Polemiche sui migranti, Governo e Sinistra in eterna campagna elettorale

di Gaetano Pedullà

Dopo gli infiniti errori fatti sui migranti, quel che resta di una Sinistra a corto di idee e di elettori ha deciso di schiantarsi proprio su questo scoglio. A dare la linea dalle pagine sempre più borghesi di Repubblica sono gli alfieri di una intellighenzia che non ci vuole proprio stare ad aver perso le elezioni, e per questo si inchina alle parole di uno dei più grandi speculatori finanziari al mondo come George Soros pur di accusare senza prove la Lega di rapporti inconfessabili con Putin. Dall’ex direttore Ezio Mauro allo scrittore Roberto Saviano, adesso però non c’è altra preoccupazione che sbarrare il passo al nuovo corso sull’immigrazione promesso da Salvini. E tutti intenti in questa missione, lor signori nemmeno si accorgono di non parlare più a nessuno. Il segnale più chiaro in tal senso arriva dalle campagne calabresi, dove a scioperare per il vigliacco omicidio del sindacalista fai da te Sacko Soumali sono stati gli immigrati e non le nostre sedutissime Cgil, Cisl e Uil. Una lezione che dovrebbe far riflettere sullo stato in cui è ridotto il nostro sindacato. I furgoncini dei caporali rimasti vuoti, senza il loro carico di fantasmi destinati a raccogliere per un’elemosina frutta e ortaggi nei campi, è una pagina che fa onore a persone che si possono aiutare solo affrontando sul serio il dramma dell’immigrazione, e non dividendosi all’infinito, accendendo nuove polemiche che agli italiani interessano sempre a meno e soprattutto non permettono nessun passo avanti in direzione di una soluzione strutturale del problema.

Che lo si ammetta o meno, non esistono ricette di destra o di sinistra per guarire un dramma epocale. Ma una soluzione, per quanto difficilissima, c’è come in tutte le cose della vita. Una via stretta che tutto l’Occidente può percorrere solo agendo insieme. La fuga dall’Africa verso l’Europa, come dall’Asia o dal Messico verso gli Stati Uniti sono il frutto velenoso di una gestione fallimentare della globalizzazione. Un fenomeno con molte analogie con quello che il mondo si trovò ad affrontare alla fine della seconda guerra mondiale. Allora l’Europa e il Giappone erano distrutti e gli Stati Uniti non avrebbero fermato neppure con le cannonate una nuova ondata di profughi dal Vecchio continente. Fu la politica in quella circostanza a bloccare una ripresa dell’immigrazione verso gli States, facendo due semplici scelte: si consentì una profonda svalutazione delle monete dei Paesi ridotti in macerie, con Francia, Germania e Italia in prima fila, provocando un effetto identico alla stampa di moltissima moneta. Parallelamente fu varato il piano Marshall, con cui furono destinati giganteschi aiuti agli stati. A differenza di quanto accaduto con la fine della prima guerra mondiale, gli sconfitti non furono umiliati e si consentì la ricostruzione di fabbriche, strade, abitazioni e tutto quanto permise di arrivare presto al boom economico. L’investimento, per quanto notevolissimo, fu ampiamente ripagato perché l’Europa da una parte fece da cuscinetto in quella che poi sarebbe diventata nota come guerra fredda con Mosca, e dall’altra divenne un mercato naturale per l’industria a stelle e strisce. Fu, in sostanza, un’operazione win-win, dove tutti ci guadagnarono.

Verità incofessabili – Possibile dunque che con tale precedente non si riesca a immaginare un’azione simile per il terzo mondo? La verità inconfessabile che le élite mondiali ci nascondono, sudice del sangue di migliaia di persone che muoiono nei naufragi durante le traversate, per non parlare di chi finisce nei lager delle tribù libiche, pagate probabilmente anche dall’Italia per fermare in qualunque modo, con le buone o con le cattive, la marea di disperati pronti a tutto per arrivare sulle nostre coste. Un filtro che costa, e che se non guadagna sotterraneamente dagli Stati, guadagna illegalmente dai mercati di uomini. Criminali che anche in Italia fanno affari d’oro, e contro i quali Salvini ha tutte le ragioni del mondo per impegnare con ogni sforzo il Viminale. L’Italia da sola però non può andare lontano. Per questo è necessario coinvolgere l’Europa e il mondo battendo i pugni sul tavolo e alzando la voce come merita la gravità della situazione. Ma come chiedere unità d’intenti all’estero quando i primi a dividerci in polemiche persino grottesche siamo noi italiani stessi? Per questo certe critiche preconfezionate sono indigeribili.

Commenti

  1. honhil

    C’è chi si preoccupa e chi accusa. Tra quelli che si preoccupano c’è Soror, per il buon rapporto instauratosi tra Putin e Salvini. Mentre è tutto a posto quando è la Merkel a fare affari con la Russia. Invece tra quelli che accusano c’è il solito Saviano, incapace di capire che gli annegamenti aumentano in modo direttamente proporzionale agli afflussi emigratori. Perciò se si vogliono fermare gli annegamenti nel Mediterraneo, bisogna, necessariamente, azzerare le partenze. Di certo è però che quella che qui si sta vivendo è la Primavera araba dello Stivale: che, se riuscirà a sfuggire agli agguati che numerosi verranno tentati, potrà imporsi al mondo intero. Invertendo quei circuiti malefici messi in atto da Soros e dalla sua cricca. E propagandati sempre dai banditori alla Saviano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua

Un Governo più forte dei mercati

Peccato che alla lotteria del Governo non sia spuntato il bussolotto del prof. Sapelli, che nell’intervista al nostro giornale di oggi traccia un quadro lucidissimo sullo scenario economico che ci aspetta, partendo dal fatto che il Decreto dignità è solo la prima medicina di una cura ben più lunga e dolorosa. Indovinare la terapia però…

Continua

Riforme, non gettarle in caciara

Il Governo del cambiamento andrebbe ribattezzato del rimbecillimento se si sognasse di riformare il Paese senza dare una priorità alle cose necessarie. Un concetto chiaro a Di Maio e Salvini, che infatti nei primi due mesi da ministri hanno messo in cascina il Decreto dignità e il cambio di strategia sui migranti. Parallelamente però ci…

Continua

Sulla Rai è solo un teatrino

La coerenza si sa che in politica è merce rara. E per questo davvero pochi si stupirebbero se gli alleati di oggi diventassero i nemici di domani per poi tornare d’amore e d’accordo dopodomani. Lo strappo consumato nel Centrodestra per la presidenza della Rai non è dunque la bomba di cui parlano molti analisti politici,…

Continua

Siamo primi sul podio del ridicolo

Prima ancora di cominciare, abbiamo già vinto la medaglia olimpica del ridicolo. I giochi invernali del 2026 ci offrono la possibilità di metterci in mostra su una delle più belle vetrine internazionali e noi ci presentiamo non con una ma con tre città ospitanti, comunicando al mondo intero che non sappiamo neppure metterci d’accordo tra…

Continua

Tv pubblica ostaggio del Cavaliere

A meno che la notte non porti consiglio, stamattina Forza Italia affonderà in Commissione di vigilanza della Rai la designazione del giornalista Marcello Foa alla presidenza di Viale Mazzini. Così si rischia un precedente unico al mondo: il partito di un signore che controlla il maggior gruppo televisivo privato decide pure chi sta in sella…

Continua

Decolla la buona politica

La foto dei ministri Di Maio e Toninelli che scendono dall’aereo diventato simbolo degli sprechi del Governo Renzi resterà nella nostra memoria più di montagne di parole. Quell’Airbus è costato tra leasing e manutenzione 140 milioni, e considerando che non ha quasi mai volato è stato certamente un acquisto non all’altezza delle brillanti operazioni dell’allora…

Continua

Sul binario c’è la politica industriale

Diciamo la verità: a ridurre l’Italia come vediamo non è stato un popolo di incapaci e lavativi. Tiriamo la cinghia a causa dell’antica incapacità di produrre uno straccio di politica industriale. Il Paese è cresciuto spontaneamente, con lo Stato che foraggiava un po’ a destra e un po’ a sinistra la grande industria, indipendentemente dal…

Continua

Così rinasce l’orgoglio di un Paese

Sarà che i Parlamenti un giorno non serviranno a niente, come immagina visionariamente Casaleggio jr. Oppure che la tecno-ideologia non prevarrà, per i motivi che spiega brillantemente Ezio Mauro. Ma oggi la democrazia ha luoghi e rituali che sanno di vetusto, di lento e inefficace. Nell’epoca della comunicazione istantanea, seppure in un Paese come il…

Continua