Top manager per grazia ricevuta. La lotteria dei boiardi di Stato, uno spot contro il merito

di Gaetano Pedullà

Una volta ogni tre anni c’è un’estrazione della lotteria che regala milioni a un manipolo di privilegiati, chissà perché e chissà per come sempre gli stessi, a cui lo Stato non sa trovare di meglio per affidare la guida delle grandi imprese a partecipazione pubblica. In questa lotteria il merito non è mai stata la carta vincente, come certifica la condizione del nostro tessuto industriale. Buone relazioni con il principe di turno, lobby e coperture politiche contano invece molto di più. Persino con un Governo costretto a muovere meno pedine possibile per non esporre la maggioranza a ritorsioni parlamentari, stiamo arrivando alla presentazione delle liste dei Cda di Eni, Enel, Poste, Finmeccanica e compagnia in un delirio di pressioni e giochi di potere. Tanto che nella riconferma pressoché in blocco dei manager scelti all’ultimo giro da Renzi potrebbe inserirsi qualche novità. Si fa forte la voce dell’uscita di Caio in Poste, nonostante sia riuscito a quotare l’azienda in un mercato impossibile. In Enel invece è data sicura la conferma di Starace, che ha ridotto di niente il debito e con il suo manager Tamburi ha lasciato per giorni l’Abruzzo senza luce.

Di conferma si parla anche per l’Amministratore delegato dell’Eni, Descalzi, nonostante possa finire tra breve sotto processo per una complessa storia di corruzione internazionale. In Finmeccanica, ex colosso delle armi e tecnologia dove il numero uno uscente, Moretti, ha trovato tempo per il fondamentale cambio di nome in Leonardo, lo stesso manager sta cercando di salvare una poltrona da cui sarebbe dovuto schiodare dopo la condanna a sette anni sette per la strage alla stazione di Viareggio con 37 morti, di cui è stato giudicato responsabile nella sua precedente qualità di amministratore delle Ferrovie. Da settimane tutti i giornali – con il nostro compreso – si sono arrampicati per capire quali meriti avessero i candidati e quali punti di debolezza. Poi ieri sera spunta l’ipotesi che nel circo entri a sorpresa Alessandro Profumo, un signore che ha costruito quella stessa Unicredit costretta da diversi anni a questa parte a massacrare gli azionisti per pulire i conti dagli immensi crediti inesigibili, e poi è andato a guidare il Monte dei Paschi prendendolo in condizioni penose ma lasciandolo ancora peggio. Indimenticabile la mostruosa buona uscita che prese da Unicredit, ma ancora di più la promessa che con il suo aumento di capitale la banca di Rocca Salimbeni si sarebbe ripulita e tornata in pista. Qualcuno gli ha creduto e perso completamente l’investimento. Così vanno le cose in Italia, Paese dove senza la politica essere bravi è sinonimo di essere fessi. Il peggiore spot possibile contro la cultura del merito. E dire che basterebbe poco per selezionare i manager pubblici con criteri seri e trasparenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Le priorità non possono attendere

Spararle grosse non è mai un bel gesto verso gli elettori, ma nelle campagne elettorali bisogna prima di tutto vincere e quindi passi che si abusi. D’altra parte, in Italia di promesse irrealizzabili ne abbiamo sentite sempre così tante da esserci affezionati a questo andazzo, a tal punto da berci qualunque amenità, come capì bene…

Continua

Finti razzisti e ipocriti certificati

Se i risultati dei vertici internazionali si misurassero dall’intensità di sorrisi e strette di mano, quello di ieri tra Conte e la Merkel sarebbe poca cosa rispetto ad altri faccia a faccia tra la stessa cancelliera e nostri premier come Monti, Renzi e Gentiloni, giusto per fermarci agli esempi più recenti. Tutti incontri chiusi con…

Continua

Un silenzio da Prima Repubblica

L a natura differente dei Cinque Stelle. Differente dai vecchi partiti maneggioni, da chi governa e dice una cosa mentre ne pensa un’altra, dalla politica che nasconde la verità, trattando i cittadini come sudditi. Ecco perché il Movimento è diventato rapidamente un gigante nei consensi, fino a conquistare il Governo del Paese. Ora è chiaro…

Continua

L’intrallazzo Capitale non perdona

Sarebbe bene leggerle le 288 pagine dell’ordinanza che chiude la partita sullo stadio della Roma. Nelle intercettazioni della Procura c’è un concentrato dell’intrallazzo Capitale. Palazzinari che pagano per pilotare politici e burocrazia, consulenti che si spartiscono mazzette, esponenti di partito perennemente col cappello in mano: un film già visto, dove l’unica novità è che stavolta…

Continua

Un cinico traballante all’Eliseo

Inutile perdere troppo tempo sulle parole rivolte dal presidente francese Macron all’Italia per la vicenda della nave Aquarius. Come vedete accanto lo chiamiamo Micron, e abbiamo detto tutto. Quello che ci interessa di più è capire come sia possibile che l’enfant prodige della nuova politica trasversale ai tradizionali partiti di destra e sinistra sia arrivato…

Continua

La finta solidarietà di Madrid

Perdevamo colpendo uniti ai tempi delle crociate, a maggior ragione perdiamo oggi facendo tutta Europa di testa propria. Nella penosa vicenda della nave Aquarius, un esercito di poveri africani armati solo di fame e disperazione ha sbaragliato gli opulenti Paesi al di qua del Mediterraneo, carichi di egoismi e protagonismi, arrivati a livelli di disumanità…

Continua

Buona la prima di Conte al G7. L’Italia torna a contare nel mondo

Qualche decina di acuti frequentatori dei social network, quasi tutti dichiaratamente grillini, ieri ci ha duramente criticato per aver rivelato che alcuni ministri hanno rapporti forti con gli Stati Uniti. L’argomento è stato scambiato per un velleitario tentativo di screditare il Governo, quando invece da una tale informazione si evince che il premier e la…

Continua

Un giusto segnale alle imprese

Ora che ne ha meno bisogno, chissà quando Beppe Grillo offrirà una delle sue pastiglie di Maalox a Vincenzo Boccia e tutto il blasonato stato maggiore della Confindustria. Aver visto il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio che promette mari e monti all’assemblea della Confcommercio, mentre alla stessa messa cantata degli industriali c’è andato…

Continua

La ricetta liberale di Salvini

Incassata la fiducia anche alla Camera, ora il Governo Conte non ha altro da fare che cominciare a lavorare. Archiviamo dunque la campagna elettorale, e pazienza se ancora chi non ci vuole stare. Certo, il contratto di M5S e Lega ha qualche punto debole, ma su molte cose le idee sono chiare e su queste…

Continua

Così l’Italia fa saltare il tappo Ue

Mentre gli esegeti del Conte-pensiero fanno le pulci al discorso con cui ieri il premier ha incassato la fiducia al Senato, il nuovo Governo sta già rivoltando le regole assurde che ci hanno imposto dall’Europa. Per questo a noi interessa poco il dibattito sulle singole parole pronunciate dal Presidente del Consiglio in Parlamento, dove a…

Continua