Perquisizioni e finte parentopoli. L’assedio ai Cinque Stelle è totale

di Gaetano Pedullà

Che errore chiamarla parentopoli. Ieri un presunto scoop giornalistico ha occupato per ore le prime pagine dei giornali online. Proprio mentre la Guardia di Finanza perquisiva il Campidoglio non faceva un bell’effetto scoprire che la sindaca Raggi ha assunto un altro consulente: la fidanzata di un assistente del capo Ufficio stampa dei Cinque in Senato, Rocco Casilino. La solita storia, dunque. La storia di sempre. Chi occupa posizioni di potere chiama a lavorare gli amici degli amici. Meglio se sono parenti. I casi scabrosi – dalle Asl alle Università, dagli enti locali alle società partecipate – non sono solo storie del passato. Fare però di tutta l’erba un fascio è quanto di più scorretto possa fare anche il sistema dell’informazione, che a furia di gridare al lupo! al Lupo! è diventato sempre meno credibile e incapace di fare indignare. Dopo aver visto i potenti della Prima e della sedicente seconda Repubblica omaggiare profumatamente i loro clienti e parenti ora abbiamo un assessore – e non un sindaco – che fa un contratto di consulenza part-time da sette (7) mila euro. Si parla quindi di un incarico da due soldi.

Due soldi o no, siccome sempre di soldi pubblici si tratta, andrebbe spiegato meglio a che serve questa spesa. Occorre perciò scendere nel dettaglio dell’incarico, proposto dall’assessore al traffico Linda Meleo. In realtà l’assessorato si chiama “della città in movimento”, ma per chi si sposta in auto in questi giorni prenatalizi a Roma è chiaro che si tratta di una burla, perché il nome più corretto sarebbe “della città paralizzata”. È evidente allora che a Roma serve personale che collabori con l’amministrazione per affrontare il problema. E dopo aver visto in passato consulenti cattedratici di fama mondiale, capace solo di ingarbugliare di più la viabilità, il fatto che i nuovi responsabili si organizzino piccoli staff non è solo legittimo, ma anche doveroso. Chi dice (o scrive) il contrario mente sapendo di mentire, pur non pentendosi perché ormai un certo giornalismo moderno è militanza politica grossolanamente mimetizzata.

STRUMENTALIZZAZIONE
Pietra dello scandalo nella vicenda non è però solo la consulenza, ma la scelta dello specifico consulente. Torniamo nel dettaglio e scopriamo che si tratta della signorina Alessandra Manzin, una professionista di certo senza titoli di studio inferiori al nuovo ministro dell’Istruzione. Anzi, la prescelta ha lavorato al Senato, al Formez, alla Regione Emilia Romagna e altre istituzioni pubbliche non certo di secondo piano. Che colpa ha allora la Manzin? È un’attivista Cinque Stelle e ha un ex fidanzato, tale Dario Adamo, che collabora al Senato con l’Ufficio stampa del Movimento. Un po’ poco per risultare “parente” all’anagrafe. E infatti parente non lo è di nessuno. In un sistema mediatico che ormai ha finito la cacca da gettare nel ventilatore persino l’ex fidanzamento con un collaboratore di Rocco Casalino (sì, proprio quello del Grande Fratello!) è però sufficiente. E la povera Manzin, fino a ieri costretta a fare i salti mortali per trovare un qualunque lavoro, si ritrova parente di… Una privilegiata insomma, così potente e raccomandata da farsi dare una consulenza da ben sette (7) mila euro.

GOGNA MEDIATICA
Il guaio di certi giornali – con in testa Repubblica che ieri ha tenuto a lungo la notizia fissa nell’apertura dell’edizione online – è che la ricerca di un certo sensazionalismo offende la capacità di pensiero dei lettori. E questo tentativo di gogna mediatica dei Cinque Stelle non è più occasionale. Beppe Grillo, sbagliando, ci ha fatto battaglie durissime, facendo anche lui di tutta l’erba un fascio, mischiando giornali seri con altri che lo sono meno. Senza i mezzi di chi ha potere sui giornaloni, il Movimento si è diretto sulla rete web, e ben gli ha fatto perché i giornaloni non li legge più nessuno mentre sui social network passiamo un po’ tutti sempre più tempo. La stampa però non è tutta una cosa, e basta l’esperienza di questo giornale, arrivato a quattro anni di pubblicazione mentre tanti altri sono caduti in quattro e quattr’otto, a dimostrarlo. Sullo sfondo di quello che è l’ennesimo tentativo di strumentalizzazione resta però un fatto serio. Un’amministrazione pubblica deve poter esercitare la propria funzione. Per questo la legge consente di assumere (a tempo) un certo numero di collaboratori. È chiaro che queste persone devono avere competenze e non essere ostili politicamente (problema non da poco per i Cinque Stelle al Comune di Roma, dove il personale è stato in gran parte assunto nei 18 anni di Rutelli e Veltroni sindaci). Se si vogliono giudicare sul loro operato, gli amministratori prima vanno fatti lavorare. Bloccarli con ogni mezzo, finte parentopoli comprese, serve a certa politica ma non certo ai cittadini.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il carbone bagnato dei francesi. Macron voleva imitare Napoleone, ma riesce ad esserne solo una caricatura grottesca

Voleva imitare Napoleone, ma riesce ad esserne solo una caricatura grottesca. Il presidente Macron che convoca l’ambasciatrice italiana a Parigi è infatti quanto di più lontano possa esserci da un leader con la visione dei problemi del mondo. Offeso perché Di Maio e Di Battista gli ricordano che in Africa i francesi si fanno da…

Continua

Il Reddito di cittadinanza e la guerra tra poveri

Già alle origini del nostro Stato era prevedibile che aver fatto l’Italia non sarebbe bastato a fare gli italiani. Il Paese del campanili, sempre diviso tra Orazi e Curiazi, Guelfi e Ghibellini, laziali e romanisti, e qui potremmo non fermarci più, non ha mai nascosto troppo bene il malessere della convivenza sotto un tetto comune.…

Continua

Due idee sul nostro futuro legate alla fortuna politica di M5S e Lega

Per essere incompetenti, nuovi barbari e buoni solo a litigare tra loro, Cinque Stelle e Lega sono stati piuttosto bravini a realizzare due riforme epocali come il Reddito di cittadinanza e Quota cento. In un Paese ingessato dalla mancanza di idee, di coraggio, di immaginazione del futuro, queste sono le due più importanti novità viste…

Continua

La stampa militante si è smarrita. Ormai pensa solo a mettere in cattiva luce l’Esecutivo

Una delle prime cose facili facili che si insegnano agli studenti di diritto è l’interpretazione autentica del legislatore. Per chi non ha calcato le aule delle Università, si tratta del parere che è possibile chiedere direttamente alla fonte della legge, cioè il Parlamento, nel caso in cui sorgano equivoci sul significato di una norma. Una…

Continua

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua