Polemiche sui migranti, Governo e Sinistra in eterna campagna elettorale

di Gaetano Pedullà

Dopo gli infiniti errori fatti sui migranti, quel che resta di una Sinistra a corto di idee e di elettori ha deciso di schiantarsi proprio su questo scoglio. A dare la linea dalle pagine sempre più borghesi di Repubblica sono gli alfieri di una intellighenzia che non ci vuole proprio stare ad aver perso le elezioni, e per questo si inchina alle parole di uno dei più grandi speculatori finanziari al mondo come George Soros pur di accusare senza prove la Lega di rapporti inconfessabili con Putin. Dall’ex direttore Ezio Mauro allo scrittore Roberto Saviano, adesso però non c’è altra preoccupazione che sbarrare il passo al nuovo corso sull’immigrazione promesso da Salvini. E tutti intenti in questa missione, lor signori nemmeno si accorgono di non parlare più a nessuno. Il segnale più chiaro in tal senso arriva dalle campagne calabresi, dove a scioperare per il vigliacco omicidio del sindacalista fai da te Sacko Soumali sono stati gli immigrati e non le nostre sedutissime Cgil, Cisl e Uil. Una lezione che dovrebbe far riflettere sullo stato in cui è ridotto il nostro sindacato. I furgoncini dei caporali rimasti vuoti, senza il loro carico di fantasmi destinati a raccogliere per un’elemosina frutta e ortaggi nei campi, è una pagina che fa onore a persone che si possono aiutare solo affrontando sul serio il dramma dell’immigrazione, e non dividendosi all’infinito, accendendo nuove polemiche che agli italiani interessano sempre a meno e soprattutto non permettono nessun passo avanti in direzione di una soluzione strutturale del problema.

Che lo si ammetta o meno, non esistono ricette di destra o di sinistra per guarire un dramma epocale. Ma una soluzione, per quanto difficilissima, c’è come in tutte le cose della vita. Una via stretta che tutto l’Occidente può percorrere solo agendo insieme. La fuga dall’Africa verso l’Europa, come dall’Asia o dal Messico verso gli Stati Uniti sono il frutto velenoso di una gestione fallimentare della globalizzazione. Un fenomeno con molte analogie con quello che il mondo si trovò ad affrontare alla fine della seconda guerra mondiale. Allora l’Europa e il Giappone erano distrutti e gli Stati Uniti non avrebbero fermato neppure con le cannonate una nuova ondata di profughi dal Vecchio continente. Fu la politica in quella circostanza a bloccare una ripresa dell’immigrazione verso gli States, facendo due semplici scelte: si consentì una profonda svalutazione delle monete dei Paesi ridotti in macerie, con Francia, Germania e Italia in prima fila, provocando un effetto identico alla stampa di moltissima moneta. Parallelamente fu varato il piano Marshall, con cui furono destinati giganteschi aiuti agli stati. A differenza di quanto accaduto con la fine della prima guerra mondiale, gli sconfitti non furono umiliati e si consentì la ricostruzione di fabbriche, strade, abitazioni e tutto quanto permise di arrivare presto al boom economico. L’investimento, per quanto notevolissimo, fu ampiamente ripagato perché l’Europa da una parte fece da cuscinetto in quella che poi sarebbe diventata nota come guerra fredda con Mosca, e dall’altra divenne un mercato naturale per l’industria a stelle e strisce. Fu, in sostanza, un’operazione win-win, dove tutti ci guadagnarono.

Verità incofessabili – Possibile dunque che con tale precedente non si riesca a immaginare un’azione simile per il terzo mondo? La verità inconfessabile che le élite mondiali ci nascondono, sudice del sangue di migliaia di persone che muoiono nei naufragi durante le traversate, per non parlare di chi finisce nei lager delle tribù libiche, pagate probabilmente anche dall’Italia per fermare in qualunque modo, con le buone o con le cattive, la marea di disperati pronti a tutto per arrivare sulle nostre coste. Un filtro che costa, e che se non guadagna sotterraneamente dagli Stati, guadagna illegalmente dai mercati di uomini. Criminali che anche in Italia fanno affari d’oro, e contro i quali Salvini ha tutte le ragioni del mondo per impegnare con ogni sforzo il Viminale. L’Italia da sola però non può andare lontano. Per questo è necessario coinvolgere l’Europa e il mondo battendo i pugni sul tavolo e alzando la voce come merita la gravità della situazione. Ma come chiedere unità d’intenti all’estero quando i primi a dividerci in polemiche persino grottesche siamo noi italiani stessi? Per questo certe critiche preconfezionate sono indigeribili.

Commenti

  1. honhil

    C’è chi si preoccupa e chi accusa. Tra quelli che si preoccupano c’è Soror, per il buon rapporto instauratosi tra Putin e Salvini. Mentre è tutto a posto quando è la Merkel a fare affari con la Russia. Invece tra quelli che accusano c’è il solito Saviano, incapace di capire che gli annegamenti aumentano in modo direttamente proporzionale agli afflussi emigratori. Perciò se si vogliono fermare gli annegamenti nel Mediterraneo, bisogna, necessariamente, azzerare le partenze. Di certo è però che quella che qui si sta vivendo è la Primavera araba dello Stivale: che, se riuscirà a sfuggire agli agguati che numerosi verranno tentati, potrà imporsi al mondo intero. Invertendo quei circuiti malefici messi in atto da Soros e dalla sua cricca. E propagandati sempre dai banditori alla Saviano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua