Più rispetto per sperare nel Colle

di Gaetano Pedullà

L’apparente garbo istituzionale per cui Luigi Di Maio ha ritenuto di informare il Presidente della Repubblica sui nomi dei ministri di un ipotetico Governo M5S in realtà è l’ennesima prova di un imbarbarimento della politica arrivato alla guerriglia in piazza di questi giorni.

Poiché non bisogna essere fini costituzionalisti per sapere che i ministri vanno proposti al Capo dello Stato solo dopo aver ricevuto l’incarico di formare l’Esecutivo, è perciò evidente che la passeggiata al Colle è stata un tentativo di strumentalizzare a fini elettorali persino la prima carica dello Stato.

È un fatto grave? Sì, ma purtroppo non più di tanti gesti sconsiderati messi in atto dai partiti da anni.

Il Quirinale, che la Costituzione aveva provato a mettere al riparo dallo scontro politico, assegnandogli un prezioso ruolo super partes e di garanzia, in pochi casi è stato risparmiato da attacchi non solo politici.

Leone costretto a dimettersi per un finto strascico dello scandalo Lockheed, Cossiga, ma ancora di più Scalfaro e soprattutto Napolitano sono stati bombardati anche per via di scelte risultate non sempre neutrali.

Per questo il compito che molto probabilmente toccherà a Sergio Mattarella dopo le prossime elezioni è durissimo.

Se è vero che l’uomo, schivo e rigorosamente notarile, è fortunatamente il migliore arbitro che ci potesse capitare nell’attuale situazione, è anche vero che la nostra politica ha perso rispetto per tutto, compresa una Presidenza della Repubblica senza la quale non solo Juncker vede guai seri per la governabilità del Paese.

Commenti

  1. honhil

    «… la governabilità del Paese» è una cosa seria. Come è cosa seria il rispetto verso il Colle. Solo che lo Stivale li ha persi definitivamente. Dato che la governabilità e il (reciproco) rispetto è da lustri che hanno abbandonato il Parlamento. E l’attuale campagna elettorale non è altro che l’istantanea di un diffuso disfacimento istituzionale in atto. I cortei, le manifestazioni muscolari di piazza, i riti in tribunale, e in generale ogni genere di latrato che inquina la vita della maggioranza silenziosa degli italiani, ne sono la prova. In questo senso la Sicilia, ieri, ha vinto l’Oscar “del non c’è più niente da fare”. La prima notizia arriva da Palermo. “Pestaggio di Ursino, liberi i due fermati”. Per quel gip è stato soltanto un “Atto dimostrativo, non per uccidere”. E non poteva essere diversamente. Era una cosa già scritta. Nelle aule dei tribunali italici si usa così. I rossi sono sempre delle pie donne, che però possono sbagliare. Ma vanno sempre benedette e perdonate. Non basta più vergognarsi di essere italiani. C’è qualcosa di patologico in quelle aule che va sradicato, con la gioia nel cuore. Non basta più vergognarsi di essere italiani. Tuttavia bisogna prendere coscienza ed agire. Con forza. Con la forza distruttiva di una bomba atomica. E le condizioni ci sono. Per la prima volta, nella storia millenaria dell’umanità, si può compiere una rivoluzione senza alcun spargimento di sangue. Basta usare a piene mani il buonsenso. Non basta più vergognarsi di essere italiani. Bisogna però fare qualcosa, altrimenti non resta che tacere per sempre. E la possibilità di riacquistare la perduta orgogliosità italica c’è. A sette giorni a partire da oggi. Nelle urne elettorali. La seconda notizia invece arriva da Agrigento. Una giovane madre, spinta dal bisogno e da una povertà estrema (di famiglie italiane in queste condizioni ve ne sono a milioni e milioni), entra «in un supermercato, del quartiere Bonamorone, e ruba una vaschetta con due bistecche, un pacco di pannolini per neonati e un pacco di salviettine umidificate. Valore della refurtiva 11,70 euro. Qualcuno, dal supermercato, ha composto il 113 e ha richiesto l’intervento della polizia di Stato». Conclusione viene rintracciata. E «inevitabilmente, verrà denunciata, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento per furto aggravato». E magari qualcuno aggiungerà l’aggravante dell’uso della destrezza, strada facendo. In nome di quella “dura lex, sed lex” che a sinistra mai si usa. Con il risultato che il popolo dei centri sociali, del No Tav, degli Spazi pubblici autogestiti, degli antagonisti, dei black bloc, e di chi più ne ha più ne metta, possono impunemente mettere le città a ferro e fuoco e regolare i loro ideologici conti impunemente. No, e proprio no, e ancora no, non basta più vergognarsi di essere italiani.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una manovra a prova di divisioni

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola…

Continua

Merde Alors a Salvini. L’ultima moda in Europa è insultare l’Italia

Abituato com’è ad abitare sul Colle, il Presidente Mattarella vola alto e forse fatica a vedere cosa accade giù, in basso, dove prolificano i nazionalismi, e di certa Europa non si vuole più sentir parlare. L’integrazione – dice il Capo dello Stato – ci ha portato benefici, i sovranismi sono un pericolo e non è…

Continua

Fuoco di fila contro il Governo

Quando fu eletto commissario europeo agli Affari economici, anche con il voto dell’Italia, Pierre Moscovici era considerato una colomba, cioè un “amico” dei Paesi con qualche guaio nei conti pubblici. Poi è arrivato Macron e il ritorno di quell’asse franco-tedesco che ha saldato gli interessi di Parigi a quelli di Berlino, a discapito degli Stati…

Continua

L’inutile diplomazia dell’Onu

Chi gira ogni tanto per il mondo sa quanto è sottile la considerazione per il nostro Paese. L’Italia degli spaghetti, mafia e mandolino è uno stereotipo che ci hanno affibbiato per farci male. Sia chiaro, noi ci abbiamo messo del nostro e in parte ci meritiamo un certo dileggio. Ma l’immagine di una nazione è…

Continua

Ora rischia la fiducia nelle toghe

Tre dei quatto capi d’accusa ipotizzati per Matteo Salvini sono già caduti, l’ultimo impegnerà per mesi il tribunale dei ministri, altri magistrati e un mucchio di dipendenti pubblici, tutti a caccia di un reato che per moltissimi italiani è invece una medaglia sul petto del ministro. Tanto è vero, che la popolarità del leader della…

Continua

La Chiesa perdona, i giudici No

Come volevasi dimostrare, un bel gruppo dei migranti arrivati in Italia con la nave Diciotti non ha perso tempo a dileguarsi. I magistrati però non corrono rischi: invece di dedicarsi a questi signori possono continuare a cercare capi d’accusa contro Salvini, il ministro che ha tenuto questa gente più a lungo possibile sul mezzo della…

Continua

La fortuna al contrario di Tripoli

Quanto ha senso indignarsi per mezzo mondo che vuole immigrare a casa nostra e poi continuare a fare le guerre coloniali? Si dirà che le colonie europee sparse per il pianeta – o i posti al sole come li smaltava il fascismo – non ci sono più, ma la guerra civile in corso in Libia…

Continua

Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in…

Continua

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua