Si rafforza il filo tra 5S e Lega

di Gaetano Pedullà

Andare in guerra per fare la pace (fiscale). Sembra un paradosso, ma è esattamente quanto è successo ieri tra Cinque Stelle e Lega, ormai costrette a declinare in atti concreti gli impegni assunti solo genericamente nel contratto di Governo. Ne è venuto fuori un inevitabile confronto, che per quanto enfatizzato dalle indiscrezioni del solito manipolo di avvelenatori di pozzi, non ha mai messo a rischio la tenuta dell’Esecutivo gialloverde. Le differenze tra Di Maio e Salvini però ci sono, e in circostanze come questa si vedono, eccome! Il Movimento ha tolto di mezzo concettualmente il problema del tetto sotto il quale sarà possibile fare pace con il Fisco, e anziché farne una questione di quantum ha detto sì a chi ha dichiarato il giusto e poi non è riuscito a far fronte alle tesse, mentre è stato un no per chi ha evaso ben consapevole di farlo. Dall’altra parte, il Carroccio ha tenuto duro sulle dimensioni e l’ampiezza di questo perdono tombale con il Fisco, difendendo una delle sue bandiere elettorali ma anche una concreta esigenze di tanti artigiani e piccoli imprenditori, che di cartelle esattoriali, multe e sanzioni ne hanno sul groppone in quantità. In questo calderone c’è finito poi il taglio alle pensioni d’oro e tanto altro, facendo naturalmente entrare in fibrillazione il ministro delle Finanze Tria e tutti gli sherpa che hanno limato fino all’ultimo il provvedimento arrivato nella sera in Consiglio dei ministri.

In attesa di vedere quale sarebbe stato il punto di equilibrio nella Manovra, raggiunto dopo il vertice del pomeriggio con i vicepremier, poco prima mi è capitato d’intervistare il candidato alla segreteria del Pd, Francesco Boccia, ospite del programma Gli inascoltabili, su Radio Italia anni 60. A Boccia ho chiesto se il Pd, o perlomeno quello che lui vorrebbe guidare, potrebbe mettersi mai dalla parte dei milioni di italiani che aspettano la pace fiscale, penalizzati da ipoteche e fermi amministrativi scattati magari per una semplice infrazione stradale. La risposta è stata un orgoglioso no, perché il Pd non va dove batte l’onda, ma difende strenuamente le regole, soprattutto se a infrangerle sono gli evasori. Persino in Germania – roccaforte del rigore nei conti pubblici – quest’onda di cui parla Boccia travolge però chi non riesce più a mediare tra le regole (diventate inapplicabili) e le vere esigenze dei cittadini impoveriti dalla crisi o spaventati dagli effetti che l’austerità produce in tutta Europa. Da uno dei più autorevoli candidati alla segreteria Dem ricaviamo così che il massimo orizzonte di questo partito non è riconquistare le masse, ma vincere nel piccolo cenacolo di elettori evidentemente appagati della loro condizione economica. Così il confronto tra M5S e Lega – o la guerra senza esclusione di colpi, se vogliamo prendere per buona la lettura catastrofista di Repubblica & C. – fanno meno paura, perchè c’è la prova che all’attuale Governo non c’è nessunissima alternativa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua

Autostrade per l’Alitalia

I due dossier resteranno separati, e così si eviterà ogni conflitto d’interesse. Alitalia dove entrano i Benetton sarà una cosa e le Autostrade, dove gli stessi Benetton sono messi alla porta, saranno un’altra. Possiamo crederci? Se le cose andranno effettivamente così – come ha promesso ancora ieri Luigi Di Maio – lo vedremo molto presto,…

Continua

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua

Un altro passo falso su Salvini

Ieri sulle pagine social della Notizia c’è stato un boom di commenti e visualizzazioni su tre fatti che avevamo in prima pagina: lo stop della Cassazione ai vitalizi dei parlamentari, il sistematico linciaggio dei Cinque Stelle su giornali e trasmissioni tv, e infine le responsabilità di Nicola Zingaretti e non di Virginia Raggi sui rifiuti…

Continua

Putin non passa per caso. Il raccontino di un’Italia isolata dal resto del pianeta non regge più

Sarà capitato anche a voi di sentire degli acutissimi analisti politici e di amenità assortite secondo cui un signore di nome Vladimir Putin ha così poco da fare a Mosca da concedersi una vacanza a Roma per farsi fotografare col Papa, Mattarella e Conte. Solo così regge il raccontino di un’Italia isolata dal resto del…

Continua

Un premier tutt’altro che isolato

Attenti a leggere le nomine europee con gli occhiali della politica italiana. Era l’autunno del 2014 quando il governo dell’epoca guidato da Matteo Renzi cantava vittoria per la nomina di Pierre Moscovici commissario Ue agli affari economici. Questo signore a casa sua era stato una colomba quando c’era da lasciar correre sui vincoli di bilancio.…

Continua

Autostrade e Benetton, lo Stato torni a farsi rispettare

Autostrade per l’Italia aveva così tanti sospetti sulla sicurezza del ponte Morandi da aver chiesto già nel 2003 un preventivo per demolirlo. A rivelarlo è stata la stessa società che ieri ha fatto esplodere i piloni risparmiati dal crollo dell’anno scorso. Non bastassero i 43 morti, i feriti, la cicatrice lasciata su Genova e sull’immagine…

Continua

Uno Stato più forte dell’acciaio. L’Ilva e la minaccia di ArcelorMittal

La legge è uguale per tutti ma se hai l’immunità della legge te ne freghi. Neanche fossimo nel Medioevo, quando gli imperatori la concedevano ai vescovi per tenersi buono il Papa, nel 2015 il Governo Renzi regalò lo stesso privilegio alla multinazionale ArcelorMittal, come benefit per l’acquisto degli ultimi scampoli della fallimentare industria italiana dell’acciaio.…

Continua