Un azzardo europeo contro di noi

di Gaetano Pedullà

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel po’ di gente a imprecare per le perdite e leccarsi le ferite. Dopo la decisione dell’agenzia di rating Moody’s di abbassare il livello di affidabilità del debito pubblico italiano, molti speculatori di ogni parte del pianeta avevano scommesso contro il nostro Paese, svendendo azioni e titoli di debito del Tesoro, convinti di un identico giudizio negativo da parte dell’altra grande agenzia di rating Standard & Poor’s. In questo modo, era prevedibile che tutte le azioni del sistema Italia sarebbero scese ancora di valore, e ricomprandole più avanti a un prezzo più basso ne sarebbe uscita una rotonda plusvalenza. Queste sono scommesse che sui mercati si fanno spesso, soprattutto se si sente “il sangue” di una preda sbattuta a terra, senza più protezioni e possibilità di rialzarsi. Esattamente come appare l’Italia, nel mirino della Commissione europea e proprio venerdì scorso messa ancora di più alle corde dalla Banca centrale di Mario Draghi. È il mestiere cinico e naturale della speculazione finanziaria, che con l’Italia fa affari d’oro da sempre, favorita da decenni di scelte politiche poco lungimiranti, quando addirittura non espressamente autolesioniste.

Venerdì scorso però è andata come sappiamo, e Standard & Poor’s non ha declassato l’Italia, continuando a vedere le grandi potenzialità del nostro Paese e anche un possibile effetto positivo delle politiche portate avanti dal Governo nella Manovra. Sia chiaro: non ci è stata data nessuna fiducia sulla parola di Conte, di Tria o di chicchessia, e infatti l’outlook (cioè la possibile previsione per il futuro) è risultata negativa, ma per il momento restiamo tra i primi della classe in fatto di capacità di restituire i soldi che chiunque nel mondo volesse prestarci. Una decisione che ieri all’apertura dei mercati ha messo le ali a Piazza Affari, dove tutti coloro che avevano venduto si sono dovuti mettere a correre, e con il portafoglio in mano, per ricomprare a un prezzo più alto – e quindi non più basso – i titoli che avevano svenduto la settimana prima. Ben gli sta, sarebbe facile dire, visto che la finanza è tutta una scommessa e in questo caso si era pure puntato contro l’Italia e le nostre imprese. Non perdiamo tempo però a rallegrarcene e utilizziamo invece questa vicenda per riflettere su quale danno rischia di farsi chi continua a scommettere contro di noi, per di più usando i nostri soldi e un potere che proprio noi gli abbiamo dato. L’attuale Commissione europea, composta da burocrati politicamente nemici giurati delle forze al governo in Italia, stanno sacrificando per un loro evidente obiettivo elettorale il ruolo di sostegno che Bruxelles dovrebbe dare ai suoi Paesi membri, come l’Italia, alle prese con una situazione economica e sociale difficile. Da tecnocrati come Juncker, Moscovici, Dombrovskis e altri di cui tra pochi mesi non restarà alcun ricordo (e rimpianto) il Governo italiano ha subìto una sontuosa bocciatura della Manovra economica, senza un dibattito approfondito o la possibilità di spiegarne bene gli effetti. Il motivo di tale trattamento? Anziché attenerci alle solite e fallimentari politiche recessive della Ue, bloccando il nuovo deficit pubblico all’1,6%, si è deciso di mettere qualche soldo in più in tasca agli italiani, tagliando gli effetti iniqui della legge Fornero, facendo partire il Reddito di cittadinanza e destinando qualche soldo in più alla scuola, alla ricerca, alla sicurezza delle città dove accadono tragedie come quella di Desirée a Roma. Soldi, insomma, allocati alla casella del nostro futuro. Cosa ha comportato questa decisione? Che il deficit è salito al 2,4% del Pil, cioé appena uno 0,8% in più (che poi si scende allo 0,4% se si considerano gli impegni ereditati da Renzi e Gentiloni). Dunque per questa inezia si sta mettendo in croce l’Italia, in questo caso però non per far soldi ma per dimostrare che non c’è alternativa ai partiti europeisti e quella degli euroscettici è un’avventura senza ritorno. Come hanno perso tanti soldi gli speculatori che fino a venerdì hanno investito contro l’Italia, allo stesso modo rischia però di perdere Bruxelles, che mettendo l’Italia all’angolo ha reso noi più fragili, ma a costo di segare il ramo dell’albero su cui poggia la stessa idea di Europa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Due idee sul nostro futuro legate alla fortuna politica di M5S e Lega

Per essere incompetenti, nuovi barbari e buoni solo a litigare tra loro, Cinque Stelle e Lega sono stati piuttosto bravini a realizzare due riforme epocali come il Reddito di cittadinanza e Quota cento. In un Paese ingessato dalla mancanza di idee, di coraggio, di immaginazione del futuro, queste sono le due più importanti novità viste…

Continua

La stampa militante si è smarrita. Ormai pensa solo a mettere in cattiva luce l’Esecutivo

Una delle prime cose facili facili che si insegnano agli studenti di diritto è l’interpretazione autentica del legislatore. Per chi non ha calcato le aule delle Università, si tratta del parere che è possibile chiedere direttamente alla fonte della legge, cioè il Parlamento, nel caso in cui sorgano equivoci sul significato di una norma. Una…

Continua

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua

L’allarmante telefonata dalla Apple

Abbiate un po’ di pazienza e presto in qualche dibattito tv sentirete il tuttologo di turno che ci spiegherà come anche il crollo in Borsa della Apple è colpa di 5 Stelle e Lega, colpevoli di destabilizzare i mercati e creare incertezza in Europa e nel mondo con le loro spinte populiste e sovraniste. Purtroppo…

Continua

Dopo la carriola spunta il reato di monopattino

Dopo il famigerato reato di carriola contestato al padre di Luigi Di Maio adesso c’è chi invoca una pena per il monopattino. In questa Italia devastata da decenni di giganteschi abusi di potere, per non parlare di quelli edilizi e finanziari, nei giorni scorsi il settimanale Oggi ha fotografato Davide Casaleggio in giro per Milano…

Continua