Top manager per grazia ricevuta. La lotteria dei boiardi di Stato, uno spot contro il merito

di Gaetano Pedullà

Una volta ogni tre anni c’è un’estrazione della lotteria che regala milioni a un manipolo di privilegiati, chissà perché e chissà per come sempre gli stessi, a cui lo Stato non sa trovare di meglio per affidare la guida delle grandi imprese a partecipazione pubblica. In questa lotteria il merito non è mai stata la carta vincente, come certifica la condizione del nostro tessuto industriale. Buone relazioni con il principe di turno, lobby e coperture politiche contano invece molto di più. Persino con un Governo costretto a muovere meno pedine possibile per non esporre la maggioranza a ritorsioni parlamentari, stiamo arrivando alla presentazione delle liste dei Cda di Eni, Enel, Poste, Finmeccanica e compagnia in un delirio di pressioni e giochi di potere. Tanto che nella riconferma pressoché in blocco dei manager scelti all’ultimo giro da Renzi potrebbe inserirsi qualche novità. Si fa forte la voce dell’uscita di Caio in Poste, nonostante sia riuscito a quotare l’azienda in un mercato impossibile. In Enel invece è data sicura la conferma di Starace, che ha ridotto di niente il debito e con il suo manager Tamburi ha lasciato per giorni l’Abruzzo senza luce.

Di conferma si parla anche per l’Amministratore delegato dell’Eni, Descalzi, nonostante possa finire tra breve sotto processo per una complessa storia di corruzione internazionale. In Finmeccanica, ex colosso delle armi e tecnologia dove il numero uno uscente, Moretti, ha trovato tempo per il fondamentale cambio di nome in Leonardo, lo stesso manager sta cercando di salvare una poltrona da cui sarebbe dovuto schiodare dopo la condanna a sette anni sette per la strage alla stazione di Viareggio con 37 morti, di cui è stato giudicato responsabile nella sua precedente qualità di amministratore delle Ferrovie. Da settimane tutti i giornali – con il nostro compreso – si sono arrampicati per capire quali meriti avessero i candidati e quali punti di debolezza. Poi ieri sera spunta l’ipotesi che nel circo entri a sorpresa Alessandro Profumo, un signore che ha costruito quella stessa Unicredit costretta da diversi anni a questa parte a massacrare gli azionisti per pulire i conti dagli immensi crediti inesigibili, e poi è andato a guidare il Monte dei Paschi prendendolo in condizioni penose ma lasciandolo ancora peggio. Indimenticabile la mostruosa buona uscita che prese da Unicredit, ma ancora di più la promessa che con il suo aumento di capitale la banca di Rocca Salimbeni si sarebbe ripulita e tornata in pista. Qualcuno gli ha creduto e perso completamente l’investimento. Così vanno le cose in Italia, Paese dove senza la politica essere bravi è sinonimo di essere fessi. Il peggiore spot possibile contro la cultura del merito. E dire che basterebbe poco per selezionare i manager pubblici con criteri seri e trasparenti.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua