Più rispetto per sperare nel Colle

di Gaetano Pedullà

L’apparente garbo istituzionale per cui Luigi Di Maio ha ritenuto di informare il Presidente della Repubblica sui nomi dei ministri di un ipotetico Governo M5S in realtà è l’ennesima prova di un imbarbarimento della politica arrivato alla guerriglia in piazza di questi giorni.

Poiché non bisogna essere fini costituzionalisti per sapere che i ministri vanno proposti al Capo dello Stato solo dopo aver ricevuto l’incarico di formare l’Esecutivo, è perciò evidente che la passeggiata al Colle è stata un tentativo di strumentalizzare a fini elettorali persino la prima carica dello Stato.

È un fatto grave? Sì, ma purtroppo non più di tanti gesti sconsiderati messi in atto dai partiti da anni.

Il Quirinale, che la Costituzione aveva provato a mettere al riparo dallo scontro politico, assegnandogli un prezioso ruolo super partes e di garanzia, in pochi casi è stato risparmiato da attacchi non solo politici.

Leone costretto a dimettersi per un finto strascico dello scandalo Lockheed, Cossiga, ma ancora di più Scalfaro e soprattutto Napolitano sono stati bombardati anche per via di scelte risultate non sempre neutrali.

Per questo il compito che molto probabilmente toccherà a Sergio Mattarella dopo le prossime elezioni è durissimo.

Se è vero che l’uomo, schivo e rigorosamente notarile, è fortunatamente il migliore arbitro che ci potesse capitare nell’attuale situazione, è anche vero che la nostra politica ha perso rispetto per tutto, compresa una Presidenza della Repubblica senza la quale non solo Juncker vede guai seri per la governabilità del Paese.

Commenti

  1. honhil

    «… la governabilità del Paese» è una cosa seria. Come è cosa seria il rispetto verso il Colle. Solo che lo Stivale li ha persi definitivamente. Dato che la governabilità e il (reciproco) rispetto è da lustri che hanno abbandonato il Parlamento. E l’attuale campagna elettorale non è altro che l’istantanea di un diffuso disfacimento istituzionale in atto. I cortei, le manifestazioni muscolari di piazza, i riti in tribunale, e in generale ogni genere di latrato che inquina la vita della maggioranza silenziosa degli italiani, ne sono la prova. In questo senso la Sicilia, ieri, ha vinto l’Oscar “del non c’è più niente da fare”. La prima notizia arriva da Palermo. “Pestaggio di Ursino, liberi i due fermati”. Per quel gip è stato soltanto un “Atto dimostrativo, non per uccidere”. E non poteva essere diversamente. Era una cosa già scritta. Nelle aule dei tribunali italici si usa così. I rossi sono sempre delle pie donne, che però possono sbagliare. Ma vanno sempre benedette e perdonate. Non basta più vergognarsi di essere italiani. C’è qualcosa di patologico in quelle aule che va sradicato, con la gioia nel cuore. Non basta più vergognarsi di essere italiani. Tuttavia bisogna prendere coscienza ed agire. Con forza. Con la forza distruttiva di una bomba atomica. E le condizioni ci sono. Per la prima volta, nella storia millenaria dell’umanità, si può compiere una rivoluzione senza alcun spargimento di sangue. Basta usare a piene mani il buonsenso. Non basta più vergognarsi di essere italiani. Bisogna però fare qualcosa, altrimenti non resta che tacere per sempre. E la possibilità di riacquistare la perduta orgogliosità italica c’è. A sette giorni a partire da oggi. Nelle urne elettorali. La seconda notizia invece arriva da Agrigento. Una giovane madre, spinta dal bisogno e da una povertà estrema (di famiglie italiane in queste condizioni ve ne sono a milioni e milioni), entra «in un supermercato, del quartiere Bonamorone, e ruba una vaschetta con due bistecche, un pacco di pannolini per neonati e un pacco di salviettine umidificate. Valore della refurtiva 11,70 euro. Qualcuno, dal supermercato, ha composto il 113 e ha richiesto l’intervento della polizia di Stato». Conclusione viene rintracciata. E «inevitabilmente, verrà denunciata, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento per furto aggravato». E magari qualcuno aggiungerà l’aggravante dell’uso della destrezza, strada facendo. In nome di quella “dura lex, sed lex” che a sinistra mai si usa. Con il risultato che il popolo dei centri sociali, del No Tav, degli Spazi pubblici autogestiti, degli antagonisti, dei black bloc, e di chi più ne ha più ne metta, possono impunemente mettere le città a ferro e fuoco e regolare i loro ideologici conti impunemente. No, e proprio no, e ancora no, non basta più vergognarsi di essere italiani.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Governo dalla parte degli italiani

Tre settimane sono nulla per fare un bilancio, ma l’aria che tira sui primi passi del Governo è quella tipica della luna di miele. Chi aspetta al varco Di Maio e Salvini, obietta subito che questi due non hanno mai smesso di fare campagna elettorale. Dunque siamo ancora sul terreno delle promesse, mentre di fatti…

Continua

Un condono necessario per ripartire

Non ci sono molti modi per far ripartire l’Italia. E non illudiamoci che sarà l’Europa a toglierci dai guai, permettendoci politiche economiche espansive o nuove spese in deficit. Dunque tocca solo a noi rimboccarci le maniche per creare ricchezza e occupazione. Uno sforzo già sovrumano visto che non ci facciamo mancare niente in termini di…

Continua

Le priorità non possono attendere

Spararle grosse non è mai un bel gesto verso gli elettori, ma nelle campagne elettorali bisogna prima di tutto vincere e quindi passi che si abusi. D’altra parte, in Italia di promesse irrealizzabili ne abbiamo sentite sempre così tante da esserci affezionati a questo andazzo, a tal punto da berci qualunque amenità, come capì bene…

Continua

Finti razzisti e ipocriti certificati

Se i risultati dei vertici internazionali si misurassero dall’intensità di sorrisi e strette di mano, quello di ieri tra Conte e la Merkel sarebbe poca cosa rispetto ad altri faccia a faccia tra la stessa cancelliera e nostri premier come Monti, Renzi e Gentiloni, giusto per fermarci agli esempi più recenti. Tutti incontri chiusi con…

Continua

Un silenzio da Prima Repubblica

L a natura differente dei Cinque Stelle. Differente dai vecchi partiti maneggioni, da chi governa e dice una cosa mentre ne pensa un’altra, dalla politica che nasconde la verità, trattando i cittadini come sudditi. Ecco perché il Movimento è diventato rapidamente un gigante nei consensi, fino a conquistare il Governo del Paese. Ora è chiaro…

Continua

L’intrallazzo Capitale non perdona

Sarebbe bene leggerle le 288 pagine dell’ordinanza che chiude la partita sullo stadio della Roma. Nelle intercettazioni della Procura c’è un concentrato dell’intrallazzo Capitale. Palazzinari che pagano per pilotare politici e burocrazia, consulenti che si spartiscono mazzette, esponenti di partito perennemente col cappello in mano: un film già visto, dove l’unica novità è che stavolta…

Continua

Un cinico traballante all’Eliseo

Inutile perdere troppo tempo sulle parole rivolte dal presidente francese Macron all’Italia per la vicenda della nave Aquarius. Come vedete accanto lo chiamiamo Micron, e abbiamo detto tutto. Quello che ci interessa di più è capire come sia possibile che l’enfant prodige della nuova politica trasversale ai tradizionali partiti di destra e sinistra sia arrivato…

Continua

La finta solidarietà di Madrid

Perdevamo colpendo uniti ai tempi delle crociate, a maggior ragione perdiamo oggi facendo tutta Europa di testa propria. Nella penosa vicenda della nave Aquarius, un esercito di poveri africani armati solo di fame e disperazione ha sbaragliato gli opulenti Paesi al di qua del Mediterraneo, carichi di egoismi e protagonismi, arrivati a livelli di disumanità…

Continua

Buona la prima di Conte al G7. L’Italia torna a contare nel mondo

Qualche decina di acuti frequentatori dei social network, quasi tutti dichiaratamente grillini, ieri ci ha duramente criticato per aver rivelato che alcuni ministri hanno rapporti forti con gli Stati Uniti. L’argomento è stato scambiato per un velleitario tentativo di screditare il Governo, quando invece da una tale informazione si evince che il premier e la…

Continua

Un giusto segnale alle imprese

Ora che ne ha meno bisogno, chissà quando Beppe Grillo offrirà una delle sue pastiglie di Maalox a Vincenzo Boccia e tutto il blasonato stato maggiore della Confindustria. Aver visto il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio che promette mari e monti all’assemblea della Confcommercio, mentre alla stessa messa cantata degli industriali c’è andato…

Continua