Un azzardo europeo contro di noi

di Gaetano Pedullà

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel po’ di gente a imprecare per le perdite e leccarsi le ferite. Dopo la decisione dell’agenzia di rating Moody’s di abbassare il livello di affidabilità del debito pubblico italiano, molti speculatori di ogni parte del pianeta avevano scommesso contro il nostro Paese, svendendo azioni e titoli di debito del Tesoro, convinti di un identico giudizio negativo da parte dell’altra grande agenzia di rating Standard & Poor’s. In questo modo, era prevedibile che tutte le azioni del sistema Italia sarebbero scese ancora di valore, e ricomprandole più avanti a un prezzo più basso ne sarebbe uscita una rotonda plusvalenza. Queste sono scommesse che sui mercati si fanno spesso, soprattutto se si sente “il sangue” di una preda sbattuta a terra, senza più protezioni e possibilità di rialzarsi. Esattamente come appare l’Italia, nel mirino della Commissione europea e proprio venerdì scorso messa ancora di più alle corde dalla Banca centrale di Mario Draghi. È il mestiere cinico e naturale della speculazione finanziaria, che con l’Italia fa affari d’oro da sempre, favorita da decenni di scelte politiche poco lungimiranti, quando addirittura non espressamente autolesioniste.

Venerdì scorso però è andata come sappiamo, e Standard & Poor’s non ha declassato l’Italia, continuando a vedere le grandi potenzialità del nostro Paese e anche un possibile effetto positivo delle politiche portate avanti dal Governo nella Manovra. Sia chiaro: non ci è stata data nessuna fiducia sulla parola di Conte, di Tria o di chicchessia, e infatti l’outlook (cioè la possibile previsione per il futuro) è risultata negativa, ma per il momento restiamo tra i primi della classe in fatto di capacità di restituire i soldi che chiunque nel mondo volesse prestarci. Una decisione che ieri all’apertura dei mercati ha messo le ali a Piazza Affari, dove tutti coloro che avevano venduto si sono dovuti mettere a correre, e con il portafoglio in mano, per ricomprare a un prezzo più alto – e quindi non più basso – i titoli che avevano svenduto la settimana prima. Ben gli sta, sarebbe facile dire, visto che la finanza è tutta una scommessa e in questo caso si era pure puntato contro l’Italia e le nostre imprese. Non perdiamo tempo però a rallegrarcene e utilizziamo invece questa vicenda per riflettere su quale danno rischia di farsi chi continua a scommettere contro di noi, per di più usando i nostri soldi e un potere che proprio noi gli abbiamo dato. L’attuale Commissione europea, composta da burocrati politicamente nemici giurati delle forze al governo in Italia, stanno sacrificando per un loro evidente obiettivo elettorale il ruolo di sostegno che Bruxelles dovrebbe dare ai suoi Paesi membri, come l’Italia, alle prese con una situazione economica e sociale difficile. Da tecnocrati come Juncker, Moscovici, Dombrovskis e altri di cui tra pochi mesi non restarà alcun ricordo (e rimpianto) il Governo italiano ha subìto una sontuosa bocciatura della Manovra economica, senza un dibattito approfondito o la possibilità di spiegarne bene gli effetti. Il motivo di tale trattamento? Anziché attenerci alle solite e fallimentari politiche recessive della Ue, bloccando il nuovo deficit pubblico all’1,6%, si è deciso di mettere qualche soldo in più in tasca agli italiani, tagliando gli effetti iniqui della legge Fornero, facendo partire il Reddito di cittadinanza e destinando qualche soldo in più alla scuola, alla ricerca, alla sicurezza delle città dove accadono tragedie come quella di Desirée a Roma. Soldi, insomma, allocati alla casella del nostro futuro. Cosa ha comportato questa decisione? Che il deficit è salito al 2,4% del Pil, cioé appena uno 0,8% in più (che poi si scende allo 0,4% se si considerano gli impegni ereditati da Renzi e Gentiloni). Dunque per questa inezia si sta mettendo in croce l’Italia, in questo caso però non per far soldi ma per dimostrare che non c’è alternativa ai partiti europeisti e quella degli euroscettici è un’avventura senza ritorno. Come hanno perso tanti soldi gli speculatori che fino a venerdì hanno investito contro l’Italia, allo stesso modo rischia però di perdere Bruxelles, che mettendo l’Italia all’angolo ha reso noi più fragili, ma a costo di segare il ramo dell’albero su cui poggia la stessa idea di Europa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Salvini e la politica che torna con la lingua biforcuta

Il Governo M5S – Lega, nella sua imprevedibile casualità, sta fornendo una grande occasione di cambiamento per il Paese. In appena dieci mesi ha varato misure di equità sociale e generazionale senza precedenti, come il Reddito di cittadinanza e Quota cento, ha bloccato i vitalizi dei politici, imposto leggi come la spazzacorrotti – rivoluzionaria in…

Continua

La vicenda Siri. Le sparate di Salvini. Gli attacchi alla Raggi. Ora vi dico se il Governo dura o no

Curiosa metamorfosi ieri per Matteo Salvini, effetto evidente dei nuovi venti in arrivo dalle Procure. Il ministro che vuole mettere i prefetti al posto dei sindaci incapaci – a suo dire – di agire con forza contro il degrado delle città, se l’è presa ancora una volta con la sindaca Virginia Raggi, registrata illegalmente in…

Continua

La pubblicità è l’anima della Lega. La febbre da elezioni sta spingendo Salvini a spararla ogni giorno più grossa

Dopo essersi preso l’esercito, con una direttiva sui migranti che non compete al Viminale, Matteo Salvini fa sue anche le città, affidando ai prefetti il contrasto al degrado che è compito dei sindaci. Ci manca solo che commissari gli arbitri per far vincere il suo Milan, e magari mentre ci siamo il Parlamento e il…

Continua

I proclami e le circolari di Salvini sono solo arnesi di una propaganda che serve ad acchiappare consensi

D’accordo che ormai c’è la nuova legge sulla legittima difesa – a proposito, a settimane dall’approvazione non c’è traccia del Far West immaginato dalle opposizioni – ma sparare sull’esercito non è una grande idea, soprattutto se a farlo è il ministro dell’Interno, titolare di competenze ben distinte da quelle della Difesa. Matteo Salvini però a…

Continua

Parigi gioca col fuoco. La crisi libica sta diventando una guerra

Il rogo di Notre Dame rende più faticoso ma ugualmente necessario tornare su un altro incendio francese che rischia di far danni infinitamente maggiori. In Libia, il proseguire delle ostilità tra due eserciti pressoché disarmati – come sono quelli del generale Haftar e delle milizie fedeli ad al-Sarraj – sta diventando una vera guerra, con…

Continua

Che silenzio sul Paese che riparte. L’Istat segnala una nuova crescita della produzione industriale a febbraio ma non ce lo dicono

Ci sono notizie che su certi giornali non ce la fanno proprio a resistere, e nelle edizioni online crollano quasi subito in coda ad altre cento, mentre sui quotidiani di carta si parcheggiano in poche righe in fondo alle pagine interne, quando non sono stravolte per essere spiegate esattamente al contrario. Così ieri c’è stato…

Continua

Gli scontrini non pagati da Marino. Bene l’assoluzione ma quell’accusa fu l’alibi per far saltare un sindaco definito “marziano” anche dal suo partito

L’assoluzione di Ignazio Marino in Cassazione con la formula “il fatto non sussiste” è una notizia sicuramente buona per il professore, ma del tutto ininfluente per il politico ex sindaco di Roma. Contrariamente a quanto ancora adesso si racconta, il primo cittadino non perse la poltrona per le spese con la carta di credito del…

Continua

Pd, partito delle balle. I dem dimenticano che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in

Per il Pd quello gialloverde è il Governo delle balle, perché tra breve risarcirà migliaia ma non tutti i truffati delle banche. Con un’incredibile faccia tosta, si fa finta di dimenticare che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in e nessuno disse niente, ci fecero saltare da…

Continua

Il Grande fratello delle toghe. I magistrati si cancelleranno dai social network? E’ molto improbabile

L’ex ministro e sindaco di Roma Francesco Rutelli pare che abbia provato a dissuadere la figlia a non partecipare alla prossima edizione del Grande Fratello usando argomenti più espliciti di quelli con cui il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sconsigliato i social network ai magistrati. Stare sulla rete e in genere sui media –…

Continua

Le “manine” nei ministeri e i sospetti sul ministro Tria. Conte è circondato da una danza macabra e affollatissima

Con tutta la ciccia che c’è nel decreto Crescita approvato ieri dal Consiglio dei ministri, oggi dovremmo festeggiare un grande passo avanti per il Paese. E invece la formula del via libera “salvo intese” e ancor di più il rinvio dei rimborsi per i truffati delle banche accendono il primo vero allarme sul Governo. Il…

Continua