Perquisizioni e finte parentopoli. L’assedio ai Cinque Stelle è totale

di Gaetano Pedullà

Che errore chiamarla parentopoli. Ieri un presunto scoop giornalistico ha occupato per ore le prime pagine dei giornali online. Proprio mentre la Guardia di Finanza perquisiva il Campidoglio non faceva un bell’effetto scoprire che la sindaca Raggi ha assunto un altro consulente: la fidanzata di un assistente del capo Ufficio stampa dei Cinque in Senato, Rocco Casilino. La solita storia, dunque. La storia di sempre. Chi occupa posizioni di potere chiama a lavorare gli amici degli amici. Meglio se sono parenti. I casi scabrosi – dalle Asl alle Università, dagli enti locali alle società partecipate – non sono solo storie del passato. Fare però di tutta l’erba un fascio è quanto di più scorretto possa fare anche il sistema dell’informazione, che a furia di gridare al lupo! al Lupo! è diventato sempre meno credibile e incapace di fare indignare. Dopo aver visto i potenti della Prima e della sedicente seconda Repubblica omaggiare profumatamente i loro clienti e parenti ora abbiamo un assessore – e non un sindaco – che fa un contratto di consulenza part-time da sette (7) mila euro. Si parla quindi di un incarico da due soldi.

Due soldi o no, siccome sempre di soldi pubblici si tratta, andrebbe spiegato meglio a che serve questa spesa. Occorre perciò scendere nel dettaglio dell’incarico, proposto dall’assessore al traffico Linda Meleo. In realtà l’assessorato si chiama “della città in movimento”, ma per chi si sposta in auto in questi giorni prenatalizi a Roma è chiaro che si tratta di una burla, perché il nome più corretto sarebbe “della città paralizzata”. È evidente allora che a Roma serve personale che collabori con l’amministrazione per affrontare il problema. E dopo aver visto in passato consulenti cattedratici di fama mondiale, capace solo di ingarbugliare di più la viabilità, il fatto che i nuovi responsabili si organizzino piccoli staff non è solo legittimo, ma anche doveroso. Chi dice (o scrive) il contrario mente sapendo di mentire, pur non pentendosi perché ormai un certo giornalismo moderno è militanza politica grossolanamente mimetizzata.

STRUMENTALIZZAZIONE
Pietra dello scandalo nella vicenda non è però solo la consulenza, ma la scelta dello specifico consulente. Torniamo nel dettaglio e scopriamo che si tratta della signorina Alessandra Manzin, una professionista di certo senza titoli di studio inferiori al nuovo ministro dell’Istruzione. Anzi, la prescelta ha lavorato al Senato, al Formez, alla Regione Emilia Romagna e altre istituzioni pubbliche non certo di secondo piano. Che colpa ha allora la Manzin? È un’attivista Cinque Stelle e ha un ex fidanzato, tale Dario Adamo, che collabora al Senato con l’Ufficio stampa del Movimento. Un po’ poco per risultare “parente” all’anagrafe. E infatti parente non lo è di nessuno. In un sistema mediatico che ormai ha finito la cacca da gettare nel ventilatore persino l’ex fidanzamento con un collaboratore di Rocco Casalino (sì, proprio quello del Grande Fratello!) è però sufficiente. E la povera Manzin, fino a ieri costretta a fare i salti mortali per trovare un qualunque lavoro, si ritrova parente di… Una privilegiata insomma, così potente e raccomandata da farsi dare una consulenza da ben sette (7) mila euro.

GOGNA MEDIATICA
Il guaio di certi giornali – con in testa Repubblica che ieri ha tenuto a lungo la notizia fissa nell’apertura dell’edizione online – è che la ricerca di un certo sensazionalismo offende la capacità di pensiero dei lettori. E questo tentativo di gogna mediatica dei Cinque Stelle non è più occasionale. Beppe Grillo, sbagliando, ci ha fatto battaglie durissime, facendo anche lui di tutta l’erba un fascio, mischiando giornali seri con altri che lo sono meno. Senza i mezzi di chi ha potere sui giornaloni, il Movimento si è diretto sulla rete web, e ben gli ha fatto perché i giornaloni non li legge più nessuno mentre sui social network passiamo un po’ tutti sempre più tempo. La stampa però non è tutta una cosa, e basta l’esperienza di questo giornale, arrivato a quattro anni di pubblicazione mentre tanti altri sono caduti in quattro e quattr’otto, a dimostrarlo. Sullo sfondo di quello che è l’ennesimo tentativo di strumentalizzazione resta però un fatto serio. Un’amministrazione pubblica deve poter esercitare la propria funzione. Per questo la legge consente di assumere (a tempo) un certo numero di collaboratori. È chiaro che queste persone devono avere competenze e non essere ostili politicamente (problema non da poco per i Cinque Stelle al Comune di Roma, dove il personale è stato in gran parte assunto nei 18 anni di Rutelli e Veltroni sindaci). Se si vogliono giudicare sul loro operato, gli amministratori prima vanno fatti lavorare. Bloccarli con ogni mezzo, finte parentopoli comprese, serve a certa politica ma non certo ai cittadini.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua

Un Governo più forte dei mercati

Peccato che alla lotteria del Governo non sia spuntato il bussolotto del prof. Sapelli, che nell’intervista al nostro giornale di oggi traccia un quadro lucidissimo sullo scenario economico che ci aspetta, partendo dal fatto che il Decreto dignità è solo la prima medicina di una cura ben più lunga e dolorosa. Indovinare la terapia però…

Continua

Riforme, non gettarle in caciara

Il Governo del cambiamento andrebbe ribattezzato del rimbecillimento se si sognasse di riformare il Paese senza dare una priorità alle cose necessarie. Un concetto chiaro a Di Maio e Salvini, che infatti nei primi due mesi da ministri hanno messo in cascina il Decreto dignità e il cambio di strategia sui migranti. Parallelamente però ci…

Continua

Sulla Rai è solo un teatrino

La coerenza si sa che in politica è merce rara. E per questo davvero pochi si stupirebbero se gli alleati di oggi diventassero i nemici di domani per poi tornare d’amore e d’accordo dopodomani. Lo strappo consumato nel Centrodestra per la presidenza della Rai non è dunque la bomba di cui parlano molti analisti politici,…

Continua

Siamo primi sul podio del ridicolo

Prima ancora di cominciare, abbiamo già vinto la medaglia olimpica del ridicolo. I giochi invernali del 2026 ci offrono la possibilità di metterci in mostra su una delle più belle vetrine internazionali e noi ci presentiamo non con una ma con tre città ospitanti, comunicando al mondo intero che non sappiamo neppure metterci d’accordo tra…

Continua

Tv pubblica ostaggio del Cavaliere

A meno che la notte non porti consiglio, stamattina Forza Italia affonderà in Commissione di vigilanza della Rai la designazione del giornalista Marcello Foa alla presidenza di Viale Mazzini. Così si rischia un precedente unico al mondo: il partito di un signore che controlla il maggior gruppo televisivo privato decide pure chi sta in sella…

Continua

Decolla la buona politica

La foto dei ministri Di Maio e Toninelli che scendono dall’aereo diventato simbolo degli sprechi del Governo Renzi resterà nella nostra memoria più di montagne di parole. Quell’Airbus è costato tra leasing e manutenzione 140 milioni, e considerando che non ha quasi mai volato è stato certamente un acquisto non all’altezza delle brillanti operazioni dell’allora…

Continua

Sul binario c’è la politica industriale

Diciamo la verità: a ridurre l’Italia come vediamo non è stato un popolo di incapaci e lavativi. Tiriamo la cinghia a causa dell’antica incapacità di produrre uno straccio di politica industriale. Il Paese è cresciuto spontaneamente, con lo Stato che foraggiava un po’ a destra e un po’ a sinistra la grande industria, indipendentemente dal…

Continua

Così rinasce l’orgoglio di un Paese

Sarà che i Parlamenti un giorno non serviranno a niente, come immagina visionariamente Casaleggio jr. Oppure che la tecno-ideologia non prevarrà, per i motivi che spiega brillantemente Ezio Mauro. Ma oggi la democrazia ha luoghi e rituali che sanno di vetusto, di lento e inefficace. Nell’epoca della comunicazione istantanea, seppure in un Paese come il…

Continua