Nodo fatale tra politica e banche

di Gaetano Pedullà

Se avesse cambiato veramente mestiere, come sostiene Matteo Renzi, l’ex direttore di Corsera e Sole 24Ore Ferruccio De Bortoli avrebbe dimostrato un gran fiuto anche come addetto al marketing librario, oltre che come giornalista. L’episodio dell’allora ministro Maria Elena Boschi che intercede con l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, per fargli comprare la Banca Etruria in dissesto non ha riscontri e se lo stesso banchiere non spiegherà a dovere al Parlamento sarà solo l’esito di una probabile causa per diffamazione a dirci come sono andate le cose. Resta evidente che ministri e banchieri si sono sempre parlati e che il grande nodo delle banche in Italia sta altrettanto da sempre in un rapporto viziato con la politica. Dai tempi dello scandalo della Banca romana, ai grandi fallimenti del Banco di Napoli e del Banco di Sicilia scongiurati da quella che era una volta la Banca d’Italia, la politica più che governare il sistema ne è stata l’anima nera. Persino quando con lungimiranza Giuliano Amato fu tra i promotori della privatizzazione dei grandi istituti di credito pubblici, attraverso la costituzione delle Fondazioni bancarie.

Già da allora il controllo politico uscito dalla porta rientrò subito dalla finestra. La presidenza delle Fondazioni stesse è andata a politici rimasti in sella per decenni, con il caso di Giuseppe Guzzetti (ma non è il solo) da tempo ormai immemorabile alla guida di Cariplo. Il sistema delle piccole banche popolari, che ci ha permesso di reggere meglio alla grande crisi finanziaria di Lehman Brothers, ha d’altra parte segnato una dimensione minuscola e localistica del nostro sistema finanziario. Persino i grandi buchi accumulati con i prestiti concessi a piene mani a imprenditori poi saltati, hanno una chiara matrice politica e relazionale. Il piccolo artigiano poteva (e può ancora oggi) morire per ottenere un prestito mentre all’industriale amico degli amici una linea di credito non la negava nessuno, nonostante gli affari andassero male e quei soldi era chiaro che non sarebbero mai stati restituiti. Una gigantesca truffa dove a tutti faceva comodo tenere il ruolo previsto in commedia, come dimostrano i dati di una ricerca della Uil credito diffusa proprio ieri: nel periodo 2013-16, le cinque maggiori banche italiane (Unicredit, Mps, Banco popolare, Ubi e Carige) che hanno riportato perdite per 39,3 miliardi di euro complessivi, hanno erogato ai loro amministratori delegati e presidenti 50,2 milioni di retribuzione e 12,7 milioni come indennità di fine carica, per un totale di 62,9 milioni. Con questi prezzi per forza che nessuno ha mai disturbato il manovratore. E per forza che il giochetto piaccia ancora, soprattutto a chi è di turno (anche per interposta persona) a Palazzo Chigi.

SCANDALO AL SOLE
Che la Boschi abbia parlato o meno con Ghizzoni e che in questo possa raffigurarsi qualche reato, come un’indebita pressione per fare un’operazione che avrebbe sicuramente danneggiato gli azionisti di Unicredit, il vero scandalo è invece sotto gli occhi di tutti. La politica non molla un controllo che non deve avere sulle banche e la pistola fumante sta nelle ultime nomine al vertice delle partecipate pubbliche. L’amministratore di Poste, Francesco Caio, che si era opposto a comprare a un prezzo spropositato, con il risparmio degli italiani, la società di investimenti di Unicredit Pioneer, è stato cacciato mentre l’ex amministratore di Unicredit Alessandro Profumo, che aveva gestito proprio Pioneer è stato chiamato a fare l’Ad in Finmeccanica. Un segno di riconoscenza della politica, soprattutto in salsa toscana, arrivata nonostante il palese danno provocato al mercato con l’aumento di capitale realizzato sempre dallo stesso Profumo sul Monte Paschi. In quella circostanza il banchiere promise che i cinque miliardi raccolti dagli investitori avrebbero rilanciato l’istituto, mentre invece scomparirono in poche ore nel baratro dei debiti di Rocca Salimbeni. Per un ramo parallelo, cioè per non aver rappresentato correttamente l’impatto dei derivati Alexandia e Santorini sui bilanci di Mps dal 2011 al 2014, la Procura di Milano ha chiesto ora il rinvio a giudizio di Profumo e altri sette banchieri. Vedremo se il giudice manderà tutti a processo e solo dopo potremo dire se Profumo è colpevole di qualcosa (fino a una eventuale condanna certamente no) ma che il filo tra politica e banche sia un’invenzione di De Bortoli, per favore, fate un modesto regalo all’intelligenza degli italiani smettendo di far finta che non esista.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Com’è democratico lei! Beppe Grillo ha figli e figliastri

Sarà pure il papà di tutti, come ha detto ieri a Rimini, ma Beppe Grillo non c’è dubbio che ha figli e figliastri. Alcuni se li è mangiati, forse per sperimentare l’effetto che fa vomitarli, come gli piacerebbe fare con i giornalisti. Basti pensare al sindaco di Parma, Pizzarotti, cacciato dal Movimento per aver ricevuto…

Continua

Siamo ricchi, qui è pieno di immigrati

Toh guarda! Se l’economia va un po’ meglio è merito anche degli immigrati. La notizia, che manderà la lettura dei giornali di traverso a un esercito di piccoli Salvini, non è l’invenzione di qualche Organizzazione non governativa smaniosa di tornare a pesca di disperati in mezzo al Mediterraneo. A certificare che i migranti creano ricchezza…

Continua

Liberalizzare il lavoro per davvero

E poi ci si meraviglia che in Italia le imprese ci pensino cento volte prima di assumere un dipendente, anche se ne hanno bisogno e il Governo mette sul piatto tanti soldi come incentivo. Sentite cosa è accaduto alle Poste, dopo che un impiegato è stato condannato in primo grado per aver portato via dalla…

Continua

Candidati senza programmi

Le sparate di Salvini, le finte primarie di Di Maio, il redivivo Berlusconi e il rimpianto di Renzi per il governo perduto. Persino la politica di queste settimane, in rampa di lancio per le prossime elezioni, emoziona come vedere una partita di calcio tra squadre di pipponi. Il motivo, che sfugge a leader troppo presi…

Continua

Candidati e ipocrisie a 5 stelle

Ci voleva la provocazione di Saviano per dare un’emozione alla scelta spintanea di Luigi Di Maio candidato premier dei Cinque Stelle. Ci fosse ancora qualche puro che non l’avesse capito, nel Movimento uno vale uno, nel senso di uno in una scala che però evidentemente sale fino a mille, dove in cima ci sono solo…

Continua

La Lega non derubi due volte

Senza soldi non si canta messa, figuriamoci se si fa politica. Matteo Salvini ha molto chiaro che il blocco dei fondi pubblici assegnati alla Lega azzoppa la sua corsa prima ancora dello start per le politiche. Il punto è che quei soldi sono in parte il frutto di un reato, benché certamente non commesso dall’attuale…

Continua

Non ci sono i leader di una volta

È incredibile come in un’epoca di grida e risse su tutto le parole più incendiarie possano essere pronunciate con la pacatezza di un signore come Graziano Delrio. Il suo partito, il Pd, aveva deciso di fare dello Ius Soli una bandiera. Renzi si è speso in lungo e largo per spiegare che riconoscere gli stessi…

Continua

Odiatori di professione sui migranti

Se io fossi… se io fossi un migrante che dall’Africa è arrivato in Europa per dare una speranza a una vita disperata, ringraziando il mare per ogni onda che non mi ha fatto naufragare… Se io fossi un bambino nero o giallo diventato uomo in una culla di bellezza come l’Italia… Se io fossi una…

Continua

I veri numeri sul lavoro sono negativi

Come darla vinta al diavolo e all’acqua santa. Gli ultimi dati dell’Istat sull’occupazione sono un capolavoro di diplomazia comunicativa. Le persone che non trovano un impiego aumentano, in controtendenza con l’Europa. Però se si conta chi ha un posto, ecco che saliamo ai livelli del 2008, prima della grande crisi. Chi fornisce questi numeri meriterebbe…

Continua

Sui migranti c’è un torneo dei cretini

Se un cretino si prende la scena dicendo la più stupida delle fesserie, in Italia non solo si corre tutti dietro alla fesseria, ma un attimo dopo ecco che arriva un cretino più grande che migliora la prestazione e apre il campionato di chi la spara più grossa. Il caso del momento è quello del…

Continua