Polemiche sui migranti, Governo e Sinistra in eterna campagna elettorale

di Gaetano Pedullà

Dopo gli infiniti errori fatti sui migranti, quel che resta di una Sinistra a corto di idee e di elettori ha deciso di schiantarsi proprio su questo scoglio. A dare la linea dalle pagine sempre più borghesi di Repubblica sono gli alfieri di una intellighenzia che non ci vuole proprio stare ad aver perso le elezioni, e per questo si inchina alle parole di uno dei più grandi speculatori finanziari al mondo come George Soros pur di accusare senza prove la Lega di rapporti inconfessabili con Putin. Dall’ex direttore Ezio Mauro allo scrittore Roberto Saviano, adesso però non c’è altra preoccupazione che sbarrare il passo al nuovo corso sull’immigrazione promesso da Salvini. E tutti intenti in questa missione, lor signori nemmeno si accorgono di non parlare più a nessuno. Il segnale più chiaro in tal senso arriva dalle campagne calabresi, dove a scioperare per il vigliacco omicidio del sindacalista fai da te Sacko Soumali sono stati gli immigrati e non le nostre sedutissime Cgil, Cisl e Uil. Una lezione che dovrebbe far riflettere sullo stato in cui è ridotto il nostro sindacato. I furgoncini dei caporali rimasti vuoti, senza il loro carico di fantasmi destinati a raccogliere per un’elemosina frutta e ortaggi nei campi, è una pagina che fa onore a persone che si possono aiutare solo affrontando sul serio il dramma dell’immigrazione, e non dividendosi all’infinito, accendendo nuove polemiche che agli italiani interessano sempre a meno e soprattutto non permettono nessun passo avanti in direzione di una soluzione strutturale del problema.

Che lo si ammetta o meno, non esistono ricette di destra o di sinistra per guarire un dramma epocale. Ma una soluzione, per quanto difficilissima, c’è come in tutte le cose della vita. Una via stretta che tutto l’Occidente può percorrere solo agendo insieme. La fuga dall’Africa verso l’Europa, come dall’Asia o dal Messico verso gli Stati Uniti sono il frutto velenoso di una gestione fallimentare della globalizzazione. Un fenomeno con molte analogie con quello che il mondo si trovò ad affrontare alla fine della seconda guerra mondiale. Allora l’Europa e il Giappone erano distrutti e gli Stati Uniti non avrebbero fermato neppure con le cannonate una nuova ondata di profughi dal Vecchio continente. Fu la politica in quella circostanza a bloccare una ripresa dell’immigrazione verso gli States, facendo due semplici scelte: si consentì una profonda svalutazione delle monete dei Paesi ridotti in macerie, con Francia, Germania e Italia in prima fila, provocando un effetto identico alla stampa di moltissima moneta. Parallelamente fu varato il piano Marshall, con cui furono destinati giganteschi aiuti agli stati. A differenza di quanto accaduto con la fine della prima guerra mondiale, gli sconfitti non furono umiliati e si consentì la ricostruzione di fabbriche, strade, abitazioni e tutto quanto permise di arrivare presto al boom economico. L’investimento, per quanto notevolissimo, fu ampiamente ripagato perché l’Europa da una parte fece da cuscinetto in quella che poi sarebbe diventata nota come guerra fredda con Mosca, e dall’altra divenne un mercato naturale per l’industria a stelle e strisce. Fu, in sostanza, un’operazione win-win, dove tutti ci guadagnarono.

Verità incofessabili – Possibile dunque che con tale precedente non si riesca a immaginare un’azione simile per il terzo mondo? La verità inconfessabile che le élite mondiali ci nascondono, sudice del sangue di migliaia di persone che muoiono nei naufragi durante le traversate, per non parlare di chi finisce nei lager delle tribù libiche, pagate probabilmente anche dall’Italia per fermare in qualunque modo, con le buone o con le cattive, la marea di disperati pronti a tutto per arrivare sulle nostre coste. Un filtro che costa, e che se non guadagna sotterraneamente dagli Stati, guadagna illegalmente dai mercati di uomini. Criminali che anche in Italia fanno affari d’oro, e contro i quali Salvini ha tutte le ragioni del mondo per impegnare con ogni sforzo il Viminale. L’Italia da sola però non può andare lontano. Per questo è necessario coinvolgere l’Europa e il mondo battendo i pugni sul tavolo e alzando la voce come merita la gravità della situazione. Ma come chiedere unità d’intenti all’estero quando i primi a dividerci in polemiche persino grottesche siamo noi italiani stessi? Per questo certe critiche preconfezionate sono indigeribili.

Commenti

  1. honhil

    C’è chi si preoccupa e chi accusa. Tra quelli che si preoccupano c’è Soror, per il buon rapporto instauratosi tra Putin e Salvini. Mentre è tutto a posto quando è la Merkel a fare affari con la Russia. Invece tra quelli che accusano c’è il solito Saviano, incapace di capire che gli annegamenti aumentano in modo direttamente proporzionale agli afflussi emigratori. Perciò se si vogliono fermare gli annegamenti nel Mediterraneo, bisogna, necessariamente, azzerare le partenze. Di certo è però che quella che qui si sta vivendo è la Primavera araba dello Stivale: che, se riuscirà a sfuggire agli agguati che numerosi verranno tentati, potrà imporsi al mondo intero. Invertendo quei circuiti malefici messi in atto da Soros e dalla sua cricca. E propagandati sempre dai banditori alla Saviano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il presidente della Regione Campania De Luca ne ha fatta una giusta. Ha capito che l’autonomia farà bene anche al Sud

Di sicuro non ci si può sospettare di tifoseria per Vincenzo De Luca, ma ieri il presidente della Regione Campania ne ha fatta una giusta. Mentre Lega e 5S faticano ad accordarsi sulla maggiore autonomia da concedere a Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, il governatore ha spezzato la retorica del Sud che si mette di…

Continua

Una chance per il turismo. Salvare Alitalia vuol dire preservare un asset fondamentale per la principale vocazione del nostro Paese

Diciamolo subito: quando un’azienda non sta sistematicamente sul mercato occorre il coraggio di lasciarla cadere piuttosto che salvarla con un pozzo senza fondo di denari pubblici. Un principio che vale anche per una società storica e piena di dipendenti come Alitalia. Su questa compagnia, in particolare, lo Stato non può sentire sensi di colpa, visto…

Continua

Chi è co-responsabile del raffreddamento di parte del consenso d’opinione verso il M5S si guardi allo specchio

Chi leggerebbe un giallo sapendo dalla prima riga chi è l’assassino? Ecco, alla stessa maniera ieri abbiamo sentito lunghi dibattiti sempre con la stessa domanda: dopo il voto in Abruzzo il Governo di che morte muore? Curiosità sacrosanta se non fosse che la risposta all’enigma si conosce già, visto che Lega e 5 Stelle hanno…

Continua

La coerenza biforcuta del presidente francese. Sta facendo di tutto per cambiare nome da Macron a Micron

Il presidente francese sta facendo di tutto per cambiare nome da Macron a Micron. L’ultima trovata è il richiamo dell’ambasciatore a Roma per la lesa maestà di un colloquio tra 5 Stelle e Gilet gialli, per poi aggiungerci le accuse di un privato cittadino come Alessandro Di Battista sullo sfruttamento coloniale in Africa e le…

Continua

La dignità non fa rumore ma tre milioni di persone potranno mangiare, formarsi per un lavoro e sperare

È proprio vero: un albero che cade fa più rumore di una foresta che cresce. Dunque non meravigliamoci se i giornaloni oggi strillano a tutta pagine che il Reddito di cittadinanza andrà a meno persone del previsto, favorirà i furbi, scoraggerà il lavoro e tra un po’ ci farà pure cadere i capelli o accadere…

Continua

Il caso della nave Diciotti e il teatro dell’assurdo

Sembrava la tragedia del Governo e invece è una commedia degli equivoci. L’inattesa giravolta del ministro Matteo Salvini sulla disponibilità a farsi processare per il caso Diciotti ha colto i 5 Stelle di sorpresa. Il Movimento, accettando una reiterata richiesta del leader della Lega, aveva annunciato il sì alla richiesta di autorizzazione a procedere, peraltro…

Continua

I buonisti fanno felici le mafie

Mafia, droga e abusi sessuali al Cara di Mineo, cioè uno dei Centri per richiedenti asilo più grandi d’Europa. Cosa si pensava di non trovarci è un mistero, visto che il villaggio è da anni un suk, una voragine nella terra dentro la quale l’allora governo Berlusconi iniziò a calare nel 2011 migliaia di migranti,…

Continua

Sea Watch. Chi ha colpe è l’Europa

La Procura dei minori di Catania ha ragione: lasciare i ragazzi su una nave sbattuta da un mare in tempesta lede diritti umani e di legge garantiti dalla Costituzione. Quella che i magistrati sbagliano è però la rotta di un nuovo probabile procedimento giudiziario. Garantire la vita di queste persone è un preciso dovere dell’Europa,…

Continua

Se i giudici decidono per i 5 Stelle

Accipicchia quant’è bravo a prendere condanne il Movimento che ha in cima ai suoi valori l’onestà. Nel giorno in cui il tribunale dei ministri chiede di processare Salvini con la discutibile accusa di sequestro di persona per la vicenda della nave Diciotti, il tribunale di Roma sforna un’altra di quelle decisioni che lasciano a bocca…

Continua

Montesano sì. Lino Banfi no. La Sinistra non sa più ridere

Ci pensino meglio gli osservatori politici che ci raccontano da mesi di un M5S in caduta libera, cannibalizzato dalla Lega e abbandonato dagli ultrà del No Tap, No Tav, No Vax e compagnia cantando. Appena portati a casa responsabilmente la Manovra e, a cascata, il Reddito di cittadinanza, è bastato che il Movimento riprendesse a…

Continua