si sono tamponate le voragini lasciate dal Monte Paschi alla Popolare di Vicenza, senza dimenticare l’Etruria e gli altri…

Continua

Azzeriamo i signori del pallone

Sono i signori dello sport ma dallo spirito sportivo non hanno preso niente. I vertici del calcio italiano stanno facendo uno spot devastante sui peggiori vizi del Paese: non assumersi mai le proprie responsabilità, scaricare le colpe sugli altri e soprattutto tenere il sederino ben incollato alle poltrone. Dopo l’eliminazione degli Azzurri dai Mondiali era…

Continua

Che lavoro sporco in Libia

Le ultime immagini dall’inferno arrivano con un video diffuso dalla Cnn. I migranti intrappolati in Libia vengono venduti all’asta, moderni schiavi a cui noi italiani brava gente abbiamo messo le catene. Le politiche decise dal nostro Paese, sia chiaro con la benedizione dell’Europa, stanno provocando un immenso crimine contro l’umanità. Questo giornale lo scrive da…

Continua

Basta silenzi sui disastri delle banche

Che sarebbe servita a poco era chiaro sin dal principio. La commissione bicamerale d’inchiesta sulle banche costituta a pochi mesi dallo scioglimento del Parlamento e con il solo potere di fare audizioni, in queste condizioni poteva fare poco. Ora che abbiamo visto con che piede è partita siamo però certi che farà pochissimo. La prova…

Continua

Alle urne come peggio non si può

L’ultimo capitolo della legge elettorale non poteva che chiudersi così: proteste in Aula al Senato, proteste in piazza, disgusto persino da parte di molti senatori che oggi chiuderanno la partita, mettendoci nelle condizioni di andare tra qualche mese a votare. Non illudiamoci su altri tipi di finali: saltato l’improbabile tentativo di accordo tra Renzi, Grillo…

Continua

Referendum, ha vinto soltanto Zaia

Un giorno di euforia ci stava pure. Portare cinque milioni e mezzo di persone a rispondere su una domanda ovvia – volete o no più autonomia? – non era facile, anche se per riuscirci si sono spesi tanti soldi pubblici. Adesso Maroni tratterà con Gentiloni, il Veneto chiederà lo Statuto speciale e domani non succederà…

Continua

La rivincita di Matteo sulle banche

Non facciamo gli ingenui. Sulla Banca d’Italia si sta giocando una partita che non ha niente a che vedere con il bene del Paese e il rispetto dei risparmiatori. Se il tema di fondo fosse questo, il Governatore Visco sarebbe già parcheggiato da un’altra parte. Matteo Renzi, che non brilla certo di tatto istituzionale, ha…

Continua

Non è questa la Manovra che ci serve

Il premier Gentiloni aveva promesso che la nuova Legge di stabilità non avrebbe portato nuove tasse e così è stato. Bene, bravo, ma non chiediamo il bis. Non mettere nuove tasse su un Paese che cresce poco era il minimo sindacale. Un premio sarebbe stato toglierci qualcuna delle tante, troppe, imposte che abbiamo. Accontentiamoci allora…

Continua

Se il lavoro fa paura alla scuola

Se la voglia di studiare è poca, figuriamoci quanto desiderio c’è di lavorare. Meglio, molto meglio, prendere un po’ d’aria fresca portando in piazza la più insensata delle proteste, come hanno fatto venerdì centinaia di studenti in molte città italiane. Obiettivo delle manifestazioni era l’alternanza scuola lavoro, ossia il principale appiglio con una possibilità reale…

Continua