Sacrificare la stampa è un errore

di Gaetano Pedullà

Chi segue questo giornale da oltre cinque anni sa bene quanto malaffare abbiamo scoperchiato, denunciando una montagna di abusi anche nella pubblica amministrazione. Per poterlo fare liberamente non abbiamo voluto alle spalle editori impuri, cioè soggetti economici che hanno i loro business principali in settori diversi dalla pubblicazione dei quotidiani, e a scanso di equivoci non abbiamo bussato neppure alla porta dello Stato, dove a decidere chi entra e chi no sono la politica e i partiti. Di qui la scelta di non chiedere contributi pubblici, mantenendo il giornale che avete in mano solo con le vendite e la pubblicità. Era il prezzo da pagare – abbiamo sempre pensato – per difendere senza compromessi un sicuro presidio di trasparenza e democrazia. Ora però proprio chi ha fatto di questi stessi valori la sua bandiera rischia di affondare noi e tutti quei giornali che come noi hanno bisogno di stare sul mercato, in quanto sprovvisti di mani forti che provvedono ai loro costi. Oltre che togliere il finanziamento pubblico – che in fin dei conti ammazzerà le agenzie di stampa e pochi giornali minori, facendo però saltare centinaia di posti di lavoro – il sottosegretario con delega all’editoria Rocco Crimi (M5S) vuole togliere l’obbligo dei committenti pubblici di pubblicare come spendono i soldi degli appalti, trasferendo queste informazioni solo su Internet. Parallelamente si è già tagliata per decine di milioni la pubblicità dei giochi dati in concessione dallo Stato, mettendo così sullo stesso piano le lotterie legali e quelle criminali. Crimi sostiene che togliere la pubblicità legale farà bene alle piccole imprese, ma anche questo giornale e quelli indipendenti come noi hanno dietro piccole imprese e di questo non ci si è preoccupati affatto. La trasparenza sugli appalti sarà garantita lo stesso altrove? Può darsi, ma il prezzo vero – ben altro che pochi milioni – sarà quello di spegnere molti radar sui Palazzi e gli abusi del potere. Non proprio la stessa battaglia contro i bavagli all’informazione che anche il Movimento dei Cinque Stelle ha ben combattuto ieri in Europa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I garantisti ostaggio dei complici

Adesso si aspetta pure le scuse Luca Lotti, il fedelissimo renziano che accusa persino il suo partito e quanti altri si illudevano sull’autonomia della magistratura. Registrato mentre confabulava con alcuni consiglieri del Csm per stabilire quali procuratori promuovere e quali trasferire, compreso quello destinato a Roma, determinante nel processo Consip in cui è imputato, Lotti…

Continua

Una cura per politica e toghe

Non facciamo le verginelle. Chi legge un giornale come La Notizia lo fa per essere informato senza quelle censure che la stampa mainstream si infligge da sola, senza dare a chi di dovere neppure il fastidio di nascondere la polvere sotto al tappeto. Dunque diciamolo chiaro: quello che sta emergendo sul Csm è uno di…

Continua

Alitalia fa autorete con Lotito

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa…

Continua

La partita di Conte sarà lunga

Il via libera degli euroburocrati alla procedura d’infrazione contro l’Italia per eccesso di debito è solo l’ultimo tecnicismo di un atto invece tutto politico, che può costarci molto e che il premier Conte adesso ha ampio mandato per trattare. Superate le asprezze della campagna elettorale, i leader di M5S e Lega hanno ritrovato il collante…

Continua

Attenzione ai veri barbari

L’hanno chiamata norma “Salva-Roma”, come se una città sopravvissuta per 2.700 anni a ogni flagello di Dio possa soccombere proprio adesso che a governarla ci stanno quei “barbari” dei 5 Stelle. Messo da parte lo slogan ad effetto, il sostegno finanziario approvato ieri in Parlamento darà una mano alla Capitale e a chi la frequenta,…

Continua

La fuga di Mediaset in Olanda pagata dagli italiani

L’operazione è giustificata da un riassetto societario delle tv in Italia e Spagna, ma il trasloco di Berlusconi in una nuova holding olandese svela almeno tre problemi rilevanti per il nostro Paese. Il primo è che il guaio della nostra economia non sono le delocalizzazioni nei mercati extracomunitari o negli Stati Ue di frontiera, dove…

Continua

Macron il sovranista camuffato

Doveva essere il matrimonio – d’interessi – più sontuoso dell’anno e invece siamo già al divorzio, ancor prima di cominciare, e con lo strascico di polemiche tipico di queste rotture. Fca, cioè la Fiat scappata all’estero e con in pancia Chrysler, non si fonderà con Renault, ufficialmente per decisione dei marchi giapponesi Nissan e Mitsubishi…

Continua

Vediamo chi pugnala il premier

Se guardi troppo a lungo l’abisso poi è l’abisso che guarda dentro di te, diceva Friedrich Nietzsche. Ed esattamente così, dopo una campagna elettorale europea quanto mai velenosa, il gelo nei rapporti personali e il rischio di un pericolosissimo salto nel vuoto, il premier Conte ha avvisato i due azionisti del Governo sulla mostruosità alla…

Continua

Quello che Visco non ci dice

L’Italia è sotto attacco della speculazione finanziaria. Non è una novità. Quando avevamo la liretta ci bastonavano tutti, con casi proverbiali come quello di George Soros, oggi paladino e finanziatore dei partiti europeisti. Nel 1992 questo signore distrusse la nostra moneta, trasferendo nel famoso “mercoledì nero” cifre astronomiche dalle nostre tasche alle sue. A colpirci…

Continua

Si rivede l’etica in politica

Luigi Di Maio, da ieri rafforzato dal plebiscito sulla piattaforma Rousseau, aveva commentato il tracollo alle europee dicendo che il Movimento 5 Stelle non perde mai, perché o vince o impara. Nei prossimi giorni vedremo dunque l’effetto della lezione impartita dalle urne, ma intanto registriamo che anche Salvini ha imparato, e accettando le dimissioni del…

Continua