Si rafforza il filo tra 5S e Lega

di Gaetano Pedullà

Andare in guerra per fare la pace (fiscale). Sembra un paradosso, ma è esattamente quanto è successo ieri tra Cinque Stelle e Lega, ormai costrette a declinare in atti concreti gli impegni assunti solo genericamente nel contratto di Governo. Ne è venuto fuori un inevitabile confronto, che per quanto enfatizzato dalle indiscrezioni del solito manipolo di avvelenatori di pozzi, non ha mai messo a rischio la tenuta dell’Esecutivo gialloverde. Le differenze tra Di Maio e Salvini però ci sono, e in circostanze come questa si vedono, eccome! Il Movimento ha tolto di mezzo concettualmente il problema del tetto sotto il quale sarà possibile fare pace con il Fisco, e anziché farne una questione di quantum ha detto sì a chi ha dichiarato il giusto e poi non è riuscito a far fronte alle tesse, mentre è stato un no per chi ha evaso ben consapevole di farlo. Dall’altra parte, il Carroccio ha tenuto duro sulle dimensioni e l’ampiezza di questo perdono tombale con il Fisco, difendendo una delle sue bandiere elettorali ma anche una concreta esigenze di tanti artigiani e piccoli imprenditori, che di cartelle esattoriali, multe e sanzioni ne hanno sul groppone in quantità. In questo calderone c’è finito poi il taglio alle pensioni d’oro e tanto altro, facendo naturalmente entrare in fibrillazione il ministro delle Finanze Tria e tutti gli sherpa che hanno limato fino all’ultimo il provvedimento arrivato nella sera in Consiglio dei ministri.

In attesa di vedere quale sarebbe stato il punto di equilibrio nella Manovra, raggiunto dopo il vertice del pomeriggio con i vicepremier, poco prima mi è capitato d’intervistare il candidato alla segreteria del Pd, Francesco Boccia, ospite del programma Gli inascoltabili, su Radio Italia anni 60. A Boccia ho chiesto se il Pd, o perlomeno quello che lui vorrebbe guidare, potrebbe mettersi mai dalla parte dei milioni di italiani che aspettano la pace fiscale, penalizzati da ipoteche e fermi amministrativi scattati magari per una semplice infrazione stradale. La risposta è stata un orgoglioso no, perché il Pd non va dove batte l’onda, ma difende strenuamente le regole, soprattutto se a infrangerle sono gli evasori. Persino in Germania – roccaforte del rigore nei conti pubblici – quest’onda di cui parla Boccia travolge però chi non riesce più a mediare tra le regole (diventate inapplicabili) e le vere esigenze dei cittadini impoveriti dalla crisi o spaventati dagli effetti che l’austerità produce in tutta Europa. Da uno dei più autorevoli candidati alla segreteria Dem ricaviamo così che il massimo orizzonte di questo partito non è riconquistare le masse, ma vincere nel piccolo cenacolo di elettori evidentemente appagati della loro condizione economica. Così il confronto tra M5S e Lega – o la guerra senza esclusione di colpi, se vogliamo prendere per buona la lettura catastrofista di Repubblica & C. – fanno meno paura, perchè c’è la prova che all’attuale Governo non c’è nessunissima alternativa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua